Il Dandi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Dandi
Alessandro Roja interpreta il Dandi nella serie televisiva Romanzo criminale
Alessandro Roja interpreta il Dandi nella serie televisiva Romanzo criminale
Universo Romanzo criminale
Lingua orig. Italia
Interpretato da
Sesso Maschio
Data di nascita 15 maggio 1954
Parenti

Il Dandi, vero nome Mario De Angelis, è un personaggio letterario, protagonista del libro di Giancarlo De Cataldo, Romanzo criminale, ispirato alla vera storia della banda della Magliana, che operò in Italia a Roma tra la fine degli anni settanta ed il 1990. Il personaggio del Dandi è ispirato ad Enrico De Pedis, uno dei capi storici della banda, insieme a Franco Giuseppucci ed a Maurizio Abbatino.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nascita della banda[modifica | modifica sorgente]

Amico d'infanzia del Libanese, insieme al Bufalo con cui ha da sempre un rapporto conflittuale, sarà protagonista dell'unione della loro batteria, radicata nella zona della Magliana, con quella di Testaccio, composta dal Freddo, Fierolocchio ed i fratelli Buffoni, Sergio e Ruggero, allo scopo di sequestrare il barone Rosellini. Dopo avere ottenuto il riscatto, il Libanese espone l'idea di creare una nuova banda, mantenendo unite le due batterie, allo scopo di impadronirsi della attività criminali in tutta Roma, proponendo di trattenere una piccola parte di denaro e di reinvestirne la maggior parte nel traffico della droga.

Il Dandi, fiducioso nelle intenzioni dell'amico, accetta la proposta, ma inizia a spendere le banconote provenienti dal sequestro, recandosi abitualmente da Patrizia, una giovane e bella prostituta del quartiere Esquilino di cui si è invaghito; la leggerezza provocherà l'identificazione della donna da parte del commissario Scialoja, che da quel momento inizierà le indagini sulla banda. Nonostante le lusinghe del Dandi, Patrizia decide di non diventare la sua donna a tempo pieno e questo gli provocherà reazioni che potrebbero mettere in pericolo le attività della banda ed, al fine di evitarlo, il Freddo ed il Libanese costringono Patrizia a diventare la sua donna, concedendole in cambio la proprietà di un elegante palazzo nel quartiere Parioli, dove diventerà la maîtresse di un bordello di alto bordo.

Dopo avere imposto il loro dominio su molti quartieri di Roma, affidati ai vari componenti della banda come zone di controllo, il Libanese e la banda entrano in conflitto con il Terribile, un esperto criminale che controlla il quartiere di Centocelle. Dopo la morte del Terribile per mano del Freddo, la banda riceve in eredità tutto il patrimonio del criminale fatto di liquidità, immobili e naturalmente della zona da lui precedentemente controllata; in quell'occasione sarà il Dandi ad occuparsi dei passaggi di proprietà degli immobili del Terribile ed in particolare otterrà l'utilizzo di un seminterrato a Trastevere, che sarà trasformato in una bisca ed in un night club.g

La scalata al potere e la morte[modifica | modifica sorgente]

Con la morte del Libanese, il Dandi inizia a legarsi sempre di più alla mafia siciliana ed ai servizi segreti, facendo affari da solo con Trentadenari senza informare gli altri che contemporaneamente sperperano i guadagni provenienti dal traffico di droga e si focalizzano nel tentativo di omicidio dei fratelli Gemito, ritenuti responsabili della morte del Libanese e la slealtà nei confronti della banda si manifesta quando, durante l'agguato a Maurizio Gemito, egli abbandona il Bufalo e Ricotta che vengono arrestati.

In seguito, dopo che i membri della banda hanno iniziato ad uccidersi tra loro, la polizia, grazie alle rivelazioni del Sorcio, riesce ad incriminare i superstiti e tutti vengono condannati a varie pene eccetto il Dandi che, grazie all'appoggio della mafia e dei servizi, viene assolto per insufficienza di prove. Passati quattro anni dalla fine del processo il Dandi intende ristrutturare la Basilica di Sant'Apollinare con l'intenzione di esservi seppellito mentre il Bufalo, che ha conservato l'antico rancore nei suoi confronti, esce dall'istituto psichiatrico giudiziario con l'intenzione di creare una nuova batteria insieme e Fierolocchio e ad un compagno di prigionia e, dopo breve tempo, sarà proprio il Bufalo ad ucciderlo in Via del Pellegrino, nei pressi di Campo de' Fiori; dopo la morte egli verrà seppellito nella Basilica di Sant'Apollinare che aveva contribuito a restaurare.

Personalità[modifica | modifica sorgente]

A differenza dei suoi compagni, il Dandi è un personaggio che più di tutti si avvicina alla criminalità moderna. Fu l'unico a possedere uno spiccato "spirito imprenditoriale": mentre gli altri sperperavano le proprie quote, egli investiva i suoi proventi anche in attività legali, quali imprese edili, ristoranti e boutique. Nel corso della seconda parte del romanzo, il Dandi arriva al punto di non voler più dividere i proventi delle sue attività con gli altri membri della banda, visto che si sentiva sciolto da tale obbligo, in quanto ormai le sue attività ed i suoi bottini non rientravano più in quelli della banda. Si dimostra un vigliacco durante l'agguato a Maurizio Gemito, presunto colpevole della morte del Libanese, abbandonando il Bufalo e Ricotta alla polizia. Cresciuto come un ragazzo di strada, ben presto diventa estremamente ricco, tanto da diventare un vero patito dell'arte. La sua caratteristica principale all'interno del romanzo è il suo modo di vestire, sempre elegante.

Adattamenti[modifica | modifica sorgente]

Film[modifica | modifica sorgente]

Dal libro è stato tratto il film del 2005 Romanzo criminale, diretto da Michele Placido, nel quale il personaggio del Dandi è interpretato da Claudio Santamaria. Nel film viene ampliato maggiormente il rapporto tra il Libanese e il Dandi, oltre alla vigliaccheria di quest'ultimo quasi del tutto assente nella prima serie televisiva. Durante il prologo del film, il Dandi abbandona il Libanese alla polizia. La stessa cosa accadrà in seguito quando il Dandi abbandonerà Bufalo e Ricotta nelle mani della polizia durante l'agguato a Maurizio Gemito, responsabile della morte del Libanese nel film.

Serie televisiva[modifica | modifica sorgente]

Nel 2008 il regista Stefano Sollima realizza la serie televisiva Romanzo criminale dove il Dandi è interpretato da Alessandro Roja, ruolo mantenuto anche nella seconda stagione, Romanzo criminale - La serie 2, trasmessa nel 2010.

Altri media[modifica | modifica sorgente]

Rezophonic ha scritto e interpretato appositamente per la seconda stagione della serie televisiva il brano musicale Vita da Dandi, incluso nelle compilation Romanzo criminale - Il CD.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]