Ambient 1: Music for Airports

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ambient 1: Music for Airports
ArtistaBrian Eno
Tipo albumStudio
Pubblicazionemarzo 1978
Durata42:20
Dischi1
Tracce4
GenereMusica d'ambiente[1]
Musica elettronica[1]
EtichettaPolydor Records
ProduttoreBrian Eno
Registrazionea Londra e a Colonia (Germania)
Brian Eno - cronologia
Album successivo
(1978)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[2] 5/5 stelle
Mojo[3] 4/5 stelle
Piero Scaruffi[4] 8/10
Pitchfork[5] 9.2/10
Rolling Stone[3] 4/5 stelle
Robert Christgau[6] B

Ambient 1: Music for Airports è un disco di musica ambient del musicista inglese Brian Eno, pubblicato nel 1978 dalla Polydor Records. Fu il primo che l'artista realizzò di una serie di 4 album ambient, termine coniato dallo stesso Eno per differenziare i propri esperimenti sulle musiche di sottofondo dai lavori di aziende che realizzano musiche di sottofondo commerciali come la musica da ascensore della Muzak Holdings.[7]

L'album[modifica | modifica wikitesto]

In precedenza, Eno aveva già realizzato brani di simile musica contemplativa negli album Another Green World, Evening Star, Discreet Music ed aveva collaborato ad analoghi esperimenti in The Pavilion of Dreams di Harold Budd, prodotto dallo stesso Eno, ma in Music for Airports questa tipologia di musica è la linea guida di tutto l'album.

Il suono ha il fine di disinnescare l'atmosfera di tensione ed ansietà tipica di un terminal aeroportuale e trasmettere all'ascoltatore la calma necessaria a placare il nervosismo per l'attesa e per il volo.[5] L'autore concepì quest'idea qualche anno prima durante la lunga attesa per uno scalo all'aeroporto di Colonia/Bonn, quando per alcune ore si annoiò per la deprimente musica che veniva trasmessa dagli altoparlanti.[8]

Il disco si articola in 4 sezioni distinte, con assoli di piano, voci filtrate al sintetizzatore ed altri toni, tutti manipolati dai nastri di Eno. I brani sono di Eno eccetto "1/1", composto assieme all'ex batterista e cantante dei Soft Machine Robert Wyatt e a Rhett Davies. Il brano "2/2" è stato suonato con un sintetizzatore ARP 2600.

Le lunghe note scorrono davanti all'ascoltatore senza dargli alcun punto di riferimento a cui aggrapparsi. L'autore esprime in quest'album la capacità del suono di uniformare le diverse percezioni del tempo degli ascoltatori con le rilassanti note allungate che trasmettono tranquillità, in contrasto con i febbrili movimenti che normalmente si compiono in un aeroporto.[5] Nel descrivere l'album, Eno ha dichiarato:

« Una delle cose che la musica può fare è distorcere la tua percezione del tempo in modo che non ti interessi realmente se le cose scivolano via o si alterano in qualche modo.[5] »

In alcuni brani di Music for Airports vengono utilizzati tape loop di lunghezze diverse; ad esempio in "1/1", dove una sequenza registrata del piano viene ripetuta molte volte, in tempi diversi altri strumenti si uniscono al piano entrando o uscendo in dissolvenza, a volte amalgamandosi ad esso, altre volte in dissonanza. A proposito di tale brano, Eno ha osservato:

« ... ho trovato questa brevissima sezione del nastro dove due pianoforti, ciascuno all'insaputa dell'altro, suonano linee melodiche che si incastrano in modo interessante. Per farne un brano musicale, ho tagliato quella parte, ne ho fatto un loop stereo sul "24 tracce" ed ho scoperto che mi piaceva di più se suonato a metà velocità, in modo che gli strumenti risultassero molto sommessi e che tutto il movimento fosse molto lento.[9] »

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

La successione dei brani ed i loro titoli sono stati scelti in funzione dell'originale disco in vinile del 1978: la prima cifra corrisponde al numero del brano e la seconda alla facciata del disco. L'edizione in CD comprende 30 secondi di silenzio tra ogni brano ed alla fine di "2/2". Tutte le tracce sono state composte da Brian Eno, eccetto dove indicato. Il brano 2/2 dura 9:38 nell'edizione "Working Backwards" del 1983 e nel CD.

  1. 1/1 – 16:30 (Composta assieme a Rhett Davis e Robert Wyatt)
  2. 2/1 – 8:30
  3. 1/2 – 11:30
  4. 2/2 – 6:00

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

  • Brian Eno – sintetizzatore, piano elettrico
  • Christa Fast – voce ("2/1", "1/2")
  • Christine Gomez – voce ("2/1", "1/2")
  • Inge Zeininger – voce ("2/1", "1/2")
  • Robert Wyatt – piano acustico ("1/1")

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Brian Eno – produzione, engineering
  • Dave Hutchins – engineering ("2/1", "1/2")
  • Conny Plank – engineering ("2/2"),
  • Rhett Davies – engineering ("1/1")

Studi di registrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Brian Eno - Ambient 1 (Music For Airports) (Vinyl, LP, Album), su Discogs. URL consultato il 21 maggio 2017.
  2. ^ (EN) Linda Kohanov, Ambient 1: Music for Airports, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 21 maggio 2017.
  3. ^ a b (EN) Brian Eno - Ambient 1: Music for Airports CD Album, su CD Universe. URL consultato il 21 maggio 2017.
  4. ^ Piero Scaruffi, The History of Rock Music. Brian Eno: biography, discography, reviews, links, su scaruffi.com. URL consultato il 21 maggio 2017.
  5. ^ a b c d (EN) Liam Singer, Brian Eno / Harold Budd: Discreet Music / Ambient 1: Music for Airports / Ambient 2: The Plateaux of Mirror / Ambient 4: On Land Album Review, su Pitchfork, Pitchfork Media, 7 ottobre 2004. URL consultato il 21 maggio 2017.
  6. ^ (EN) Robert Christgau, Consumer Guide Album, su robertchristgau.com. URL consultato il 21 maggio 2017.
  7. ^ Brian Eno, Music for Airports liner notes, su Hyperreal Music Archive, settembre 1978. URL consultato il 21 maggio 2017.
  8. ^ (EN) Harriet Baskas: Better branding through music: Original airport theme songs, USA Today, 12-March-2008, USA Today.com
  9. ^ (EN) Downbeat — PRO SESSION — The Studio As Compositional Tool, music.hyperreal.org

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Weisbard, Eric e Craig Marks Spin Alternative Record Guide, Vintage Books, 1995.ISBN 0-679-75574-8

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica