Archelao di Cappadocia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dracma di Archelao

Archelao IV di Cappadocia (in greco: Αρχέλαος; nato Sisines; ... – 17) fu l'ultimo re della Cappadocia (dal 36 al 17 e re della Sofene a partire dal 20 a.C.).

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Archelao Philopatris Ktistēs Sōtēr era il secondo figlio di Archelao, sommo sacerdote di Bellona nel santuario di Comana, e di una certa Glafira rinomata per la sua bellezza.[1] Il nonno paterno, anche lui chiamato Archelao[2] aveva tentato di regnare sull'Egitto con la sua sposa Berenice IV, ma venne ucciso in battaglia contro le forze di Aulo Gabinio, governatore romano della Siria, nel gennaio o febbraio del 55 a.C. Mentre il bisnonno, padre del precedente, ugualmente chiamato Archelao, era il celebre generale di Mitridate VI.

Cliente di Roma[modifica | modifica wikitesto]

Nel 36 a.C. Archelao fu nominato re di Cappadocia dal triumviro Marco Antonio, onde rimpiazzare Ariarate X di Cappadocia, l'ultimo rappresentante della famiglia del re di Cappadocia e cliente di Roma Ariobarzane I Filoromano.[3] A testimonianza della sua riconoscenza, egli fornì truppe a Marco Antonio per le sue sfortunate spedizioni contro i Parti.

Archelao non esitò ad abbandonare il suo benefattore nella battaglia di Azio. Egli comunque ottenne allora una parte della Cilicia e dell'Armenia minore o Sofene. Archelao non era molto stimato tra i suoi sudditi, i quali mossero accuse contro di lui a Roma, difeso in quell'occasione dall'imperatore romano Tiberio.

Aiutò Tiberio a stabilire in Armenia Tigrane V Erode, figlio di sua figlia Glafira e di Alessandro, figlio del re di Giudea Erode il Grande, però si attirò il risentimento di Tiberio che gli rimproverò d'essere stato fedele al giovane Gaio Giulio Cesare Vipsaniano, il primo erede di Augusto morto nel 4.

Archelao aveva sposato dopo l'8 Pitodorida del Ponto, la vedova di Polemone I del Ponto che governava questo regno vassallo di Roma a nome dei suoi figli minori. Questa alleanza tra due sovrani clienti genera la diffidenza di Roma.

In seguito alle difficoltà con i suoi sudditi, Archelao viene convocato a Roma dove dovrà rispondere davanti al senato dei tumulti nei suoi stati da lui suscitati. Non venne condannato a morte, ma Tiberio lo fa mettere in prigione laddove morirà il 17 d.C., dopo un regno durato 52 anni.

La Cappadocia viene allora trasformata in provincia romana[4].

Di Archelao si diceva che fosse stato l'autore di opera geografica, e di avere scritto trattati su pietre e fiumi.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei suoi figli fu il re Archelao di Cilicia, sovrano della Cilicia Trachea dal 17 al 36.

Sua figlia Glafira sposò il principe Alessandro, uno dei due figli di Erode il Grande e di Mariamne l'Asmonea, giustiziata da suo padre. Sarà la madre del re d'Armenia Tigrane V e di un principe Alessandro, a sua volta padre del re Tigrane VI di Cappadocia, re d'Armenia sotto l'imperatore romano Nerone[5].

Dopo l'8 a.C., Archelao sposò la regina Pitodorida del Ponto, diventando il patrigno dei suoi tre bambini avuti dal primo matrimonio. Pitodorida rimase sposata ad Archelao fino alla di lui morte senza avere figli, e successivamente ritornò nel Ponto dalla sua famiglia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si racconta che Glafira sia stata per breve tempo amante di Marco Antonio, nel 41 a.C.
  2. ^ Anche costui venne creato sommo sacerdote di Comana in Cappadocia nel 60 a.C. da Pompeo
  3. ^ Strabone: Libro XII, capitolo 2, § 11
  4. ^ Svetonio, Tiberio: capitolo XXXVII
  5. ^ Flavio Giuseppe, Antichità giudaiche, Libro XVIII, capitolo 5.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Chris Bennett, Genealogia reale egiziana - dinastia tolemaica, 2005. Consultabile alla pagina Ptolemaic Dynasty. URL consultato il 5 dicembre 2005 (archiviato dall'url originale il ).
  • (EN) Aiden Dodson e Dylan Hilton, Tutte le famiglie reali dell'antico Egitto, Londra: Thames & Hudson, 2004. MCL 932 Dod.
  • (EN) Anthony Wagner, Albero genealogico e progresso, Saggio riguardo all'interpretazione genealogica della storia, Londra, Philmore, 1975. Rutgers Alex CS4.W33.
  • (FR) Edouard Will Storia politica del mondo ellenistico (323-30 a.C.) Annali dell'Est, Nancy (1967)
  • (FR) Maurice Sartre L'alto impero romano. Le province del Mediterraneo orientale da Augusto ai Severi, Le Point ISBN 202 0281538.

Fonti classiche[modifica | modifica wikitesto]

Hugh Chisholm, Encyclopædia Britannica, XI edizione, Cambridge University Press, 1911.

Predecessore Re di Cappadocia Successore
Ariarate X Eusebio Filadelfo 38-17 d.C.
Archelao
provincia romana