Tabla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Tabla" rimanda qui. Se stai cercando l'isola delle Filippine, vedi Tablas (Filippine).
Tabla
Tabla.jpg
Una coppia di tabla.
Informazioni generali
Origine India
Classificazione 211.12
Membranofoni a percussione
Uso
Musica dell'Asia Meridionale

Il tabla (in hindi: तबला, tablā) è un tipo di tamburo indiano diffuso in India e in Pakistan, consistente in una cassa di legno o terracotta sulla quale è tesa, mediante legacci, una pelle la cui tensione si può modificare ruotando dei cilindretti collocati tra il fusto e le stringhe di cuoio utilizzate per allacciare la pelle stessa.[1][2] La membrana di pelle è dotata al centro di un cerchio di pasta nera (syahi), grazie al quale è possibile ottenere sonorità particolari.[3] Il tabla è utilizzato nella musica indiana, sia classica che popolare e religiosa, ma anche nella musica occidentale moderna di colorazione etnica (p.e. nella cosiddetta world music).

L'origine indiana dello strumento, sviluppato a partire dalle epoche dei Veda e Upanishad, è testimoniata da varie sculture presenti in molti templi indiani, come nelle grotte di Bhaja nello stato del Maharashtra risalenti al 200 a.C., o su un intaglio del XII secolo nei templi di Hoysala in Karnataka, dove viene mostrata una donna che suona il tabla durante una danza.[4]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il tabla è uno strumento composto di solito da due corpi di forme e dimensioni diverse, ed è suonato con le mani[2] con una raffinata tecnica di dita. Al centro della membrana i due corpi sono dotati di un cerchio di pasta nera (syahi) composta da riso bollito, polvere di manganese e limatura di ferro,[3] che danno ai tamburi la loro caratteristica risonanza. Il tamburo più grande, di sonorità bassa (bhayan o dugg), è suonato normalmente con la mano sinistra, mentre il più piccolo di sonorità alta (dhayan o tabla) con la destra. Il dhayan ha una pelle centrale con una corona esterna e il syahi al centro, mentre nel bhayan il syahi non è perfettamente centrato sulla pelle, questo per consentire maggior estensione; grazie a queste particolarità si possono ottenere numerose sonorità creando un gioco timbrico particolare. Le strutture ritmiche (Tala) della musica classica indiana sono complesse e vengono trasmesse e insegnate oralmente con una sillabazione ad imitazione dei vari suoni ottenuti con il tabla (Bol),[5] ecco alcuni esempi:

  • Dha: suono scuro: bhayan insieme a dhayan
  • Dhin: suono semi scuro bhayan insieme a dhayan
  • Ta: suono chiaro (come dha ma suonato senza bhayan)
  • Tin: suono chiaro solo dhayan
  • Ti: suono secco al centro del dhayan

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Treccani.it - Vocabolario on line
  2. ^ a b www.grandidizionari.it - Dizionario italiano HOEPLI
  3. ^ a b (EN) Dale Hoiberg e Indu Ramchandani, Students' Britannica India, Encyclopaedia Britannica, 2000, p. 20, ISBN 978-0-85229-760-5. URL consultato il 13 maggio 2016.
  4. ^ (EN) Sadanand Mainpalli, Theory and practice of Tabla, Mumbai, Popular Prakashan, 2005, ISBN 81-7991-149-7. URL consultato il 13 maggio 2016.
  5. ^ (EN) Peyman Nasehpour, Encyclopedia of Persian Percussion Instruments, nasehpour.com, 2002. URL consultato il 13 maggio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]