Diodoto II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diodoto II
Moneta di Diodoto II
Moneta di Diodoto II
Basileos del Regno greco-battriano
In carica 240 a.C. circa – 230 a.C. circa
Predecessore Diodoto I
Successore Eutidemo I
Morte 230 a.C. circa
Casa reale casata di Diodoto
Padre Diodoto I

Diodoto II (... – ...) è stato sovrano del Regno greco-battriano.

Figlio di Diodoto I, è noto per aver concluso un trattato di pace con il re dei Parti Arsace I, allo scopo di contrastare la riconquista della Partia e della Battria da parte dell'Impero seleucide, dal quale le due satrapie si erano da poco rese indipendenti.

« Poco dopo, sollevato per la morte di Diodoto I, Arsace fece pace e stipulò un'alleanza con suo figlio, anche noto col nome di Diodoto; qualche tempo dopo combatté contro Seleuco, giunto a punire i ribelli, ma prevalse: i Parti celebrarono questo giorno come quello che segnò l'inizio della loro libertà. »
(Giustino, xli.4)

Attorno al 230 a.C., Diodoto fu ucciso da un usurpatore, Eutidemo I, fondatore della dinastia greco-battriana eutidemide (Polibio, xi.34.2).

Predecessore
Diodoto I
Sovrani greco-battriani
240 a.C.230 a.C.
Successore
Eutidemo I