Stefano Okaka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefano Okaka
Stefano Okaka.jpg
Okaka con la maglia dell'Anderlecht nel 2015.
Nome Stefano Chuka Okaka
Nazionalità Nigeria Nigeria
Italia Italia (dal 2007)
Altezza 187 cm
Peso 82[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Watford
Carriera
Giovanili
2001-2003 Bianco e Azzurro.png Centro Italia Parma
2003-2004 Cittadella
2004-2005 Roma
Squadre di club1
2004-2007 Roma 14 (1)
2007-2008 Modena 33 (7)
2008-2009 Roma 9 (0)
2009 Brescia 16 (2)[2]
2009-2010 Roma 7 (1)
2010 Fulham 11 (2)
2010-2011 Roma 4 (0)
2011 Bari 10 (2)
2011-2012 Roma 0 (0)
2012 Parma 14 (3)[3]
2012-2013 Spezia 38 (7)
2013-2014 Parma 2 (0)
2014-2015 Sampdoria 45 (9)
2015-2016 Anderlecht 37 (15)
2016- Watford 10 (3)
Nazionale
2007-2008 Italia Italia U-19 6 (1)
2008 Italia Italia U-20 2 (2)
2009-2010 Italia Italia U-21 6 (1)
2014-2016 Italia Italia 4 (1)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-19
Argento Repubblica Ceca 2008
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 4 marzo 2017

Stefano Chuka Okaka (Castiglione del Lago, 9 agosto 1989) è un calciatore nigeriano naturalizzato italiano, attaccante del Watford.

A livello giovanile ha conquistato un Campionato Primavera con la Roma nella stagione 2004-2005; promosso in prima squadra, nell'annata 2006-2007 ha vinto una Coppa Italia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Possiede il passaporto nigeriano. Ha una sorella gemella, Stefania, pallavolista che gioca nel ruolo di schiacciatrice nel Béziers Volley, e Carlo, fratello maggiore, agente suo e della sorella.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Castiglione del Lago (PG) da genitori nigeriani emigrati in Italia, Okaka mosse i suoi primi passi calcistici con l'ACD Trasimeno passando poi al Centro Italia Parma (oggi Pievese) nel 2001. Le qualità messe in mostra nelle due stagioni con la società umbra attirarono l'attenzione degli osservatori del Cittadella, da cui fu ingaggiato nel 2003. In anticipo di due anni sulla categoria, esordì nella squadra Allievi.

Conteso da club italiani e europei come il Milan e l'Aston Villa, fu convinto dal responsabile del settore giovanile della Roma, Bruno Conti, che riuscì a portarlo nella Capitale nel 2004 su segnalazione di Zbigniew Boniek.[4]

Anche nella Roma fu schierato nella squadra Allievi ma, dopo 11 gol in altrettanti incontri di campionato, il tecnico Alberto De Rossi lo inserì nella squadra Primavera, nella quale realizzò altri 20 gol e con la quale vinse il campionato di categoria 2004-2005. Segnò in semifinale alla Juventus e in finale contro l'Atalanta (2-0). Fu anche il più giovane marcatore della storia del Torneo di Viareggio, andando a segno contro il Bayern Monaco.[4]

Roma e vari prestiti[modifica | modifica wikitesto]

Viene convocato in prima squadra nel campionato 2004-2005 dove siede in panchina alla trentesima giornata, in Udinese-Roma (3-3).[5] Esordisce con la prima squadra il 29 settembre 2005, durante l'incontro di ritorno in Coppa UEFA contro l'Aris Salonicco, divenendo in tal modo il più giovane giocatore italiano a disputare una partita nelle coppe europee. Il successivo 8 dicembre, realizza il suo primo gol nei professionisti in Napoli-Roma (0-3), valevole per gli ottavi di finale della Coppa Italia, diventando il più giovane marcatore nella storia della competizione. Il debutto in Serie A avvenne il 18 dicembre 2005, a 16 anni e 125 giorni, nel corso dell'incontro Sampdoria-Roma (1-1); nove mesi più tardi, il 17 settembre 2006, a 17 anni e 38 giorni, giunse anche il primo gol in Serie A, nel corso di Siena-Roma (1-3), partita nella quale subentrò a Totti. Infine, il 27 settembre 2006 esordisce in Champions League, nel corso dell'incontro Valencia-Roma (2-1).

Nel 2007-2008, viene mandato in prestito al Modena, in Serie B, dove trova spazio realizzando 7 gol in 33 incontri. Dall'estate del 2008 torna alla Roma, questa volta facendo parte a tutti gli effetti della prima squadra. Dopo 9 presenze nella parte iniziale del campionato, il 2 febbraio 2009, l'ultimo giorno del mercato invernale, viene ceduto in prestito al Brescia in Serie B, dove realizza 2 reti in 16 partite.

Nel 2009-2010, a 20 anni, ritorna alla Roma. L'8 agosto 2009 segna il suo primo gol nelle coppe europee nel ritorno del terzo turno preliminare di UEFA Europa League contro il Gand, partita terminata 7-1 in favore dei giallorossi

Il 1º febbraio 2010 viene ceduto in prestito al Fulham[6][7][8][9] con cui debutta da titolare due giorni dopo nella vittoria contro il Portsmouth (1-0).[10] Sigla la sua prima rete con la maglia dei Cottagers il 14 febbraio 2010 nella gara di FA Cup contro il Notts County.[11]

Il 4 aprile 2010 sigla contro il Wigan la sua prima rete in Premier League.[12]

Il 5 gennaio 2011 viene ceduto in prestito al Bari.[13] Il giorno successivo esordisce e segna il suo primo gol nel derby contro il Lecce.[14] Alla fine della stagione, torna a Roma e, pur non partecipando al ritiro, gioca entrambe le partite della Roma in Europa League, contro gli slovacchi dello Slovan Bratislava.[15]

Parma, Spezia e Sampdoria[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 gennaio 2012 passa al Parma a titolo temporaneo con diritto di riscatto.[16] A fine stagione il Parma non esercita il diritto di riscatto, ma il 20 agosto 2012 i gialloblù lo acquistano a titolo gratuito e definitivo[17], per poi girarlo in prestito secco allo Spezia,[18] con cui Okaka disputa il campionato di Serie B 2012-2013.

Il 31 gennaio 2014 la Sampdoria comunica di aver acquisito a titolo definitivo dal Parma i diritti sportivi del calciatore.[19]. Il 9 febbraio esordisce con la maglia blucerchiata giocando dal primo minuto la partita Sampdoria-Cagliari 1-0. Conclude la sua stagione tra Parma e Sampdoria con 13 presenze e 5 gol totali. Nella stagione 2014-2015 segna 4 gol in 34 presenze sempre con la Sampdoria. L'ultima marcatura in blucerchiato è contro l'Atalanta; da lì in poi viene lasciato in panchina per i presunti litigi con l'allenatore Siniša Mihajlović.[senza fonte]

Anderlecht e Watford[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 luglio 2015 viene acquistato dai belgi dell'Anderlecht per 3,3 milioni di euro. Per l'attaccante si tratta della seconda esperienza all'estero dopo quella al Fulham nel 2010. Esordisce il 2 agosto seguente contro l'OH Leuven (0-2). Mette a segno la sua prima rete con la nuova maglia il 30 agosto nella vittoria per 3 reti a 0 contro il Westerlo.[20] Il 18 ottobre 2015 realizza la sua prima doppietta in (Zulte Waregem 0- 4 Anderlecht). Nella sua prima stagione in Belgio gioca 45 partite complessive segnando 16 gol (33 presenze e 14 gol in campionato).

Il 29 agosto 2016, l'attaccante viene ceduto al Watford, allenato dal connazionale Walter Mazzarri[21]. Esordisce in Premier League il 10 settembre, nella vittoria esterna sul West Ham (2-4), entrando a dodici minuti dalla fine del match e ricevendo un cartellino giallo[22]. Poco dopo, rimedia un infortunio alla coscia che lo costringe a saltare ben sette match di campionato[23]. Torna in campo il 19 novembre, nella gara vinta contro il campione in carica Leicester. Il 10 dicembre sigla una doppietta (nonché la prima rete con la maglia del Watford) nella gara casalinga contro l'Everton, terminata 3-2[24].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Al compimento dei 18 anni, nel 2007, ha ottenuto la cittadinanza italiana e ha potuto rendersi disponibile per giocare con le nazionali giovanili. Tra il 2007 e il 2008 milita nelle selezioni Under-19 e Under-20.

Il 17 novembre 2009 esordisce in nazionale Under-21, con il CT Pierluigi Casiraghi, nella partita Lussemburgo-Italia (0-4) valida per le qualificazioni all'Europeo 2011. Il 3 marzo 2010 realizza il primo gol con l'Under-21 nella partita Italia-Ungheria (2-0) disputata a Rieti.[25][26]

Convocato dal CT Antonio Conte, esordisce nella nazionale maggiore in occasione dell'amichevole Italia-Albania del 18 novembre 2014,[27] in cui entra il campo al 65º minuto e segna l'unico gol dell'incontro (anche se alcune fonti, tra cui la UEFA,[28] lo considerano un'autorete del giocatore albanese Hamdi Salihi). Durante la sua biennale gestione, Conte lo convocherà in altre quattro occasioni.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 4 marzo 2017.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2004-2005 Italia Roma A 0 0 CI 0 0 UCL 0 0 - - - 0 0
2005-2006 A 8 0 CI 6 1 CU 3 0 - - - 17 1
2006-2007 A 6 1 CI 2 0 UCL 3 0 SI 0 0 11 1
2007-2008 Italia Modena B 33 7 CI 0 0 - - - - - - 33 7
2008-gen. 2009 Italia Roma A 9 0 CI 1 0 UCL 1 0 SI 1 0 12 0
gen.-giu. 2009 Italia Brescia B 16+2 2 CI 0 0 - - - - - - 18 2
2009-gen. 2010 Italia Roma A 7 1 CI 1 0 UEL 6 3 - - - 14 4
gen.-giu. 2010 Inghilterra Fulham PL 11 2 FACup+CdL 2+0 1+0 UEL - - - - - 13 3
2010-gen. 2011 Italia Roma A 4 0 CI 0 0 UCL 0 0 SI 1 0 5 0
gen.-giu. 2011 Italia Bari A 10 2 CI 0 0 - - - - - - 10 2
2011-gen. 2012 Italia Roma A 0 0 CI 0 0 UEL 2[29] 0 - - - 2 0
Totale Roma 34 2 10 1 15 3 2 0 61 6
gen.-giu. 2012 Italia Parma A 14 3 CI - - - - - - - - 14 3
2012-2013 Italia Spezia B 38 7 CI - - - - - - - - 38 7
2013-gen. 2014 Italia Parma A 2 0 CI 0 0 - - - - - - 2 0
Totale Parma 16 3 0 0 16 3
gen.-giu. 2014 Italia Sampdoria A 13 5 CI - - - - - - - - 13 5
2014-2015 A 32 4 CI 2 0 - - - - - - 34 4
Totale Sampdoria 45 9 2 0 - - - - 47 9
2015-2016 Belgio Anderlecht D1 37 15 CB 2 0 UEL 10 2 - - - 49 17
2016-2017 Inghilterra Watford PL 10 3 FACup+CdL 1+0 0+0 - - - - - - 11 3
Totale carriera 250+2 52 17 2 25 5 2 0 296 59

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
18-11-2014 Genova Italia Italia 1 – 0 Albania Albania Amichevole 1[30] Ingresso al 65’ 65’
13-11-2015 Bruxelles Belgio Belgio 3 – 1 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 80’ 80’
17-11-2015 Bologna Italia Italia 2 – 2 Romania Romania Amichevole - Ingresso al 70’ 70’
29-3-2016 Monaco di Baviera Germania Germania 4 – 1 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 68’ 68’
Totale Presenze 4 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Roma: 2004-2005

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Roma: 2006-2007

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Okaka Stefano Chuka, sampdoria.it. URL consultato il 2 febbraio 2014.
  2. ^ 18 (2)considerando i playoff di Serie B 2008-2009.
  3. ^ Presenze effettuate nel periodo in prestito. A fine stagione è passato a titolo definitivo al Parma.
  4. ^ a b Okaka, nigeriano di Perugia: la Roma ha un baby fenomeno in casa, corriere.it, 31 marzo 2005. URL consultato il 25 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il ).
  5. ^ Di Michele acchiappa i Conti boys, gazzetta.it, 11 aprile 2005. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  6. ^ Operazioni di mercato realizzate (PDF), asroma.it, 1º febbraio 2010. URL consultato il 1º febbraio 2010.
  7. ^ (EN) Okaka Joins Fulham, fulhamfc.com, 1º febbraio 2010. (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2010).
  8. ^ Okaka in prestito al Fulham, www.ilmessaggero.it, 31 gennaio 2010. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  9. ^ Ufficiale: Okaka in prestito al Fulham, calcionews24.com, 1º febbraio 2010. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  10. ^ Okaka debutta il Fulham vince Defoe: 3 gol, gazzetta.it, 4 febbraio 2010. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  11. ^ Fulham, Okaka segna e fa l'aeroplanino, leggo.it, 14 febbraio 2010. URL consultato il 15 novembre 2014.
  12. ^ Il bomber giallorosso ha realizzato il goal vittoria contro il Wigan., sport.repubblica.it, 4 aprile 2010. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  13. ^ Dopo Glik arriva Okaka, asbari.it, 5 gennaio 2011. URL consultato il 5 gennaio 2011.
  14. ^ Okaka subito decisivo e il Bari passa a Lecce, gazzetta.it, 6 gennaio 2011. URL consultato il 15 novembre 2014.
  15. ^ Roma-Slovan, troppi errori sotto porta e un clamoroso pasticcio difensivo, ilmessaggero.it, 26 agosto 2011. URL consultato il 30 agosto 2011.
  16. ^ Parma: preso Okaka dalla Roma, parmadaily.it, 22 gennaio 2012. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  17. ^ La nota del Club riguardante il calciatore Stefano Okaka, asroma.it, 20 agosto 2012. URL consultato il 15 novembre 2014.
  18. ^ Mercato: Stefano Okaka Chuka vestirà la maglia delle Aquile, acspezia.com, 20 agosto 2012. URL consultato il 15 novembre 2014.
  19. ^ Okaka è un calciatore blucerchiato, Pozzi va al Parma, sampdoria.it, 31 gennaio 2014. URL consultato il 15 novembre 2014.
  20. ^ Okaka, primo gol con la maglia dell'Anderlecht sampnews24.com
  21. ^ Calciomercato, Okaka al Watford di Mazzarri: è ufficiale. URL consultato il 10 dicembre 2016.
  22. ^ West Ham United 2 - 4 Watford Cronaca 10/09/16 Premier League - Goal.com, su www.goal.com. URL consultato il 10 dicembre 2016.
  23. ^ Watford dealt Stefano Okaka injury blow. URL consultato il 10 dicembre 2016.
  24. ^ Premier, Okaka fa volare Mazzarri: doppietta all'Everton, 3-2 Watford, in La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 10 dicembre 2016.
  25. ^ Calcio, Italia U. 21; Okaka: sto migliorando in personalità, repubblica.it, 3 marzo 2010. URL consultato il 15 novembre 2014.
  26. ^ L'Under rialza la testa, Ungheria battuta 2-0, gazzetta.it, 3 marzo 2010. URL consultato il 15 novembre 2014.
  27. ^ Conte chiama altri 14 Azzurri per l'Albania: le novità sono Okaka, Rossettini e Sturaro, vivoazzurro.it, 14 novembre 2014. URL consultato il 15 novembre 2014.
  28. ^ Una buona Italia piega l'Albania, it.uefa.com, 18 novembre 2014. URL consultato l'11 marzo 2017.
  29. ^ Nei play-off.
  30. ^ Alcune fonti indicano questa rete come autogol, la FIGC la attribuisce a Okaka.
  31. ^ Le dieci stelle Under 19, uefa.com, 28 luglio 2008. URL consultato il 6 dicembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]