Alessandro II Zabina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Alessandro II Zabina
Moneta raffigurante Alessandro
Moneta raffigurante Alessandro
Sovrano dell'Impero seleucide
In carica 128 - 123 a.C.
Predecessore Demetrio II Nicatore
Successore Antioco VIII Gripo
Nome completo Aléxandros Zabìnas
Morte vicino Antiochia di Siria, 123 a.C.
Dinastia Seleucidi
Padre Antioco VII (presunto)

Alessandro II Zabina (greco: Ἀλέξανδρoς Zαβίνας, Aléxandros Zabìnas; latino: Alexander II Zabinas; ... – Antiochia di Siria, 123 a.C.) è stato un sovrano dell'Impero seleucide dal 128 al 123 a.C..

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alessandro, che non apparteneva alla dinastia seleucide, salì al potere durante il periodo di caos che seguì alla perdita della Mesopotamia a causa della guerra con i Parti; Zabina affermava di essere il figlio adottivo di Antioco VII Alessandro era in effetti una pedina nelle mani del sovrano egiziano Tolomeo VIII Trifone, che lo utilizzò contro il legittimo sovrano seleucide Demetrio II che sosteneva le pretese di Cleopatra II, sorella di Tolomeo, riguardo al trono egiziano.

Zabina riuscì a sconfiggere Demetrio e a regnare su alcune parti della Siria (128 - 123 a.C.), ma gli venne a mancare presto il sostegno egiziano e fu quindi sconfitto a sua volta dal figlio di Demetrio, Antioco VIII Gripo. Come ultima spiaggia, Zabina decise di saccheggiare i templi della capitale seleucide, Antiochia di Siria: nell'atto di fondere una statua della dea Vittoria che era stata posta nella mano di una statua di Zeus, affermò che "Zeus mi ha dato la Vittoria". Gli Antiochieni, inferociti dalla sua mancanza di pietà religiosa, espulsero Alessandro, che venne catturato e giustiziato poco dopo.

Il termine "Zabinas" è derogativo, in quanto significa "quello comprato"; non sono note le ragioni, ma Alessandro II fu l'unico sovrano seleucide dell'ultimo periodo che non utilizzò degli epiteti sulla sua monetazione.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore
Demetrio II Nicatore
Sovrano dell'Impero seleucide
128-123 a.C.
in opposizione a Seleuco V (126-125 a.C.)
e Cleopatra Tea (125-121 a.C.)
Successore
Antioco VIII Gripo
Cleopatra Tea