Popolazione mondiale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mappa della popolazione mondiale nel 2019.

Per popolazione umana mondiale si indica il numero complessivo di esseri umani viventi al mondo ad una certa data. La popolazione mondiale ha visto una crescita continua sin dalla fine della piaga della peste nera, nel corso del XIV secolo, con il tasso di crescita che ha raggiunto un picco del 2,19% annuo nel 1964, che però nel 2008 si è quasi dimezzato: in virtù di ciò si stima che dal 31 ottobre 2011 la popolazione mondiale abbia raggiunto la soglia di 7 miliardi di abitanti[1].

A fine marzo 2021, la popolazione mondiale ammonterebbe a oltre 7,85 miliardi di persone[2][3].

Secondo l'ONU (2019), nel 2100 potrebbe raggiungere i 10 miliardi. Secondo invece l'IHME, giungerà il picco di 9,7 miliardi nel 2064 per poi calare a 8,8 nel 2100.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Percentuale di popolazione mondiale per paese, 2017

Numerosi ricercatori sostengono, in accordo con la teoria della catastrofe di Toba, che attorno al 70.000 a.C. l'intera specie umana fu decimata da un terribile cataclisma naturale, che la ridusse a poche migliaia di individui.[4] Dal disastro (fino al consolidarsi delle prime scoperte nel campo dell'agricoltura) la popolazione tornò ad aumentare sino a stabilizzarsi su circa 1 milione di abitanti, il cui stile di vita (basato su caccia e raccolta di viveri) non permise una crescita costante e mantenne la densità demografica nelle zone abitate su valori molto bassi in confronto all'epoca attuale.

Si stima invece che nell'Impero Romano, tra il 300 ed il 400 d.C., vivessero tra 55 milioni e 120 milioni di abitanti;[5] tale popolazione fu duramente colpita dalla cosiddetta Peste di Giustiniano, che secondo le stime più quotate portò a circa 25 milioni di decessi, fino alla sua estinzione attorno al 750.

Nel 1340 la popolazione europea si attesta attorno ai settanta milioni di individui, mentre alla nascita della dinastia Ming (1368) quella cinese conta circa sessanta milioni di abitanti.

La peste nera, che colpì, nel corso del XIV secolo, l'Europa, ridusse presumibilmente la popolazione umana da 450 a 350-375 milioni di abitanti; questa piaga rappresenta l'ultimo periodo in cui la popolazione mondiale ebbe un decremento tanto evidente, che fu recuperato solo dopo quasi due secoli (in effetti dopo il 1500 si raggiunse un numero di abitanti superiore a quello del 1347).

La colonizzazione europea delle Americhe contribuì fortemente al futuro sviluppo della popolazione mondiale, nonostante l'ingente perdita di vite umane tra le popolazioni indigene del nuovo mondo; l'apertura di nuovi spazi da abitare e la scoperta di specie vegetali quali il mais, la patata, il cotone e il pomodoro fornirono nuove prospettive per la diffusione spaziale e quantitativa della popolazione europea.

Durante la rivoluzione industriale, i progressi della medicina e l'aumento della qualità della vita nei paesi sviluppati portarono alla cosiddetta rivoluzione demografica; il tasso di mortalità scese vertiginosamente e un contemporaneo tasso di natalità elevato portò ad un raddoppio della popolazione mondiale in solo due secoli.[6] La popolazione europea in particolare passò da 100 milioni a quasi 200 milioni di individui e nel corso del XIX secolo raddoppiò. Il subcontinente indiano, ad oggi primo davanti alla Cina per popolamento, passò dai 125 milioni di abitanti del 1750 a circa 390 milioni nel 1941.

Nel 1975 la popolazione mondiale raggiunge i 4 miliardi di individui, quasi raddoppiando in 35 anni e toccando la propria velocità di crescita più elevata.[7]

Stime sul numero totale di esseri umani vissuti sulla Terra in ogni epoca[modifica | modifica wikitesto]

Già dagli anni settanta del XX secolo hanno cominciato a diffondersi affermazioni secondo cui la popolazione umana avrebbe raggiunto livelli così alti da superare di gran lunga il numero totale di esseri umani vissuti in tutte le altre ere dell'umanità. Simili affermazioni sono il frutto di leggende urbane, prive di alcuna base scientifica e non corrispondenti nemmeno lontanamente alla realtà[8].

Per quanto difficili e delicate, varie nel tempo sono le stime scientifiche proposte sul numero totale di esseri umani vissuti in tutte le epoche. Una fu preparata nel 1995 da Carl Haub per conto dell'organizzazione non-profit Population Reference Bureau, poi aggiornata nel 2002. La stima aggiornata indica un numero totale pari a circa 106 miliardi di esseri umani vissuti sulla Terra[9][10]. Un'ulteriore stima, aggiornata a metà 2011, indica un numero totale pari a 108 760 543 791[11]. Haub ha qualificato questo numero come una stima ottenuta a partire dai livelli di popolazione in determinati momenti della storia umana, dall'antichità fino all'epoca contemporanea, applicando i tassi di natalità stimati per ciascun periodo[10].

Confrontando, ad esempio, questa stima con la popolazione globale dell'anno 2002 (pari a circa 6,2 miliardi), si deduce che la popolazione vivente nel 2002 costituisce solo il 6% del totale di uomini vissuti in tutte le epoche[9]: quindi non una schiacciante maggioranza, ma un'esigua minoranza. Diversi altri studi prodotti nel primo decennio del XXI secolo, hanno dato luogo a stime aggirantesi su un intervallo compreso tra i 100 e i 115 miliardi.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Le tabelle successive mostrano le stime attuali e future della popolazione mondiale.[12][13][14]

Popolazione mondiale storica e stime future (in milioni)[15]
Regione 1750 1800 1850 1900 1950 1999 2050 2150
Mondo 791 978 1 262 1 650 2 521 5 978 8 909 9 746
Africa 106 107 111 133 221 767 1 766 2 308
Asia 502 635 809 947 1 402 3 634 5 268 5 561
Europa 163 203 276 408 547 729 628 517
America Latina e Caraibi[Nota 1] 16 24 38 74 167 511 809 912
Nord America[Nota 1] 2 7 26 82 172 307 392 398
Oceania 2 2 2 6 13 30 46 51
Distribuzione storica e futura della popolazione mondiale (% sul totale).
Regione 1750 1800 1850 1900 1950 1999 2050 2150
Mondo 100 100 100 100 100 100 100 100
Africa 13,4 10,9 8,8 8,1 8,8 12,8 19,8 23,7
Asia 63,5 64,9 64,1 57,4 55,6 60,8 59,1 57,1
Europa 20,6 20,8 21,9 24,7 21,7 12,2 7,0 5,3
America Latina e Caraibi[Nota 1] 2,0 2,5 3,0 4,5 6,6 8,5 9,1 9,4
Nord America[Nota 1] 0,3 0,7 2,1 5,0 6,8 5,1 4,4 4,1
Oceania 0,3 0,2 0,2 0,4 0,5 0,5 0,5 0,5
Stima della popolazione mondiale nel tempo (in milioni)
Anno Mondo Africa Asia Europa America Latina[Nota 1] Nord America[Nota 1] Oceania Note
70 000 a.C. <0,015 [16]
10 000 a.C. 1
9 000 a.C. 3
8 000 a.C. 5 [17]
7 000 a.C. 7
6 000 a.C. 10
5 000 a.C. 15
4 000 a.C. 20 [18]
3 000 a.C. 25
2 000 a.C. 35
1 000 a.C. 50 7 33 9
500 a.C. 100 14 66 16
1 200 23 141 28 [19]
1000 400 70 269 50 8 1 2
1500 458 86 243 84 39 3 3
1600 580 114 339 111 10 3 3
1700 682 106 436 125 10 2 3
1750 791 106 502 163 16 2 2
1800 978 107 635 203 24 7 2
1850 1 262 111 809 276 38 26 2
1900 1 650 133 947 408 74 82 6
1950 2 519 221 1 398 547 167 172 12,8
1955 2 756 247 1 542 575 191 187 14,3
1960 2 982 277 1 674 601 209 204 15,9
1965 3 335 314 1 899 634 250 219 17,6
1970 3 692 357 2 143 656 285 232 19,4
1975 4 068 408 2 397 675 322 243 21,5
1980 4 435 469 2 632 692 361 256 22,8
1985 4 831 542 2 887 706 401 269 24,7
1990 5 263 622 3 168 721 441 283 26,7
1995 5 674 707 3 430 727 481 299 28,9
2000 6 070 796 3 670 728 520 316 31,0
2005 6 454 888 3 917 725 558 332 32,9 [Nota 2]
2010 6 930 1 044 4 170 735 600 344 36,4
2015 7 349 1 186 4 393 738 634 358 39,3
Anno Mondo Africa Asia Europa America Latina[*] Nord America[*] Oceania Note
  1. ^ a b c d e f Il Nord America, in questo contesto, comprende gli stati: Canada, Stati Uniti, Groenlandia, Bermuda e Saint-Pierre e Miquelon. L'America Latina comprende gli stati dell'America Centrale, il Messico, i Caraibi e il Sud America.
  2. ^ Questa è una statistica controversa.

Tasso di crescita[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Crescita demografica.
Evoluzione della popolazione in ogni continente. L'asse verticale è in scala logaritmica, in milioni di abitanti

Il tasso di crescita della popolazione è diverso da regione a regione. Secondo la statistica menzionata sopra, la crescita della popolazione nelle diverse aree geografiche dal 2000 al 2005 è stata:

Aumento 237,771 milioni in Asia
Aumento 92,293 milioni in Africa
Aumento 38,052 milioni in America Latina
Aumento 16,241 milioni in Nord America
Aumento 1,955 milioni in Oceania
Diminuzione -3,264 milioni in Europa
Aumento 383,047 milioni nel mondo intero

Si nota che nel XX secolo l'enorme incremento della popolazione umana è avvenuto per diverse cause: per la diminuzione del tasso di mortalità di molti paesi, per i progressi della medicina moderna e per l'enorme incremento della produttività agricola, definito come rivoluzione verde.[20][21]

Nel 2000 le Nazioni Unite stimarono che la popolazione mondiale è cresciuta ad un tasso dell'1,14%, pari a 75 milioni di persone all'anno,[22] comunque in diminuzione rispetto al picco di 86 milioni avvenuto nel 1987. In pochissimi secoli, il numero di persone viventi sulla Terra è aumentato di diverse volte. Nel 2000 il pianeta ospitava 10 volte gli abitanti di 300 anni prima. Secondo dati forniti dalla CIA nel 2005 e nel 2006 la popolazione umana aumentava di 203 800 persone al giorno.[23] Nel 2007 la stessa CIA ha rettificato il dato a 211 090 persone al giorno. Complessivamente, dal picco del 2,19% del 1963, il tasso di crescita della popolazione terrestre sta regolarmente diminuendo, ma tale crescita rimane elevata nel Medio Oriente e nell'Africa subsahariana.[24]

In alcuni paesi, specialmente nell'Europa Centrale e nell'Europa dell'Est, si assiste ad un decremento della popolazione, dovuto principalmente alla diminuzione del tasso di fertilità, mentre nell'Africa meridionale la diminuzione della popolazione è dovuta all'alto numero di persone decedute a causa dell'AIDS. Entro i prossimi dieci anni anche paesi come il Giappone e alcuni paesi occidentali dovranno fare i conti con un tasso di decremento della popolazione.

Quando la crescita delle popolazioni supera la capacità di sostentamento di una determinata area geografica si parla di sovrappopolazione. Al contrario, tale area viene considerata "sottopopolata" se il numero di abitanti non è abbastanza elevato per mantenere attivo il sistema economico. Tuttavia coloro che sottovalutano il problema della sovrappopolazione non prendono in considerazione che la sostenibilità di un sistema economico è minacciata dal degrado ambientale e dall'impatto ecologico della popolazione esistente. Le Nazioni Unite stimano che la crescita della popolazione stia rapidamente declinando a causa della transizione demografica. Pertanto ci si aspetta un picco della popolazione di 9,2 miliardi di abitanti nel 2050.[25]

Anni di riferimento[modifica | modifica wikitesto]

Stime della popolazione mondiale: anni di riferimento.
Popolazione
(in miliardi) Fonte: ONU
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
Anno 1804 1927 1961 1974 1987 1999 2011 2023 2040 2062 2105 circa
Anni trascorsi - 123 34 13 13 12 12 12 16 22 TBA

Queste cifre mostrano come la popolazione mondiale sia triplicata in 72 anni, e raddoppiata in 38 anni, al 1999. Da notare che, nel corso del secondo millennio, ogni raddoppio ha richiesto all'incirca la metà di anni rispetto al raddoppio precedente.

A partire da 250 milioni A partire da 375 milioni
Popolazione
(in miliardi)
0,25 0,5 1 2 4 8 0,375 0,75 1,5 3 6
950 1600 1804 1927 1974 2024 1420 1720 1875 1961 1999
- 650 204 123 47 50 - 300 155 86 38

Modelli[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Mappa della densità di popolazione del mondo nel 1994, quando la popolazione era di circa 5,6 miliardi di unità; le aree a più alta densità risultano essere la pianura dell'Indo-Gange, la pianura della Cina settentrionale, il bacino del Sichuan, il delta del Nilo, il Giappone meridionale, l'Europa occidentale, l'isola indonesiana di Giava, l'America centrale e la megalopoli statunitense di BosWash (l'area compresa tra le città di Boston e Washington).
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Densità di popolazione.

L'Asia ospita oltre il 60% della popolazione mondiale, con 3,8 miliardi di persone. La Repubblica Popolare Cinese e l'India da sole ne contano rispettivamente il 20% e il 17%. Segue l'Africa con 840 milioni, il 12% del totale, mentre l'Europa (710 milioni, 11%) e il Nord America (514 milioni, 8%) sono dietro. Chiudono Sud America (371 milioni, 5,3%) e Oceania (21 milioni).

Nazioni più popolose del mondo[modifica | modifica wikitesto]

Lista delle nazioni contemporaneamente con alta popolazione totale (più di 29 milioni di persone) e alta Densità di popolazione (più di 310 persone per chilometro quadrato):

Posizione Nazione Popolazione Densità (Abitanti per km²)
1 India India 1 198 003 000 352,9
2 Bangladesh Bangladesh 157 813 124 1 069
3 Giappone Giappone 127 170 110 336,5
4 Filippine Filippine 93 843 460 312,8
5 Corea del Sud Corea del Sud 49 354 980 493,4

I 15 paesi con la popolazione totale più elevata[modifica | modifica wikitesto]

Posizione Paese / Territorio Popolazione Data % della popolazione mondiale Fonte
1 Cina Cina[26] 1 412 360 000 13 maggio 2021 20,98% Chinese Population clock Archiviato il 4 dicembre 2003 in Internet Archive.
2 India India 1 333 090 000 13 maggio 2021 19,8% Indian Population clock
3 Stati Uniti Stati Uniti 325 127 000 2 gennaio 2019 4,56% Official USA Population clock
4 Indonesia Indonesia 255 461 700 20 dicembre 2015 3,55% Indonesian Population clock
5 Brasile Brasile 219 319 000 13 maggio 2021 3,26% Official Brazilian Population clock
6 Pakistan Pakistan 203 631 000 13 maggio 2021 3,02% Official Pakistani Population clock
7 Bangladesh Bangladesh 155 009 941 20 dicembre, 2008 2,3% UN estimate
8 Nigeria Nigeria 147 650 948 20 dicembre, 2008 2,19% UN estimate
9 Russia Russia 140 387 818 20 dicembre, 2008 2,09% Federal state statistics service
10 Giappone Giappone 127 205 040 20 dicembre, 2008 1,89% Official Japan Statistics Bureau estimate
11 Messico Messico 110 547 123 20 dicembre, 2008 1,64% INEGI projection
12 Filippine Filippine 96 962 954 20 dicembre, 2008 1,44% 2008 estimate
13 Vietnam Vietnam 86 518 311 20 dicembre, 2008 1,28%

UN estimate

14 Etiopia Etiopia 83 794 239 20 dicembre, 2008 1,24%

Ethiopia Central Statistics Agency

15 Germania Germania 82 352 473 20 dicembre, 2008 1,22% Federal Statistics Office estimate

In questi 15 paesi vivono all'incirca 4,4 miliardi di persone, che rappresentano approssimativamente i due terzi dell'intera popolazione mondiale. La popolazione totale dell'Unione europea — 494 milioni di persone — era all'incirca il 7,3% della popolazione mondiale nel 2006 e avrebbe occupato il terzo posto nella lista di cui sopra.

I 15 stati più densamente popolati[modifica | modifica wikitesto]

Posizione Nazione/Territorio con statuto speciale Popolazione Area (km²) Densità (Abitanti per km²) Note
1 Macao Macao (PRC) 520 400 28,6 18 196
2 Monaco Monaco 32 671 1,95 16 754 [27]
3 Singapore Singapore 4 588 600 707,1 6 489
4 Hong Kong Hong Kong (PRC) 7 040 885 1 099 6 407
5 Gibilterra Gibilterra (Regno Unito) 27 921 6 4 654
6 Città del Vaticano Città del Vaticano 821 0,44 1 866 [28]
7 Bahrein Bahrein 1 046 814 720 1 454 [29]
8 Malta Malta 401 880 316 1 272
9 Bermuda Bermuda (Regno Unito) 64 174 53 1 211
10 Maldive Maldive 329 198 298 1 105
11 Bangladesh Bangladesh 150 448 339 143 998 1 045 [30]
12 Regno Unito Isole del Canale (due dipendenze della Corona Britannica) 149 463 195 766 [31]
13 Palestina Palestina 4 018 332 6 020 667
14 Nauru Nauru 13 635 21 649
15 Taiwan Taiwan 22 894 384 35 980 636 [28]

Etnie[modifica | modifica wikitesto]

La popolazione mondiale è composta da centinaia di gruppi etnici. Il più grande gruppo etnico del mondo è quello degli Han, che rappresenta il 19,73% della popolazione globale. Per confronto, il 6,06% della popolazione del pianeta è di parziale o totale ascendenza spagnola e, con un livello di aggregazione più ampio, il 14,2% della popolazione terrestre ha antenati sub-sahariani. [senza fonte]

Demografia delle nascite[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il CIA World Factbook del 2006, circa il 27% della popolazione mondiale è sotto i 15 anni di età.[32]

Prima della crescita del tasso di mortalità gli anni 1990 videro la più grande esplosione di nascite mondiale, specialmente negli anni successivi al 1995, nonostante il tasso di nascite non fosse più alto come negli anni sessanta. In realtà, a causa dei 160 milioni di nuove nascite all'anno dopo il 1995, il tempo che ci volle per raggiungere il successivo 109 fu il minimo della storia (solo 12 anni), tanto che la popolazione mondiale crebbe fino a 6 miliardi di persone nel 1999; la maggior parte dei demografi all'inizio del decennio aveva invece stimato che questo traguardo sarebbe stato superato nell'anno 2000.

Gli anni tra il 1985 e il 1990 furono in termini di valore assoluto il periodo con la crescita annuale più rapida mai avvenuta nella storia mondiale. Nonostante ciò, nei primi anni 1960, ci fu un tasso di crescita maggiore di quella di metà e fine anni 1980, e la crescita di popolazione oscillò intorno agli 83 milioni di persone nel suddetto lustro, con la crescita annuale più grande di tutti i tempi (circa 88 milioni nel 1990). La ragione va trovata nel fatto che la popolazione tra la metà e la fine degli anni ottanta era di gran lunga maggiore (circa 5 miliardi) di quella degli anni sessanta (circa 3 miliardi); per questo il tasso di crescita degli anni ottanta non fu visto come un fattore di drammatico sconvolgimento nella demografia mondiale.

Proiezioni (2020) sulla popolazione mondiale nel 2100 e collegamenti con altre proiezioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Sovrappopolazione.

Le proiezioni sulla crescita e/o calo della popolazione mondiale, incluse le stime dei paesi più popolosi, dopo il 2050 circa diventano problematiche e piuttosto speculative. Comunque, sono periodicamente pubblicate delle proiezioni da istituzioni internazionali e non, ognuna con le loro ipotesi. Sono qui raccolte alcune proiezioni che tentano di prevedere l'ammontare della popolazione mondiale al 2100.

  • In "World Population Stabilization Unlikely This Century" (2014), pubblicato nella US National Library of Medicine, si spiega che una vecchia analisi delle proiezioni ONU rivela che nel XXI° secolo di base ci sarà una crescita della popolazione, ma in più aggiunge che non sarà seguita da un arresto di questa crescita in questo secolo. C'è l'80% di probabilità che la popolazione mondiale, dai 7,83 miliardi di persone (dicembre 2020), crescerà a 9.6-12.3 miliardi nel 2100. L'incremento principale si registrerà in Africa a causa degli alti tassi di fertilità, che non caleranno in modo drammatico. In più, prevede aumento del rapporto tra popolazione in età lavorativa e anziana ("ratio of working age people to older people") anche nei paesi che hanno una popolazione molto giovane.
  • In "These countries will have the largest populations - by the end of the century" del World Economic Forum (2020), si spiega che, da 7,83 miliardi (dicembre 2020), secondo l'ONU (stima del 2019, aggiornata) la popolazione mondiale crescerà a 8,5 miliardi nel 2030, a 9,7 miliardi nel 2050 e a 10,9 miliardi nel 2100. Non si registrano cali e il tasso di crescita non sarà omogeneo, ma variabile da zona a zona. Sarà alto in nove stati, che insieme formeranno metà dell'incremento totale. Dal tasso più alto al più basso, essi sono: India, Nigeria, Pakistan, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Tanzania, Indonesia, Egitto e Stati Uniti d'America. Intorno al 2027, l'India supererà la Cina e diventerà la nazione più popolosa al mondo. La popolazione dell'Africa sub-sahariana entro il 2050 sarà raddoppiata. Una bassa crescita della popolazione sarà registrata in gran parte dell'Oceania, Asia orientale e centrale, America Latina e Caraibi. La più bassa in assoluto (2%) è registrata in Europa. Il tasso di fertilità globale, pari a 3,2 figli per donna, è calato a 2,5 nel 2019 e calerà a 2,2 nel 2050 (per assicurare il rimpiazzamento con nuove generazioni invece di un declino demografico, serve un livello di fertilità di 2,1 oppure la presenza di migrazioni). Le stime sono reperibili in "Growing at a slower pace, world population is expected to reach 9.7 billion in 2050 and could peak at nearly 11 billion around 2100" dell'ONU (Department of Economjic and Social Affairs, 2019).
  • L'IHME (Institute for Health Metrics and Evaluation), da come spiegato nello stesso articolo del World Economic Forum, sostiene un articolo pubblicato su The Lancet che spiega che la popolazione raggiungerà un picco di 9,7 miliardi nel 2064 e subirà un calo, raggiungendo gli 8,8 miliardi nel 2100. Questa stima è data dai bassi tassi di fertilità a monte, siccome sono (anche) considerati l'accesso ai mezzi contraccettivi e l'alto livello di educazione. Entrambe le stime hanno delle differenze date da aspetti demografici come l'aspettativa di vita e dei tassi di migrazione, oltre al già citato tasso di fertilità basso e al fatto che, entro il 2100, quasi 2,37 miliardi di persone (oltre 1/4 della popolazione) avrà almeno 65 anni. Le informazioni sono state riprese da giornali come il Guardian ("World population in 2100 could be 2 billion below UN projections", 2020), che precisano che l'ONU parte dal presupposto che i paesi con un basso tasso di fertilità oggi subiranno in futuro un incremento medio a 1,8 figli per donna. Ma, se le donne hanno ricevuto un'educazione e hanno l'accesso ai servizi di salute riproduttiva ("reproductive health services", che forse si riferisce ai mezzi contraccettivi), di solito scelgono di fare 1,5 figli in base alle statistiche. Questo presupposto quindi porta a postulare un calo della popolazione a seguito di un picco, contravvenendo l'opinione di un aumento continuo della popolazione lungo tutto il secolo. La ricerca evidenzia il dimezzamento entro il 2100 di almeno metà della popolazione in paesi che sono anche delle grandi potenze economiche, ovvero il Giappone, Spagna, Italia, Thailandia, Portogallo, Sudcorea e Polonia. Anche la Repubblica Popolare Cinese subirà un grosso calo della popolazione, scendendo da 1,4 miliardi di persone a 730 milioni entro il 2100. Di contro, l'Africa sub-sahariana triplicherà la sua popolazione, da 1 a 3 miliardi di persone. In particolare, tra tutti i paesi africani, la Nigeria raggiungerà i quasi 800 milioni di persone nel 2100, supererà la RPC e sarà il secondo paese più popoloso al mondo appena dopo l'India, con 1,1 miliardi di persone. Quindi, in Africa il trend sarà quello di un aumento della popolazione, a differenza di paesi come la Cina e India e di molte altre potenze economiche. Questo trend di crescita in Africa continuerà oltre il 2100. La pandemia da coronavirus del 2019-2020 non avrà un particolare impatto su queste statistiche. Simili informazioni sono riprese in un altro articolo del World Economic Forum, "Large population decline expected in China and India" (2020).

Simili trend si legano in parte anche alle lingue più parlate nel mondo per numero di parlanti madrelingua L1 e per numero di parlanti totali. Secondo Colette Grinevald (2006), le lingue più parlate al mondo come numero di parlanti totali nel 2100 saranno l'inglese, cinese moderno standard, hindi, spagnolo, portoghese, arabo moderno standard, swahili e wolof. La presenza o meno del francese è controversa. Svariate lingue elencate sono già tra le più parlate al mondo secondo Ethnologue 2020 insieme all'indonesiano, russo, tedesco, bengali e giapponese.

Queste stime si possono poi legare al calo della forza-lavoro e dei soldi raccolti con la tassazione (se la popolazione cala, entrambi calano) e all'aumento della potenza economica di una nazione, misurabile per esempio con il GDP. Secondo il Bloomberg Businessweek ("An Economist’s Guide to the World in 2050", 2020), entro il 2050 molte economie emergenti supereranno le economie avanzate siccome produrranno almeno il 60% del GDP globale. Quanto all'ipotetica classifica delle future superpotenze mondiali contenuta nello stesso articolo di Bloomberg, si spiega che nel 2033 l'India supererà il Giappone, in pieno calo demografico e dalla popolazione molto invecchiata. Nel 2035, la Repubblica Popolare Cinese supererà gli Stati Uniti d'America e potrà rivaleggiare con l'India. Quest'ultima, che ha una popolazione molto più giovane, negli anni '40 del XXI° secolo può superare la RPC e diventare la prima potenza economica mondiale. Entro il 2050, alle grandi potenze economiche mondiali si aggiungerà l'Indonesia. Queste transizioni rischiano di essere problematiche (e.g. possono passare attraverso guerre commerciali e scontri di altro tipo, anche riguardanti i territori contesi: la trappola di Tucidide, nelle relazioni internazionali, è la situazione in cui una potenza deve dichiarare guerra a una potenza emergente pur di non perdere il primato). La visione di The Lancet (2020) è diversa, anche perché si spinge fino al 2100: nel 2050 colloca al primo posto la Cina, al secondo posto gli USA e al terzo posto l'India, che supera il Giappone. Al quinto posto piazza la Germania. Nel 2100, gli USA potrebbero tornare al primo posto. Nelle statistiche del 2050 e 2100, lo stato più potente dell'America Latina è il Brasile, quello dell'Oceania è l'Australia e quello dell'Africa è la Nigeria. Nel 2050, i più potenti del Medioriente sono la Turchia e l'Arabia Saudita, superata nel 2100 da Israele. L'Italia, dal 9º posto al mondo, entro il 2050 scenderà al 16° e, nel 2100, scenderà ulteriormente al 25°; è uno dei cali più netti messi in evidenzia insieme alla Spagna e all'Arabia Saudita e alla Polonia entro il 2100.

Secondo Bloomberg (2020), i paesi ordinati in base al GDP nel 2050 (i dati si intrecciano bene con la popolazione totale) sono i seguenti:

# 2050 Paese per GDP

(2020)

Paese per GDP

(2050)

Commento sull'andamento del GDP
1 USA Repubblica Popolare Cinese Supererà gli Stati Uniti d'America nel 2035
2 RPC Stati Uniti d'America Sarà superato dalla Repubblica Popolare Cinese nel 2035
3 Giappone India Supererà il Giappone nel 2033
4 Germania Indonesia Poco prima del 2050, supererà Germania, Francia, Brasile, Giappone e Regno Unito

(gli ultimi due sono ormai in caduta libera)

5 Francia Germania Verrà superata da India e Indonesia
6 India Giappone Verrà superato da India e Indonesia
7 UK Brasile È soggetto a una lenta crescita; supererà la Francia e il Regno Unito, sarà superato dall'Indonesia
8 Brasile Francia Sarà superata dall'India, Indonesia e Brasile
9 Italia Regno Unito L'articolo segnala una caduta libera dell'Italia; sarà superato da Indonesia e Brasile
10 Canada Turchia Supererà poco prima del 2050 il Canada, togliendogli il decimo posto

L'articolo mostra poi come molte grandi potenze intorno all'inizio secolo e nel 2020 in base al GDP subiranno una caduta libera. La Russia è sparita dalle prime 10 già negli anni '90, Spagna è sparita dalle prime 10 poco dopo il 2000, mentre l'Italia sparirà negli anni '30 del'attuale secolo a seguito di una caduta libera iniziata negli anni '90. Negli anni '40, sparirà anche il Canada, superato dalla Turchia.

Paesi più popolosi nel 2100 secondo il The Lancet (2020)[modifica | modifica wikitesto]

# 2100 Paese Popolazione

al dicembre 2020

Popolazione

al 2100

1 India 1,370 miliardi 1,09 miliardi
2 Nigeria 208 milioni 791 milioni
3 Cina 1,405 miliardi 732 milioni
4 USA 330 milioni 336 milioni
5 Pakistan 220 milioni 248 milioni
6 RDC 101 milioni 246 milioni
7 Indonesia 269 milioni 229 milioni
8 Etiopia 100 milioni 223 milioni
9 Egitto 101 milioni 199 milioni
10 Tanzania 57 milioni 186 milioni

I dati sono presi da statistiche risalenti a dicembre 2020 ma quelli dell'Indonesia, Tanzania, Pakistan e RDC risalgono al luglio 2020. Tutti questi dati ovviamente sono soggetti a fluttuazioni che, in casi straordinari, possono anche essere grosse.

L'articolo su the Lancet cita che il Brasile, Bangladesh, Russia, e Giappone, tra i più popolosi nel 2017, subiranno un crollo della popolazione (in particolare, il Giappone è uno di quei paesi che subirà almeno un dimezzamento della popolazione). La Nigeria subirà un incremento demografico record dal 2017 e entro il 2100 del 765%, seguita dal Chad, Sud Sudan, Samoa e Mali. Eccetto per l'arcipelago delle Samoa, in Polinesia (Oceania), sono tutti paesi dell'Africa. L'Italia, da poco più di 60 milioni di persone (2017) entro il 2100 subirà un dimezzamento a poco più di 30 milioni. Secondo The Lancet, India, Nigeria e Cina avranno la più vasta forza lavoro al mondo, seguite dagli Stati Uniti.

Previsioni basate sulla crescita della popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Neo-malthusianesimo.

Nel 1798 Thomas Malthus previde che la crescita della popolazione avrebbe ecceduto le disponibilità di cibo entro la metà del XIX secolo. Nel 1968 Paul R. Ehrlich riprese queste argomentazioni nel proprio testo The Population Bomb, prevedendo carestie per gli anni settanta e ottanta. Le fosche previsioni di Ehrlich e di altri neo-malthusiani furono duramente contrastate da vari economisti tra i quali, in particolare, Julian Lincoln Simon. La ricerca agronomica, che era a quei tempi già sulla strada di quella che sarebbe stata la rivoluzione verde, portò a bruschi incrementi nelle rese agricole. La produzione agricola ha retto per molti anni il passo della crescita demografica. Ma i neo-malthusiani sottolineano che non potrà in eterno sostenere il ritmo verificatosi durante la rivoluzione verde tra il 1950 e il 1985 quando ha trasformato l'agricoltura del mondo e la produzione di cereali è cresciuta del 250%.

Ci si scontra con la finitezza delle risorse. L'energia necessaria alla Rivoluzione Verde era fornita da combustibili fossili sotto forma di produzione di fertilizzanti (che richiede gas naturale) e di metodi di irrigazione azionati grazie all'uso di idrocarburi.[33]

Il picco nella produzione mondiale di idrocarburi potrebbe essere un buon test per le previsioni di Malthus ed Ehlrich.[34][35] Infatti nel maggio del 2008 il prezzo dei cereali è stato spinto verso l'alto dall'aumentato uso dei prodotto agricoli come biocarburanti[36], il prezzo mondiale del petrolio ha raggiunto i 140 $ per barile[37] e la popolazione globalmente continua a crescere[38]; sono inoltre in corso rilevanti cambiamenti climatici[39], una perdita di terreno coltivabile dovuta allo sviluppo abitativo e industriale[40][41] e una forte crescita della domanda dei consumatori indiani e cinesi.[42][43] Disordini dovuti alla scarsità di cibo sono recentemente scoppiati in vari paesi del mondo.[44][45][46]

La popolazione mondiale è cresciuta di circa 4 miliardi di persone dall'inizio della Rivoluzione Verde e molti credono che, senza questa rivoluzione, ci sarebbero nel mondo più fame e denutrizione di quanto documentato dalle Nazioni Unite (circa 790 milioni di persone che soffrivano di malnutrizione cronica nel 2015).[47]

Alcuni autori ritengono che i tassi di fertilità attualmente bassi in Europa, America del Nord, Giappone e Australia, combinati con l'immigrazione di massa, avranno gravi conseguenze negative per queste parti del mondo.[48]

La povertà infantile è stata collegata al fatto che le persone facciano nascere i propri figli prima di avere i mezzi economici per prendersi cura di loro.[49]

Alcuni studiosi hanno elaborato la teoria probabilistica chiamata del Giorno del Giudizio (Doomsday Argument, DA) applicando l'inferenza bayesiana alla popolazione mondiale e concludendone che la fine dell'umanità avverrà entro 9 000 anni.[50]

Numero totale di esseri umani vissuti in ogni tempo[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni settanta era diffusa la credenza che il 75% delle persone che avessero mai vissuto sulla terra fossero in vita nel 1970, il che porterebbe il totale degli esseri umani vissuti fino agli anni settanta ad un numero minore rispetto a quello della popolazione vivente oggi.

Questa convinzione venne in seguito ridicolizzata e considerata come un mito.[51] Una stima più recente del numero totale delle persone vissute in ogni tempo è stata proposta nel 1995 da Carl Haub del Population Reference Bureau e successivamente aggiornata nel 2002; il dato così aggiornato era approssimativamente di 106 miliardi.[9][10]

Haub caratterizzò questo dato come una stima costruita ricavando la dimensione della popolazione in diversi momenti compresi tra l'antichità e il presente e applicando tassi di natalità presunti ad ognuno dei periodi così definiti.[10]

Data una stima della popolazione globale per il 2002 di 6,2 miliardi, se ne può dedurre che circa il 6% di tutti gli esseri umani vissuti in ogni tempo fossero in vita nel 2002 stesso.

Altre stime del numero della popolazione umana vissuta in ogni tempo spaziano approssimativamente dai 45 ai 125 miliardi; le più attendibili si attestano nell'intervallo tra i 90 e i 110 miliardi.[senza fonte]. La stima è difficile per le seguenti ragioni: [senza fonte]

  • L'insieme delle specifiche caratteristiche che definiscono l'essere umano e che distinguono i primi Homo sapiens dagli appartenenti a specie anteriori o correlate è materia di ricerca e di intenso dibattito. Non è quindi possibile sapere quando cominciare il conteggio, né quali ominidi includere in esso. Vedere a questo riguardo al paradosso del sorite.
  • Anche se la comunità scientifica raggiungesse un ampio consenso sulle caratteristiche distintive degli esseri umani, sarebbe comunque quasi impossibile definire con precisione il momento della loro prima apparizione anche solo con l'approssimazione di un millennio, e questo semplicemente perché le testimonianze fossili sono troppo discontinue. Sono state ritrovate appena alcune migliaia di fossili dei primi esseri umani, molti dei quali non più grandi di un dente o di un frammento di osso. Questi frammenti ossei sono utilizzati per estrapolare la consistenza di una popolazione di milioni di esseri umani sparsi nei diversi continenti.
  • Dati statistici affidabili esistono solo per gli ultimi due o tre secoli. Fin verso la fine del XVII secolo pochi Stati, regni o imperi globali riuscirono a realizzare censimenti accurati. Molte delle prime esperienze censuarie erano focalizzate sul mero conteggio di un sottoinsieme della popolazione per motivi fiscali o legati al servizio militare [senza fonte]. Tutti i dati riguardanti la consistenza della popolazione in periodi anteriori al XVIII secolo sono delle stime, e quindi il margine di errore sul numero totale degli esseri umani vissuti in ogni tempo dovrebbe essere nell'ordine dei miliardi o addirittura delle decine di miliardi di persone.

Risorse ulteriori[modifica | modifica wikitesto]

  • Una carta geografica la cui scala è modificata per rappresentare ogni nazione in base alla propria popolazione è disponibile sul sito University of Sheffield Worldmapper.[52]
  • I comportamenti e le tendenze della popolazione mondiale possono essere esplorati sull'atlante interattivo mondiale GeoHive.[53]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.worldometers.info/it
  2. ^ (EN) Worldometer - real time world statistics, su Worldometer. URL consultato il 27 luglio 2020.
  3. ^ Popolazione mondiale: saremo presto in 10 miliardi?, su www.stile.it, 5 ottobre 2017. URL consultato il 27 luglio 2020.
  4. ^ Richard Dawkins, The Grasshopper's Tale, in The Ancestor's Tale, A Pilgrimage to the Dawn of Life, Boston, Houghton Mifflin Company, 2004, p. 416.
  5. ^ Stima della popolazione mondiale durante l'Impero Romano Archiviato il 26 agosto 2015 in Internet Archive., Dr. Kenneth W. Harl
  6. ^ Tra il 1650 ed il 1850 la popolazione mondiale passò da circa 500 milioni ad un miliardo; precedentemente, ci aveva messo sedici secoli per passare da 250 milioni a 500.
  7. ^ Negli anni settanta l'incremento annuo della popolazione mondiale tocca il picco del 2%, per poi cominciare a calare per la prima volta da circa tre secoli.
  8. ^ Population Reference Bureau, Prb.org, 1º dicembre 2002. URL consultato il 1º agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2013).
  9. ^ a b c Ciara Curtin, Fact or Fiction?: Living People Outnumber the Dead [collegamento interrotto], in Scientific American, vol. 297, n. 3, Scientific American, Inc., 1º marzo 2007, p. 126, DOI:10.1038/scientificamerican0907-126. URL consultato il 4 agosto 2008. Note: text of paper publication slightly different from text of on-line publication
  10. ^ a b c d Carl Haub, How Many People Have Ever Lived on Earth? (PDF), in Population Today, vol. 30, n. 8, Population Reference Bureau, novembre/dicembre 2002, 3–4. URL consultato il 4 agosto 2008.
  11. ^ http://www.prb.org/Publications/Articles/2002/HowManyPeopleHaveEverLivedonEarth.aspx URL consultato il 18 novembre 2020
  12. ^ Panoramica della popolazione mondiale Archiviato il 7 gennaio 2010 in Internet Archive.: revisione del 2004
  13. ^ Popolazione Mondiale, su un.org.
  14. ^ Crescita della Popolazione mondiale durante le epoche storiche[collegamento interrotto]
  15. ^ UN report 2004 data (PDF), su un.org.
  16. ^ Gli esseri umani vissero per 100 000 anni in piccolissimi gruppi separati Archiviato il 14 febbraio 2009 in Internet Archive.
  17. ^ Medie di crescita provenienti da diverse fonti secondo lo US Census Bureau Stime storiche della Popolazione Mondiale Archiviato il 13 ottobre 2013 in Internet Archive. ; vedi anche *Kremer, Michael. 1993. "Crescita della Popolazione e Cambiamento Tecnologico: dal 1 000 000 a.C. al 1990", The Quarterly Journal of Economics 108(3): 681-716.
  18. ^ Il Vescovo Ussher pone la creazione di Adamo ed Eva; popolazione mondiale.
  19. ^ Statistiche proveniente da diverse fonti secondo lo US Census Bureau Stime Storiche della Popolazione Mondiale Archiviato il 13 ottobre 2013 in Internet Archive. stima la popolazione al 1 DC tra i 170 milioni to 400 milioni.
  20. ^ I limiti della Rivoluzione Verde?
  21. ^ The Real Green Revolution, su energybulletin.net. URL consultato il 26 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2008).
  22. ^ census.gov. URL consultato il 3 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2010).
  23. ^ Current world population (ranked)
  24. ^ Ron Nielsen, The little green handbook, Picador, New York (2006) ISBN 0-312-42581-3
  25. ^ http://www.un.org/esa/population/publications/wpp2006/WPP2006_Highlights_rev.pdf
  26. ^ solo Cina
  27. ^ Il Governo del Principato di Monaco usa un dato di superficie più piccolo, e la densità che ne risulta è di 18 078 ab per km².
  28. ^ a b La densità di popolazione è calcolata usando i dati di popolazione e di superficie tratti da CIA World Factbook.
  29. ^ mohammed al a'ali, Population surge 'threat to economy', gulf Daily News, 1º aprile 2008. URL consultato il 21 aprile 2008.
  30. ^ L'ultimo dato tratto dal data base di indicatori dello sviluppo della Banca Mondiale è di 1 090 abitanti per km².
  31. ^ Le Isole del Canale sono Jersey e Guernsey; pur non formando una unità politica autonoma esse vengono raggruppate tra loro nelle statistiche delle Nazioni Unite.
  32. ^ Age structure of the world – 2006 CIA World Factbook
  33. ^ Eating Fossil Fuels, Energy Bulletin (archiviato dall'url originale l'11 giugno 2007).
  34. ^ Peak Oil: the threat to our food security, Soil Association (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007).
  35. ^ Peak Oil And Famine: Four Billion Deaths, Countercurrents.
  36. ^ 2008: The year of global food crisis, Sunday Herald (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2009).
  37. ^ The global grain bubble, su csmonitor.com.
  38. ^ Food crisis will take hold before climate change, warns chief scientist
  39. ^ Global food crisis looms as climate change and fuel shortages bite, su guardian.co.uk.
  40. ^ Experts: Global Food Shortages Could ‘Continue for Decades’
  41. ^ Has Urbanization Caused a Loss to Agricultural Land?
  42. ^ The World's Growing Food-Price Crisis
  43. ^ The cost of food: Facts and figures
  44. ^ Riots and hunger feared as demand for grain sends food costs soaring, su guardian.co.uk.
  45. ^ Already we have riots, hoarding, panic: the sign of things to come?
  46. ^ Feed the world? We are fighting a losing battle, UN admits
  47. ^ The limits of a Green Revolution?
  48. ^ The Death of the West: How Dying Populations and Immigrant Invasions Imperil Our Country and Civilization (ISBN 978-0-312-30259-7), di Patrick Buchanan; The Empty Cradle: How Falling Birthrates Threaten World Prosperity (ISBN 0-465-05050-6) - Longman, e Fewer: How the New Demography of Depopulation Will Shape Our Future (ISBN 1-56663-606-X) - Wattenberg
  49. ^ Population bomb still ticking away — 20 Mar 2007 — NZ Herald, su nzherald.co.nz. URL consultato il 26 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2007).
  50. ^ DIE OFF — a population crash resource page, su dieoff.org. URL consultato il 26 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
  51. ^ Population Reference Bureau Archiviato il 24 aprile 2013 in Internet Archive.
  52. ^ Worldmapper image, su worldmapper.org. URL consultato il 26 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2008).; Worldmapper description, University of Sheffield. URL consultato il 26 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2008).
  53. ^ Global Statistics interactive atlas Archiviato il 20 dicembre 2008 in Internet Archive., GeoHive.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4125901-4