Strategie Oblique

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Strategie Oblique (titolo originale Oblique Strategies, Over One Hundred Worthwhile Dilemmas) è un mazzo di carte di circa 7x9 cm contenute in una piccola scatola nera, create da Brian Eno e Peter Schmidt. Pubblicate per la prima volta nel 1975, sono state più volte ristampate[1]. Le carte, nere su un lato bianche sull'altro, propongono oscuri e criptici aforismi, volti ad aiutare il musicista e chiunque svolga lavori creativi a rompere i blocchi mentali favorendo il pensiero laterale. "Il sistema delle oblique strategies" - scrive Riccardo Bertoncelli "tempera eventuali ambizioni, stringe la «cintura di castità» per un doveroso confronto con l'alea quotidiana"[2].

Impatto culturale[modifica | modifica wikitesto]

Le carte di Oblique strategies vennero usate nella produzione di molti artisti musicali legati all'attività di Eno come produttore (Talking Heads, David Bowie, Devo, Coldplay)[3]. Le carte compaiono anche nel film Slacker di cui costituiscono una chiave di lettura[4]. In Italia Giulio Mozzi ne propone l'uso agli scrittori "per aiutare l'immaginazione nei momenti di intasamento"[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oblique Strategies in Worldcat
  2. ^ La musica pop: istruzioni per l'uso e guida ai suoi segreti, Milano, Lampi di stampa, 2005 (1ª ed. Roma, Arcana, 1978), p. 77
  3. ^ David McNamee, Hey, what's that sound: Oblique Strategies "The Guardian", 7 settembre 2009
  4. ^ Ron Rosenbaum, Slacker’s Oblique Strategy, "The New York Observer", 13 agosto 2001
  5. ^ Lezioni di scrittura: invenzione, imitazione, racconto, Ravenna, Fernandel, 2001, p. 84