Attalo III

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Attalo III (170 a.C. circa – 133 a.C.) ultimo re attalide indipendente del regno di Pergamo, nell'attuale Turchia nord occidentale.

Attalo III
Ritratto che potrebbe raffigurare Attalo II Filadelfo o Attalo III.
Ritratto che potrebbe raffigurare Attalo II Filadelfo o Attalo III.
Re di Pergamo
In carica 138 a.C.133 a.C.
Predecessore Attalo II
Successore Eumene III
Nascita 170 a.C.
Morte Pergamo, 133 a.C.
Casa reale Attalidi
Padre Eumene II
Madre Stratonice

Regnò dal 138 al 133 a.C.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Eumene II e Stratonice e nipote di Attalo II, nutriva scarso interesse per il governo di Pergamo; le sue attenzioni erano invece dedicate, tra le altre, allo studio della medicina, della botanica, del giardinaggio. Non ebbe figli o alcun tipo di eredi e nel suo testamento lasciò il suo regno alla repubblica di Roma. Tiberio Gracco richiese che il tesoro di Pergamo venisse aperto e reso disponibile alla cittadinanza di Roma, ma il senato rifiutò.

Non l'intera popolazione di Pergamo però era soddisfatta della cessione del regno a Roma: Aristonico, che dichiarava di essere fratello di Attalo e figlio di Eumene II, condusse una rivolta tra la classe povera, grazie anche all'aiuto di Blosso di Cuma. La rivolta fu soppressa nel 129 a.C. e il regno di Pergamo venne diviso tra Roma, Ponto e Cappadocia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sovrano attalide di Pergamo Successore
Attalo II 138 a.C. - 133 a.C. Eumene III