Nicomede IV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nicomede IV Filopatore (... – 74 a.C.) nipote di Nicomede II Epifane e successore di Nicomede III Evergete, fu l'ultimo re di Bitinia dal 94 a.C. al 74 a.C..

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerre mitridatiche.

Re di Bitinia dal 94 al 74 a.C., nulla si sa di lui prima della sua ascesa al trono. Durante il suo regno, ristabilì l'alleanza con Roma che era stata abbandonata dal suo predecessore.

Il fratello Socrate Cresto,[1] in alleanza con Mitridate VI, lo spodestò dal trono con la prima guerra mitridatica (88-85 a.C.). Egli riuscì a rientrarne in possesso grazie all'aiuto di Silla[2] e alla sua morte, per gratitudine, lasciò la Bitinia in eredità a Roma.

Alla sua corte fu ambasciatore il giovane Gaio Giulio Cesare, incaricato dal propretore della provincia d’Asia Marco Minucio Termo di sollecitare Nicomede a inviare la promessa flotta destinata a dar man forte ai romani nell’assedio del porto di Mitilene.

Tra gli agi della corte di Nicomede Cesare si trovò immediatamente a proprio agio. Nicomede da parte sua mostrò un debole per il giovane ufficiale e gli concesse senza discutere la flotta. Cesare così, una volta consegnate le navi di Nicomede a Minucio Termo, ritornò immediatamente da Nicomede, col pretesto di dover riscuotere certi denari in nome di un liberto suo cliente. La notizia del ritorno in Bitinia fece nascere a Roma i pettegolezzi più maliziosi. Si disse che Cesare avesse ottenuto così facilmente le navi da Nicomede perché si era donato a lui in un rapporto pederastico. I nemici lo definirono la “regina di Bitinia”.

La familiarità con re Nicomede IV procurò a Cesare per il resto della sua vita, pubblica e privata, grandi dileggi. Non ci fu infatti nemico o personaggio pubblico che non cogliesse l’occasione, anche a distanza di anni, per fare della maldicenza a proposito dei rapporti particolari fra il giovane Cesare e il re di Bitinia. Cesare veniva di volta in volta definito “rivale della regina di Bitinia”, “stalla di Nicomede”, “bordello di Bitinia”. Bibulo, collega di Cesare nel consolato del 59, riprendendo la vecchia accusa che lo dipingeva come regina di Bitinia, per attaccare la sfrenata ambizione di Cesare che manifestava tendenze monarchiche affermò: “Questa regina, una volta aveva voluto un re, ora vuole un regno”. I legionari, il giorno del trionfo di Cesare sui Galli, seguendo il costume che consentiva ai soldati di indirizzare il giorno del trionfo versi piccanti e scurrili al proprio comandante, intonarono un canto che suonava più o meno così:

(LA)
« Gallias Caesar subegit, Nicomedes Caesarem: ecce Caesar nunc triumphat qui subegit Gallias, Nicomedes non triumphat qui subegit Caesarem »
(IT)
« Cesare ha sottomesso le Gallie, ma Nicomede ha messo sotto lui. Oggi trionfa Cesare che le Gallie ha sottomesso, non trionfa Nicomede che ha messo sotto lui. »
(Svetonio, Vita di Cesare.)

Lo stesso Cicerone, riferendosi ai fatti di Bitinia, scriveva nelle sue lettere che con Nicomede IV Cesare “aveva perso il fiore della giovinezza” e un giorno, in Senato, durante una seduta in cui Cesare per perorare la causa di Nisa, figlia di Nicomede, ricordava i benefici ricevuti da quel re, Cicerone pubblicamente lo interruppe esclamando: “Lascia perdere questi argomenti, ti prego, poiché nessuno ignora che cosa egli ha dato a te e ciò che tu hai dato a lui”.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Appiano, Guerre mitridatiche, 10.
  2. ^ Livio, Periochae ab Urbe condita libri, 74.6.
predecessore:
Nicomede III Evergete
Re di Bitinia
94 a.C.74 a.C.
successore:
fine del regno