Alessandro (figlio di Lisimaco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Alessandro (in greco antico Ἀλέξανδρος, traslitterato in Alexandros, letteralmente "difensore degli uomini"; ... – dopo il 281 a.C.) è stato un generale antico macedone. Figlio del re di Macedonia e di Tracia Lisimaco, è noto per aver organizzato i funerali del padre a Lisimachia nel 281 a.C.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Secondo Pausania[1], Alessandro era il figlio di Lisimaco e dalla principessa odrisia Macris, conosciuta probabilmente dal re macedone ai tempi della guerra contro Seute III (322 a.C.): di lei non sappiamo se fosse la moglie ufficiale o, più probabilmente, un'amante o concubina[2].

Dopo la morte del fratellastro Agatocle, fatto uccidere dal padre perché sospettato di congiura, seguì la cognata Lisandra, moglie di Agatocle, presso la corte di Seleuco, col quale si alleò contro Lisimaco[1].

Sappiamo da Polieno[3] che Alessandro conquistò la città di Cotieio in Frigia prima della battaglia di Corupedio, nella quale Lisimaco fu sconfitto dall'esercito di Seleuco e trovò la morte.

Alessandro ottenne da Seleuco il corpo del padre e provvide ad organizzare i riti funebri presso Lisimachia[4][5].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Pausania, Periegesi della Grecia, X 4
  2. ^ Landucci Gattinoni, op. cit., pag. 122
  3. ^ Polieno, Stratagemmi, VI 12
  4. ^ Pausania, Periegesi della Grecia, X 5
  5. ^ Landucci Gattinoni, op. cit., pag. 215

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie
Fonti secondarie