Meteo 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Meteo3)
Meteo 3
Meteo3.PNG
Screenshot della sigla utilizzata dal 2010 al 2016
Anno dal 1987
Genere meteorologia
Edizioni 3-4 al giorno
Durata 2 minuti ca.
Ideatore TG3 e Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare
Presentatore Augusto Lombardi (dal 1992 al 2007)
Ufficiali dell'Aeronautica Militare (dal 2007)
Rete Rai 3

Meteo 3 è la rubrica meteorologica curata dal TG3 e dal Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sorta nell'ottobre del 1987, va in onda dal lunedì al venerdì alle 11:55 (nel weekend alle 12:20), alle 14:50 e al termine del TG3 Linea Notte. Dal lancio al 1993, la rubrica mostrava una cartina in cui apparivano le previsioni per la giornata seguite dalle temperature, il tutto letto da una voce fuori campo.

Dal 1993 al 1999, Meteotre era condotta da presentatori in video. Augusto Lombardi, già voce dei GRR e del TG3, così diventa noto al pubblico e con lui Liliana Ursino, con qualche presenza delle Signorine buonasera; saltuariamente comparivano altri annunciatori RAI. La grafica di tale periodo mostrava sulla cartina dell'Italia, al posto dei classici simboli, dei filmati relativi al fenomeno meteo che si stava verificando sull'area interessata.

Dal 1999 torna la tradizionale videografica (realizzata in collaborazione con Telesia) e la lettura fuori campo.

Dal 2007 la conduzione, sempre fuori campo, è affidata agli ufficiali del Servizio meteorologico dell'Aeronautica Militare.

Sigle[modifica | modifica wikitesto]

  • 5 ottobre 1987 - 23 settembre 1990: la sigla era un motivo composto da Cesare Carotenuto (autore della sigla di Meteo2 utilizzata dal 1987 al 2003). La videosigla era invece un'immagine fissa in cui vi erano il logo del Tg3 con la testina rotante, e subito sotto compariva la scritta meteo.
  • 24 settembre 1990 - 12 settembre 1993: anche questa sigla è stata composta da Cesare Carotenuto, ma cambiano completamente il motivo, la videosigla e il nome della rubrica: da questo momento al 1999 si chiama Meteo 3.
  • 13 settembre 1993 - 25 aprile 1999: cambia sia il nome (meteotre) che anche la sigla, che da questo momento sarà Ride on the Ray dei Tangerine Dream. Fu la più ricordata in assoluto della rubrica. Nel 1998 cambia solo la grafica, che viene indicato graficamente solo come meteo e non più come meteotre, mentre il sottofondo rimane uguale.
  • 26 aprile 1999 - 16 aprile 2000: riprende in modo identico la sigla del T3, con la scritta METEO accanto al logo e cambia anche il sottofondo musicale durante le previsioni.
  • 17 aprile 2000 - 25 maggio 2003: come sopra, anche se cambiano grafica e musica, (uguali alla sigla del TG3) mentre il sottofondo rimane uguale.
  • 26 maggio - 20 settembre 2003: riprende la sigla del Tg3 appena introdotta con aggiunta la scritta METEO, con la musica dell'edizione straordinaria.
  • 21 settembre 2003 - 21 novembre 2010: in pratica l'esatta copia del bumper pubblicitario appena lanciato, dal quale differisce per gli elementi meteorologici come stivali, sandali, 3 ombrelli, occhiali da sole e impermeabile intravisti in sequenza nella sigla e la musica tutta elettronica. Il nome nella sigla è Meteo Tre, con in mezzo la farfalla della Rai.
  • 22 novembre 2010 - 11 settembre 2016: come sopra, anche se cambiano la videosigla e il jingle, uguali agli odierni. Da questa data in poi torna ad essere indicato come Meteo così come per Meteo 1 e Meteo 2.
  • dal 12 settembre 2016: la sigla utilizza la stessa base e lo stesso jingle di quelle di Meteo1 e Meteo2, rispetto alle quali è diversa solo per i colori.

Nomi[modifica | modifica wikitesto]

  • TG3 Meteo (5 ottobre 1987 - 23 settembre 1990)
  • Meteo 3 (24 settembre 1990 - 12 settembre 1993)
  • meteotre (13 settembre 1993 - 25 aprile 1999)
  • T3 Meteo (26 aprile 1999 - 16 aprile 2000)
  • METEO 3 (17 aprile 2000 - 25 maggio 2003)
  • TG3 METEO (26 maggio - 20 settembre 2003)
  • Meteo Tre (21 settembre 2003 - 21 novembre 2010)
  • METEO (22 novembre 2010 - 11 settembre 2016)
  • Meteo (dal 12 settembre 2016)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]