Piero Scaruffi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scaruffi nel 2016

Piero Scaruffi (Trivero, 26 aprile 1955) è un informatico, saggista e critico musicale italiano naturalizzato statunitense.

Svolge o ha svolto anche le professioni di giornalista freelance, storico della musica e del cinema e poeta. Ha scritto inoltre saggi divulgativi sulle scienze cognitive. Negli anni 2000, anche grazie alla risonanza mondiale del suo sito e della sua attività[1], Scaruffi inizia a scrivere saggi in inglese, auto-pubblicando su iUniverse. A History of Rock Music 1951-2000 (2003, rivista e ampliata nel 2008), A History of Jazz Music 1900-2000 (2007) e A History of Popular Music before Rock Music (2007), tutto anche auto-pubblicato su azienda personale di Scaruffi "Omniware".[2][3][4][5]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni di carriera: dalla Olivetti alla e-zine Musica[modifica | modifica wikitesto]

Piero Scaruffi nasce a Trivero, allora provincia di Vercelli, nel 1955. Dopo essersi laureato in Matematica con indirizzo in Fisica Teorica[6] all'Università di Torino e aver lavorato in ambito informatico, nel 1983 si trasferisce in California, dove lavora come ricercatore presso il Centro di Intelligenza Artificiale dell'Olivetti a Cupertino[7].

Nel 1983 inizia a spedire mail periodiche con articoli e recensioni musicali, alcune delle quali accumulate e digitalizzate negli anni precedenti. La rete, allora appena trasformatasi da ARPANET ad internet, aveva ancora scarsità di accesso e la diffusione di questo prototipo di e-zine si limitava ad una quindicina di persone. Soltanto molto più tardi, nel 1992 la e-zine, distribuita in italiano ed inglese, fu battezzata "Musica". Grazie al suo lavoro alla Olivetti ed alla facilità di accesso al mondo telematico che questo comportava, creò nella seconda metà degli anni ottanta un database di testi musicali sul server Olivea scaricabile via ftp[8].

Nel 1984 inizia a frequentare l'Università di Harvard in veste di visiting scholar[9], cura la rubrica "Qui Silicon Valley" per la rivista italiana ZeroUno e pubblica il suo primo libro: L'intelligenza artificiale (Muzzio, 1987).

Nella seconda metà degli anni '80 Scaruffi inizia a scrivere per alcune riviste e fanzine musicali statunitensi, tra cui Option[10].

Nel 1991 pubblica per la casa editrice pugliese Il Salice, la sua prima opera di sillogi poetiche dal titolo L'Ultimo.

Gli anni '90 e la critica musicale: Da Storia della musica a scaruffi.com[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la chiusura del centro di Cupertino a metà degli anni novanta Scaruffi si dedica da un lato alla consulenza informatica con la sua Omniware, dall'altro all'insegnamento e alla ricerca universitaria, alla Stanford University (1995-1996) e a Berkeley (dal 1997 al 2004)[6].

Intanto, nel 1988 aveva conosciuto Riccardo Bertoncelli, critico musicale e responsabile editoriale della Arcana editore, che lo aveva introdotto nella casa editrice[10] permettendogli di pubblicare i 6 volumi Storia della rock tra il 1989 e il 1997. Questa vasta opera editoriale, in cui confluirono molti dei testi scritti precedentemente per la e-zine degli anni '80[8] e per le riviste a cui aveva precedentemente collaborato, generò negli anni a venire numerose polemiche per le stroncature di artisti conclamati come Elvis Presley, Beach Boys, David Bowie, Queen, U2,[11][12] o gli stessi Beatles[13][14] in una scheda così famosa da essere diventata un internet meme[15][16]. Molta rilevanza veniva invece attribuita a musicisti come come Captain Beefheart, Robert Wyatt, Red Crayola, Faust, Pere Ubu e Foetus che seppur meno conosciuti, vengono qui ritenuti precursori di rilevanza fondamentale[17].

Nel 1995 Piero Scaruffi dà vita al suo sito internet www.scaruffi.com[18], nel quale raccoglie i materiali scritti negli anni precedenti e riguardanti gli argomenti più disparati. Oltre alle recensioni di dischi ed alle schede di autori e musicisti di musica rock, jazz, classica e contemporanea, vi sono sezioni dedicate al Cinema, ai suoi viaggi in 130 paesi nel mondo, alla Politica, alla Storia, all'Arte, alla Filosofia ed alla Scienza. Più tardi aprirà poi un sito totalmente dedicato alle Scienze cognitive chiamato www.thymos.com.[19] Questo sterminato database precorre di diversi anni fenomeni quali i blog, l'editoria telematica e il giornalismo cognitivo[20][15]. Il sito è oggi considerato uno dei più longevi siti italiani ed il primo ad avere come dominio il nome del suo autore; la veste grafica non è mai cambiata nel tempo, mantenendo volutamente una struttura scarna, leggera e facilmente consultabile.[21]

Nel 1996 pubblica per Feltrinelli un saggio sui costumi della società americana dal titolo Il terzo secolo. Almanacco della società americana alla fine del millennio. Il libro scritto per voci come un dizionario, fotografa fenomeni sociali e personaggi della contemporaneità americana a tre secoli dalla sua nascita[22].

Nel 1998 pubblica la sua seconda raccolta di sillogi con Piero Lacaita Editore dal titolo Dialogo degli Amanti[23].

Gli anni '00[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni 2000 inizia a scrivere in inglese, pubblicando A History of Rock Music 1951-2000 (2003, rivista e ampliata nel 2008), A History of Jazz Music 1900-2000 (2007) e A History of Popular Music before Rock Music (2007).

Tra il 2000 e il 2003 è stato uno dei direttori[24] della rivista d'arte Leonardo.

Nel 2003 pubblica Thinking about Thought: A Primer on the New Science of Mind[25].

Attualmente vive e lavora in California.

Critico musicale[modifica | modifica wikitesto]

La sua impostazione critica sembrerebbe[a chi?][senza fonte] essere stata influenzata da alcune teorie marxiste molto diffuse nell'Italia degli anni'70, riscontrabili peraltro in altri autori della sua generazione (tra cui cui Riccardo Bertoncelli, apertamente citato da Scaruffi tra i suoi riferimenti).[26][27]

Sostenitori e detrattori[modifica | modifica wikitesto]

Le teorie di Scaruffi sono risultate nel tempo fortemente divisorie, generando così schiere di sostenitori ed oppositori. Se alcuni simpatizzanti di Piero Scaruffi ammirano spesso opere come Storia del rock (oppure History of Rock Music o lo stesso sito internet pieroscaruffi.com) "per la sua sterminata completezza e per le sue valutazioni, a volte illuminanti, a volte discutibili, sempre stimolanti" e per la dichiarata parzialità dell'opera fin dalla prefazione che recita "questa è UNA e non LA storia del rock"[28], altri ne ammirano l'ironia e la capacità di fare non "semplici recensioni, ma analisi approfondite, taglienti, con giudizi netti e motivati"[29]. Altri ancora ne ammirano poi l'"interessamento verso le qualità artistiche, che prescinde i gusti imposti dalla cultura mainstream, che traspare anche dai numerosi approfondimenti su gruppi e musicisti del tutto sconosciuti, molto sottovalutati e appartenenti alle scene underground"[30]. Mattia Salvia invece, scrivendo del sito scaruffi.com in un articolo su Vice, non esita a sostenere che "a distanza di 20 anni è ancora un capolavoro", sottolineandone il valore precursore di "uno dei primi siti internet e probabilmente il primo in assoluto a portare il nome del suo autore" che ad oggi è "il sito internet italiano più antico ancora in attività", descrivendo anche l'attitudine dell'autore che nel corso del tempo non ha mai cambiato grafica facendolo oggi apparire come un oggetto di archeologia del web. Traccia poi una similitudine con Wikipedia per la vocazione del sito a "catalogare tutto lo scibile umano" e parlando della caoticità e della vastità di informazioni di ogni genere ivi presenti, lo paragona, con vena poetica e forse non senza ironia, allo "spaesamento" che si prova di fronte alla vastità della biblioteca di Babele di borgesiana memoria[15].

Tra i massimi detrattori di Piero Scaruffi spiccano invece Federico Guglielmi ed Eddy Cilìa. Se il primo considera la pubblicazione dei volumi Storia del rock da parte di Arcana editore come "una delle poche, pochissime macchie nella carriera di responsabile editoriale di Riccardo Bertoncelli", contemporaneamente sostiene le tesi del secondo, che in un articolo comparso nel 1990 su Velvet denunciava una lunga serie di commenti e giudizi a suo dire avventati presenti nei primi tomi. [31] Nel 1997, scrivendo del sesto volume sulle pagine de Il Mucchio Selvaggio, Guglielmi metteva poi in dubbio la credibilità di Scaruffi soprattutto per la monumentalità della sua opera e la presunta impossibilità di aver ascoltato un numero di dischi tanto enorme da dovergli dedicare a tempo pieno circa vent'anni della sua esistenza, senza praticamente lasciar spazio ad altre attività (studi, carriera, scrittura e altro)[32]. Sulla stessa linea sono poi le critiche di Franco Fabbri "al mitico sito di Piero Scaruffi (www.scaruffi.com) dove si può trovare una "History of Rock Music (Based on the Truth)", insieme a un’infinità di altro materiale sulla popular music, che presupponendo che il curatore e autore abbia ascoltato e recensito praticamente ogni album mai uscito negli ultimi cinquant’anni, ovviamente abbonda (inopinatamente e incontrollabilmente celate in mezzo a informazioni esatte) di imprecisioni o di bufale complete"[33].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

  • Piero Scaruffi, Introduzione al Romanzo Contemporaneo Americano, Padova, 1989.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

  • Storia del rock, 6 vol., Milano, Arcana, 1989-1997.
I, Le origini. Gli anni d'oro. 1954-1966, Milano, Arcana, 1989. ISBN 88-85859-38-0.
II, Underground & progressive, 1967-1973, Milano, Arcana, 1989. ISBN 88-85859-39-9.
III, Dal glam al punk, 1974-1980, Milano, Arcana, 1990. ISBN 88-85859-97-6.
IV, Anni '80 e oltre, 1981-1990, Milano, Arcana, 1990. ISBN 88-85859-95-X.
V, Il nuovo rock americano degli anni '90, Milano, Arcana, 1994. ISBN 88-7966-055-1.
VI, Europa, Canada, Oceania e Giappone. Gli anni '90, Milano, Arcana, 1997. ISBN 88-7966-076-4.
  • Guida all'avanguardia e alla new age, con CD, Milano, Arcana, 1991. ISBN 88-85859-67-4.
  • Enciclopedia della musica New Age. Elettronica, ambientale, pan-etnica, Padova, Arcana, 1996. ISBN 88-7966-073-X.
  • Piero Scaruffi, A History of Rock Music 1951-2000, Iuniverse (Autoedizione), 2003, ISBN 0-595-29565-7.
  • Piero Scaruffi, Una storia della Musica Rock, Iuniverse (Autoedizione), 2005, ISBN 0-595-29565-7.
  • Piero Scaruffi, A History of Jazz Music 1900-2000, Omniware (Autoedizione), 2007, ISBN 978-0-9765531-3-7.
  • Piero Scaruffi, A History of Popular Music before Rock Music, Omniware (Autoedizione), 2007, ISBN 978-0-9765531-2-0.
  • Piero Scaruffi, A History of Rock and Dance Music, vol I, Omniware (Autoedizione), 2008, ISBN 978-0-9765531-5-1.
  • Piero Scaruffi, A History of Rock and Dance Music, vol II, Omniware (Autoedizione), 2009, ISBN 978-0-9765531-6-8.
  • Una storia del jazz, 2008 (Musica)

Politica e società[modifica | modifica wikitesto]

  • Il terzo secolo. Almanacco della società americana alla fine del millennio, Milano, Feltrinelli, 1996. ISBN 88-07-81367-X.

Scienze cognitive[modifica | modifica wikitesto]

  • L'Intelligenza Artificiale. Una guida per il programmatore, Padova, Muzzio, 1987. ISBN 88-7021-422-2.
  • La mente artificiale. Realtà e prospettive della «Macchina pensante», Milano, Franco Angeli, 1989. ISBN 88-204-6805-0
  • La fabbrica del pensiero. Nuove frontiere dell'intelligenza artificiale, Torino, I libri de La Stampa, 1994. ISBN 88-7783-080-8.
  • Piero Scaruffi, Thinking about Thought: A Primer on the New Science of Mind, Writers Club Press, 2003, ISBN 0-595-26420-4.
  • The Nature of Consciousness, Omniware, 2006, ISBN 0976553112 (Scienza)

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • L'Ultimo, Potenza, Il salice, 1991.
  • Dialogo degli Amanti, Manduria, Lacaita, 1998.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Greatest Web Site of All Time di Dan Morrell su The New York Times
  2. ^ Omniware. Scaruffi.com.
  3. ^ "Onmiware books Book-info". Book-info.com
  4. ^ "Onmiware books on Tower.com". Tower.com.
  5. ^ "Onmiware books on Openlibrary". Openlibrary.
  6. ^ a b Vedi Bio di P. Scaruffi su Progetto Babele
  7. ^ Piero Scaruffi | FARD-ROCK
  8. ^ a b Rockerilla #293, Intervista a Piero Scaruffi di Giancarlo Curro, gennaio 2005
  9. ^ Vedi la sua pagina presso l'università di Stanford
  10. ^ a b Itself intervista Piero Scaruffi (1996)
  11. ^ Velvet Gallery (16), venerato-maestro-oppure.com. URL consultato il 03 dicembre 2015.
  12. ^ Un Mucchio di casini | VICE | Italia, su VICE. URL consultato il 02 marzo 2016.
  13. ^ The History of Rock Music. Beatles: biography, discography, reviews, links
  14. ^ The History of Rock Music. Beatles: biography, discography, reviews, links, su scaruffi.com. URL consultato il 28 marzo 2015.
  15. ^ a b c La storia di Scaruffi.com, il più antico sito internet italiano | VICE | Italia, su VICE. URL consultato il 03 dicembre 2015.
  16. ^ Piero Scaruffi Beatles Commentary, su Know Your Meme. URL consultato il 15 aprile 2017.
  17. ^ 100 Greatest Rock Albums
  18. ^ Sito ufficiale di P. Scaruffi
  19. ^ Sito sulle Scienze cognitive di P. Scaruffi
  20. ^ Piero Scaruffi, poeta, storico e libero pensatore
  21. ^ Piero Scaruffi’s Web Site, su www.404pagefound.com. URL consultato il 03 dicembre 2015.
  22. ^ Dal retricopertina del libro di Piero Scaruffi, Il terzo secolo. Almanacco della società americana alla fine del millennio, Feltrinelli, 1996, ISBN 88-07-81367-X.
  23. ^ Dialogo degli amanti sul sito di Piero Lacaita Editore
  24. ^ Scaruffi membro del consiglio di direzione sul Leonardo Music Journal
  25. ^ Scheda di Thinking about Thought su Amazon
  26. ^ Critici di musica rock, su www.scaruffi.com. URL consultato il 12 marzo 2017.
  27. ^ Lettere sulla Storia del Rock, su www.scaruffi.com. URL consultato il 12 marzo 2017.
  28. ^ Piero Scaruffi. Una storia della musica rock di Renzo Stefanel su Extra magazine
  29. ^ Piero Scaruffi è un genio? di Martino Savorani
  30. ^ Trovare qualcuno a cui non piacciono i Beatles di Eugenius su Dimmicomefare.it
  31. ^ Velvet Gallery su Venerato Maestro Oppure di Eddy Cilìa
  32. ^ "E di gioco, non c’è dubbio, si è trattato. Perché? Vediamolo con i calcoli, partendo dai 5.268 musicisti e gruppi che l’autore ha trattato, per sua stessa ammissione, nei sei tomi del progetto. Allora, attribuendo ai suddetti 5.268 un carnet di sei album (da quaranta minuti ciascuno) a testa, ne deriva una durata complessiva di 1.264.320 minuti, pari a 21.072 ore o, se preferite, 878 giorni; se si considera che Scaruffi dichiara di avere operato una selezione degli artisti di cui occuparsi e si valuta l'ampiezza del parco-produzioni dagli anni ‘50 ad oggi, è lecito ipotizzare che la cernita sia stata effettuata in un ambito almeno quadruplo, per (circa) altri 2.634 giorni di maratona sonora. Decidendo di “limitare” l’impegno ad appena 12 ore ogni 24, ne consegue che per centrare l’obiettivo di una conoscenza comunque parziale e superficialissima dello scibile rock occorrono quasi vent'anni: sarebbe interessante, pertanto, sapere dove Piero Scaruffi avrebbe trovato il tempo per laurearsi, gettare le basi della sua brillante carriera, cercare gli album in questione e documentarsi su di essi, scrivere articoli e magari svagarsi anche un po’ (senza contare che ascoltando dischi su dischi una sola volta è abbastanza improbabile capirci qualcosa)" da Piero Scaruffi su L'ultima Thule di Federico Guglielmi
  33. ^ Ricostruire una storia della popular music e dei suoi generi: problemi epistemologici e valutazione delle fonti di Franco Fabbri su francofabbri.net

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN18873409 · LCCN: (ENn92029592
 
Scienze cognitive
Owl of Minerva.png Portale Filosofia · Psi2.png Portale Psicologia · Brain art.png Portale Neuroscienze
Phrenology1.jpg   Nicolas P. Rougier's rendering of the human brain.png
Filosofia della mente · Intelligenza artificiale · Linguistica cognitiva · Neuroscienze cognitive · Psicologia cognitiva
Antropologia cognitiva · Economia cognitiva · Ergonomia cognitiva · Etologia umana · Finanza comportamentale · Genetica comportamentale
Mente · Cervello · Cognizione · Comportamento · Comunicazione
Tutte le voci