Vaccino contro il COVID-19

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vaccino contro il COVID-19
SARS-CoV-2 without background.png
Rappresentazione grafica del coronavirus SARS-CoV-2
EziologiaInfezione da SARS-CoV-2
Classificazione e risorse esterne (EN)
Sinonimi
Polmonite da nuovo coronavirus
Polmonite di Wuhan

Un vaccino contro la COVID-19 è un prodotto biotecnologico tuttora studiato per fornire l'immunità acquisita contro la malattia del coronavirus 2019 (COVID-19). Ad agosto 2020, un vaccino russo chiamato Gam-COVID-Vac è stato registrato, mentre 231 candidati vaccini erano ancora in fase di sviluppo, sebbene nessun candidato abbia completato gli studi clinici per dimostrare la sua sicurezza ed efficacia. Ad agosto, almeno 24 candidati vaccini sono stati annunciati o in fase di sperimentazione clinica, con sei che hanno iniziato la Fase III e 18 nella Fase IFase II. Il 18 agosto 2020, con sette giorni di ritardo, anche la Cina approva un vaccino con il nome di Ad5-nCoV, sviluppato da CanSino Biologics, il quale si basa sulla tecnica dell'adenovirus vettore di una versione ricombinata; completate le fasi I e II dei test iniziate lo scorso marzo, da quel momento il vaccino ha dimostrato di indurre una forte risposta immunitaria e di non avere effetti tossici sull'uomo.

CTII-nCoV[modifica | modifica wikitesto]

PiCoVacc[modifica | modifica wikitesto]

ChAdOx1[modifica | modifica wikitesto]

Vaccino sviluppato dall'Università di Oxford in collaborazione con AstraZeneca e l'italiana IRBM. È risultato sicuro ed efficace nell'indurre la produzione di anticorpi neutralizzanti contro la proteina Spike di SARS-CoV-2. In una pubblicazione relativa al vaccino dell'Università di Oxford è emerso che una singola dose ha prodotto, un mese dopo l'iniezione, un aumento di quattro volte degli anticorpi contro la proteina Spike nel 95% dei partecipanti. L'attività neutralizzante contro il virus è stata osservata nel 91% dei partecipanti un mese dopo la vaccinazione e nel 100% dei partecipanti che avevano ricevuto una seconda dose. Il vaccino ha indotto anche la risposta dei linfociti T, che attaccano la cellula infetta per bloccare la replicazione virale.

mRNA-1273[modifica | modifica wikitesto]

BNT162[modifica | modifica wikitesto]

INO-4800[modifica | modifica wikitesto]

GRAd-Cov-2[modifica | modifica wikitesto]

Vaccino di Reithera basato su un vettore adenovirale del gorilla non replicativo che ha come bersaglio la proteina spike del virus.

COVID-eVax[modifica | modifica wikitesto]

Vaccino a DNA in sperimentazione da parte di Takis e Rottapharm Biotech che ha l'obiettivo di sintesi di una porzione della proteina spike del virus che dovrebbe stimolare una reazione immunitaria grazie all'iniezione di materiale genetico.

Gam-COVID-Vac[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gam-COVID-Vac.

Altri vaccini[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina