Ludiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ludiano
frazione
Ludiano – Stemma
Ludiano – Veduta
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Flag of Canton of Tessin.svg Ticino
Distretto Blenio
Comune Serravalle
Territorio
Coordinate 46°25′N 8°58′E / 46.416667°N 8.966667°E46.416667; 8.966667 (Ludiano)Coordinate: 46°25′N 8°58′E / 46.416667°N 8.966667°E46.416667; 8.966667 (Ludiano)
Altitudine 466 m s.l.m.
Abitanti 355 (2011)
Altre informazioni
Cod. postale 6721
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 5040
Targa TI
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Ludiano
Ludiano

Ludiano è una frazione di 355 abitanti del comune svizzero di Serravalle, nel Canton Ticino (distretto di Blenio).

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio del comune di Ludiano prima degli accorpamenti comunali del 2012

Fino al 31 marzo 2012 è stato un comune autonomo che si estendeva per 6,2 km²; a seguito del referendum del 25 aprile 2010 (133 voti favorevoli e 66 contrari)[senza fonte], il 1º aprile 2012 è stato accorpato agli altri comuni soppressi di Malvaglia e Semione per formare il nuovo comune di Serravalle.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale di San Secondo, situata a nord dell'abitato nei pressi del cimitero, fu edificata nel 1779-1782 sul posto di una edificio sacro romanico a doppia abside attestata nel 1293, della quale conserva il campanile[1];
  • Chiesa di San Pietro;
  • Oratorio di San Giacomo maggiore in località Sülapiena, costruzione rifatta nel 1765 che ospita due affreschi: Madonna in trono, della fine del XV secolo, e San Rocco, del XVII secolo[senza fonte];
  • Oratorio della Madonna sul monte di Püscett, costruzione in stile moderno che ospita l'effigie del suo fondatore Giuseppe Gallizia[senza fonte].

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Numerose costruzioni ospitano affreschi di rilievo: Madonna del Latte dell'inizio del XVI secolo nella nicchia esterna di un edificio in località Pianezza, Natività di Gesù forse opera di Rochus (figlio di Cristoforo da Seregno) nella nicchia di un edificio in località Ca' D'Farei, Madonna del Latte della fine del XVI secolo nella nicchia esterna di una casa in località Ca' D'Farei, Madonna in trono con Sant'Antonio abate (frammentario) della seconda metà del XV secolo in località Pizzotti[senza fonte];
  • Rifugio del Monte Püscett all'Alpe Gardosa 1 510 m s.l.m.[senza fonte].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[1]:

Abitanti censiti

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale e ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini della frazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Sonia Fiorini, Ludiano, in Dizionario storico della Svizzera, 18 gennaio 2017. URL consultato il 6 settembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Johann Rudolf Rahn, I monumenti artistici del medio evo nel Cantone Ticino, Tipo-Litografia di Carlo Salvioni, Bellinzona 1894, 232.
  • Piero Bianconi, Arte in Blenio. Guida della valle, S.A. Grassi & Co. Bellinzona-Lugano 1944.
  • Piero Bianconi, Inventario delle cose d'arte e di antichità, I, S. A. Grassi & Co, Bellinzona 1948, 71-72, 115-119.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 324-327, 390-391.
  • Agostino Robertini, Silvano Toppi, Gian Piero Pedrazzi, Ludiano, in Il Comune, Edizioni Giornale del popolo, Lugano 1974, 193-210.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Lugano-Porza 1980, 63.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 90-91.
  • Marina Bernasconi Reusser, Monumenti storici e documenti d'archivio. I «Materiali e Documenti Ticinesi» (MDT) quali fonti per la storia e le ricerche sull'architettura e l'arte medievale delle Tre Valli, in Archivio Storico Ticinese, seconda serie, 148, Casagrande, Bellinzona 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN123352016 · GND: (DE4655912-7
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino