Viva! (Roxy Music)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Viva! Roxy Music
ArtistaRoxy Music
Tipo albumLive
Pubblicazioneluglio 1976[1]
pubblicato nel Regno Unito
Durata44:27
Dischi1
Tracce8
GenereGlam rock[2]
Art rock[2]
Album-oriented rock[2]
Pop rock[2]
EtichettaIsland Records (ILPS 9400)
ProduttoreChris Thomas
RegistrazioneGlasgow dal vivo al The Apollo, novembre 1973
Newcastle dal vivo al The City Hall, novembre 1974
Wembley dal vivo al The Empire Pool, ottobre 1975
FormatiLP / CD
Certificazioni
Dischi d'oro0
Dischi di platino0
Roxy Music - cronologia
Album precedente
(1975)
Album successivo
(1977)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 3.5/5 stelle[3]
Robert Christgau B[4]
The New Rolling Stone Album Guide 2/5 stelle[5]
Sputnikmusic 4.1 (Excellent)[6]
Dizionario del Pop-Rock 3/5 stelle[7]
24.000 dischi 3/5 stelle[8]

Viva! Roxy Music è un album live del gruppo musicale glam rock inglese Roxy Music, pubblicato nel 1976.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta del primo album live ufficiale della band, registrato a 'The Apollo' di Glasgow nel novembre 1973, City Hall di Newcastle nell'ottobre 1974 e a Wembley Arena nell'ottobre 1975.

Nonostante in quel periodo il bassista ufficiale della band fosse John Gustafson, nei live si susseguirono vari sostituti come John Wetton e Sal Maida. Nel periodo in cui venne pubblicato l'album, il bassista dal vivo era diventato Rick Wills, che venne dunque riportato nei crediti come membro del gruppo senza effettivamente apparire in alcun brano.[9]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le canzoni sono scritte da Bryan Ferry, eccetto quelle annotate.

LP[modifica | modifica wikitesto]

Lato A
  1. Out of the Blue – 4:32 (Bryan Ferry, Phil Manzanera)
  2. Pyjamarama – 3:27
  3. The Bogus Man – 7:06
  4. Chance Meeting – 3:03
  5. Both Ends Burning – 4:33
Lato B
  1. If There Is Something – 10:22
  2. In Every Dream Home a Heartache – 7:34
  3. Do the Strand – 3:50

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti
  • John Gustafson - basso (brano: Both End Burning)
  • Rick Wills – basso (accreditato nonostante non abbia suonato in alcuna traccia)
  • Sal Maida – basso (brano: Pyjamarama)
  • The Sirens - accompagnamento vocale, cori (brano: Both End Burning)
Note aggiuntive
  • Chris Thomas - produttore
  • Registrazioni dal vivo effettuate al: The Apollo di Glasgow, novembre 1973; The City Hall di Newcastle, novembre 1974 e al The Empire Pool di Wembley, Londra, ottobre 1975
  • John Punter, Bill price, Rhett Davies, Frank Owen e Chris Michie - ingegneri delle registrazioni
  • Chris Adamson e Mick Rossi - crew
  • Mixaggio effettuato al AIR Studios di Londra, Inghilterra nella primavera del 1976
  • Steve Nye - ingegnere del mixaggio
  • Jon Walls - assistente ingegnere del mixaggio[10]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Album

Anno Classifica Posizione
raggiunta
1976 Official Albums Chart Regno Unito 6[11]
1976 Billboard 200 Stati Uniti 81[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Viva! Roxy Music by Roxy Music, su rateyourmusic.com. URL consultato il 7 agosto 2019.
  2. ^ a b c d (EN) Viva!, su AllMusic, All Media Network.
  3. ^ (EN) Viva!, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 7 agosto 2019. Modifica su Wikidata
  4. ^ (EN) Robert Christgau: CG: Roxy Music, su robertchristgau.com.
  5. ^ Nathan Brackett e David Hoard, The New Rolling Stone Album Guide, Fireside, 2004, p. 705.
  6. ^ (EN) Roxy Music Viva!, su sputnikmusic.com.
  7. ^ Enzo Gentile e Alberto Tonti, Dizionario del Pop-Rock, Baldini & Castoldi, 1999, p. 853.
  8. ^ Riccardo Bertoncelli e Chris Thellung, 24.000 dischi, Zelig, 2005, p. 846.
  9. ^ (EN) John O'Brien, Rick Wills, su vivaroxymusic.com. URL consultato il 9 dicembre 2014.
  10. ^ Note di copertina di Viva! Roxy Music, Roxy Music, Island Records, ILPS 9400, 1976.
  11. ^ Viva Roxy Music - Full Official Chart History, su officialcharts.com. URL consultato il 7 agosto 2019.
  12. ^ Roxy Music Viva! Roxy Music Chart History - Billboard, su billboard.com. URL consultato il 7 agosto 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]