Tolomeo Cerauno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Tolomeo Cerauno
Re di Macedonia
In carica 281 a.C.279 a.C.
Nome completo Πτολεμαῖος Κεραυνός
Nascita Menfi o Alessandria d'Egitto, 318 a.C. circa
Morte 279 a.C.
Casa reale Tolemaica
Padre Tolomeo I
Madre Euridice
Consorte Arsinoe II

Tolomeo Cerauno (in greco antico Πτολεμαῖος Κεραυνός, traslitterato in Ptolemàios Keraunòs) (318 a.C. circa – 279 a.C.) fu re di Macedonia dal 281 a.C. alla morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tolomeo Cerauno era il figlio primogenito di Tolomeo I, sovrano d'Egitto, e di sua moglie Euridice, figlia di Antipatro. Nonostante la primogenitura, nel 285 a.C. fu escluso dalla successione dal padre, che invece associò al trono Tolomeo II, il figlio che aveva avuto dalla'altra moglie Berenice.

Dopo aver lasciato l'Egitto, fu accolto alla corte di Lisimaco, re di Macedonia e di Tracia e marito della sorellastra Arsinoe II. Nel 284 a.C., quando Agatocle, figlio di Lisimaco, fu accusato di congiura nei confronti del padre e condannato a morte, Tolomeo Cerauno lasciò la corte dell'anziano sovrano e passò dalla parte di Seleuco I, re di Siria e Babilonia, assieme a molte altre persone dell'entourage di re, tra le quali Lisandra, sorella dello stesso Cerauno e vedova di Agatocle, Alessandro figlio di Lisimaco e Filetero, tesoriere di Pergamo.[1][2]

Poco tempo dopo Seleuco dichiarò guerra a Lisimaco e lo sconfisse nel 281 a.C. nella battaglia di Corupedio in Asia minore, dove l'anziano re di Macedonia trovò la morte. Mentre Seleuco entrava in Tracia per conquistare i territori di Lisimaco, Tolomeo lo uccise a tradimento con una mossa fulminea (da cui prese il soprannome di Cerauno, in greco antico Κεραυνός, traslitterato in Keraunòs, "fulmine") e si proclamò re davanti all’esercito,[3] probabilmente col sostegno dei precedenti partigiani di Agatocle.[4]

Il nuovo sovrano, per unificare i regni di Tracia e Macedonia, convinse la sorellastra Arsinoe II a sposarlo, con la promessa che avrebbe poi lasciato il trono ai figli di lei.[5] La regina era precedentemente fuggita in maniera rocambolesca da Efeso a Cassandria in seguito alla morte di Lisimaco, travestendosi da serva.[6] Poco dopo il matrimonio, che gli permise di entrare in possesso della parte di Macedonia ancora fedele alla regina, uccise a tradimento due dei tre figli di Arsinoe e cacciò la sorellastra da Cassandria dopo averla spogliata delle insegne regali ed averle perfino negato di celebrare i riti funebri per i figli, all'epoca ancora adolescenti (280 a.C.).[7].

L'anno successivo (279 a.C.), Cerauno fronteggiò alla guida del suo esercito le truppe dei Celti, che avevano invaso la penisola balcanica ma fu vinto, catturato e decapitato dai nemici, lasciando il regno di Macedonia e di Tracia nominalmente al fratello Meleagro, ma di fatto nell'anarchia. Successivamente (277 a.C.), Antigono II Gonata, figlio di Demetrio Poliorcete, sconfisse definitivamente i Celti e si insediò sul trono di Pella.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pausania Periegesi della Grecia I 10,4.
  2. ^ Landucci Gattinoni, pag. 211.
  3. ^ Memnone, Storia di Eraclea, FGrH 434F 8, 3.
  4. ^ Donnelly Carney, pag. 50.
  5. ^ Donnelly Carney, pag. 54.
  6. ^ Polieno, Stratagemmi VIII 57.
  7. ^ a b Giustino, Epitome delle Storie Filippiche, XXIV, 3.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti secondarie
Approfondimenti
Predecessore Re di Macedonia Successore
Lisimaco 281-279 a.C. Meleagro
Predecessore Re dei Traci Successore
Lisimaco 281-279 a.C. Meleagro

Controllo di autorità VIAF: 22934214