Olimpiade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la madre di Alessandro Magno, vedi Olimpiade d'Epiro.

Un'olimpiade, in epoca moderna come nell'antichità, è il periodo di quattro anni che intercorre tra due celebrazioni dei Giochi olimpici. Ogni Olimpiade termina con la celebrazione dei Giochi.Nel periodo ellenistico vi fu l'uso (introdotto da Timeo di Tauromenio e poi da Eratostene) di datare tutti gli avvenimenti in base all'Olimpiade di appartenenza. Le Olimpiadi fornivano infatti un riferimento cronologico privilegiato, sia per il carattere panellenico dei Giochi olimpici, sia per l'abbondanza di riferimenti a tali giochi nella letteratura. Inoltre non si conoscevano avvenimenti databili con certezza prima del 776 a.C., data dei primi giochi olimpici dei quali si era conservata memoria scritta.


Ad esempio, Dionigi di Alicarnasso fissa la fondazione di Roma nell'anno della settima Olimpiade, in cui Diocle di Messene vinse la gara di corsa, quindi nel 750 a.C., prendendo a riferimento il 776 a.C., anno in cui è tradizionale fissata la prima Olimpiade. [1]

Il termine Olimpiade viene tuttora comunemente usato anche per indicare i Giochi stessi (o anche altri tipi di competizione), anche se impropriamente; va tuttavia sottolineato che l'uso dell'Olimpiade come riferimento temporale potrebbe riscontrare una notevole problematicità, nell'era moderna, a causa dell'introduzione dei Giochi olimpici invernali e dell'alternanza di questi con i Giochi olimpici estivi, a intervalli alterni di due anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

giochi olimpici Portale Giochi olimpici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di giochi olimpici