Mike Bennett (wrestler)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mike Kanellis
Maria & Michael (cropped).jpg
Mike Bennett nel 2015.
NomeMichael Bennett
Ring nameMichael Bennett
Mike Bennet[1]
Mike Kanellis[2]
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
NascitaCarver, Massachusetts
16 maggio 1985 (34 anni)
Altezza175 cm
AllenatoreBob Evans
Steve Bradley
Debutto2002
FederazioneWWE205 Live
Progetto Wrestling

Michael Bennett (Carver, 16 maggio 1985) è un wrestler statunitense sotto contratto con la WWE, dove lotta nel roster di 205 Live con il ring-name di Mike Kanellis.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Circuito indipendente (2002–2010)[modifica | modifica wikitesto]

Bennett fa il suo debutto nel wrestling nel 2002, apparendo nella East Coast Wrestling Association, perdendo contro Big Benny. Il 3 ottobre 2004, nella New England Wrestling Association, Bennett prende parte ad una Battle Royal per decretare i due sfidanti al vacante NEWA Heavyweight Championship. Bennett e Brian Rogers furono i due uomini rimasti e, la stessa sera, Bennett sconfisse Rogers conquistando il suo primo titolo, il NEWA Heavyweight Championship.

Bennett lotta anche nella Eastern Pro Wrestling (EPW). Il 27 aprile 2007, perde contro Derek Destiny e successivamente, contro Nick Westgate. Il giorno dopo, accompagnato da Gia Savitz, sconfigge Thom Kane. Il 16 gennaio 2010, prova a conquistare l'EPW Television Championship, ma il campione Nick Westgate lo sconfigge. Il 5 marzo, diventa primo sfidante all'EPW Heavyweight Championship, ma non riuscirà a vincerlo.

Bennett e il suo compagno Bryce Andrews appaiono il 9 aprile 2007 a Heat, perdendo contro JTG e Shad Gaspard. I due non firmeranno un contratto, anche se Andrews tornerà in WWE nel 2012 per un breve periodo sotto il nome di Chase Donovan ad NXT. Appare in singolo anche il 6 ottobre 2009 a Impact Wrestling, perdendo contro Kip James.

Nella Northeast Wrestling combatte contro Matt Hardy, non riuscendo a vincere il match. Nella Squared Circle Wrestling, sconfigge Matt Taven, salvo perdere nello show di dicembre contro lo stesso Taven.

Il 14 settembre 2012, Bennett fa il suo debutto per la Chikara, partecipando insieme agli Young Bucks al King of Trios Tournament come il Team ROH, sconfiggendo i Faces of Pain al primo turno (The Barbarian, Meng e The Warlord) al promo turno. Poi sconfiggendo Jerry Lynn, Tommy Dreamer e 2 Cold Scorpio, avanzano alle semifinali, sconfiggendo Dash Chisako, Meiko Satomura e Sendai Sachiko. Nella finale, tuttavia, il Team ROH viene sconfitto da Frightmare, Hallowicked e UltraMantis Black, quando Bennett cede alla mossa di sottomissione di Hallowicked.

Ring of Honor (2010–2015)[modifica | modifica wikitesto]

Mike Bennett (a sinistra) insieme a Bob Evans nell'ottobre del 2011.

Bennett fa il suo debutto per la Ring of Honor nel 2008, perdendo il suo primo match contro Daniel Puder l'11 gennaio. Tre mesi dopo, fa la sua seconda apparizione, perdendo contro Jason Blade. Bennett firma un contratto con la promotion nell'agosto 2010. Perde contro Roderick Strong il 10 settembre, ma, sconfiggendo Colt Cabana, guadagna la sua prima vittoria. Il 6 dicembre 2010, Bennett debutta in televisione, avendo come manager "Brutal" Bob Evans, guardando il match valido per il Television Championship fra Christopher Daniels e Eddie Edwards. Sconfiggendo Nick Dinsmore il 10 gennaio, debutta sul ring in televisione. Durante febbraio e marzo 2011, Bennett partecipa al "Top Prospect Tournament", sconfiggendo Adam Cole al primo round, Andy Ridge al secondo e Kyle O'Reilly in finale. Mentre riceveva i complimenti da parte di Steve Corino, Bennett attacca quest'ultimo, scaturendo una rivalità fra i due. Bennett vince un Fatal 4-Way contro Corino, Grizzly Redwood e Kyle O'Reilly durante lo show per il nono anniversario della nascita della federazione. Avendo vinto il "Top of Prospect Tournament", Bennett si guadagna un match valido per il ROH World Television Championship, ma perde a causa dell'interferenza di Corino. Si affrontano poi per ben due volte, a Manhattan Mayhem IV e a Revolution: Canada, con due vittorie per Bennett.

Mike Bennett (a destra) insieme a Maria Kanellis nel marzo del 2012.

Bennett riceve un altro match titolato per il titolo televisivo contro Jay Lethal il 1º ottobre, ma il match finisce oltre il tempo massimo di 15 minuti, in un No Contest. Inizia poi a proclamarsi il vero campione televisivo, andando di nuovo all'assalto del titolo a Final Resolution, accompagnato dalla sua ragazza Maria Kanellis, in un Triple Treath Match Elimination contro Lethal e El Generico, nel quale Bennett, pur essendo l'ultimo eliminato, perde, con Lethal che mantiene il titolo. Il 7 gennaio, ha un altro match valido per il titolo ma è ancora Lethal a spuntarla. Bennett, una volta persa la rivalità con Lethal, ne inizia un'altra con Lance Storm, sfidandolo a Showdown in the Sun e battendolo, perdendo però a Border Wars contro il canadese. Il 29 giugno, durante i tapings ROH, Bennett batte Storm, vincendo la faida.

Il 21 giugno, Bennett fa coppia con Brutal Bob, sconfiggendo Adam Cole ed Eddie Edwards. Dopo il match, Bennett, Bob e Maria Kanellis attaccano i due avversari, ma in loro aiuto giunge la rientrante Sara Del Rey. A Boiling Point, l'11 agosto, Bennett e Kanellis vengono sconfitti da Edwards e Del Rey in un match a coppie miste. Il 16 dicembre, a Final Battle, Bennett sconfigge Jerry Lynn, nel suo ultimo match nella ROH.

World Wrestling Entertainment (2017–presente)[modifica | modifica wikitesto]

SmackDown (2017–2018)[modifica | modifica wikitesto]

Mike Bennett ha fatto il suo esordio nella World Wrestling Entertainment (WWE) il 18 giugno 2017, al pay-per-view Money in the Bank, insieme a sua moglie Maria Kanellis. In seguito è stato reso noto che i due erano entrati a far parte del roster di SmackDown. Bennett, che nel frattempo aveva cambiato il suo ring-name in Mike Kanellis, ha combattuto il suo primo match in WWE il 18 luglio, sconfiggendo Sami Zayn grazie all'intervento scorretto di Maria. Il 23 luglio, a Battleground, è stato sconfitto dallo stesso Zayn. Nella puntata di SmackDown del 29 agosto ha perso contro il debuttante Bobby Roode.

Nel mese di settembre la moglie Maria è rimasta incinta e ha quindi dovuto abbandonare le scene della WWE per più di un anno. Nella puntata di SmackDown del 3 ottobre 2017 Mike Kanellis è stato sconfitto nuovamente da Bobby Roode, mentre il 21 novembre è apparso tra i wrestler a bordo ring durante un Lumberjack match tra Kevin Owens e Sami Zayn ed il New Day (Big E, Kofi Kingston e Xavier Woods). Il 25 novembre, a Starrcade, ha fatto squadra con Erick Rowan, Epico Colón, Luke Harper, Primo Colón e Rusev, sconfiggendo Fandango, Konnor, Sin Cara, Tye Dillinger, Tyler Breeze e Viktor. Successivamente Kanellis si è preso un periodo di pausa di qualche mese per guarire dalla sua dipendenza dagli anabolizzanti. Ha fatto ritorno l'8 aprile 2018, a WrestleMania 34, partecipando all'annuale André the Giant Memorial Battle Royal, dove è stato eliminato da Sin Cara.

Raw e 205 Live (2018–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Con il Superstar Shake-up del 16 aprile 2018 Mike Kanellis è stato trasferito nel roster di Raw. Il 27 aprile 2018, a Greatest Royal Rumble, Kanellis ha partecipato al primo 50-Men Royal Rumble match della storia, entrando con il numero 6 e venendo eliminato da Mark Henry dopo soli tre secondi di permanenza sul ring. Nella puntata di 205 Live del 9 ottobre 2018 Kanellis e la moglie Maria hanno fatto la loro prima apparizione nello show dei pesi leggeri, interrompendo il match tra Lio Rush e Lince Dorado. Due settimane più tardi Kanellis ha sconfitto lo stesso Lince Dorado. Nella puntata di 205 Live del 5 febbraio Kanellis è stato sconfitto da The Brian Kendrick. Nella puntata di 205 Live del 19 febbraio Kanellis è stato sconfitto da Cedric Alexander. Nella puntata di 205 Live del 19 marzo Kanellis ha sconfitto Akira Tozawa. Nella puntata di 205 Live del 2 aprile Kanellis è stato sconfitto da Akira Tozawa. Nella puntata di 205 Live del 16 aprile Kanellis ha partecipato ad un Fatal 4-Way match che comprendeva anche Akira Tozawa, Ariya Daivari e Gran Metalik per determinare il contendente n°1 al WWE Cruiserweight Championship di Tony Nese ma il match è stato vinto da Daivari. Nella puntata di 205 Live del 7 maggio Kanellis è stato sconfitto da Akira Tozawa in un No Disqualification match. Nella puntata di 205 Live del 21 maggio Kanellis ha partecipato ad un Fatal 5-Way match che includeva anche Akira Tozawa, Ariya Daivari, The Brian Kendrick e Oney Lorcan per determinare il contendente n°1 al WWE Cruiserweight Championship di Tony Nese ma il match è stato vinto da Tozawa.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Mike Bennett mentre esegue una Piledriver su B.J. Whitmer.

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Mosse finali in coppia[modifica | modifica wikitesto]

Manager[modifica | modifica wikitesto]

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

  • The Epic
  • The Miracle
  • Professional Wrestling's Jesus
  • The Prodigy

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

  • "Poem" dei Taproot (ROH; 11 gennaio 2008–23 agosto 2010)
  • "S.U.M." di Avenue F (ROH; 30 agosto 2010–22 giugno 2014)
  • "Something for You/Suffer Unto Me" di David Rolfe e Avenue F (ROH; 12 luglio 2014–16 gennaio 2016; usata come membro del Kingdom)
  • "Fire Guitar" di Fabio Codega (NJPW; 5 aprile 2015–9 dicembre 2015; usata come membro del Kingdom)
  • "The Miracle" di Dale Oliver (TNA; 5 gennaio 2016–17 marzo 2017)
  • "True Love" di CFO$ (WWE; 18 giugno 2017–presente)

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Mike Bennet (a sinistra) e Matt Taven (a destra) come ROH World Tag Team Champions.
I Kingdom come IWGP Tag Team Champions.
  • Neo Revolution Grappling
    • NRG Heavyweight Championship (1)
  • New England Wrestling Alliance
    • NEWA Heavyweight Championship (1)
  • Northeast Championship Wrestling
    • NCW Tag Team Championship (1) – con Chris Venom e Johnny Idol
  • Northeast Wrestling
    • NEW Heavyweight Championship (1)
  • Pro Wrestling Experience
    • PWE United States Championship (1)
  • Xtreme Wrestling Alliance
    • XWA Heavyweight Championship (1)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ TNA
  2. ^ WWE

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]