Tolomeo di Commagene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tolomeo di Commagene (greco: Πτολεμαίος; ... – 130 a.C.) fu il primo re di Commagene, dal 163 al 130 a.C..

Tolomeo era imparentato con gli Orontidi, la dinastia reale dell'Armenia, in quanto parente del re di Sofene Arsame I, di Mitridate I di Partia e, secondo delle iscrizioni ritrovate sul monte Nemrut, di Dario I di Persia.

Dal 201 al 163 a.C., Tolomeo fu satrapo di Commagene, amministratore, cioè, della provincia dell'Impero seleucide, servendo sotto i sovrani seleucidi Antioco III, Seleuco IV, Antioco IV e Antioco V. Nel 163, approfittando dello scontro tra Antioco V e Demetrio I Sotere, Tolomeo si dichiarò indipendente, scegliendo Samosata come capitale del suo nuovo regno.

Morì nel 130 a.C.; gli succedette il figlio Samo II Teosebe Diceo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Olivier Hekster, Richard Fowler, Imaginary Kings: Royal Images in the Ancient Near East, Greece and Rome', Franz Steiner Verlag, 2005, ISBN 3-515-08765-6, p. 87.
Predecessore
-
Re di Commagene
163-130 a.C.
Successore
Samo II Teosebe Diceo
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie