Alexander Rusev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Miroslav Barnjašev)
Alexander Rusev
Rusev nel marzo 2015
Rusev nel marzo 2015
Nome Miroslav Barnjašev[1]
Ring name Alexander Rusev[1]
Miroslav[1]
Miroslav Makarov[1]
Rusev[2]
Nazionalità Bulgaria Bulgaria
Nascita Plovdiv[3]
25 dicembre 1985 (30 anni)[3]
Residenza Nashville[4]
Residenza dichiarata Bulgaria[2]
Mosca[5][6]
Altezza 183[7] cm
Altezza dichiarata 183[2] cm
Peso 138[7] kg
Peso dichiarato 138[2] kg
Allenatore FCW[8]
Gangrel[9]
NXT[2]
Rikishi[9]
Debutto 22 novembre 2008[10]
Federazione WWE[2]
Progetto Wrestling

Miroslav Barnjašev (in bulgaro: Мирослав Барняшев?), meglio conosciuto con il ring name di Alexander Rusev (in bulgaro: Александър Русев?), successivamente accorciato in Rusev (in bulgaro: Русев?) (Plovdiv, 25 dicembre 1985) è un wrestler bulgaro.

Sotto contratto con la WWE,[2] è l'attuale detentore dello United States Championship nel suo secondo regno.[11] Barnjašev è il primo bulgaro – e tuttora l'unico – ad aver lottato nella WWE.[9][12]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Barnjašev è nato a Plovdiv il 25 dicembre 1985, quando la Bulgaria era ancora nota come Repubblica Popolare di Bulgaria.[9] Ha frequentato una scuola di sport durante la crescita e ha gareggiato nel canottaggio e nel powerlifting da adulto.[9]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi (2008–2010)[modifica | modifica wikitesto]

Barnjašev è emigrato dalla Bulgaria negli Stati Uniti nella metà degli anni duemila con l'ambizione di diventare un wrestler.[9] Inizialmente viveva in Virginia,[9] prima di trasferirsi a Torrance, in California, dove ha iniziato la formazione come wrestler con Gangrel e Rikishi come allenatori alla Knokx Pro Wrestling Academy.[9][12][13] Barnjašev ha debuttato nel circuito indipendente il 22 novembre 2008 con il ring name di Miroslav Makaraov e ha sconfitto Aerial Star.[10] Nel 2010 ha lottato per la Vendetta Pro Wrestling (VPW) con il ring name di Miroslav.[1] Mentre lottava per la VPW ha avuto Markus Mac come manager.[14]

World Wrestling Entertainment/WWE[modifica | modifica wikitesto]

Florida Champiosnhip Wrestling (2010–2013)[modifica | modifica wikitesto]

Rusev ai WrestleMania Axxess nell'aprile 2013

Barnjašev ha firmato un contratto con la World Wrestling Entertainment (WWE) nel settembre 2010[12] ed è stato mandato alla Florida Championship Wrestling (FCW), il territorio di sviluppo della WWE, dove gli è stato assegnato il ring name di Alexander Rusev.[13] Ha lottato il suo primo match televisivo nella puntata della FCW del 17 luglio 2011 in cui ha sconfitto Mike Dalton con Raquel Diaz come manager.[15][16] Poco dopo aver debuttato nella FCW ha subìto la rottura sia del legamento crociato anteriore sia del menisco e ha trascorso sei mesi di riabilitazione.[9]

Rusev ritornò alla FCW nel marzo 2012 con Nick Rogers come suo manager.[17] Nell'estate del 2012 si è rotto il collo e il suo braccio è stato temporaneamente paralizzato.[18] Durante la riabilitazione Barnjašev ha viaggiato in Thailandia, dove ha studiato l'arte marziale muay thai.[9] Nel mese di agosto 2012 la WWE ha chiuso la FCW per creare NXT.[19]

NXT (2013–2014)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi ripreso dagli infortuni ha fatto il suo debutto televisivo a NXT nella puntata del 30 maggio 2013 in cui ha preso parte a una battle royal per determinare il primo sfidante per l'NXT Championship che è stata vinta da Bo Dallas.[20] Il primo match in singolo di Rusev ha avuto luogo il 21 agosto, quando è stato sconfitto da Dolph Ziggler, wrestler del roster principale.[21] Successivamente ha avuto Sylvester Lefort come manager e ha formato un tag team con Scott Dawson chiamato "Fighting Legionnaires"; hanno avuto una faida con il tag team di Enzo Amore e Colin Cassady.[9][22][23][24] Rusev ha concluso la sua alleanza con Lefort attaccandolo durante un tag team match nella puntata di NXT del 30 ottobre.[25]

Rusev ha poi avuto Lana come "ambasciatrice sociale",[26][27] un'unione che la WWE ha paragonato a quella tra Ivan e Ludmilla Drago dal film del 1985 Rocky IV.[28][29] In una serie di match registrati mesi prima del suo debutto del roster principale,[30][31] Rusev ha sconfitto altri membri del roster principale come Kofi Kingston, Xavier Woods e Sin Cara in match singoli che sono stati mandati in onda nelle puntate di NXT dei mesi di gennaio e febbraio.[32][33][34] Rusev è apparso anche a NXT Arrival il 27 febbraio 2014, quando ha interrotto il match tra Woods e Tyler Breeze attaccando entrambi,[35] e il 29 maggio a NXT TakeOver, dove ha attaccato anche Mojo Rawley.[36]

Rusev ha continuato ad apparire sporadicamente a NXT dopo aver debuttato nel roster principale nell'aprile 2014 e ha fatto la sua ultima apparizione nella puntata di NXT del 25 luglio in cui ha perso per squalifica contro l'allora detentore dell'NXT Championship Adrian Neville in un match non titolato.[37]

Striscia di imbattibilità (2014–2015)[modifica | modifica wikitesto]

Rusev ha detenuto lo United States Championship dal 3 novembre 2014 al 29 marzo 2015 (WrestleMania 31) per un totale di 146 giorni, rimanendo imbattuto – senza essere mai schienato e sottomesso – per un anno

Rusev ha fatto il suo debutto nel roster principale al pay-per-view Royal Rumble il 26 gennaio 2014: come sesto partecipante all'omonimo match, è stato eliminato da uno sforzo congiunto di quattro wrestler.[38] Dopo mesi di video promozionali e discorsi di Rusev e della sua manager Lana,[39][40][41] il suo primo match singolo nel roster principale è avvenuto nella puntata di Raw del 7 aprile, quando ha sconfitto Zack Ryder in un match a senso unico.[42] Nel mese di maggio ha adottato una gimmick filorussa e antiamericana che lo ha visto essere annunciato dalla Russia ed è stato nominato "Eroe della Federazione Russa".[6] Quello stesso mese il suo ring name è stato abbreviato in Rusev.[43] Nel corso dei mesi successivi ha avuto faide con Big E (che ha sconfitto a Payback[44] e a Money in the Bank),[45] Jack Swagger (che ha sconfitto a Battleground[46] e di nuovo a SummerSlam)[47] Mark Henry (che ha sconfitto a Night of Champions)[48] e Big Show (che ha sconfitto a Hell in a Cell).[49] Lana ha dedicato la striscia di vittorie di Rusev al presidente della Russia Vladimir Putin, richiamando l'attenzione da parte della stampa mainstream – tra cui il Washington Post e il Daily Beast – e la critica dopo aver fatto riferimento all'abbattimento del volo 17 della Malaysia Airlines prima del match di Rusev a Battleground, nel tentativo di generare heat.[50][51][52] Rusev e Lana hanno avuto un confronto verbale con The Rock in una apparizione a sorpresa nella puntata di Raw del 6 ottobre, con The Rock che ha gettato Rusev fuori dal ring.[53]

Rusev ha conquistato il suo primo titolo nel wrestling, diventato inoltre il primo campione bulgaro nella storia della WWE, quando ha vinto lo United States Championship dopo aver sconfitto l'allora campione Sheamus in un match disputatosi al termine della puntata Raw del 3 novembre e che è andato in onda esclusivamente sul WWE Network.[54] Il 10 novembre a SmackDown Rusev ha difeso con successo lo United States Championship sconfiggendo l'ex-campione Sheamus per countout. Il 23 novembre alle Survivor Series, Rusev ha preso parte al Survivor Series elimination tag team match come membro del Team Authority: è stato tuttavia eliminato per countout dopo essersi schiantato sul tavolo dei commentatori spagnoli.[55] Rusev ha poi ripreso la faida con Jack Swagger nel mese di dicembre e ha difeso con successo lo United States Championship contro Swagger a TLC: Tables, Ladders and Chairs.[56] Il 25 gennaio 2015 alla Royal Rumble è entrato nell'omonimo match con il numero 15: Rusev ha eliminato sei wrestler e si è piazzato complessivamente al secondo posto, venendo eliminato per ultimo da Roman Reigns.[57] Rusev ha poi difeso con successo lo United States Championship in un match contro John Cena svoltosi il 22 febbraio a Fastlane.[58][59] Ha perso lo United States Championship dopo 146 giorni in una rivincita contro Cena il 29 marzo a WrestleMania 31 dopo un errore di comunicazione con Lana, subendo inoltre la sua prima sconfitta per schienamento nel roster principale della WWE.[60]

The League of Nations (2015–2016)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: The League of Nations.

Rusev non è poi riuscito a riconquistare il titolo il mese seguente a Extreme Rules in un Russian Chain match; durante il match Lana ha ricevuto una reazione positiva dal pubblico, cosa che ha portato Rusev ad allontanarla dal ring e ha causato dei dissensi tra i due.[61] Rusev ha perso contro Cena ancora una volta il 17 maggio a Payback in un "I quit" match dopo che Lana si è arresa a suo nome.[62] Rusev ha pertanto concluso la sua alleanza con Lana, che in cambio lo ha schiaffeggiato, la notte seguente a Raw.[63] Rusev è tornato a essere annunciato come proveniente dalla Bulgaria nella puntata di Raw del 25 maggio e ha iniziato a portare la bandiera della Bulgaria durante il suo ingresso sul ring, provando quella stessa sera a riconciliarsi con Lana, ma senza successo.[64] Rusev ha subìto una reale frattura al piede durante un match contro Ryback che gli ha impedito di partecipare all'Elimination Chamber match per il vacante Intercontinental Championship all'omonimo pay-per-view.[65] Nonostante l'infortunio Rusev è continuato ad apparire negli show televisivi della WWE e ha fatto ulteriori tentativi nel riconciliarsi con Lana.[66][67][68] Lana ha poi iniziato una relazione (kayfabe) con Dolph Ziggler,[69][70] mentre Summer Rae si è alleata con Rusev.[71] Rusev e la Rae hanno avuto un confronto verbale con Lana e Ziggler nella puntata di Raw del 29 giugno: ciò ha portato a una rissa tra Summer e Lana.[72] Rusev e la Rae hanno nuovamente cercato un confronto con la coppia nella puntata di Raw del 6 luglio, ma ciò si è rivelato essere solo un espediente per Rusev per attaccare Ziggler dopo averlo colpito con la sua stampella e aver rimosso il tutore dalla caviglia, rivelando che il suo infortunio al piede era guarito.[73] Rusev ha fatto il suo ritorno sul ring nella successiva puntata di SmackDown in cui ha lottato con delle scarpe per evitare ulteriori infortuni al piede e ha sconfitto Fandango.[74] Rusev ha risposto alla sfida di John Cena per lo United States Championship nella puntata di Raw del 13 luglio, ma è stato interrotto da Kevin Owens e Cesaro, che hanno domandato un'opportunità per il titolo di Cena: ciò ha portato a un triple threat match (in cui il vincitore avrebbe affrontato Cena) che Rusev ha vinto schienando Cesaro dopo che Owens ha abbandonato il match verso l'inizio della contesa, ma ha sconfitto Cena solo per squalifica quando Owens lo ha attaccato, non riuscendo a riconquistare il titolo.[75] Rusev ha subito la seconda sconfitta per schienamento in un match singolo uno contro uno nel roster principale della WWE nella puntata di SmackDown del 16 luglio, quando è stato sconfitto da Cesaro.[76] Il match tra Rusev e Ziggler a SummerSlam è terminato in doppio countout[77] e i due si sono affrontati in una rivincita a Night of Champions, dove Rusev ha perso a causa di un'interferenza errata della Rae.[78] Nonostante ciò, nella puntata di Raw del 5 ottobre la Rae ha fatto una proposta di matrimonio (kayfabe) che Rusev ha accettato, ma le ha detto che non l'avrebbe sposata fino a quando non avrebbe vinto un altro titolo.[79] Tuttavia l'11 ottobre TMZ ha annunciato che Rusev e Lana – i quali erano già in una relazione nella loro vita privata sin dai primi mesi del 2015[4] – si erano ufficialmente fidanzati nella loro vita privata.[80] Lana ha poi confermato il fidanzamento[81] e ciò è stato portato avanti anche negli show televisivi, con la Rae che ha pertanto concluso la sua alleanza con Rusev nella puntata di Raw del 12 ottobre.[82] L'intera storyline riguardante la separazione tra Rusev e Lana ha ricevuto delle recensioni estremamente negative, con molti che hanno affermato che tale storyline ha danneggiato il personaggio di Rusev,[83] tanto che è stata votata Worst Storyline of the Year ("peggior storyline dell'anno") da Rolling Stone.[84] Rusev ha subìto un altro reale infortunio (alla spalla, più precisamente lo strappo di un bicipite) nella puntata di Main Event del 31 ottobre durante un match contro Neville, che ha vinto per decisione arbitrale: tale infortunio lo ha costretto a stare lontano dal ring per alcune settimane.[85]

Rusev ha fatto il suo ritorno nella puntata di Raw del 23 novembre quando ha attaccato Roman Reigns,[86] che ha poi affrontato in un match perso per squalifica a causa dell'interferenza di King Barrett.[87] Rusev e Lana sono tornati insieme nella puntata successiva di Raw[88] ed è stato successivamente rivelato che Rusev si era unito ad Alberto Del Rio, King Barrett e Sheamus per formare un'alleanza (stable) nota come "The League of Nations".[89][90] Come membro della nuova fazione, Rusev ha ripreso a rivaleggiare con Ryback: tuttavia i primi match tra i due sono terminati senza un vero vincitore,[91] con Lana che ha finto degli infortuni per distrarre Ryback e aiutare Rusev,[92] che è infine riuscito a sconfiggerlo il 13 dicembre a TLC: Tables, Ladders and Chairs.[93] Il 24 gennaio 2016 ha partecipato all'annuale Royal Rumble match entrando con il numero 2, ma è stato eliminato per primo dopo un minuto e mezzo da Roman Reigns.[94][95] Nel mese di febbraio, a partire da Fastlane,[96] i membri della League of Nations sono stati presi in giro da quelli del New Day (Big E, Kofi Kingston e Xavier Woods).[97] Ciò ha portato a diversi tag team match validi per il WWE Tag Team Championship detenuto dai membri del New Day tra le due fazioni, ma la League of Nations non è mai riuscita a conquistare il titolo.[98][99] Tuttavia la League of Nations ha ottenuto la propria rivincita a WrestleMania 32, dove Rusev, Sheamus e Del Rio hanno sconfitto i tre membri del New Day in un match non titolato, venendo però attaccati al termine dell'incontro da Mick Foley, Shawn Michaels e Stone Cold Steve Austin.[100] La sera seguente a Raw, dopo che Sheamus e Barrett avevano perso un altro tag team match valido per il WWE Tag Team Championship contro Big E e Woods, Barrett è stato attaccato e cacciato dal gruppo per essere l'anello debole.[101] Nella puntata di SmackDown del 28 aprile Rusev e Del Rio hanno abbandonato Sheamus durante un six-man tag team match contro Cesaro, Kalisto e Sami Zayn che è quindi terminato con la sconfitta della League of Nations per countout.[102] In seguito i tre restanti membri della League of Nations si sono attaccati a vicenda nel dietro le quinte, sancendo così la fine della fazione.[103] Pochi giorni dopo lo scioglimento della League of Nations, in un'intervista insieme a Lana con Michael Cole nel mese di maggio, Rusev ha rivelato che la League of Nations si è formata dopo "una partita a carte" e Lana ha giustificato la sua assenza dagli show televisivi affermando di averlo avvertito che formare la League of Nations era una cattiva idea, dicendo di aver avuto ragione, in quanto il gruppo si è poi aspramente sciolto, concludendo che non è apparsa al fianco di Rusev durante questo periodo perché non voleva essere parte di un "fallimento", mentre Rusev ha concluso dicendo che si è sentito tradito dai suoi ex alleati.[104]

United States Championship (2016–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di Raw del 2 maggio Rusev ha vinto una 20-man battle royal[105] che avrebbe decretato il primo sfidante per lo United States Championship,[106] che ha poi vinto contro l'allora campione Kalisto a Extreme Rules,[107] ripetendosi anche nella puntata di SmackDown del 26 maggio nella rivincita titolata contro l'ex campione Kalisto.[108] Il 19 giugno a Money in the Bank Rusev ha difeso con successo il titolo contro Titus O'Neil.[109][110]

Personaggio nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Rusev con la bandiera della Russia a un evento dal vivo nell'aprile 2015

I personaggi interpretati da Barnjašev sono sempre stati nazionalistici e patriottici, tanto che lui si è sempre mostrato come un fiero bulgaro, e durante i suoi trascorsi a NXT era solito fare il suo ingresso sul ring portando un pezzo di legno (con sopra scritto il nome del suo avversario) che poi spezzava in due.[21] Dopo aver mollato Sylvester Lefort come manager,[25] Rusev è stato affiancato da Lana,[26] descritta inizialmente come la sua "ambasciatrice sociale".[27] Nei mesi successivi al suo debutto nel roster principale, avvenuto nel gennaio 2014,[38] Rusev è apparso insieme a Lana in una serie di vignette propagandistiche in cui è stato definito un super atleta ("The Super-Athlete") e soprannominato "The Bulgarian Brute" ("il bruto bulgaro").[39][40][41] Tuttavia dall'aprile 2014 è diventato un filorusso (a tal punto da entrare sul ring con la bandiera della Russia ed essere annunciato come "trasferitosi a Mosca", essendo Lana russa nella ''kayfabe'' e solo originaria di questo Paese nella realtà) e antiamericano che è stato nominato "Eroe della Federazione Russa"[6] e al suo ring name è stato tolto il nome Alexander.[43] I primi dissensi tra la coppia sono nati nel marzo del 2015, quando Lana ha concesso a John Cena, l'allora rivale di Rusev, una rivincita contro Rusev a WrestleMania 31;[111] e sono proseguiti quando Rusev l'ha accusata di avergli fatto perdere il titolo e i match titolati successivi;[112] anche a causa del comportamento maschilista e sessista di Rusev, Lana è diventata molto popolare tra i fan, a tal punto che Rusev l'ha fatta allontanare dal ring durante un match;[113] il culmine di questi dissensi è giunto quando Lana si è arresa a nome di Rusev in un "I quit" match.[62]

Quando l'alleanza tra i due si è conclusa nel maggio 2015[63] Rusev è tornato a essere annunciato come proveniente dalla Bulgaria, portando sul ring questa volta la bandiera bulgara.[64] In questo periodo ha mostrato un carattere più "fragile", chiedendo scusa a Lana e implorandole di perdonarlo,[66][67][68] ma quando sembrava essere riuscito a convincerla a tornare insieme, Rusev le ha detto che tutto quello che doveva fare era ammettere di aver sbagliato.[70] L'evoluzione del personaggio di Rusev dopo la rottura con Lana lo ha portato anche a effettuare dello stalking ai danni di Lana e del suo nuovo ragazzo (kayfabe), Dolph Ziggler.[114][115][116] Dopo non essere riuscito a tornare insieme a Lana,[68] Rusev ha formato una nuova alleanza con Summer Rae,[71] arrivando al punto da farla vestire proprio come Lana.[117] Seppur rimanendo nel personaggio, nel settembre 2015 ha pubblicato alcuni controversi tweet contenenti commenti misogini.[118][119][120][121]

Alla fine Rusev e Lana si sono riuniti nel novembre 2015, ma questa volta Rusev ha continuato a mantenere la sua nazionalità bulgara.[88] La coppia ha inoltre iniziato a baciarsi in pubblico e Rusev si è mostrato più gentile nei confronti di Lana,[88] arrivando anche ad abbandonare un match dopo che Lana aveva accidentalmente subito un infortunio;[91] in seguito a ciò Lana ha iniziato a simulare degli infortuni per distrarre gli avversari di Rusev per aiutarlo.[92][93] Sempre nel mese di novembre Rusev ha allo stesso stesso formato insieme al messicano Alberto Del Rio, al britannico King Barrett e all'irlandese Sheamus la League of Nations, i cui membri avevano come punto in comune il fatto di non essere statunitensi, ma di essere nati in Paesi esteri e di essere diventati dei wrestler affermati in tutto il mondo.[89][90]

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

La gestione di Rusev durante la faida con John Cena è stata criticata. Haydn Gleed del Pro Wrestling Dot Net nel settembre 2015 ha scritto:

« La WWE sta perdendo un sacco di soldi con Rusev... [A WrestleMania e a Payback contro Cena] è dove il momentum di Rusev sarebbe dovuto salire alle stelle, ma invece ha subito una battuta d'arresto... È passato dall'intimorire i babyface che affrontava e battere tutto coloro che venivano messi dinnanzi a lui, all'inseguire la donna [Lana] che ha perso, facendo vestire qualcuno come lei [Summer Rae] e combattendo con un ragazzo che ha l'aspetto di un reietto degli anni ottanta [Dolph Ziggler].[122] »
(Hayden Gleed del Pro Wrestling Dot Net nel settembre 2015 fa un confronto tra il Rusev prima e durante la faida con Cena e quello dopo essere stato sconfitto da Cena per tre volte consecutive)

Anche la gestione da parte della WWE della storyline tra Rusev, Lana e Summer Rae dopo l'annuncio da parte di TMZ del fidanzamento nella vita reale tra Rusev e Lana è stata criticata. Jeff Hamlin del Wrestling Observer ha scritto:

« Sono stati sei i minuti in cui Rusev è stato punito in diretta televisiva nazionale per essersi fidanzato con la sua ragazza di lunga data [Lana]... [Dopo] il job più pulito che abbia mai concesso... [Summer Rae] ha eseguito un promo scritto da Vince McMahon... che lo ha completamente castrato [Rusev]... Come faranno a far tornare Rusev come un wrestler da temere dopo questo segmento è aldilà della mia comprensione, ma forse era proprio questo l'intento.[123] »
(Jeff Hamlin del Wrestling Observer descrive la rottura tra Rusev e Summer Rae nell'ottobre 2015)

Infortuni subiti[modifica | modifica wikitesto]

Barnjašev ha subito diversi infortuni nel corso della sua carriera, alcuni anche piuttosto gravi, come quando nel 2010 si è rotto sia il legamento crociato anteriore sia il menisco e ha trascorso sei mesi di riabilitazione,[9] oppure quando nel 2012 si è rotto il collo e il suo braccio è stato temporaneamente paralizzato.[18]

Più recentemente nel 2015 ha subìto due infortuni: una frattura al piede nel mese di maggio[65] e lo strappo di un bicipite nel mese di ottobre.[85]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Barnjašev e altri wrestler della VPW sono comparsi nel video musicale della canzone The Whole F'n Show dei Kushinator (la musica d'ingresso del wrestler Rob Van Dam).[124]

Rusev ha fatto il suo debutto come personaggio giocabile nel videogioco WWE 2K15 ed è uno dei protagonisti nella modalità "Who Got NXT".[125] È apparso come personaggio giocabile anche nel videogioco WWE 2K16.[126]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Barnjašev è in una relazione con Catherine Joy Perry, meglio conosciuta nella WWE come Lana.[127] La coppia vive insieme a Nashville.[4] È tifoso del Real Madrid, squadra spagnola di calcio,[128] e dei Los Angeles Clippers, squadra di pallacanestro dell'NBA.[129]

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Rusev applica la Accolade su Zack Ryder

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Manager[modifica | modifica wikitesto]

Rusev (a destra) insieme alla manager Lana nell'aprile 2014

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Rusev con lo United States Championship nel febbraio 2015

Nei videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Rusev, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  2. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Rusev, su WWE.com, WWE. URL consultato il 20 giugno 2016.
  3. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Alexander Rusev, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 12 dicembre 2015. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  4. ^ a b c (EN) James Caldwell, Rusev & Lana's relationship status revealed via mega-purchase, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 1º marzo 2015. URL consultato il 1º marzo 2015.
  5. ^ (EN) Rusev, su WWE.com, WWE. URL consultato il 20 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 20 luglio 2014).
  6. ^ a b c (EN) Marissa Payne, Vladimir Putin makes his WWE debut at 'Extreme Rules', su washingtonpost.com, The Washington Post, 5 maggio 2014. URL consultato il 10 novembre 2015.
  7. ^ a b (EN) Alexander Rusev Body Measurements Height Weight Shoe Biceps Size Vital Stats, su celebrityinside.com, Celebrity Inside, 11 dicembre 2015. URL consultato il 20 giugno 2016.
  8. ^ a b (EN) Alexander Rusev, su fcwwrestling.info, Florida Championship Wrestling. URL consultato il 20 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2012).
  9. ^ a b c d e f g h i j k l m (EN) Byron Saxton, Alexander Rusev: NXT's brewing storm, su WWE.com, WWE, 29 agosto 2013. URL consultato il 10 novembre 2015.
  10. ^ a b (EN) Rusev, su gerweck.net, Gerweck, 18 gennaio 2014. URL consultato il 3 aprile 2015.
  11. ^ a b (EN) United States Championship, su wwe.com, WWE, 17 febbraio 2016. URL consultato il 5 giugno 2016.
  12. ^ a b c d (EN) World Wrestling Entertainment Signs 'The Bashing Bulgarian', su novinite.com, One Click Media Group, 30 settembre 2010. URL consultato il 15 settembre 2013.
  13. ^ a b (EN) Matthew Byer, Gangrel still a force at 42, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 21 ottobre 2011. URL consultato il 14 settembre 2013.
  14. ^ a b (EN) Vendetta Pro Wrestling results – Winter Wonder Slam (Jan. 2010), su vendettaprowrestling.com, Vendetta Pro Wrestling, 30 dicembre 2013. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  15. ^ a b (EN) Richard Trionfo, Florida Championship Wrestling television report, su pwinsider.com, PWInsider, 17 luglio 2011. URL consultato il 21 settembre 2013.
  16. ^ a b c (EN) Ryan Pendry, 7/8 FCW results in Gainesville, Fla., su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 9 luglio 2011. URL consultato il 15 settembre 2013.
    «Alexander Rusev ha sconfitto Mike Dalton con un Oklahoma roll into a release German suplex per un conto di tre».
  17. ^ a b (EN) Josh Parry, 3/2 FCW results Kissimmee, Fla., su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 4 marzo 2012. URL consultato il 20 dicembre 2015.
    «Rusev e Rogers sono un tandem molto impressionante. Rusev, il grande uomo, è uscito dal ring quando Rogers si è unito a lui in jeans e con una giacca di jeans soffiando forte un fischietto».
  18. ^ a b (EN) Erik Beaston, WWE: 10 Reasons Alexander Rusev Can Be A Top Guy
    4. Perseverance And Dedication
    , su whatculture.com, WhatCulture.com, 11 aprile 2014. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  19. ^ (EN) WWE News: FCW name being phased out, su f4online.com, Wrestling Observer Newsletter, 14 agosto 2012. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  20. ^ (EN) Emerson Witner, WWE NXT TV report, su f4online.com, Wrestling Observer Newsletter, 30 maggio 2013. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  21. ^ a b c (EN) Justin James, James's WWE NXT Results 8/21 & 8/28 & 9/4, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 5 settembre 2013. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  22. ^ a b (EN) Byron Saxton, Making money: Sylvester Lefort's lucrative path to NXT, su wwe.com, WWE, 12 settembre 2013. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  23. ^ a b (EN) Justin James, James's WWE NXT Report 9/11, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 13 settembre 2013. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  24. ^ a b c (EN) Justin James, James's WWE Report 10/9"., su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 10 ottobre 2013. URL consultato il 20 dicembre 2015.
    «Rusev va con un butt splash, poi una camel clutch (che lui chiama The Accolade) per ottenere la vittoria».
  25. ^ a b (EN) Justin James, James's WWE NXT Report 10/30, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 1º novembre 2013. URL consultato il 20 dicembre 2015.
    «Lefort sale sul ring e Rusev lo mette giù al tappeto con un belly splash senza alcuna apparente ragione. [Rusev] torna nel dietro le quinte senza Lefort».
  26. ^ a b c (EN) Justin James, James's WWE NXT Report 10/30, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 1º novembre 2013. URL consultato il 10 novembre 2015.
    «Lefort sale sul ring e Rusev lo mette giù al tappeto con un belly splash senza alcuna apparente ragione. [Rusev] va nel backstage senza Lefort».
  27. ^ a b (EN) Justin James, James's WWE NXT Report 11/20, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 21 novembre 2013. URL consultato il 10 novembre 2015.
    «La misteriosa bionda annuncia Alexander Rusev. Apparentemente lei è "Lana", la sua ambasciatrice sociale».
  28. ^ (EN) Byron Saxton, 'The NXT Champ Report': Bo Dallas evaluates five of NXT's rising stars, su WWE.com, WWE, 4 dicembre 2013. URL consultato il 10 novembre 2015.
    «Alexander Rusev e Lana mi ricordano di quel duo di Rocky IV».
  29. ^ (EN) Justin James, James's WWE NXT Report 2/5, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 6 febbraio 2014. URL consultato il 10 novembre 2015.
  30. ^ (EN) David Pee, Ongoing NXT Spoilers: Updated 11:21 pm ET, su pwinsider.com, PWInsider, 11 novembre 2013. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  31. ^ (EN) Billy Krotchsen, WWE NXT Spoilers from Full Sail University, su pwinsider.com, PWInsider, 10 gennaio 2014. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  32. ^ (EN) Justin James, James's WWE NXT results 1/1 – Week 79: Zayn/Generico in 2/3 Falls match, Kingston, Natalya, Overall Reax, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 2 gennaio 2014.
  33. ^ (EN) Justin James, James' NXT report 1/8 - Week 80: NXT tag champs in action, Summer Rae, Tyson Kidd, Rusev, Overall Reax, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 9 gennaio 2014.
  34. ^ a b (EN) Justin James, James's WWE NXT report 2/5 – Week 84: Triple H makes an announcement, Neville/Pac vs. Graves, Sin Cara, Kidd, Rusev, Emma, more; Overall Reax, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 6 febbraio 2014.
  35. ^ (EN) Nolan Howell, NXT ArRival: Neville reaches for the gold, su slamcanoe.ca, SLAMǃ Wrestling, 27 febbraio 2014. URL consultato il 10 novembre 2015.
  36. ^ (EN) Justin James, James's WWE NXT TakeOver report 5/29: Complete "virtual-time" coverage of live special on WWE Network, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 29 maggio 2014. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  37. ^ (EN) Justin James, James's WWE NXT Report 7/24, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 25 luglio 2014. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  38. ^ a b (EN) RUMBLE PPV NEWS: Batista, undercard losers not included, this year's surprise entries, Bray's big night, The Crowd, PW Torch. URL consultato il 17 dicembre 2014.
  39. ^ a b (EN) Greg Parks, Parks's WWE SmackDown report 1/31: Ongoing "virtual time" coverage of Friday show, including The Shield vs. Daniel Bryan & Sheamus & Rey Mysterio, Pro Wrestling Torch, 31 gennaio 2014. URL consultato il 10 novembre 2015.
  40. ^ a b (EN) Greg Parks, Parks's WWE SmackDown report 2/7: Ongoing "virtual time" coverage of the Friday night show, including Orton vs. Christian, Pro Wrestling Torch, 7 febbraio 2014. URL consultato il 10 novembre 2015.
  41. ^ a b (EN) James Caldwell, Caldwell's WWE Raw results 3/10: Complete "virtual-time" coverage of live Raw – Bryan "hi-jacks" Raw, Taker & Hogan back on TV, Cena vs. Wyatts feud continues, Pro Wrestling Torch, 10 marzo 2014. URL consultato il 10 novembre 2015.
  42. ^ (EN) James Caldwell, Raw news: Bryan's first night as champ, Taker update, Cesaro joins Heyman, Warrior returns, RVD returns, Paige debuts & wins Divas Title, other NXT intros, more, Pro Wrestling Torch, 8 aprile 2014. URL consultato il 10 novembre 2015.
  43. ^ a b (EN) Anthony Benigno, Rusev def. Kofi Kingston, su wwe.com, WWE, 5 maggio 2014. URL consultato il 5 maggio 2014.
  44. ^ (EN) Scott Taylor, Rusev def. Big E, su wwe.com, WWE, 1º giugno 2014.
  45. ^ (EN) Ryan Pappolla, Rusev def. Rusev, su wwe.com, WWE, 29 giugno 2014.
  46. ^ (EN) Ryan Murphy, Rusev def. Jack Swagger by count-out, su wwe.com, WWE, 20 luglio 2014. URL consultato il 20 luglio 2014.
  47. ^ (EN) John Clapp, Rusev def. Jack Swagger (Flag Match), su wwe.com, WWE, 17 agosto 2014. URL consultato il 17 agosto 2014.
  48. ^ (EN) Mitch Passero, Rusev def. Mark Henry, su wwe.com, WWE, 21 settembre 2014. URL consultato il 21 settembre 2014.
  49. ^ (EN) John Clapp, Rusev def. Big Show via submission, su wwe.com, WWE, 14 ottobre 2014. URL consultato il 14 ottobre 2014.
  50. ^ (EN) Melissa Payne, WWE alludes to Malaysian Airlines Flight 17 during 'Battleground' and it did not go over so well, su washingtonpost.com, The Washington Post, 21 luglio 2014. URL consultato il 10 novembre 2015.
  51. ^ (EN) WWE's Lana under fire for pro-Russia comments, su torontosun.com, Toronto Sun, 21 luglio 2014. URL consultato il 10 novembre 2015.
  52. ^ (EN) WWE's Lana references Malaysia air tragedy during pro-Russian skit, su tmz.com, TMZ, 21 luglio 2014. URL consultato il 10 novembre 2015.
  53. ^ (EN) James Caldwell, Raw News: Rock surprise return, Reigns non-live return, Edge back on TV, Lesnar MIA, next week's Raw guest star, more, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 6 ottobre 2014. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  54. ^ a b c d (EN) James Caldwell, RAW NEWS: Rusev captures U.S. Title on WWE Network, Vince McMahon returns, Orton gone from Authority?, no Cena, IC Title match, Xavier Woods re-packaged, Ambrose-Wyatt, more, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 3 novembre 2014. URL consultato il 17 dicembre 2014.
  55. ^ (EN) WWE Survivor Series: The Authority feels the Sting of defeat, su slam.canoe.ca, SLAMǃ Wrestling, 24 novembre 2014. URL consultato il 17 dicembre 2014.
    «Rusev si è duramente schiantato attraverso il tavolo. Ziggler è tornato nel ring, ma nemmeno l'aiuto dei tirapiedi di Triple H è stato in grado di far tornare Rusev sul ring prima che l'arbitro arrivasse al conteggio di 10, venendo eliminato».
  56. ^ (EN) Bobby Melock, United States Champion Rusev def. Jack Swagger, su wwe.com, WWE, 14 dicembre 2014. URL consultato il 14 dicembre 2014.
  57. ^ (EN) James Caldwell, Caldwell;s Royal Rumble PPV Report 1/25, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 25 gennaio 2015. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  58. ^ (EN) Michael Burdick, United States Champion Rusev def. John Cena, su WWE.com, WWE, 22 febbraio 2015. URL consultato il 22 febbraio 2015.
  59. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE FAST LANE PPV RESULTS 2/22: Ongoing "virtual-time" coverage of Bryan vs. Reigns, Cena vs. Rusev, Sting-Hunter confrontation, final PPV before WM31, su pwtorch.com, Pro Wrestlign Torch, 22 febbraio 2015. URL consultato il 22 febbraio 2015.
  60. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WM31 PPV RESULTS 3/29: Ongoing "virtual-time" coverage of WWE World Title match, Taker's return, Sting vs. Triple H, Cena vs. Rusev, more big matches, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 29 marzo 2015. URL consultato il 29 marzo 2015.
  61. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S EXTREME RULES PPV REPORT 4/26: Ongoing "virtual-time" coverage of live PPV - Rollins vs. Orton steel cage, Cena vs. Rusev, Last Man Standing, more, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 26 aprile 2014. URL consultato il 26 aprile 2015.
  62. ^ a b (EN) Bobby Melock, United States Champion John Cena def. Rusev ("I Quit" Match), su WWE.com, WWE, 17 maggio 2015. URL consultato il 17 maggio 2015.
  63. ^ a b (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 5/18: Ongoing "virtual-time" coverage of live Raw - Payback PPV fall-out, three title matches advertised, more, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 18 maggio 2015. URL consultato il 18 maggio 2015.
  64. ^ a b (EN) James Caldwell, Caldwell's WWE Raw Results 5/25, Pro Wrestling Torch, 25 maggio 2015. URL consultato il 25 maggio 2015.
  65. ^ a b (EN) Rusev not medically cleared to compete tonight at Elimination Chamber 2015, su WWE.com, WWE, 31 maggio 2015. URL consultato il 31 maggio 2015.
  66. ^ a b (EN) Rusev addresses his injury: Raw, June 1, 2015, su youtube.com, WWE, 1º giugno 2015. URL consultato il 1º giugno 2015.
  67. ^ a b (EN) "Miz TV” with special guest Lana: WWE SmackDown, June 4, 2015, su youtube.com, WWE, 4 giugno 2015. URL consultato il 4 giugno 2015.
  68. ^ a b c (EN) Emotional Rusev crashes Lana's interview: June 10, 2015, su youtube.com, WWE, 10 giugno 2015. URL consultato il 10 giugno 2015.
  69. ^ (EN) Lana kisses Dolph Ziggler: Raw, May 18, 2015, su youtube.com, WWE, 18 maggio 2015. URL consultato il 18 maggio 2015.
  70. ^ a b (EN) Rusev tries to patch things up with Lana: Raw, May 25, 2015, su youtube.com, WWE, 25 maggio 2015. URL consultato il 25 maggio 2015.
  71. ^ a b c (EN) An incensed Rusev makes his brutal intentions public: SmackDown, July 2, 2015, su youtube.com, WWE, 2 luglio 2015. URL consultato il 2 luglio 2015.
  72. ^ (EN) Anthony Benigno, Dolph Ziggler and Lana went public as a couple, su WWE.com, WWE, 29 giugno 2015. URL consultato il 29 giugno 2015.
  73. ^ (EN) Anthony Benigno, Rusev attacked Dolph Ziggler, su WWE.com, WWE, 6 luglio 2015. URL consultato il 6 luglio 2015.
  74. ^ (EN) Michael Burdick, Rusev def. Fandango, su WWE.com, WWE, 9 luglio 2015. URL consultato il 9 luglio 2015.
  75. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 7/13: Ongoing "virtual-time" coverage of live Raw - Brock Smash, final Battleground PPV hype, more, su Pro Wrestling Torch, 13 luglio 2015. URL consultato il 13 luglio 2015.
  76. ^ (EN) Michael Burdick, Cesaro def. Rusev, su WWE.com, WWE, 16 luglio 2015. URL consultato il 16 luglio 2015.
  77. ^ (EN) James Wortman, Dolph Ziggler vs. Rusev ended in a Double Count-out, su WWE.com, WWE, 23 agosto 2015. URL consultato il 29 agosto 2015.
  78. ^ (EN) Michael Burdick, Dolph Ziggler def. Rusev, su WWE.com, WWE, 20 settembre 2015. URL consultato il 15 ottobre 2015.
  79. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 10/5: Complete "virtual-time" coverage of live Raw - Lesnar returns, Cena's Open Challenge, more, Pro Wrestling Torch, 5 ottobre 2015. URL consultato il 5 ottobre 2015.
  80. ^ (EN) WWE Stars Lana and Rusev Are Getting Married!!, TMZ, 11 ottobre 2015. URL consultato l'11 ottobre 2015.
  81. ^ (EN) WWE.com Exclusive: Lana confirms engagement to Rusev, WWE, 12 ottobre 2015. URL consultato il 12 ottobre 2015.
  82. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 10/12: Complete "virtual-time" coverage of live Chicago Raw - Cena's U.S. Title Open Challenge, WWE Champ loses in main event, more, Pro Wrestling Torch, 12 ottobre 2015. URL consultato il 12 ottobre 2015.
  83. ^ (EN) Thomas Robinson, Everything That's Wrong With The Dolph Ziggler/Lana/Rusev Storyline, su thearmbarexpress.com, The Armbar Express, 2 settembre 2016. URL consultato l'8 giugno 2016.
  84. ^ a b (EN) Kenny Herzog, WWE Wrestler(s) of the Year: The New Day, su rollingstone.com, Rolling Stone, 14 dicembre 2015. URL consultato il 6 giugno 2016.
  85. ^ a b (EN) Rusev injured during WWE Main Event tapings, su WWE.com, WWE, 29 ottobre 2015. URL consultato il 29 ottobre 2015.
  86. ^ (EN) Anthony Benigno, Roman Reigns confronted WWE World Heavyweight Champion Sheamus, su wwe.com, WWE, 23 novembre 2015. URL consultato il 23 novembre 2015.
  87. ^ (EN) Anthony Benigno, Roman Reigns def. Rusev via Disqualification, su wwe.com, WWE, 23 novembre 2015. URL consultato il 23 novembre 2015.
  88. ^ a b c (EN) Rusev and Lana heat up "Miz TV": Raw, November 30, 2015, su youtube.com, WWE, 30 novembre 2015. URL consultato il 30 novembre 2015.
  89. ^ a b (EN) Anthony Benigno, Roman Reigns def. WWE World Heavyweight Champion Sheamus via Disqualification, su wwe.com, WWE, 30 novembre 2015. URL consultato il 30 novembre 2015.
  90. ^ a b (EN) Anthony Benigno, The League of Nations & WWE Tag Team Champions The New Day def. Roman Reigns, Dean Ambrose & The Usos, su wwe.com, WWE, 30 novembre 2015. URL consultato il 30 novembre 2015.
  91. ^ a b (EN) Anthony Benigno, Ryback def. Rusev via Count-out, su wwe.com, WWE, 30 novembre 2015. URL consultato il 30 novembre 2015.
  92. ^ a b (EN) Anthony Benigno, Ryback vs. Rusev ended in a Double Count-out, su wwe.com, WWE, 7 dicembre 2015. URL consultato il 7 dicembre 2015.
  93. ^ a b (EN) Greg Adkins, Rusev def. Ryback, su wwe.com, WWE, 13 dicembre 2015. URL consultato il 13 dicembre 2015.
  94. ^ (EN) Ryan Murphy, Triple H won the 2016 Royal Rumble Match for the WWE World Heavyweight Championship, su wwe.com, WWE, 24 gennaio 2016. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  95. ^ (EN) Ryan Murphy, Rumble Match Statistics, su wwe.com, WWE, 24 gennaio 2016. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  96. ^ (EN) Greg Adkins, The New Day courts controversy on 'The Cutting Edge Peep Show', su wwe.com, WWE, 21 febbraio 2016. URL consultato il 22 febbraio 2016.
  97. ^ (EN) Anthony Benigno, The New Day presents: The League of Nations' plot against The New Day, su wwe.com, WWE, 3 marzo 2016. URL consultato il 3 marzo 2016.
  98. ^ (EN) John Clapp, WWE Tag Team Champions Big E & Kofi Kingston def. Sheamus & King Barrett, su wwe.com, WWE, 12 marzo 2016. URL consultato il 13 marzo 2016.
  99. ^ (EN) Anthony Benigno, The New Day def. Alberto Del Rio & Rusev, su wwe.com, WWE, 14 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  100. ^ (EN) Michael McAvennie, The League of Nations def. The New Day (Non-Title Match), su wwe.com, WWE, 3 aprile 2016. URL consultato il 4 aprile 2016.
  101. ^ (EN) John Clapp, WWE Tag Team Champions The New Day def. Sheamus & King Barrett, su wwe.com, WWE, 4 aprile 2016. URL consultato il 4 aprile 2016.
  102. ^ (EN) Scott Taylor, United States Champion Kalisto, Sami Zayn & Cesaro def. Sheamus, Rusev & Alberto Del Rio by Count-out, su wwe.com, WWE, 28 aprile 2016. URL consultato l'8 giugno 2016.
  103. ^ (EN) Adam Martin, League of Nations dissolute, su wrestleview.com, Wrestleview, 26 aprile 2016. URL consultato l'8 giugno 2016.
  104. ^ Filmato audio(EN) WWE, Rusev vows to eat Kalisto's heart: WWE.com Exclusive, May 4, 2016, WWE.com, 4 maggio 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  105. ^ Rusev ha eliminato per ultimo Zack Ryder e, tra gli altri, anche l'ex compagno della League of Nations, Alberto Del Rio, che aveva a sua volta eliminato Sheamus, altro membro della League of Nations.
  106. ^ (EN) Anthony Benigno, Rusev won a Battle Royal to become No. 1 Contender for the U.S. Championship, su wwe.com, WWE, 2 maggio 2016. URL consultato l'8 giugno 2016.
  107. ^ (EN) Greg Adkins, Rusev def. United States Champion Kalisto, su wwe.com, WWE, 22 maggio 2016. URL consultato l'8 giugno 2016.
  108. ^ (EN) Michael Burdick, United States Champion Rusev def. Kalisto – United States Title Match, su wwe.com, WWE, 26 maggio 2016. URL consultato l'8 giugno 2016.
  109. ^ (EN) Michael Burdick, United States Champion Rusev def. Titus O'Neil, su wwe.com, WWE, 19 giugno 2016. URL consultato il 20 giugno 2016.
  110. ^ (EN) James Caldwell, 6/19 WWE MITB PPV Results – Caldwell's Complete Live Report, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 19 giugno 2016. URL consultato il 20 giugno 2016.
  111. ^ (EN) John Cena displays reckless abandon to get his rematch with Rusev: Raw, March 9, 2015, su youtube.com, WWE, 9 marzo 2015. URL consultato il 9 marzo 2015.
  112. ^ (EN) Rusev blames Lana for his loss to John Cena at WWE Payback: Raw, May 18, 2015, su youtube.com, WWE, 18 maggio 2015. URL consultato il 18 maggio 2015.
  113. ^ (EN) James Wortman, United States Champion John Cena def. Rusev (Russian Chain Match), su wwe.com, WWE, 26 aprile 2015. URL consultato il 26 aprile 2015.
  114. ^ (EN) RusevBul, I watch you @LanaWWE . I see you. #Smackdown (Tweet), twitter.com, 19 giugno 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  115. ^ (EN) RusevBul, @LanaWWE @HEELZiggler oh you mean this guy!? (Tweet), twitter.com, 23 giugno 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  116. ^ (EN) LanaWWE, . @RusevBUL Yes, but "this guy" @HEELZiggler would never be caught doing something like this! (Tweet), twitter.com, 23 giugno 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  117. ^ (EN) Summer Rae mocks Lana: Raw, July 20, 2015, su youtube.com, WWE, 20 luglio 2015. URL consultato il 20 luglio 2015.
  118. ^ (EN) RusevBul, It's not @RealSummerWWE or @LanaWWE fault. They are just women. (Tweet), twitter.com, 8 settembre 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  119. ^ (EN) RusevBul, Why all American women hug and cry after they fight ? (Tweet), twitter.com, 17 settembre 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  120. ^ (EN) RusevBul, Women............. (Tweet), twitter.com, 21 settembre 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  121. ^ (EN) RusevBul, Last thing today. That one @RealPaigeWWE shouldn't speak about superior women than her like this. (Tweet), twitter.com, 22 settembre 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  122. ^ (EN) Haydn Gleed, Gleed's Blog: WWE is losing out on a ton of money with Rusev, su prowrestling.net, Pro Wrestling Dot Net, 3 settembre 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  123. ^ (EN) Jeff Hamlin, WWE Raw Live Results 10-12, su f4wonline.com, Wrestling Observer Newsletter, 12 ottobre 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  124. ^ (EN) Vendetta Pro superstars appear in Rob Van Dam's Theme Song Video by Kushinator, su vendettaprowrestling.com, Vendetta Pro Wrestling, 27 ottobre 2010. URL consultato il 10 novembre 2015.
  125. ^ (EN) Jordan Sirani, WWE 2K15 who got NXT mode announced and detailed, su ign.com, IGN, 24 ottobre 2014. URL consultato il 24 ottobre 2015.
  126. ^ (EN) WWE.com Staff, Superstars and Divas featured on WWE 2K16 roster list, su wwe.com, WWE, 15 settembre 2014. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  127. ^ (EN) Mike Johnson, WWE STARS ENGAGED, PWInsider, 11 ottobre 2015. URL consultato l'11 ottobre 2015.
  128. ^ (EN) Austin Heiberg, Rusev and Lana Were At Real Madrid’s Stadium To CRUSH Some Penalty Kicks, su uproxx.com, 13 novembre 2014. URL consultato il 13 novembre 2015.
  129. ^ Me and the @LanaWWE Let's go clippers let's go!!! @LAClippers @blakegriffin32 @CP3, su twitter.com, Twitter, 22 ottobre 2015. URL consultato il 16 dicembre 2015.
  130. ^ (EN) James Justin, James's WWE NReport 10/23, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 25 ottobre 2013.
    «Rusev intrappola Parker nella Accolade (camel clutch) ottenendo una veloce vittoria per sottomissione».
  131. ^ (EN) Richard trionfo, WWE NXT Report: A Voice From The Past Returns; NXT Title Match Set For 2/27; The Airplane Spin Gets Grounded; And More, su pwinsider.com, PWInsider, 27 febbraio 2014. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  132. ^ (EN) Greg Parks, Parks's WWE SmackDown report 4/18: Ongoing "virtual time" coverage of Friday show, including Batista vs. Sheamus, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 18 aprile 2014. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  133. ^ (EN) WWE Battleground: Weekend rivals Rusev and Jack Swagger have plenty in common, su skysports.com, Sky Sports, 17 luglio 2014.
  134. ^ (EN) Scott Taylor, Rusev def. Dolph Ziggler, su wwe.com, WWE, 21 novembre 2014. URL consultato il 20 dicembre 2015.
    «[...] è stato un esplosivo superkick da parte del detentore dello United States Championship che ha lasciato la superstar bianco-bionda giù per il conto di tre».
  135. ^ a b c (EN) Richard Trionfo, WWE NXT Report: Zayn Versus Cesaro Two Out Of Three Falls; Divas Title Match; Dolph Ziggler In Action; A Tough Enough Alumnus In Action; The Ascension; CJ Parker And Tyler Breeze; And More, su pwinsider.com, PWInsider, 22 agosto 2013. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  136. ^ a b (EN) Richard Trionfo, WWE NXT Report: Beat The Clock Challenge; Bo Dallas Slideshow; Bayley Vows Revenge; New Interviewers, su pwinsider.com, PWInsider, 20 novembre 2013. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  137. ^ a b c (EN) Richard Trionfo, WWE NXT Report: Sing Off; A Big Return; Two Out Of Three Falls Match; Number One Contender Match; And More, su pwinsider.com, PWInsider, 1º gennaio 2014. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  138. ^ a b c d (EN) Richard Trionfo, WWE NXT Report: Women's Title Status; Tag Champs Versus Tag Champs In Six Man Action; And More, su pwinsider.com, PWInsider, 24 aprile 2014. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  139. ^ (EN) Mike Tedesco, WWE Raw Results - 7/13/15 (WWE Title Contract Signing), su wrestleview.com, WrestleView, 13 luglio 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  140. ^ (EN) Richard Trionfo, Complete WWE At Madison Square Garden Coverage: US Title Cage Match, Lesnar Versus Show, When Is One Choke Slam Greater Than Three?, 25 Years Of Jericho, Six Diva Tag Match, And More, su pwinsider.com, PWInsider, 3 ottobre 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  141. ^ (EN) Greg Oliver, Rusev wins U.S. title on WWE Network, su slam.canoe.ca, Slam! Wrestling, 3 novembre 2014. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  142. ^ (EN) Greg Parks, Parks's WWE SmackDown report 12/26: Ongoing "virtual time" coverage of Friday show, including Hulk Hogan appearance, U.S. Title match, Kane vs. Ryback, more, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 26 dicembre 2014. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  143. ^ (EN) Greg Parks, Parks's WWE SmackDown report 1/2: Ongoing "virtual time" coverage of Friday show, including Roman Reigns vs. Rusev, Big Show vs. Ryback, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 2 gennaio 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  144. ^ a b (EN) Richard Tronfo, WWE SmackDown Report, su pwinsider.com, PWInsider, 18 aprile 2014.
    «Rusev mette Truth sulla corda più alta e connette una serie di ginocchiate alle costole...».
  145. ^ (EN) Justin James, James's WWE NXT Report 1/8, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 9 gennaio 2014. URL consultato il 20 dicembre 2015.
    «Rusev mette a segno un Samoan drop su un Woods in corsa per un conteggio di uno».
  146. ^ (EN) Justin James, James's WWE NXT Report 1/15, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 16 gennaio 2014. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  147. ^ (EN) Greg Parks, Show results – 7/18 NXT in Tampa, Fla., su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 19 luglio 2013. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  148. ^ (EN) Matt Bishop, Raw: A night of new beginnings, su slam.canoe.ca, Slam! Wrestling, 7 aprile 2014. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  149. ^ (EN) James Caldwell, Caldwell's WWE Raw results 5/5: Complete "virtual-time" coverage of live Raw – PPV fall-out, U.S. Title battle royal, IC Title re-match, Shield vs. Wyatts, more, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 5 maggio 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  150. ^ (EN) Anthony Benigno, WWE Raw results, Sept. 7, 2015: Sting torments Rollins and Charlotte rains on Nikki's 'Bellabration', su wwe.com, WWE, 7 settembre 2015. URL consultato l'8 giugno 2016.
    «Ziggler sorprende "Ru Ru"».
  151. ^ Filmato audio(EN) WWE, Dolph Ziggler weighs in on Summer Rae's apology to Rusev: Raw, September 7, 2015, su YouTube, WWE, 7 settembre 2014. URL consultato l'8 giugno 2016.
    «Ru Ru! O mio Dio, grazie così tanto per la tua comprensione!».
  152. ^ (EN) RusevBul, I am what I am..... #RussianTank (Tweet), twitter.com, 31 marzo 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  153. ^ (EN) Michael Burdick, Rusev promises to crush The Champ at WWE Payback, su wwe.com, WWE, 7 maggio 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  154. ^ Darren Gutteridge, 9/5 Gutteridge's WWE NXT Review: Sami Zayn vs. Jack Swagger, Corey Graves vs. Rick Victor, Alexander Rusev vs. Mason Ryan, and Bayley and Charlotte vs. Alicia Fox and Aksana, su prowrestling.net, Pro Wrestling Dot Net, 6 settembre 2013. URL consultato il 25 gennaio 2014.
    «Rusev fa il suo ingresso con l'inno nazionale bulgaro».
  155. ^ WWE: Рев на лъвът (Roar of the Lion) [Rusev], su itunes.com, iTunes, 27 febbraio 2014. URL consultato il 27 febbraio 2015.
  156. ^ (EN) The music of WWE NXT, su wwe.com, WWE, 5 marzo 2014. URL consultato l'8 giugno 2016.
  157. ^ WWE: A League of Their Own (The League of Nations) - Single, su itunes.com, iTunes, 11 dicembre 2015. URL consultato il 13 dicembre 2015.
  158. ^ (EN) Ryback & Jack Swagger vs. Alberto Del Rio & Rusev: Raw, December 14, 2015, su youtube.com, WWE, 14 dicembre 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  159. ^ (EN) Most Improved Wrestler of the Year, in Pro Wrestling Illustrated, vol. 36, 26 gennaio 2014, p. 16-17.
  160. ^ (EN) Pro Wrestling Illustrated (PWI) 500 for 2014, su profightdb.com, The Internet Wrestling Database. URL consultato il 2 dicembre 2014.
  161. ^ a b (EN) Dave Meltzer, Jan. 26, 2015 Wrestling Observer Newsletter: 2014 awards issue w/ results & Dave’s commentary, Conor McGregor, and much more, in Wrestling Observer Newsletter, vol. 10839593, 26 gennaio 2014, p. 33.
  162. ^ (EN) What is a Slammy?, su wwe.com, WWE, 23 febbraio 2008. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  163. ^ (EN) Nick Tylwalk, Raw: Newer stars take most of the 2014 Slammy Awards, su slam.canoe.com, SLAMǃ Wrestling, 9 dicembre 2014. URL consultato il 10 novembre 2015.
  164. ^ 2K svela il gioco di carte online WWE Supercard, su spaziogames.it, Spaziogames. URL consultato l'8 giugno 2016.
  165. ^ (EN) WWE 2K15, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato l'8 giugno 2016.
  166. ^ (EN) WWE 2K16, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato l'8 giugno 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]