Viva la vida or Death and All His Friends

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Viva la vida or Death and All His Friends
ArtistaColdplay
Tipo albumStudio
Pubblicazione11 giugno 2008 Giappone
12 giugno 2008 Regno Unito
13 giugno 2008 Italia
18 giugno 2008 Stati Uniti
Durata45:51
Dischi1
Tracce10
GenereRock alternativo[1]
Pop rock[1]
Britpop[2]
EtichettaParlophone, Capitol, EMI
ProduttoreMarkus Dravs, Brian Eno, Rik Simpson
Jon Hopkins (produzione aggiuntiva)
Registrazionegiugno 2007-aprile 2008
The Bakery (Londra)
The Magic Shop (New York)
The Nunnery e A Church (Barcellona)
FormatiCD, 2CD, LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroGrecia Grecia[3]
(vendite: 7 500+)
Messico Messico[4]
(vendite: 40 000+)
Dischi di platinoArgentina Argentina (2)[5]
(vendite: 80 000+)
Australia Australia (4)[6]
(vendite: 280 000+)
Austria Austria (2)[7]
(vendite: 40 000+)
Belgio Belgio (3)[8]
(vendite: 60 000+)
Canada Canada (5)[9]
(vendite: 400 000+)
Danimarca Danimarca[10]
(vendite: 30 000+)
Europa Europa (3)[11]
(vendite: 3 000 000+)
Finlandia Finlandia[12]
(vendite: 20 000+)
Germania Germania (3)[13]
(vendite: 600 000+)
Giappone Giappone[14]
(vendite: 300 000+)
Irlanda Irlanda (4)[15]
(vendite: 60 000+)
Italia Italia (2)[16]
(vendite: 100 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (2)[17]
(vendite: 30 000+)
Polonia Polonia[18]
(vendite: 20 000+)
Portogallo Portogallo[19]
(vendite: 20 000+)
Regno Unito Regno Unito (5)[20]
(vendite: 1 500 000+)
Spagna Spagna (2)[21]
(vendite: 120 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (2)[22]
(vendite: 2 000 000+)
Svezia Svezia[23]
(vendite: 40 000+)
Svizzera Svizzera (3)[24]
(vendite: 90 000+)
Dischi di diamanteFrancia Francia[25]
(vendite: 500 000+)
Coldplay - cronologia
Album precedente
(2007)
Album successivo
(2009)
Singoli
  1. Violet Hill
    Pubblicato: 6 maggio 2008
  2. Viva la vida
    Pubblicato: 12 giugno 2008
  3. Lost!
    Pubblicato: 10 novembre 2008
  4. Strawberry Swing
    Pubblicato: 11 settembre 2009

Viva la vida or Death and All His Friends (meglio noto semplicemente come Viva la vida) è il quarto album in studio del gruppo musicale britannico Coldplay, pubblicato l'11 giugno 2008 in Giappone, il giorno successivo nel Regno Unito,[26] il 13 dello stesso mese in Italia[27] e il 18 dello stesso mese negli Stati Uniti d'America.[28][29]

L'album ha vinto un Grammy Award al miglior album rock nel 2009[30] e un Q Award come miglior album nel 2008.[31]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

La lavorazione del disco è iniziata a Londra nel mese di novembre 2006.[32][33] Le prime fasi della lavorazione sono state caratterizzate da una serie difficoltà tra i componenti del gruppo: secondo quanto riportato dal quotidiano The Independent, i rapporti tra i componenti dei Coldplay erano diventati molto tesi, e fu solo l'arrivo del produttore Brian Eno a convincerli a ritornare a lavorare con umiltà.[34] Le registrazioni del disco sono avvenute tra Londra, Barcellona e New York e la produzione dell'album è stata affidata a Markus Dravs, Brian Eno e Rik Simpson.[27]

Alle sessioni di registrazione dell'album ha partecipato anche la nota cantautrice Kylie Minogue, eseguendo in duetto con il gruppo il brano Lhuna. Quest'ultimo brano, tuttavia, non è stato incluso nella versione finale del disco perché, secondo quanto dichiarato da Chris Martin, è stato ritenuto "troppo sexy" per lo stile dell'album.[35] Lhuna è stato comunque pubblicato il 1º dicembre 2008 attraverso il sito Red Wire, con lo scopo di sostenere una campagna di beneficenza in occasione della giornata mondiale contro l'AIDS.[36]

Il titolo del disco è stato reso noto dalla BBC il 19 marzo 2008, dopo un'intervista rilasciata da Chris Martin alla rivista Rolling Stone.[37] La lista tracce dell'album è stata invece annunciata l'11 aprile 2008, dopo diversi mesi di indiscrezioni.[38] L'uscita del disco, inizialmente prevista per la metà di maggio del 2008,[32][39] è stata successivamente fissata per il 13 giugno dello stesso anno,[27] per la casa discografica EMI.[40]

In anticipo di una settimana rispetto alla data di pubblicazione del disco, tutti i brani dell'album sono stati messi a disposizione di tutti gli utenti iscritti a Myspace, che hanno potuto ascoltarle gratuitamente in anteprima.[41]

Concezione[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo ha dichiarato esplicitamente il proprio intento di distanziarsi molto con Viva la Vida or Death and All His Firends dai tre album precedentemente pubblicati, affermando di aver deciso di prendere le distanze da questi ultimi perché considerati come una trilogia ormai portata a termine.[42] Sempre secondo le dichiarazioni di Chris Martin, tale decisione è dovuta soprattutto alla volontà di aggiungere colore alla musica dei Coldplay.[43] Come anticipato da Billboard, anche la struttura dei brani è diversa rispetto a quella tipicamente adottata dal gruppo nelle precedenti produzioni: viene infatti abbandonato lo schema strofa-ritornello-strofa, sotto esplicita indicazione da parte del produttore Brian Eno.[38]

I brani del disco spaziano attraverso stili diversi, e anche le tematiche sono molto varie tra loro.[44] Chris Martin ha dichiarato che la doppia anima del disco, che viene evidenziata anche dal titolo, è legata al continuo oscillare delle emozioni e degli stati d'animo di ogni persona: alcuni brani dell'album sono nati in momenti caratterizzati da pensieri positivi, altre in istanti nei quali a prevalere erano i pensieri negativi. In fase di scrittura non è stato seguito un preciso piano poetico, semplicemente i brani sono scaturite così come le possiamo ascoltare.[45] I brani sono perciò in bilico tra ottimismo e pessimismo, tra vita e morte,[46] ed hanno ingredienti come l'amore, la gioia e l'eccitazione, ma anche la malinconia che da sempre ha caratterizzato i lavori del gruppo.[45] All'interno del disco risulta inoltre molto forte l'elemento mistico.[46]

Il primo singolo Violet Hill è considerato dal gruppo un primo tentativo di canzone di protesta: il testo, ispirato ad un amico di Chris Martin, fa infatti riferimento a tutte quelle persone che per tutta la loro vita lavorano per qualcuno che non rispettano.[44] Un verso della canzone parla inoltre di una volpe che diventa un Dio e di un «trionfo di idioti in parata»: queste parole fanno riferimento al canale di notizie Fox News Channel.[47]

Titolo e copertina[modifica | modifica wikitesto]

Sulla copertina del disco è raffigurato il dipinto di Eugène Delacroix La Libertà che guida il popolo ma il titolo dell'album è stato ispirato dalla frase Viva La vida scritta nel quadro che Frida Kahlo ha dipinto otto giorni prima di morire e che ha proprio questo titolo.[37] Chris Martin ha dichiarato di aver scelto di utilizzare come titolo la frase dell'artista messicana perché:

« Lei è sopravvissuta alla poliomielite, ad una spina dorsale rotta e un male cronico per decenni. Ha avuto un sacco di problemi e poi ha iniziato questo grande quadro a casa sua che diceva Viva la vida. Mi è piaciuta questa audacia. »

Il frontman ha inoltre spiegato la scelta del doppio titolo:[44]

« Ci sono due titoli diversi, così se vuoi che sia un album triste lo puoi chiamare Death and All His Friends e saltare certi brani. E se vuoi esaltarti non salti quei brani e lo chiami Viva la vida. »

Edizione speciale[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 novembre 2008 i Coldplay hanno pubblicato l'EP Prospekt's March, una sorta di appendice a Viva la vida or Death and All His Friends, contenente alcuni brani scartati dal disco stesso, ma anche nuove versioni dei brani che lo costituiscono (come Lost+, una nuova versione di Lost! alla cui realizzazione ha partecipato anche Jay-Z).[48] Nello stesso giorno è stata pubblicata una riedizione di Viva la vida or Death and All His Friends, denominata Viva la vida/Prospekt's March e contenente un disco aggiuntivo che racchiude tutti i brani di Prospekt's March.[1][48][49].

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
New Musical Express[50] 8/10 stelle
Spin[51] 9/10 stelle
All Music Guide[1] 4/5 stelle
Sputnikmusic[52] 4/5 stelle
MusicOMH[53] 3.5/5 stelle
The Guardian[54] 3/5 stelle
Musica e dischi[55] 3.5/5 stelle

L'album è stato generalmente ben accolto dalla critica musicale, ricevendo secondo Metacritic un punteggio medio pari a 72 su 100, giudizio che indica "recensioni generalmente favorevoli".[56]

Diversi critici musicali hanno descritto Viva la vida or Death and All His Friends come un lavoro molto ambizioso, sia dal punto di vista prettamente musicale, sia dal punto di vista commerciale.[57][58] Secondo alcuni critici di settore, l'album richiama il rock progressivo degli anni settanta, con riferimenti soprattutto ai Pink Floyd;[57] le influenze indicate all'interno delle recensioni ricevute dall'album sono però svariate, e includono tra gli altri artisti e gruppi come Blur, Radiohead, U2, The Beatles, Lou Reed,[57] Arcade Fire e Muse.[58]

L'album è stato inoltre inserito nelle classifiche dei migliori del 2008 da molti quotidiani e riviste musicali: secondo Rolling Stone, Viva la vida or Death and All His Friends è risultato il settimo tra i migliori album del 2008;[59] nella classifica del New York Post, il disco si trova in prima posizione,[60] mentre è in terza nella classifica di Q[61] e in nona in quella stilata da Spin.[62]

Nonostante questo, Viva la vida or Death and All His Friends ha anche ricevuto dalla rivista New Musical Express una nomination come peggior album agli NME Awards 2009.[63]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il disco è stato anticipato dal singolo Violet Hill, reso disponibile in download gratuito per una settimana sul sito ufficiale della band, a partire dal 29 aprile 2008.[64] Solamente nelle prime 24 ore, il brano è stato scaricato oltre 600.000 volte,[65] per poi arrivare a 2 milioni di download in 5 giorni.[45] Il singolo è stato pubblicato anche su vinile, in un'edizione speciale distribuita gratuitamente con il numero della rivista New Musical Express pubblicato in Gran Bretagna il 7 maggio 2008. All'interno del disco in vinile è inclusa anche la b-side A Spell a Rebel Yell, finora mai pubblicata su altri supporti.[65] Il primo singolo è stato inoltre accompagnato da un videoclip girato in Sicilia.[66]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Guy Berryman, Jonny Buckland, Will Champion e Chris Martin, eccetto dove indicato.

  1. Life in Technicolor – 2:29 (Guy Berryman, Jonny Buckland, Will Champion, Chris Martin, Jon Hopkins)
  2. Cemeteries of London – 3:21
  3. Lost! – 3:55
  4. 42 – 3:57
  5. Lovers in Japan/Reign of Love – 6:51
  6. Yes – 7:06 – contiene la traccia fantasma Chinese Sleep Chant
  7. Viva la vida – 4:01
  8. Violet Hill – 3:42
  9. Strawberry Swing – 4:09
  10. Death and All His Friends – 6:18 (Guy Berryman, Jonny Buckland, Will Champion, Chris Martin, Jon Hopkins)contiene la traccia fantasma The Escapist
Traccia bonus nell'edizione di iTunes[67]
  1. Lost? – 3:42
CD bonus presente in Viva la Vida/Prospekt's March Edition

Testi e musiche di Guy Berryman, Jonny Buckland, Will Champion e Chris Martin, eccetto dove indicato.

  1. Life in Technicolor ii – 4:05
  2. Postcards from Far Away – 0:48
  3. Glass of Water – 4:44
  4. Rainy Day – 3:26
  5. Prospekt's March/Poppyfields – 3:39
  6. Lost+ – 4:18 (Guy Berryman, Jon Buckland, Will Champion, Chris Martin, Shawn Carter)
  7. Lovers in Japan (Osaka Sun Mix) – 3:58
  8. Now My Feet Won't Touch the Ground – 2:29
DVD bonus presente in Viva
  1. Violet Hill
  2. Viva La Vida
  3. Lost!
  4. Lovers in Japan
  5. Life in Technicolor ii
  6. Strawberry Swing

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Crediti tratti dal libretto dell'album:[68]

Gruppo
Altri musicisti
Produzione

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

L'album ha ottenuto un grande successo commerciale, esordendo direttamente al primo posto nelle classifiche di vendita ufficiali di 36 Paesi diversi.[69] Nel Regno Unito il disco ha venduto 302.000 copie in tre giorni, diventando così l'album con il più rapido successo commerciale tra quelli finora pubblicati dal gruppo.[70][71] Negli Stati Uniti le copie vendute nella prima settimana sono state 721.000, risultato di poco inferiore rispetto a quello ottenuto dal precedente album X&Y, che aveva raggiunto le 737.000 copie.[72][73]

In Italia l'album ha ottenuto il disco di platino (equivalente ad oltre 70.000 copie) grazie solamente alle prenotazioni avvenute prima della data di pubblicazione.[46] Il premio è stato ufficialmente consegnato al gruppo il 30 settembre 2008, in occasione del concerto tenuto al Mediolanum Forum di Assago.[74] Inoltre, per le vendite del disco dal 2009 in poi, Viva la vida or Death and All His Friends è stato certificato doppio disco di platino.[16] Alla fine del 2008, le copie vendute in Italia dall'album erano circa 150.000.[75][76] Secondo i dati forniti dalla casa discografica e raccolti da Musica e dischi, durante il 2008 sono stati eseguiti circa 20.000 download legali dell'album in Italia.[75]

Il 29 giugno 2008, a sole due settimane dalla pubblicazione, Viva la vida or Death and All His Friends è diventato l'album digitale più venduto della storia.[69][77] Con oltre 6.800.000 copie vendute durante l'anno, il disco è stato inoltre l'album più venduto al mondo nel corso del 2008.[75][78][79][80]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2008) Posizione
Australia[93] 4
Austria[94] 8
Belgio (Vallonia)[95] 6
Belgio (Fiandre)[96] 2
Canada[97] 3
Danimarca[98] 15
Europa[99] 3
Finlandia (stranieri)[100] 7
Francia[101] 5
Germania[102] 6
Grecia[103] 8
Irlanda[104] 7
Italia[105] 10
Messico[106] 38
Nuova Zelanda[107] 6
Paesi Bassi[108] 4
Regno Unito[109] 5
Spagna[110] 15
Stati Uniti[111] 7
Svezia[112] 7
Svizzera[113] 4
Mondo[80] 1
Classifica (2009) Posizione
Australia[114] 23
Belgio (Fiandre)[115] 9
Belgio (Vallonia)[116] 25
Canada[117] 45
Danimarca[98] 81
Europa[118] 12
Francia[119] 36
Germania[120] 49
Italia[121] 36
Nuova Zelanda[122] 44
Paesi Bassi[123] 13
Regno Unito[124] 75
Spagna[125] 17
Stati Uniti[126] 39
Svezia[127] 97
Svizzera[128] 45
Classifica (2010) Posizione
Francia[129] 126
Italia[130] 98
Classifica (2011) Posizione
Italia[131] 82

Premi e nomination[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Nomination[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Viva la Vida, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ Coldplay - Viva La Vida (or Death And All His Friends), Ondarock.it. URL consultato il 12 ottobre 2012.
  3. ^ (EL) Top 50 Ξένων Aλμπουμ - Εβδομάδα 46/2008, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 25 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  4. ^ (ES) Certificaciones Encontradas, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  5. ^ (ES) Discos de Oro y Platino, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  6. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2009 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  7. ^ (DE) Gold & Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  8. ^ (EN) GOLD AND PLATINUM CERTIFICATIONS - SINGLES and ALBUMS - 2009, Ultratop. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  9. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  10. ^ (DA) Guld & platin januar 2010, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 12 aprile 2011.
  11. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards - 2011[collegamento interrotto], International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  12. ^ (FI) Tilastot - Kulta- ja platinalevyt, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  13. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  14. ^ (JA) ゴールド等認定作品一覧 2008年9月, Recording Industry Association of Japan. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  15. ^ (EN) 2008 Certification Award - Multi Platinum, irishcharts.ie. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  16. ^ a b Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 21 giugno 2015.
  17. ^ (EN) Latest Gold / Platinum Albums, su radioscope.net.nz. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  18. ^ (EN) Oficjalna lista sprzedaży - sales for the period 13.10.2008 - 19.10.2008, OLiS. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  19. ^ (PT) Discos de Ouro e Platina - GALARDÕES 2008, Associação Fonográfica Portuguesa. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  20. ^ (EN) BPI Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 27 marzo 2017. Digitare "Viva la vida" in "Search BPI Awards" e premere Invio.
  21. ^ (ES) Top 100 Albumes - SEMANA 23: del 07.06.2010 al 13.06.2010 (PDF), Productores de Música de España. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  22. ^ (EN) Coldplay, Viva la vida – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 21 giugno 2015.
  23. ^ (SV) Sveriges Officiella Topplista, Sverigetopplistan. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  24. ^ (EN) AWARDS 2010, Schweizer Hitparade. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  25. ^ (FR) Les Disques d'Or 2009 (PDF), Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  26. ^ (EN) Sean Michaels, Coldplay tour postponed by 'production delays', The Guardian, 11 giugno 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  27. ^ a b c Coldplay, nuovo album: data di pubblicazione e tracklist definitiva, Rockol.it, 14 aprile 2008. URL consultato il 7 agosto 2010.
  28. ^ (EN) Coldplay Biography, Contactmusic.com. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  29. ^ J.C., Album Reviews - Coldplay, Viva la Vida Or Death and All His Friends, Billboard, 21 giugno 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  30. ^ a b Grammy, trionfano Plant e Krauss, tre riconoscimenti per i Coldplay, la Repubblica, 9 febbraio 2009. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  31. ^ a b (EN) Double Q Award win for Coldplay, BBC, 6 ottobre 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  32. ^ a b Album dei Coldplay, altro rinvio, Rockol.it, 22 febbraio 2008. URL consultato il 7 agosto 2010.
  33. ^ (EN) Coldplay Mixing Next Studio Album, Billboard. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  34. ^ Coldplay 'salvati' da Brian Eno, Rockol, 21 maggio 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  35. ^ 'Viva la vida' dei Coldplay, niente canzone con Kylie perché 'troppo sexy', Rockol.it, 9 giugno 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  36. ^ Minogue e Coldplay contro l'Aids, Tgcom, 2 dicembre 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  37. ^ a b (EN) Coldplay, scelto il titolo dell'album, Rockol.it, 19 marzo 2008. URL consultato il 7 agosto 2010.
  38. ^ a b Coldplay, tutte le canzoni del nuovo album, Rockol.it, 11 aprile 2008. URL consultato il 7 agosto 2010.
  39. ^ Forse esce il 19 maggio il nuovo album dei Coldplay, Rockol, 13 gennaio 2008. URL consultato il 7 agosto 2010.
  40. ^ La EMI smentisce le voci: i Coldplay non se ne vanno, su rockol.it, 11 gennaio 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  41. ^ (EN) Luan Goldie, Coldplay preview new album on MySpace, New Media Age, 6 giugno 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  42. ^ Coldplay: il primo singolo sarà forse 42, Rockol.it, 29 febbraio 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  43. ^ Luca Falzetti, RECENSIONI - Coldplay: Viva La Vida Or Death And All His Friends, indie-rock.it. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  44. ^ a b c Andrea Laffranchi, E i Coldplay si danno alla protesta, Corriere della Sera, 8 maggio 2008. URL consultato il 1º febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2015).
  45. ^ a b c Ernesto Assante, I Coldplay alla prova migliore. "Con Eno sembriamo i Roxy Music", la Repubblica, 8 maggio 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  46. ^ a b c La magia dei Coldplay: belli, bravi, romantici e adesso anche religiosi, Corriere della Sera. URL consultato l'8 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2014).
  47. ^ (EN) Brian Stelter, Coldplay Lyrics Take a Swipe at Bill O'Reilly, The New York Times, 30 giugno 2008.
  48. ^ a b (EN) Coldplay Announce Deluxe Edition of Viva La Vida, antimusic.com, 10 agosto 2008.
  49. ^ VIVA LA VIDA / PROSPEKT'S MARCH (SPECIAL EDITION) di COLDPLAY, unilibro.it. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  50. ^ (EN) Mark Beaumont, Coldplay - Viva La Vida Or Death And All His Friends, New Musical Express, 30 maggio 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  51. ^ (EN) Mikael Wood, Coldplay - 'Viva La Vida'. Chris Martin and Brian Eno take off for a new galaxy., Spin. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  52. ^ (EN) Adam Downer, Coldplay - Viva la Vida, Sputnikmusic, 9 giugno 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  53. ^ (EN) John Murphy, Coldplay - Viva La Vida or Death And All His Friends (Parlophone), MusicOMH. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  54. ^ (EN) Alexis Petridis, Coldplay, Viva la Vida or Death and All His Friends (Parlophone), The Guardian, 9 giugno 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  55. ^ Antonio Orlando, Viva la vida or death and all his friends ***1/2, Musica e dischi, giugno 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  56. ^ (EN) Viva La Vida Reviews, Ratings, Credits, and More at Metacritic, Metacritic. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  57. ^ a b c I Coldplay la band del decennio Viva la Vida è la conferma il gruppo è diventato grande. Il nuovo album Poi il tour mondiale anche in Italia, La Stampa, 8 maggio 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  58. ^ a b Recensione di Rolling Stone Italia, Rolling Stone Italia. URL consultato il 7 agosto 2010.
  59. ^ Migliori album del 2008: ecco quelli di 'Rolling Stone', Rockol. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  60. ^ (EN) Dan Aquilante, Best of 2008 Chris Martin & Co. rock their way to the top of this year's Best Albums, New York Post, 7 dicembre 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  61. ^ (EN) 50 Best Albums, Q, gennaio 2009. URL consultato il 3 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2009).
  62. ^ (EN) The 20 Best Albums of 2008, Spin. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  63. ^ (EN) Oasis, Alex Turner, Killers: Shockwaves NME Awards 2009 nominations, New Musical Express, 26 gennaio 2009. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  64. ^ Singolo in rete per i Coldplay, confermate le date annunciate da Rockol, Rockol, 28 aprile 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  65. ^ a b Scaricato 600.000 volte in 24 ore il nuovo singolo dei Coldplay, Rockol, 6 maggio 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  66. ^ Bruno Ruffilli, I nuovi Coldplay la musica in regalo "Violet Hill" Il primo singolo della band dal nuovo album "Viva La Vida" da oggi in download gratuito. Come i due concerti di Londra e New York, La Stampa, 29 aprile 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  67. ^ Viva la Vida or Death and All His Friends, iTunes. URL consultato l'8 agosto 2012.
  68. ^ (EN) Note di copertina di Viva la vida or Death and All His Friends, Coldplay, Parlophone, CD, 12 giugno 2008.
  69. ^ a b Articolo: "Viva La Vida scales global chart heights", MusicWeek. URL consultato il 06-08-2010.
  70. ^ Articolo: "New Coldplay Album Sells 300K In Three Days", Billboard. URL consultato il 06-08-2010.
  71. ^ Classifiche UK, album dei Coldplay numero 1 in 3 giorni con 300.000 copie, Rockol. URL consultato il 07-08-2010.
  72. ^ Articolo: "Coldplay Cruises To No. 1 On The Billboard 200", Billboard. URL consultato il 06-08-2010.
  73. ^ Classifiche USA: l'album dei Coldplay esordisce con 700.000 copie, Rockol. URL consultato il 07-08-2010.
  74. ^ Coldplay in Italy (PDF), Musica e dischi, novembre 2008. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  75. ^ a b c È ancora flessione (PDF), Musica e dischi, febbraio 2009. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  76. ^ Fabrizio Basso, Coldplay, notti magiche, mag.sky.it, 30 settembre 2008.
  77. ^ (EN) Week Ending June 29, 2008: Viva La Download Or Death And All His CDs, Yahoo! Music, 02-07-08. URL consultato il 21-09-08.
  78. ^ Gli album più venduti del 2008, Rollingstone. URL consultato il 07-08-2010.
  79. ^ Dati internaziolai: l'album più venduto del 2008 è stato quello dei Coldplay, Rockol. URL consultato il 07-08-2010.
  80. ^ a b (EN) Top 50 Global Best Selling Albums for 2008 (Physical and digital album formats included) (PDF), IFPI. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  81. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q (EN) Coldplay - Viva la vida Or Death And All His Friends, Ultratop. URL consultato l'8 dicembre 2014.
  82. ^ a b (EN) Viva La Vida or Death and All His Friends - Coldplay | Awards, su AllMusic, All Media Network. URL consultato l'8 dicembre 2014.
  83. ^ (EN) European Albums, Week of July 05, 2008, Billboard. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  84. ^ (JA) 検索結果-ORICON STYLE 芸能人検索, Oricon Charts. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  85. ^ (EN) Paul Sexton, Coldplay's 'Viva' Continues Euro Chart Hot Streak, Billboard, 17 luglio 2008. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  86. ^ a b (EN) Coldplay - Viva La Vida Or Death And All His Friends - Music Charts, aCharts. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  87. ^ (EN) Chart Stats - Coldplay - Viva la Vida or Death and All His Friends, www.chartstats.com. URL consultato il 2 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2012).
  88. ^ (CS) TOP50 Prodejní - COLDPLAY - Viva La Vida - EMI, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  89. ^ (HU) Top 40 Albums - 2008. 09. 22. - 2008. 09. 28., Magyar Hanglemezkiadók Szövetsége. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  90. ^ (EN) ARIA End of Decade Albums/Top 100 (PDF), ARIA Charts. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  91. ^ (EN) Best of the 2000s - Billboard 200 Albums, Billboard. URL consultato il 4 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2013).
  92. ^ dutchcharts.nl - Dutch charts portal
  93. ^ (EN) End Of Year Charts - Top 100 Albums 2008, ARIA Charts. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  94. ^ (DE) JAHRESHITPARADE 2008, www.austriancharts.at. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  95. ^ (FR) RAPPORTS ANNUELS 2008, www.ultratop.be. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  96. ^ JAAROVERZICHTEN 2008, www.ultratop.be. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  97. ^ (EN) YEAR END CHARTS - Top Canadian Albums. Issue Date: 2008, Billboard. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  98. ^ a b (DA) Album 2009 Top-100, Hitlisterne.dk. URL consultato il 6 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2010).
  99. ^ (EN) YEAR END CHARTS - European Top 100 Albums. Issue Date: 2008, Billboard. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  100. ^ (FI) Myydyimmät levyt - Vuosi 2008, IFPI. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  101. ^ Classifica degli album più venduti in Francia nel 2008, su disqueenfrance.com. URL consultato il 05-08-2010 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2012).
  102. ^ (DE) VIVA Album Jahrescharts 2008 - 2008, www.viva.tv. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  103. ^ Annual Charts- Year 2008 - Top 50 Ξένων Aλμπουμ, su ifpi.gr. URL consultato il 5 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  104. ^ (EN) Best of 2008, IRMA. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  105. ^ Classifiche ufficiali degli Album e dei DVD musicali più venduti e dei singoli più scaricati dalla rete nel 2008, FIMI, 13 gennaio 2009. URL consultato il 2 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2012).
  106. ^ (ES) Los Mas Vendidos 2008 (PDF), Amprofon. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  107. ^ (EN) ANNUAL TOP 50 ALBUMS CHART 2008, RIANZ. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  108. ^ (NL) JAAROVERZICHTEN - ALBUMS 2008, dutchcharts.nl. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  109. ^ (EN) The Official UK Year-End Top 200 Charts for 2008 (PDF), www.ukchartsplus.co.uk. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  110. ^ (ES) TOP 50 ALBUMES 2008 (PDF), Promusicae. URL consultato il 2 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2011).
  111. ^ (EN) Top Billboard 200 - Issue Date: 2008, Billboard. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  112. ^ (SE) Årslista Album - År 2008, Hitlistan.se. Sverigetopplistan. URL consultato il 4 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2013).
  113. ^ (EN) Swiss Year-End Charts 2008, swisscharts.com. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  114. ^ (EN) End Of Year Charts - Top 100 Albums 2009, ARIA Charts. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  115. ^ JAAROVERZICHTEN 2009, www.ultratop.be. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  116. ^ RAPPORTS ANNUELS 2009, www.ultratop.be. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  117. ^ (EN) YEAR END CHARTS - Top Canadian Albums. Issue Date: 2009, Billboard. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  118. ^ (EN) YEAR END CHARTS - European Top 100 Albums. Issue Date: 2009, Billboard. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  119. ^ Bilan Economique 2009 (PDF), Syndicat National de l'Édition Phonographique. URL consultato il 22/08/2010.
  120. ^ (DE) VIVA Album Jahrescharts 2009 - 2009, su viva.tv. URL consultato il 2 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2012).
  121. ^ Classifiche annuali dei cd, dvd, compilation più venduti e digital download più scaricati online nel 2009, FIMI, 10 gennaio 2010. URL consultato il 2 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  122. ^ (EN) ANNUAL TOP 50 ALBUMS CHART 2009, Recorded Music NZ. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  123. ^ (NL) JAAROVERZICHTEN - ALBUMS 2009, dutchcharts.nl. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  124. ^ (EN) The Official UK Year-End Top 200 Charts for 2009 (PDF), www.ukchartsplus.co.uk. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  125. ^ (ES) TOP 50 ALBUMES 2009 (PDF), Productores de Música de España. URL consultato il 2 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 26 marzo 2010).
  126. ^ (EN) Top Billboard 200 - Issue Date: 2009, Billboard. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  127. ^ (SE) Årslista Album - År 2009, Hitlistan.se. Sverigetopplistan. URL consultato il 4 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2013).
  128. ^ (EN) Swiss Year-End Charts 2009, swisscharts.com. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  129. ^ (FR) Bilan Economique 2010 (PDF), su proxy.siteo.com.s3.amazonaws.com, p. 17. URL consultato il 28 marzo 2011.
  130. ^ Classifiche annuali dei dischi più venduti e dei singoli più scaricati nel 2010, FIMI, 17 gennaio 2011.
  131. ^ Classifiche annuali dei dischi più venduti e dei singoli più scaricati nel 2011, Federazione Industria Musicale Italiana, 16 gennaio 2012. (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2011).
  132. ^ a b (EN) The 51st Annual Grammy Awards Winners List, www2.grammy.com. URL consultato il 3 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2010).
  133. ^ (EN) Jeremy Singer, 2009 JUNO Awards Show Winners, www.andpop.com, 30 marzo 2009. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  134. ^ (EN) Chris Harris, Lil Wayne, Coldplay, Alicia Keys Lead 2008 American Music Award Nominees. Chris Brown, Mary J. Blige and the Jonas Brothers will also vie for prizes during November 28 broadcast., MTV. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  135. ^ MTV EMA 08: LE NOMINATION, Newsic. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  136. ^ (EN) Beth Hardie, Duffy and Coldplay lead Ivor Novello nominations, www.mirror.co.uk, 21 aprile 2009. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  137. ^ (EN) Coldplay and Duffy lead Brit Award nominations, www.heraldscotland.com, 21 gennaio 2009. URL consultato il 3 febbraio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock