Moderna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Moderna
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariaSocietà pubblica
Borse valoriNASDAQ: MRNA
Fondazionesettembre 2010
Fondata daTimothy A. Springer, Robert S. Langer, Kenneth R. Chien, Noubar Afeyan
Sede principaleCambridge (Massachusetts)
Persone chiave
Settorefarmaceutica, biotecnologie
ProdottiModerna COVID-19 vaccino[1]
Dipendenti830 (2019)
Sito webwww.modernatx.com/

Moderna è un'azienda statunitense che opera nel campo delle biotecnologie, particolarmente attiva nell'ambito della ricerca e lo sviluppo di farmaci basati sull'RNA messaggero (mRNA).[2] Fondata nel 2010, ha sede a Cambridge (Massachusetts), è quotata al Nasdaq ed è inserita nell'Indice Russell 1000.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La sede centrale di Moderna a Cambridge, Massachusetts

Nel 2010, ModeRNA Therapeutics è stata formata per commercializzare la ricerca del biologo delle cellule staminali Derrick Rossi, un canadese quarantenne. Rossi aveva sviluppato un metodo per modificare l'mRNA trasfettandolo prima in cellule umane, poi distribuendolo in cellule staminali che potevano poi essere ulteriormente riferenziate nei tipi di cellule bersaglio desiderate.[3][4] Ed era anche entusiasta della ricerca effettuata nello stesso campo da Katalin Karikó e Drew Weissman.[5] Rossi si era così avvicinato al membro della facoltà dell'Università di Harvard Tim Springer, il quale si era a sua volta rivolto sollecitando un co-investimento a Bob Langer, bio-ingegnere al MIT e inventore con circa 400 brevetti nel campo dei farmaci, e a Kenneth R. Chien.[4][6] Rossi, annoverato nel 2010 da Time nella top-ten degli scienziati emergenti,[7] aveva chiesto l'intervento anche ad una società di venture capital, Flagship Ventures (in seguito Flagship Pioneering), fondata e diretta da un imprenditore e biochimico libanese di origini armene e grande sponsor di start-up, Noubar Afeyan.[4][6][8]

Nel 2011, Noubar Afeyan, diventato presidente di Moderna[9] dopo essere il più grande azionista singolo con il 19,5% della società mentre il suo fondo, Flagship Pioneering, possedeva il 18%,[10] aveva nominato il francese Stéphane Bancel, responsabile vendite e operazioni farmaceutiche europee, come CEO di Moderna.[4] E nel marzo 2013 Bancel era stato il protagonista di un robusto finanziamento: Moderna e AstraZeneca hanno firmato un accordo di opzione esclusiva quinquennale per scoprire, sviluppare e commercializzare l'mRNA per i trattamenti nelle aree terapeutiche delle malattie cardiovascolari, metaboliche e renali e obiettivi selezionati per il cancro.[11][12] L'accordo includeva un pagamento anticipato di 240 milioni di dollari a Moderna, un pagamento che era "uno dei più grandi pagamenti iniziali di sempre in un accordo di licenza dell'industria farmaceutica che non coinvolge un farmaco già testato negli studi clinici",[11] e una quota dell'8% in Moderna. Nel maggio 2020, solo un candidato ha superato la fase 1, un trattamento per l'ischemia del miocardio, targata AZD8601.[13][14]

Nel gennaio 2014, Moderna e Alexion Pharmaceuticals hanno stipulato un accordo da 125 milioni di dollari per malattie orfane che necessitano di terapie. Alexion ha pagato a Moderna 100 milioni di dollari per 10 opzioni di prodotto per sviluppare trattamenti per malattie rare, incluso per la sindrome di Crigler-Najjar, utilizzando la piattaforma terapeutica mRNA di Moderna.[15] Nel 2016, Bancel ha dichiarato a un gruppo di investitori della JPMorgan Chase che il lavoro con Alexion sarebbe presto entrato nella fase delle prove umane. Tuttavia, entro il 2017, il programma con Alexion era stato scartato poiché le sperimentazioni sugli animali avevano dimostrato che il trattamento di Moderna non sarebbe mai stato abbastanza sicuro per l'uso nell'uomo.[16]

Nel febbraio 2016, un editoriale su Nature ha criticato Moderna per non aver pubblicato alcun documento peer-reviewed sulla sua tecnologia, a differenza della maggior parte delle altre aziende biotecnologiche emergenti e consolidate, e ha confrontato il suo approccio con quello del controverso fallito Theranos.[17] Nel settembre 2018, Thrillist ha pubblicato un articolo intitolato "Why This Secretive Tech Start-Up Could Be The Next Theranos",[18] criticando questo atteggiamento di segretezza e l'assenza di convalida scientifica o revisione internazionale indipendente della sua ricerca, pur avendo la più alta valutazione di qualsiasi azienda biotecnologica privata statunitense a oltre 5 miliardi di dollari.[19] Un ex scienziato di Moderna ha detto a Stat:"È un caso di vestiti nuovi dell'imperatore. Gestiscono una società di investimento, e poi speriamo, affermano, che sviluppi anche un farmaco che abbia successo".

mRNA-1273[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: MRNA-1273.

Il 16 novembre 2020 l'azienda ha annunciato la messa a punto di mRNA-1273, un vaccino a RNA per far fronte alla pandemia di COVID-19 del 2019-2021, per il quale ha dichiarato un'efficacia del 94,5%, lo 0,5% in meno rispetto al vaccino Tozinameran di BioNTech e Pfizer, rispetto al quale, però, è di più facile conservabilità[20].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Christmas comes early as first Moderna vaccines arrive in Canada, in Global News, 24 dicembre 2020. URL consultato il 25 dicembre 2020.
  2. ^ Shaffer.
  3. ^ (EN) Erin Kutz, ModeRNA, Stealth Startup Backed By Flagship, Unveils New Way to Make Stem Cells, in Xconomy, 4 ottobre 2010. URL consultato il 7 febbraio 2017 (archiviato l'8 febbraio 2017).
  4. ^ a b c d (EN) Gregory Huang, Moderna, $40M in Tow, Hopes to Reinvent Biotech with "Make Your Own Drug", in Xconomy, 6 dicembre 2012. URL consultato il 21 giugno 2013 (archiviato il 22 novembre 2018).
  5. ^ Sandro Modeo, Nel labirinto del vaccino, SetteCorriere.it, gennaio 2021, p. 43
  6. ^ a b (EN) Catherine Elton, The NEXT Next Big Thing, in Boston Magazine, marzo 2013. URL consultato l'11 dicembre 2013 (archiviato il 16 novembre 2020).
  7. ^ Sandro Modeo, op. cit., p. 43
  8. ^ (EN) One Of Biotech's Biggest Investors Says The Industry Must Be 'Unreasonable', su www.wbur.org. URL consultato il 15 luglio 2020 (archiviato il 16 novembre 2020).
  9. ^ (EN) Moderna's Board of Directors, su Moderna. URL consultato il 19 maggio 2020 (archiviato il 16 novembre 2020).
  10. ^ (EN) Mark Terry, Can Moderna Live up to the Hype? mRNA Company Increases IPO Goal to $600 Million, su BioSpace, 29 novembre 2018. URL consultato il 19 maggio 2020 (archiviato il 16 novembre 2020).
    «I depositi alla Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti non solo hanno aggiornato l'IPO proposta, ma hanno rivelato le dimensioni delle maggiori partecipazioni dei maggiori investitori della società. Noubar B. Afeyan, presidente della società, detiene il 19,5%, o 58.882.696 azioni. Flagship Pioneering detiene il 18% delle azioni Moderna».
  11. ^ a b (EN) Andrew Pollack, AstraZeneca Makes a Bet on an Untested Technique, in The New York Times, 21 marzo 2013. URL consultato l'11 dicembre 2013 (archiviato il 16 novembre 2020).
  12. ^ (EN) Robert Weisman, Moderna in line for $240m licensing deal, in The Boston Globe, 21 marzo 2013. URL consultato l'11 dicembre 2013 (archiviato il 16 novembre 2020).
  13. ^ (EN) Moderna's gamble: what's behind biotech's biggest-ever IPO?, su Pharmaceutical Technology, 21 febbraio 2019. URL consultato il 20 maggio 2020 (archiviato il 16 novembre 2020).
  14. ^ (EN) Our Pipeline, su Moderna. URL consultato il 19 maggio 2020 (archiviato il 16 novembre 2020).
  15. ^ (EN) Chris Reidy, Alexion, Moderna announce agreement to develop messenger RNA therapeutics, in The Boston Globe, 13 gennaio 2014. URL consultato il 18 marzo 2020 (archiviato il 16 novembre 2020).
  16. ^ (EN) Damien Garde, Lavishly funded Moderna hits safety problems in bold bid to revolutionize medicine, su Stat, 10 gennaio 2017. URL consultato il 19 maggio 2020 (archiviato il 16 novembre 2020).
  17. ^ (EN) Research not fit to print, in Nature, vol. 34, 5 febbraio 2016. URL consultato il 19 maggio 2020 (archiviato il 16 novembre 2020).
  18. ^ (EN) Joe McGauley, Why This Secretive Tech Start-Up Could Be The Next Theranos, su Thrillist, 23 settembre 2018. URL consultato il 18 maggio 2020.
  19. ^ (EN) David Crow, Secretive Moderna yet to convince on $5bn valuation, in Financial Times, 6 settembre 2017. URL consultato il 18 maggio 2020 (archiviato il 3 febbraio 2019).
  20. ^ Moderna.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 1791 3172