Us (Peter Gabriel)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Us
ArtistaPeter Gabriel
Tipo albumStudio
Pubblicazione27 settembre 1992
Durata57:41
Dischi1
Tracce10
GenereArt rock
World music
EtichettaReal World Regno Unito
Geffen Stati Uniti
ProduttorePeter Gabriel, Daniel Lanois
RegistrazioneReal World Studios
Certificazioni
Dischi d'oroArgentina Argentina[1]
(vendite: oltre 30 000)
Francia Francia (2)[2]
(vendite: oltre 200 000)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[3]
(vendite: oltre 7 500)
Spagna Spagna[4]
(vendite: oltre 50 000)
Svezia Svezia[5]
(vendite: oltre 50 000)
Dischi di platinoAustralia Australia[6]
(vendite: oltre 70 000)
Canada Canada (2)[7]
(vendite: oltre 200 000)
Germania Germania[8]
(vendite: oltre 500 000)
Regno Unito Regno Unito[9]
(vendite: oltre 300 000)
Stati Uniti Stati Uniti[10]
(vendite: oltre 1 000 000)
Peter Gabriel - cronologia
Album precedente
(1990)
Album successivo
(1994)

Us è il sesto album in studio del cantante britannico Peter Gabriel, pubblicato il 27 settembre 1992 dalla Real World Records.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il tema principale dell'album sono le relazioni umane: infatti il titolo, Us, vuol dire appunto "Noi", parola con la quale Gabriel vuole intendere sia le relazioni fra due persone e invece fra tutte le persone. Più nello specifico Peter ha intenzione di trattare le sue relazioni con le donne, verso le quali dimostra molta sensibilità. L'album ha cominciato a prendere forma a partire dal divorzio definitivo con l'ormai ex moglie Jill Moore, la sua successiva separazione dall'attrice Rosanna Arquette, e molti brani trattano infatti questo argomento. La lavorazione comincia a partire dalla fine del 1990 e continua fino al 21 settembre 1992, circa una settimana prima dell'uscita ufficiale del disco.

All'interno del libretto di copertina si possono osservare delle opere, commissionate dallo stesso Gabriel a scultori e pittori, che rappresentano ciascuna canzone.

Us è stato prodotto da Daniel Lanois e Peter Gabriel, registrato e missato da David Bottrill, con contributi addizionali di Richard Blair.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Peter Gabriel.

  1. Come Talk to Me (con Sinéad O'Connor) – 7:06
  2. Love to Be Loved – 5:18
  3. Blood of Eden (con Sinéad O'Connor) – 6:38
  4. Steam (Peter Gabriel) – 6:03
  5. Only Us – 6:30
  6. Washing of the Water – 3:52
  7. Digging in the Dirt – 5:18
  8. Fourteen Black Paintings – 4:38
  9. Kiss That Frog – 5:20
  10. Secret World – 7:03


Formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Peter Gabriel – voce principale (tutte le tracce), tastiere (tutte le tracce), triangolo (traccia 1), programmazione (tracce 1, 2, 7–10), sintetizzatore basso (tracce 1, 3, 7, 9, 10), percussioni (tracce 2, 4, 9), valiha (traccia 2), arrangiamento corni (traccia 4), harmonica (traccia 9), flauto Messicano (traccia 10)
  • Tony Levin – basso (tracce 1–7 e 10)
  • David Rhodes – chitarra (tracce 1, 2, 4, 5, 7–10), chitarra 12 corde (traccia 3), solo chitarra (traccia 4)
  • Manu Katché – batteria (tracce 1, 6, 7), batteria elettrica (tracce 2, 4, 5, 10), percussioni (traccia 10)
  • The Babacar Faye Drummers – sabar batteria (tracce 1 e 4)
  • Doudou N'Diaye Rose – programmazione (tracce 1 e 10)
  • David Bottrill – programmazione (tracce 1–4, 7, 10), programmazione addizionale (tracce 5 e 9), studio engineer
  • Chris Ormston – bagpipes (traccia 1)
  • Daniel Lanoisshaker (traccia 1), chitarra (tracce 1, 10), voci aggiuntive (traccia 1), hi-hat (traccia 3), voci (traccia 3), arrangiamenti corni (traccia 4), dobro su (tracce 8, 10)
  • Richard Blair – tastiere aggiuntive (traccia 1), programmazione (tracce 4, 5, 7, 9), programmazioni aggiuntive (tracce 2, 3)
  • Levon Minassian – duduk (tracce 1, 3, 8)
  • Sinéad O'Connor – voci (tracce 1, 3)
  • Dmitri Pokrovsky Ensemble – voci (traccia 1)
  • Hossam Ramzytabla (traccia 2), surdo (traccia 7)
  • Daryl Johnson – batteria (traccia 2)
  • William Orbit – programmazione (traccia 2), programmazioni aggiuntive (traccia 5)
  • Bill Dillon – chitarra (tracce 2, 5)
  • Mark Riverasassofono contralto (tracce 4, 6)
  • Brian Eno – tastiere aggiuntive (traccia 2)
  • L. Shankar – violino (tracce 2, 3, 5, 8)
  • Caroline Lavelle – violoncello (tracce 2, 6, 10), arrangiamento archi (traccia 2)
  • Wil Malone – arrangiamento archi (traccia 2, 6)
  • Jonny Dollar – arrangiamento archi (traccia 2, 6)
  • Richard Evans – ingegnere aggiuntivo (traccia 2), ingegnere di missaggio (traccia 8), mandolino (traccia 8)
  • Gus Isidore – chitarra nella sezione ponte (bridge) (traccia 3)
  • Richard Chappell – missaggio nella sezione ponte (traccia 3)
  • Leo Nocentelli – chitarra (tracce 4, 7)
  • Tim Green – sassofono tenore (tracce 4, 6)
  • Reggie Houstonsassofono baritono (tracce 4, 6)
  • Renard Poché – trombone (tracce 4, 6)
  • Wayne Jackson – tromba (traccia 4), cornetta (traccia 6)
  • Kudsi Ergunerney, flauto (traccia 5), shaker (traccia 4)
  • Ayub Ogada – voci (traccia 5, 7)
  • Malcolm Burn – arrangiamento corni (traccia 6), violoncello sintetizzato aggiuntivo (traccia 10), idee aggiuntive di produzione (traccia 10)
  • Mark Howard – registrazione corni (traccia 6)
  • Babacar Faye – djembe (tracce 7, 8)
  • Assane Thiam – tama (traccia 7), talking drum (traccia 8)
  • Peter Hammill – voci (traccia 7)
  • Richard Macphail – voci (traccia 7)
  • John Paul Jonessurdo (traccia 8), basso (traccia 8), tastiere (traccia 8)
  • Adzido Pan African Dance Ensemble – loop percussioni aggiuntive (traccia 9)
  • Manny Elias – shaker Senegalese (traccia 9)
  • Marilyn McFarlane – voci (traccia 9)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1992) Posizione
massima
Australia[11] 3
Austria[11] 10
Canada[12] 4
Finlandia[13] 1
Francia[14] 2
Germania[11] 1
Giappone[15] 17
Italia[16] 3
Norvegia[11] 7
Nuova Zelanda[11] 6
Paesi Bassi[11] 8
Regno Unito[17] 2
Spagna[18] 7
Stati Uniti[19] 2
Svezia[11] 2
Svizzera[11] 2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Discos de Oro y Platino, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 15 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  2. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, Infodisc.fr. URL consultato il 15 febbraio 2016. Selezionare "Peter GABRIEL" e premere "OK".
  3. ^ (EN) Dean Scapolo, The Complete New Zealand Music Charts: 1966–2006, Wellington, Dean Scapolo and Maurienne House, 2007, ISBN 978-1-877443-00-8.
  4. ^ (ES) Productores de Música de España, Solo Exitos 1959–2002 Ano A Ano: Certificados 1979–1990, 1ª ed., ISBN 84-8048-639-2.
  5. ^ (SV) Gold & Platinum 1987–1998 (PDF), su IFPI Sweden. URL consultato il 15 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2012).
  6. ^ (EN) Gavin Ryan, Australia's Music Charts 1988-2010, Mt. Martha, VIC, Australia, Moonlight Publishing, 2011.
  7. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  8. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank (Peter Gabriel; 'Us'), Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  9. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 15 febbraio 2016. Digitare "Peter Gabriel" in "Keywords", dunque premere "Search".
  10. ^ (EN) Peter Gabriel, Us – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  11. ^ a b c d e f g h (NL) Peter Gabriel - Us, Ultratop. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  12. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 56, No. 17 Oct 24, 1992, su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  13. ^ (FI) Timo Pennanen, Sisältää hitin - levyt ja esittäjät Suomen musiikkilistoilla vuodesta 1972, 1ª ed., Helsinki, Kustannusosakeyhtiö Otava, 2006, ISBN 978-951-1-21053-5.
  14. ^ (FR) Le Détail des Albums de chaque Artiste, Infodisc.fr. URL consultato il 15 febbraio 2016. Selezionare "Peter GABRIEL" e premere "OK".
  15. ^ (EN) Oricon Album Chart Book: Complete Edition 1970-2005, Roppongi, Oricon Entertainment, 2006, ISBN 4-87131-077-9.
  16. ^ Gli album più venduti del 1992, hitparadeitalia.it. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  17. ^ (EN) Official Albums Chart Top 75: 04 October 1992 - 10 October 1992, Official Charts Company. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  18. ^ (ES) Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1ª ed., Spagna, Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  19. ^ (EN) 329043 Chart History, su Billboard. URL consultato il 15 febbraio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]