Brian Eno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brian Eno
Brian Eno 2008.jpg
Brian Eno nel 2008
NazionalitàRegno Unito Regno Unito
GenereMusica d'ambiente[1][2][3][4][5]
Art rock[2][3][6][7]
Glam rock[1][2][3]
Periodo di attività musicale1970 – in attività
StrumentoSintetizzatore, voce
EtichettaEG
Astralwerks
Thirsty Ear
GruppiHarmonia, Portsmouth Sinfonia, Roxy Music, 801
Album pubblicati71
Studio50
Live1
Colonne sonore9
Raccolte11
Gruppi e artisti correlatiDavid Bowie, Harold Budd, David Byrne, Cluster, Robert Fripp, Jon Hassell, U2
Sito ufficiale

Brian Peter George St. John le Baptiste de la Salle Eno (pr.: [ˈiːnoʊ]; Woodbridge, 15 maggio 1948) è un musicista, compositore e produttore discografico britannico.

Considerato uno dei più importanti autori moderni,[8] è ricordato anche per essere stato l'inventore della musica d'ambiente.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini ed esordi[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1948 e cresciuto a Woodbridge, nella contea inglese del Suffolk, vicino a una base militare statunitense, fu influenzato nell'infanzia dalle trasmissioni radiofoniche delle emittenti militari NATO, che all'epoca trasmettevano soprattutto rock and roll.

Dopo gli studi nella vicina Ipswich,[9] svolti in un college cattolico della congregazione dei Fratelli delle Scuole Cristiane, entrò nella Winchester School of Art dell'università di Southampton, dove si laureò nel 1969. Durante gli studi fece parte di alcune band usando come strumento un magnetofono, e la sua prima registrazione pubblicata, a cui partecipò come cantante, è compresa nella lunga opera jazz The Great Learning della Scratch Orchestra di Cornelius Cardew.[10] La prima composizione fu del 1970, quando scrisse le musiche per Berlin Horse, un lavoro di nove minuti del cineasta Malcolm Le Grice.[11]

La sua formazione musicale traeva ispirazione dalla musica contemporanea dell'epoca, quella di John Cage, LaMonte Young, Terry Riley, John Tilbury e Cornelius Cardew.[3] Nel 1969 lavorò a Londra come tecnico multimediale e grafico, e poco dopo un casuale incontro in metropolitana con il sassofonista Andy Mackay, nacque verso la fine del 1971 il sodalizio con il gruppo glam e art rock Roxy Music di Bryan Ferry e Phil Manzanera.[12]

I Roxy Music[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Roxy Music.

Robert Fripp, leader dei King Crimson, per i quali Ferry aveva fatto un'audizione come cantante, raccomandò i Roxy Music alla propria etichetta discografica, la Island Records che, dopo averne apprezzato le tracce, pubblicò due album che contribuirono a rendere noto lo stile di Eno, Roxy Music del 1972 e For Your Pleasure del 1973.

Inizialmente Eno si esibiva nei concerti senza apparire sul palco, restando al mixer, e lavorando con un sintetizzatore VCS3[13] e dei magnetofoni, cantando inoltre come seconda voce. In seguito prese parte ai concerti più attivamente, presentandosi con costumi eccentrici. Lasciò la band nel 1973, alla fine del tour promozionale del secondo album, in disaccordo con il cantante e leader Brian Ferry, stanco della vita da rock-star.[14]

I primi lavori da solista[modifica | modifica wikitesto]

Brian Eno nel 1974.

Lasciato il gruppo, incise l'album sperimentale (No Pussyfooting) assieme a Fripp, collaborazione che li portò a incidere quattro album e a svolgere compartecipazioni nei rispettivi album solisti. Il primo lavoro a lui accreditato è Here Come the Warm Jets del 1974, registrato con un gruppo di musicisti tra i quali John Wetton e lo stesso Fripp dei King Crimson, Bill MacCormick dei Matching Mole, Chris Spedding e tutti i membri dei Roxy eccetto Ferry; il sound ne riprendeva il glam.

Nello stesso anno uscì Taking Tiger Mountain (By Strategy), con l'apporto di Robert Wyatt alle percussioni e di Phil Manzanera alle chitarre. Proseguì nella sperimentazione, discostandosi leggermente dal rock dell'album precedente, con brani come Great Pretender e China My China, utilizzando echi della tradizione musicale orientale per cercare d'iniettare qualcosa di nuovo nel rock.

Nella realizzazione dell'album, i musicisti si aiutarono con l'utilizzo delle "Strategie Oblique", un mazzo di 100 carte ideate da Eno assieme all'artista anglo-tedesco Peter Schmidt.[15] Ogni carta, la cui prima pubblicazione fu del gennaio 1975, contiene un aforisma.[16] Le Strategie Oblique saranno d'aiuto anche in molti dei successivi lavori dell'artista.[17]

Col proprio stile, Eno diventa un fenomeno di massa. Dopo un tour con il gruppo inglese dei Winkies e un concerto londinese con Kevin Ayers, John Cale e Nico dei Velvet Underground (la maggior parte dei brani sono pubblicati nell'album June 1, 1974), Brian Eno pubblica nel 1975 il suo terzo disco solista, Another Green World, dove ritrova Fripp e musicisti comprendenti Phil Collins, alla batteria, e John Cale, alla viola. L'album, considerato uno dei suoi migliori[18] rappresenta una svolta nella musica di Eno, che smorza i concitati toni rock dei precedenti lavori presentando brani meditativi e rilassati (nove su quindici sono strumentali), ed entra in contatto con le sonorità della musica d'ambiente.[19]

Polistrumentista, appassionato di scultura, pittura e videoarte, Eno inizia a realizzare opere di ogni tipo. In questo periodo pubblica due libri in cui espone le sue teorie "non-musicali": Music for Non Musicians e Oblique Strategy, corredato dal mazzo di carte/aforismi.

Nel 1975 esce, un solo mese dopo Another Green World, Discreet Music in puro stile ambient, in cui Eno suona da solo le tastiere e il sintetizzatore nella lunga title track che copre tutto il lato 1, mentre nel lato 2 è presente l'accompagnamento orchestrale di The Cockpit Ensemble. Il disco ha un'impostazione simile a quella di (No Pussyfooting), ma le sperimentazioni sono stemperate in un'atmosfera di serenità.[18] L'album è pubblicato dalla nuova etichetta discografica di proprietà dello stesso Eno, la Obscure Records, che chiuderà nel 1978.

Nel 1977 esce l'album Before and After Science, album di successo concepito in Germania, ove Eno si era trasferito con Fripp e David Bowie. I brani rock e funky, che occupano la maggior parte della prima facciata, fanno da contraltare a quelli della seconda, più ambient. La formazione che partecipa alle sessioni dell'album include Bill MacCormick, Phil Manzanera, il batterista Dave Mattacks, Robert Fripp e Fred Frith degli Henry Cow. Il brano By This River, tratto dall'album, fu poi inserito nel film La stanza del figlio di Nanni Moretti.

Collaborazione con David Bowie: La trilogia di Berlino[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1977 ed il 1979, Eno collabora alla cosiddetta "trilogia berlinese" di David Bowie, composta dai 3 album Low, "Heroes" (con Fripp alla chitarra) e Lodger, che segnano il momento più sperimentale dell'opera del "Duca Bianco". Le sonorità di questi tre dischi avranno influenza sulle band della successiva stagione New wave europea.[3][20][21]

Collaborazione con i Talking Heads[modifica | modifica wikitesto]

Partecipò attivamente anche alla musica dei Talking Heads, collaborando sia da produttore che da musicista in More Songs About Buildings and Food, Fear of Music e Remain in Light. È sua l'idea che dà vita al movimento No Wave, nato dopo che Eno aveva prodotto nel 1978 l'album No New York, un'antologia in cui compaiono gruppi alternativi della metropoli statunitense quali i DNA, i Teenage Jesus and The Jerks e i Contorsions.[9]

Sempre della seconda metà degli anni settanta sono le produzioni degli album di esordio degli Ultravox e dei Devo in ambito rock, e di alcuni lavori di Harold Budd e Jon Hassell nel campo dell'avanguardia. Music for Films (1978) e Music for Airports (1979) sono due album composti da Eno in quegli anni. Il secondo rientra in un progetto di "musica per ambienti" studiato da Eno con Harold Budd e Jon Hassell, con l'obiettivo di creare una musica di "sottofondo" per le "fredde atmosfere delle ampie hall degli aeroporti", ma anche per le sale d'attesa, per i padiglioni delle mostre e delle gallerie d'arte.

Dal 1980[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 1980, si affermò definitivamente il concetto di musica d'ambiente.[3] Le prime pubblicazioni del nuovo decennio furono due seguiti della serie "Ambient" inaugurata con Music for Airports: Ambient 2: The Plateaux of Mirror, una collaborazione con Harold Budd, e Ambient 3: Day of Radiance, l'unico album della quadrilogia a non essere attribuito a Eno in quanto musicato da Laraaji. Seguirà qualche anno più tardi il celebre Ambient 4: On Land (1984), l'ultimo capitolo che ha visto la partecipazione di Bill Laswell e Michael Beinhorn.

Con la collaborazione di David Byrne dei Talking Heads compone, nel 1981, My Life in the Bush of Ghosts, considerato uno dei migliori lavori della musica contemporanea[22], pionieristico nel ricorso all'elettronica e ai campionamenti[23], nonché influente per lo sviluppo della world music.[8]

Si occupa di comporre la colonna sonora del film Dune diretto da David Lynch, musica che non fu mai pubblicata, in quanto la soundtrack verrà successivamente commissionata ai TOTO, alla loro prima ed unica esperienza nell'ambito delle colonne sonore, con l'eccezione di un brano presente anche nel disco intitolato Prophecy Theme, l'unico accreditato a Brian Eno, Daniel Lanois, Roger Eno. Di quanto composto e prodotto da Eno, ma non presente come traccia sul disco, resta anche della musica di sottofondo di svariate scene del film.

Sempre a partire dagli anni ottanta, Eno si cimenta nell'ambito della videoarte proponendo installazioni sonore quali Fifth Avenue e Mistaken Memories, ritenute di particolare innovazione.[24]

Nell'ambito della musica ambientale, inizia a collaborare con il fratello Roger e, soprattutto, con il tecnico del suono canadese Daniel Lanois.[25] In questo periodo, Eno è attento anche a diverse altre realtà, collaborando con gli artisti ghanesi Edikanfo, con i sovietici Zvuki Mu e con l'italiana Teresa De Sio,[3] di cui disse:[26]

« Non ho mai sentito una cantante suonare così tante note. »

Non cesserà di produrre i lavori di alcuni musicisti emergenti e a suonare nelle opere nate dalle numerose collaborazioni. Tra queste la fortunata produzione di The Unforgettable Fire del 1984 e di The Joshua Tree del 1987, album degli U2.In questo periodo delega questa attività a Lanois. Fonda l'agenzia artistica Opal, a cui fanno riferimento musicisti, tra i quali il fratello Roger, Lanois, Michael Brook e John Paul Jones, e artisti visuali (registi, fotografi, pittori).[27]

A partire dalla seconda metà degli anni ottanta, sviluppa il concetto di "Generative Music", una musica che si evolve in continuazione senza ripetersi, con l'aiuto di programmi informatici. Questo progetto sfocia nell'album Generative Music 1 with SSEYO Koan software del 1996, e continua anche negli anni successivi.[28] Nel 1992 collabora nell'album Us di Peter Gabriel, nella colonna sonora di Until The End Of The World di Wim Wenders, negli album Achtung Baby (1991) e Zooropa (1993) degli U2, nel progetto Passengers (Original Soundtracks 1 del 1995) e in 1.Outside del 1995. Nel 1995 partecipa insieme a Laurie Anderson al progetto Artangel con Self storage.[29] Nel 1997, Eno celebra il ritorno di Robert Wyatt a suonare accompagnandosi con altri musicisti nell'album Shleep, dopo che per diversi anni aveva inciso i propri lavori suonando da solo.

La collaborazione tra i due musicisti si rinnoverà negli album di Wyatt Cuckooland, del 2003, e Comicopera, del 2007. Nel 2001 viene pubblicato l'album di Eno Drawn from Life, scritto, suonato e prodotto con J. Peter Schwalm, dj e musicista di Francoforte, e la cantante Laurie Anderson. Gli undici brani che lo compongono spaziano tra jazz, musica da camera e trip hop. Riferendosi all'album dichiarò:[3]

« Provo sempre a fare la musica che mi piacerebbe sentire. Il processo nasce da una serie di ascolti durante i quali penso: 'Mi piacerebbe che fosse un po' come questo, un po' come quello'. Così trascorro tutto il tempo disegnando nella mia testa il tipo di musica che vorrei comporre. In questo periodo non ho ascoltato molto jazz o musica colta europea ma riconosco che mi hanno suggerito un territorio fertile. L'altra strada era ripiegare verso quei sentimenti che avevo scoperto sulla musica come tipo di paesaggio sonoro. Ho provato a portare tutto questo verso un tipo di composizione che fosse ritmica e melodica perché per molto tempo ho composto brani senza ritmi ovvi o esili tracce melodiche. »

Realizza presso il SFMOMA di San Francisco Compact Forest Proposal, parte di una mostra che crea un connubio tra la tecnologia digitale e l'arte, intitolata: 101010. Sempre in questo periodo, compone musica per le opere scultoree di Mimmo Paladino, ispirato anche dalle poesie di Gian Ruggero Manzoni dedicate all'artista italiano. Brian Eno intende creare un ambiente musicale senza parole, senza melodia, senza ritmo e che non suoni mai due volte nello stesso modo; per realizzare ciò è palesemente intenzionato a servirsi di tutto ciò che è in grado di produrre un suono, che sia una campana, un ciocco di legno, una vibrazione elettronica, una voce o il semplice fruscio prodotto da un cenno.[30]

Nel 2007 si dichiara ateo in un'intervista concessa alla BBC[31]. L'anno seguente ha prodotto l'album Viva la vida or Death and All His Friends dei Coldplay, che ha riscosso un buon successo di pubblico e di critica.[32][33] Eno aveva già collaborato con la band di Chris Martin all'incisione e alla produzione di alcune tracce dell'album X&Y, oltre che alla registrazione di alcune introduzioni di brani come Yellow e Clocks, che verranno proposte durante i concerti del gruppo.

Nello stesso anno ha sviluppato le musiche per il videogame Spore di Will Wright, l'autore della serie SimCity e The Sims, che sviluppa algoritmi per la creazione di videogames dal contenuto casuale e sempre diverso (procedural generation) come appunto Spore, mentre Brian Eno si occupa di sistemi di generazione automatica di musiche. E già in internet il video popolare intitolato "Will Wright and Brian Eno - Generative Systems", che propone una parte della sua conferenza tenuta a San Francisco il 26 giugno 2006.[34][35]

Brian Eno nel 2011

Sempre nel 2008 uscì la seconda collaborazione con David Byrne, Everything That Happens Will Happen Today, il primo dopo le collaborazioni degli anni settanta e ottanta. I due artisti propongono testi che incitano all'umanità ed all'ottimismo alternando atmosfere di musica elettronica e di gospel. A fine anno, Eno lavora allo sviluppo di Bloom, una applicazione per iPhone che consente di creare musica ambientale con dei semplici tocchi sullo schermo.[36]

Nel giugno del 2009, gli viene affidata la super-visione del Luminous Festival alla Sydney Opera House. Nel corso dell'evento, Eno torna ad esibirsi dal vivo dopo molti anni, con tre concerti nello stesso giorno. La performance, che prende il nome Pure Scenius, vede tra i musicisti al suo fianco Jon Hopkins ed il chitarrista Leo Abrahams. Compone poi le musiche per il film di Peter Jackson The Lovely Bones, che esce nel dicembre del 2009.[37]

Nel maggio del 2010, porta in scena al Brighton Festival uno spettacolo con la stessa formazione di Sidney nel 2009. Anche questa volta lo spettacolo si articola in tre concerti nello stesso giorno. Nella stessa manifestazione, sale nuovamente sul palco per suonare quattro brani del compositore sudcoreano Woojun Lee. Verso fine anno viene pubblicato dalla Warp Records Small Craft on a Milk Sea, registrato in collaborazione con Leo Abrahams e Jon Hopkins.[38]

Nel luglio del 2011 pubblica, ancora per la Warp, l'album Drums Between the Bells, eseguito insieme a Rick Holland. Nel novembre dello stesso anno esce il disco Panic of Looking, frutto della collaborazione tra Holland e Eno.[39] Nel luglio del 2012 realizza 12 Seasons. Music for the Great Gallery of the palace of Venaria, l'installazione sonora creata in collaborazione con Volumina appositamente per la Galleria Grande della Reggia di Venaria nei pressi di Torino.[40] Da questo progetto ambient viene estratto il CD Lux,[41] pubblicato dalla Warp nel novembre dello stesso anno con allegato un libretto esplicativo scritto dallo stesso Eno.[42]

Nel maggio del 2014 pubblica Someday World, realizzato in collaborazione tra Eno e Karl Hyde degli Underworld, con la partecipazione di Will Champion dei Coldplay e Andy Mackay dei Roxy. La musica di quest'album è stata composta da Eno e ricorda i suoi primi dischi da solista nonché le collaborazioni con Talking Heads e David Byrne, mentre i testi sono di natura meditativa e sono stati scritti da Hyde.[43] Il mese successivo, ancora Eno e Hyde pubblicano l'album High Life, la cui musica inaspettatamente si discosta da quella del disco precedente. È stato considerato l'album in cui Eno ha cantato meglio dai tempi di Wrong Way Up, realizzato nel 1990 assieme a John Cale, disco con il quale ha in comune anche alcuni tratti ispirati dalla musica africana.[44]

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Celebre per le particolari sonorità e l'uso dell'ambiente sonoro,[45][46] Brian Eno viene considerato l'inventore della musica d'ambiente,[3] sebbene il suo stile sia spaziato, lungo la sua prolifica discografia, anche a quella elettronica,[47] a quella etnica,[2] a quella sperimentale[1] e a varie forme di rock quali l'art rock,[1] e il glam rock.[2] È stato inoltre precursore di altri generi come la new wave, world music e new age.[3] Il suo metodo compositivo segue le complesse teorie di ispirazione matematico taoista descritte nel suo libro Music for Non-Musicians, in cui si dichiara un "non-musicista" (ovvero un artista tecnicamente privo di competenze ma forte del suo genio creativo),[8][48] nonché a quelle espresse nelle sue "Strategie Oblique", le carte da lui stesso inventate per rompere le barriere creative dell'artista che ne fruisce.[3] Altre importanti fonti di ispirazione che lo hanno segnato profondamente sono stati i musicisti d'avanguardia (in modo particolare John Tilbury, Cornelius Cardew, i compositori minimalisti) e la "musique d'ameublement" di Erik Satie.[49] Eno suddivide i tempi necessari a comporre le proprie musiche in tre fasi:

  • l'idea, da cui il brano nasce;
  • l'esecuzione professionale;
  • l'ottimizzazione finale, in cui i brani vengono organizzati mediante l'uso di nastri magnetici e strumenti multimediali.[8]

Il suo stile è cambiato in ogni suo album: se le prime uscite sono debitrici delle sperimentazioni rock dei Roxy Music,[50] quelle seguenti si avvicineranno sempre di più al genere ambient di sua invenzione. Successivamente, Eno avrebbe maturato nuovi linguaggi sonori. Dopo aver registrato un album per chitarra trattata elettronicamente con il compositore Robert Fripp ((No Pussyfooting) del 1973), a cui seguirà in futuro un nuovo capitolo (Evening Star del 1975), Eno pubblica l'esordio solista Here Comes the Warm Jets (1973), i cui brani seguono un formato canzone pop rock e melodico[19][47][50] che verrà ripreso nel seguente Taking Tiger Mountain (By Strategy) (1974).[47] Another Green World (1975), più astratto e prevalentemente strumentale, si caratterizza invece per la presenza di paesaggi sonori inseriti in un contesto pop-rock e segna i primi passi del musicista verso la musica d'atmosfera in cui si cimenterà specialmente nel periodo a cavallo fra gli anni settanta e i primi anni ottanta.[19][47][51][52] Il primo album ambient è però Discreet Music (1975), contenente brani lunghi, strumentali e ipnotici (fra cui i trenta minuti della title track),[47][49] a cui seguirà la "pausa" rock del celebre Before and After Science (1977), un eterogeneo album rock e in parte ambientale che anticipa i futuri interessi di Eno per la musica etnica e quella minimalista: genere che avrà modo di approfondire con il compositore Harold Budd.[53] Nel frattempo, l'artista inglese ha inciso due album a fianco della formazione krautrock dei Cluster che risentono fortemente l'influenza dello stile di questi ultimi (Cluster & Eno del 1977 e After the Heat del 1978).[47] La ricerca nell'ambito della musica ambientale prosegue con il sopracitato Music for Airports (1978),[47] che presenta quattro lunghe composizioni statiche,[52] Music for Films (1978), contenente numerosi brani di brevissima durata e On Land (1982). Quest'ultimo è frutto di una rielaborazione di suoni di varia natura e segnò una nuova fase per l'artista che, secondo le parole del critico David Toop, "si spinse verso una nuova concezione della musica come campo acustico, allontanandosi dall'oggettivazione delle strutture sonore in composizioni prestabilite."[54] Negli anni ottanta, Eno si è cimentato nella musica etnica collaborando con Jon Hassell (Possible Musics del 1980) e David Byrne (My Life in the Bush of Ghosts del 1981), adattando le sonorità primitive alle moderne tecnologie[55] e avrebbe intrapreso a più riprese il discorso della musica ambient come dimostrano Apollo (1983), Thursday Afternoon (1985) e i due sequel di Music for Films: More Music for Films (1983) e Music for Films, Volume 3 (1988). Nerve Net (1992) segna un momentaneo ritorno al formato canzone, Neroli (1993) è un'unica lunghissima composizione statica,[8] mentre Spinner (1995), una collaborazione con Jah Wobble frutto di una reincisione di suoni pre-registrati, segue la scia della musica jungle.[56] Sempre esplorando nuovi linguaggi, il "non musicista" ha pubblicato, fra gli altri, nel nuovo millennio: Another Day on Earth (2005), vicino al formato della ballata, l'improvvisato Small Craft on a Milk Sea (2010) e Drums Between the Bells (2011), realizzato sfruttando voci manipolate.[8]

Informatica[modifica | modifica wikitesto]

In ambito informatico è principalmente conosciuto per essere il compositore del jingle utilizzato all'avvio del sistema operativo Windows 95.[57] A tale riguardo Brian Eno ha dichiarato:[58][59]

« La Microsoft mi chiese una musica capace di ispirare, universale, ottimistica, sexy, futuristica, sentimentale, emozionale, più un'altra serie di circa centocinquanta aggettivi, e conclusero dicendo che il brano doveva durare tre secondi e un quarto. Da allora ho composto 84 di questi piccoli pezzi, sicché quando ritorno a lavorare su brani della durata di tre minuti questi ultimi mi sembra siano come oceani di tempo. »

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Da solista[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Brian Eno.

Con i Roxy Music[modifica | modifica wikitesto]

Con gli Harmonia '76[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Jason Ankeny, Brian Eno, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ a b c d e (EN) Brian Eno Sweet Science, su exclaim.ca. URL consultato l'8 agosto 2017.
  3. ^ a b c d e f g h i j k Brian Eno - biografia, recensioni, discografia, foto :: OndaRock
  4. ^ (EN) Brian Eno announces new ambient album Reflection, su factmag.com. URL consultato il 6 settembre 2017.
  5. ^ (EN) Brian Eno – 10 of the best, su theguardian.com. URL consultato il 6 settembre 2017.
  6. ^ (EN) Simon Reynolds, Bring the Noise: 20 Years of Writing About Hip Rock and Hip Hop, Soft Skull Press, 2011, p. 187.
  7. ^ (EN) Autori vari, The Mojo Collection: 4th Edition, Canongate Books, 2007, p. 418.
  8. ^ a b c d e f The History of Rock Music - Brian Eno, scaruffi.com. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  9. ^ a b Cesare Rizzi, Enciclopedia rock anni '70 (terzo volume), Arcana, 2002, pp. 173-174.
  10. ^ (EN) Biografia di Cardew www.lrb.co.uk
  11. ^ Malcom Le Grice Installation, Wkv-stuttgart.de. URL consultato il 1º agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2011).
  12. ^ (EN) Mark Prendergast, The Ambient Century: From Mahler to Trance: The Evolution of Sound in the Electronic Age, Bloomsbury Publishing, 2001, p. 118, ISBN 1582341346.
  13. ^ Music Thing: Brian Eno rocking the VCS3
  14. ^ (EN) Eno Left Roxy Music to do His Laundry, Contactmusic.com. URL consultato il 2 agosto 2011.
  15. ^ Howard, 2004. p.192
  16. ^ (EN) Brian Eno: Introduzione alle Strategie Oblique su rtqe.net
  17. ^ Brian Eno, Sentireascoltare. URL consultato il 5 aprile 2017.
  18. ^ a b (EN) Westergaard, Sean: Recensione di Discreet Music Allmusic
  19. ^ a b c Eddy Cilià, Federico Guglielmi, Rock 500 dischi fondamentali, Giunti, 2002, p. 95.
  20. ^ David Bowie - Low :: Le pietre miliari di OndaRock, su ondarock.it. URL consultato il 25 marzo 2014.
  21. ^ David Bowie - Heroes :: Le pietre miliari di OndaRock, su ondarock.it. URL consultato il 25 marzo 2014.
  22. ^ Brian Eno, David Byrne - My Life In The Bush Of Ghosts :: Le pietre miliari di Onda Rock
  23. ^ My Life in the Bush of Ghosts - David Byrne,Brian Eno | Songs, Reviews, Credits, Awards | AllMusic
  24. ^ (EN) Biografia di Eno su moredarkthanshark.org
  25. ^ (EN) Mark Prendergast, The Ambient Century: From Mahler to Trance: The Evolution of Sound in the Electronic Age, Bloomsbury Publishing, 2001, p. 125, ISBN 1582341346.
  26. ^ E torna il pioniere Brian Eno, su ilgiornale.it. URL consultato il 7 agosto 2014.
  27. ^ Opal - Brian Eno's Musical Vision
  28. ^ (EN) Generative Music di Brian Eno su intermorphic.com
  29. ^ Artangel | 'As the opening approached, there was still very little evidence of an actual show.'
  30. ^ Brian Eno e Mimmo Paladino - Home Page - Electa Mondadori
  31. ^ Photos: Famous atheists and their beliefs, CNN, 25 maggio 2013
  32. ^ (EN) Reviews for Viva La Vida by Coldplay - Metacritic, su metacritic.com. URL consultato il 7 agosto 2014.
  33. ^ Articolo: "Viva La Vida scales global chart heights", MusicWeek. URL consultato il 6 agosto 2010.
  34. ^ Podcast: Procedural Content Generation & Spore
  35. ^ Will Wright and Brian Eno - Generative Systems - YouTube
  36. ^ Bloom: comporre musica con l'iPhone grazie a Brian Eno, su trackback.it
  37. ^ (EN) Brian Eno: The Lovely Bones, su upcomingfilmscores.blogspot.com.
  38. ^ (EN) Pitchfork: Source: Brian Eno Reveals Warp Album Details, Pitchfork.com. URL consultato il 2 novembre 2011.
  39. ^ (EN) Brian Eno | Drums Between The Bells & Panic Of Looking Archiviato il 20 marzo 2012 in Internet Archive., su brian-eno.net
  40. ^ (EN) Exhibitions - Music for the Great Gallery - Eno, su volumina.net
  41. ^ "Ogni esegesi di Lux non sarebbe che blasfema, pretendendo di sovrapporre a quest'opera ciò che essa non ha, un significato che oltrepassi il suo stesso farsi"; cfr.: Arena, Leonardo Vittorio, Brian Eno. Filosofia per non musicisti, Milano-Udine, Mimesis, 2014, p.61
  42. ^ (EN) Store - Music for the Great Gallery - Eno, su volumina.net
  43. ^ (EN) Thom, Jurek, Someday World, allmusic.com. URL consultato il 16 giugno 2014.
  44. ^ (EN) Mark Richardson, Brian Eno / Karl Hyde - High Life, su pitchfork.com, 2 luglio 2014. URL consultato l'8 luglio 2015.
  45. ^ Brian Eno descrive (e conferma) il nuovo album dei Coldplay, soundsblog.it, 10 febbraio 2010. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  46. ^ Brian Eno Biography, rollingstone.com. URL consultato il 25 marzo 2014.
  47. ^ a b c d e f g Eddy Cilía, Enciclopedia Rock - '70 (terzo volume), Arcana, 2001, pp. 173-174.
  48. ^ (EN) Brian Eno, 1971 - 1977, distorsioni-it.blogspot.it. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  49. ^ a b Dimery; pag. 421
  50. ^ a b Dimery; pag. 314
  51. ^ Dimery; pag. 337
  52. ^ a b (EN) Peter Buckley, The Rough Guide to Rock, Rough Guides, 2003, pp. 258-259.
  53. ^ Dimery; pag. 373
  54. ^ Toop; pag. 153-154
  55. ^ Eddy Cilía, Enciclopedia Rock - '80 (quarto volume), Arcana, 2001, p. 169.
  56. ^ Eddy Cilía, Enciclopedia Rock - '90 (quinto volume), Arcana, 2001, p. 230.
  57. ^ (EN) Joel Selvin, Q and A With Brian Eno, SFGate, 2 giugno 1996. URL consultato il 22 maggio 2016.
  58. ^ Accadde oggi, 15 maggio: nasce l'autore del jingle di Windows e della sigla del Tg3, su news.leonardo.it
  59. ^ (EN) Museum of Curiosity, programma radiofonico trasmesso il 4 maggio 2009, BBC Radio 4

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Eric Tamm, Brian Eno: His Music And the Vertical Color of Sound, Da Capo Press, 1995.
  • (EN) Brian Eno, A Year with Swollen Apprentices, Faber & Faber, 1996.
  • David Sheppard, On Some Faraway Beach: La vita e i tempi di Brian Eno, Arcana, 2011.
  • David Toop, Oceano di suono, Costa&Nolan, 1995.
  • Jorge Lima Barreto, Rock & Droga. Misteri e segreti stupefacenti: una "Bibbia" rock-psichedelica, Milano, Gammalibri, 1984.
  • Robert Dimery, 1001 album, Atlante, 2013.
  • Leonardo Vittorio Arena, Brian Eno. Filosofia per non musicisti, Milano-Udine, Mimesis, 2014, ISBN 978-88-5752-317-0

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN2638470 · ISNI: (EN0000 0001 1020 112X · LCCN: (ENn85135915 · GND: (DE118955691 · BNF: (FRcb13568282b (data) · ULAN: (EN500089780