XI Giochi olimpici invernali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
XI Giochi olimpici invernali
Logo
Città ospitante Sapporo, Giappone
Nazioni partecipanti 35 (vedi sotto)
Atleti partecipanti 1.006
(801 Uomini - 205 Donne)
Competizioni 35 in 10 sport
Cerimonia apertura 3 febbraio 1972
Cerimonia chiusura 13 febbraio 1972
Aperti da Imperatore Hirohito
Giuramento atleti Keiichi Suzuki
Giuramento giudici Fumio Asaki
Ultimo tedoforo Hideki Takada
Stadio Makomanai Open Stadium
Cronologia dei Giochi olimpici
Giochi precedenti Giochi successivi
Grenoble 1968 Innsbruck 1976
Medagliere
Nazione Medaglie d'oro vinte Medaglie d'argento vinte Medaglie di bronzo vinte Medaglie complessive vinte
URSS URSS 8 5 3 16
Germania Est Germania Est 4 3 7 14
Svizzera Svizzera 4 3 3 10

Gli XI Giochi olimpici invernali (in giapponese 第11回オリンピック冬季競技大会) si sono svolti a Sapporo (Giappone) dal 3 al 13 febbraio 1972. Sapporo diventa la prima città al di fuori di Europa e Nord America ad ospitare un'edizione dei Giochi olimpici invernali, la terza in assoluto dopo Melbourne (Giochi della XVI Olimpiade) e Tokyo (Giochi della XVIII Olimpiade).

Assegnazione[modifica | modifica sorgente]

I Giochi furono assegnati ufficialmente durante la 64ª Sessione del CIO di Roma del 26 aprile 1966. Sapporo aveva precedentemente ottenuto la possibilità di organizzare i Giochi olimpici invernali 1940, ma il Giappone rinunciò in seguito allo scoppiare della Seconda guerra sino-giapponese e quell'edizione dei Giochi venne annullata. Per l'organizzazione degli XI Giochi olimpici invernali la città giapponese aveva come avversari la finlandese Lahti, la capitale dello Utah Salt Lake City e la piccola città canadese di Banff, nell'Alberta.

Risultati delle votazioni.[1]

Risultati delle candidature delle Olimpiadi di Sapporo 1972
Città NAZ 1º giro
Sapporo Giappone Giappone 32
Banff Canada Canada 16
Lahti Finlandia Finlandia 7
Salt Lake City Stati Uniti Stati Uniti 7

Sviluppo e preparazione[modifica | modifica sorgente]

Organizzazione[modifica | modifica sorgente]

Sedi di gara[modifica | modifica sorgente]

Simboli[modifica | modifica sorgente]

I Giochi[modifica | modifica sorgente]

Partecipanti[modifica | modifica sorgente]

Questa edizione dei Giochi olimpici invernali ha visto la partecipazione di 35 paesi due dei quali, Taiwan e Filippine, all'esordio.

Discipline olimpiche[modifica | modifica sorgente]

Il programma olimpico prevedeva competizioni in 10 discipline:

Disciplina Maschile Femminile Misti Totali
Biathlon pictogram.svg Biathlon 2 2
Bobsleigh pictogram.svg Bob 2 2
Nordic combined pictogram.svg Combinata nordica 1 1
Ice hockey pictogram.svg Hockey su ghiaccio 1 1
Figure skating pictogram.svg Pattinaggio di figura 1 1 1 3
Speed skating pictogram.svg Pattinaggio di velocità 4 4 8
Ski jumping pictogram.svg Salto con gli sci 2 2
Alpine skiing pictogram.svg Sci alpino 4 4 8
Cross country skiing pictogram.svg Sci di fondo 4 3 7
Luge pictogram.svg Slittino 2 1 3
Totale (10 sport) 23 13 1 37

Calendario degli eventi[modifica | modifica sorgente]

Cerimonia di apertura[modifica | modifica sorgente]

Cerimonia di chiusura[modifica | modifica sorgente]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Medagliere[modifica | modifica sorgente]

Squadra Gold medal.svg Silver medal.svg Bronze medal.svg Tot.
URSS URSS 8 5 3 16
Germania Est Germania Est 4 3 7 14
Svizzera Svizzera 4 3 3 10
Paesi Bassi Paesi Bassi 4 3 2 9
Stati Uniti Stati Uniti 3 2 3 8
bandiera Germania Ovest 3 1 1 5
Norvegia Norvegia 2 5 5 12
Italia Italia 2 2 1 5
Austria Austria 1 2 2 5
Svezia Svezia 1 1 2 4
Giappone Giappone 1 1 1 3
Cecoslovacchia Cecoslovacchia 1 0 2 3
Polonia Polonia 1 0 0 1
Spagna Spagna 1 0 0 1
Finlandia Finlandia 0 4 1 5
Francia Francia 0 1 2 3
Canada Canada 0 1 0 1

Protagonisti[modifica | modifica sorgente]

  • Galina Kulakova (URSS, sci di fondo): vince tutte e tre le medaglie d'oro nelle gare femminili.
  • Ard Schenk (Paesi Bassi, pattinaggio): vince tre medaglie d'oro nel pattinaggio velocità. In patria è considerato un eroe nazionale, al punto che viene dato il suo nome a un fiore, il Crocus chrysanthus Ard Schenk.
  • Francisco Fernández Ochoa (Spagna, sci): vince la medaglia d'oro nello slalom speciale. Si tratta della prima medaglia d'oro della Spagna alle olimpiadi invernali. In patria il suo risultato ha fatto molto clamore.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) aldaver.com, INTERNATIONAL OLYMPIC COMMITTEE VOTE HISTORY, 11 luglio 1999. URL consultato il 9 gennaio 2010.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Comitato Organizzatore, The XI Olympic Winter Games – Les XI Jeux Olympiques d'hiver – Sapporo 1972 (versione digitalizzata)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]