Hogwarts

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riproduzione di Hogwarts al Wizarding World of Harry Potter

La Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts è la scuola di magia che costituisce il contesto principale dei romanzi della serie di Harry Potter, scritti ed ideati dall'autrice inglese J. K. Rowling. La scuola accoglie la maggior parte dei maghi di Gran Bretagna e Irlanda, mentre alcuni scelgono talvolta di iscriversi ad altre scuole di magia, come possiamo dedurre da un passo del quarto libro.

Hogwarts è un grande castello nel mezzo di un anello di montagne, che gli studenti raggiungono prendendo il treno Espresso di Hogwarts dal Binario 9 ¾ della stazione di King's Cross a Londra. L'intera costruzione è arroccata ed arrampicata sopra un'enorme scogliera di fronte al Lago Nero. Hogwarts è un castello stile gotico/romanico dalle grandi arcate e vetrate, costituito da fabbricati alti e svettanti contornati da torri e torrette. Principalmente il castello è diviso in due zone collegate tra di loro da sottili ponti. Secondo una nota a margine del libro Gli animali fantastici: dove trovarli il castello di Hogwarts si troverebbe in Scozia. Si narra che sia protetto da una serie di incantesimi che lo salverebbero dagli occhi indiscreti di babbani troppo curiosi.

Nello stemma araldico della scuola leggiamo: "draco dormiens nunquam titillandus", che in latino significa "non disturbare il drago che dorme".

Alcuni hanno notato la curiosa somiglianza della pronuncia in inglese tra Hogwarts e Oxford, la celebre università inglese. È forse questo il motivo per cui proprio ad Oxford sono state ambientate molte delle scene dei film tratte dalle avventure di Harry Potter[1]. Nei film le riprese esterne utilizzano un castello medievale che si trova nella contea britannica di Northumberland (ai confini con la Scozia). Si tratta del castello di Alnwick, residenza del Duca di Northumberland.

Storia di Hogwarts[modifica | modifica sorgente]

Uno dei luoghi usati per ricreare Hogwarts nei film

Circa mille anni prima dell'inizio delle vicende narrate nei romanzi (circa nel 993 d.C.[2]), i quattro maghi più famosi dell'epoca, Godric Grifondoro, Tosca Tassorosso, Priscilla Corvonero e Salazar Serpeverde, decisero di fondare una scuola in cui educare giovani che mostrassero doti magiche. Costruirono così questo grande castello, ben lontano dagli occhi dei Babbani, poiché in quegli anni maghi e streghe erano continuamente perseguitati.

Poco tempo dopo l'apertura della scuola, tra i fondatori nacquero dei disaccordi: ognuno voleva selezionare i suoi allievi in base a caratteristiche precise, e ciò li spinse a fondare quattro gruppi in cui dividere gli allievi, le case: Grifondoro, Tassorosso, Corvonero e Serpeverde, dai cognomi dei quattro fondatori.

Però Salazar Serpeverde voleva selezionare con maggior severità gli studenti della scuola; era convinto infatti che il sapere magico dovesse essere custodito dalle famiglie di soli maghi (Purosangue), e gli studenti figli di Babbani erano per Serpeverde inaffidabili, così come i mezzosangue (nati di unioni miste tra Babbani e maghi). Egli allora costruì nel castello la camera dei segreti, una stanza segreta di cui gli altri fondatori ignoravano l'esistenza e, prima di lasciare il castello (intorno al 1000 d.C.), la sigillò in modo che nessuno avrebbe potuto aprirla eccetto il suo erede. Aprendo la camera si sarebbe liberato un mostro che vi risiedeva all'interno, che si rivelerà poi essere un Basilisco, enorme serpente dalle zanne velenosissime in grado di uccidere con lo sguardo, che solo l'erede di Serpeverde avrebbe potuto comandare e che avrebbe purificato la scuola uccidendo coloro che, almeno secondo Serpeverde, non erano degni di frequentarla. Prima di morire, Godric Grifondoro effettuò una magia sul suo cappello, conosciuto in seguito come Cappello Parlante: questo avrebbe acquisito una mente, cioè una capacità di pensare, e avrebbe smistato nelle quattro case gli studenti arrivati ad Hogwarts dopo la morte dei quattro fondatori, mantenendo i criteri di selezione da loro messi a punto.

Le case[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Case di Hogwarts.
Le Case di Hogwarts e il motto nel blasone della scuola: non stuzzicare il drago che dorme.

All'interno di Hogwarts gli studenti sono suddivisi in quattro case, una per ognuno dei fondatori della scuola: Grifondoro, Tassorosso, Corvonero e Serpeverde. La casa a cui si è assegnati viene decisa all'inizio del primo anno dal Cappello Parlante, il quale viene indossato a turno da tutti i nuovi studenti durante un'apposita cerimonia, quella dello Smistamento, che si tiene appena giunti alla scuola, prima del banchetto iniziale. Una volta indossato, il cappello, che è in grado di scrutare nel cervello dei ragazzi, valuta le caratteristiche dello studente e lo assegna di conseguenza alla casa più appropriata per lui, gridandone il nome davanti alla folla. Le caratteristiche prese in considerazione sono le stesse in base alle quali ciascuno dei fondatori originariamente sceglieva i suoi studenti.

Una volta smistato, lo studente ha accesso agli ambienti riservati (sale comuni e dormitori) della propria casa, e frequenta le lezioni insieme agli altri studenti appartenenti alla sua stessa casa. Le case sono quindi una sorta di "famiglia" all'interno della scuola, visto che gli studenti passano la maggior parte del tempo insieme ai compagni della propria casa. È inoltre presente un'accesa rivalità tra le case, particolarmente sentita dagli appartenenti a Serpeverde (che di conseguenza risultano antipatici alla maggior parte degli studenti delle altre case, considerando anche che la quasi totalità dei maghi oscuri sono stati a Serpeverde), legata soprattutto alla coppa delle case e al campionato scolastico di Quidditch.

Ogni casa ha come direttore un professore, appartenuto a quella stessa casa in passato. Per ogni casa vengono scelti tra gli studenti del quinto anno due prefetti, un ragazzo e una ragazza, che sono responsabili del rispetto delle regole da parte degli altri studenti e dell'accoglienza degli studenti del primo anno. I prefetti possono anche usufruire di un bagno enorme e lussuoso tutto per loro. Per ciascuna casa viene anche selezionato un caposcuola, scelto tra i due prefetti del settimo anno.

La coppa delle case[modifica | modifica sorgente]

Nel corso dell'anno, per incentivare il rispetto delle regole e il rendimento scolastico, per ogni buona azione svolta dagli studenti vengono assegnati dei punti alla sua casa, mentre per ogni violazione delle regole o comportamento scorretto vengono sottratti dei punti. All'assegnazione e alla sottrazione di punti possono provvedere il Preside, i professori, i prefetti e, durante il quinto anno di Harry a Hogwarts, i membri della Squadra d'Inquisizione di Dolores Umbridge (tutti Serpeverde). Il punteggio viene monitorato tramite 4 giganti clessidre che si trovano nella sala d'ingresso della scuola. Ogni clessidra è riempita di gemme diverse, a seconda del colore della casa che rappresenta la clessidra: i punti di Grifondoro vengono segnati con rubini, quelli di Corvonero con zaffiri e quelli di Serpeverde con smeraldi. Non viene specificato quali sono le gemme di Tassorosso, anche se, visto che il colore di Tassorosso è il giallo, presumibilmente saranno topazi. Appena una persona che può assegnare o togliere punti dichiara la modifica, la clessidra della casa aggiorna automaticamente il punteggio.

Sono motivo di assegnazione di punti risposte corrette in classe, buoni risultati nelle esercitazioni, vittorie nel campionato scolastico di Quidditch. Sono invece causa di sottrazione di punti violazioni delle regole, scarsa attenzione in classe, arrivo in ritardo alle lezioni, risposte insolenti ai professori e scarsa riuscita nelle esercitazioni. Un modo eccezionale di guadagnare punti è quello di rendere servigi speciali alla scuola, come fanno ripetutamente Harry, Ron e Hermione, che fa guadagnare anche 200 punti a persona. Si possono invece perdere moltissimi punti facendosi trovare fuori dal letto di notte (cosa che Harry ha fatto diverse volte, venendo scoperto e punito solo una volta).

Al termine dell'anno scolastico la casa che si ritrova con più punti vince la "Coppa delle Case". Durante il banchetto finale vengono esposti gli stemmi e le decorazioni della casa vincitrice. Gli studenti di Hogwarts danno una grande importanza alla coppa delle case, tanto da trattare male e odiare chi fa perdere troppi punti alla propria casa e trattare come un eroe chi ne fa guadagnare molti, magari abbastanza da vincere la coppa.

Materie di studio[modifica | modifica sorgente]

Set cinematografico di The Great Hall, Hogwarts
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Materie di studio a Hogwarts.

Ad Hogwarts si studiano numerose materie, alcune obbligatorie fin dal primo anno, altre invece a partire dal terzo (queste ultime sono facoltative e ogni studente sceglie quali seguire).

Le materie obbligatorie sono:

  • Volo: insegna agli studenti del primo anno i rudimenti del volo su scopa. Insegnata dalla professoressa Madama Rolanda Bumb.
  • Trasfigurazione: consiste nello studio degli incantesimi che permettono trasformazione di animali in oggetti o viceversa oppure che fanno apparire o sparire oggetti. È insegnata dalla professoressa Minerva McGranitt.
  • Incantesimi: si imparano le varie fatture e incantesimi, dai più semplici dei primi anni ai più complicati degli ultimi (tra cui quello Levitante e quello di Appello). È insegnata dal professor Filius Vitious.
  • Erbologia: si studiano tutti i tipi di piante magiche, le loro caratteristiche, le loro proprietà, i modi per coltivarle e ricavarne prodotti. È insegnata dalla professoressa Pomona Sprite. Nell'epilogo, sarà Neville Paciock il nuovo insegnante di Erbologia (materia di cui era molto appassionato e l'unica materia in cui eccelleva).
  • Difesa contro le Arti Oscure: si imparano nozioni per proteggersi dalle Arti Oscure, le quali comprendono Maledizioni e Creature Oscure, come Mollicci, Berretti Rossi, Kappa, Marciotti ed Avvincini. I professori che l'hanno insegnata sono cambiati ogni anno, a causa di una maledizione che Lord Voldemort impose alla cattedra dopo che essa gli venne negata negli anni cinquanta; sono stati, in ordine: Quirinus Raptor, Gilderoy Allock, Remus Lupin, Alastor Moody (non quello vero, ma il Mangiamorte Barty Crouch Jr. sotto sue sembianze con la Pozione Polisucco), Dolores Umbridge, Severus Piton e Amycus Carrow, che però, essendo un Mangiamorte, insegnerà Arti Oscure, non Difesa da esse. Dopo la morte di Voldemort, la maledizione scomparirà e, pertanto, ci dovrebbe essere un nuovo insegnante fisso della materia.
  • Storia della Magia: studia gli avvenimenti storici del mondo della Magia. L'insegnante è il professor Cuthbert Rüf, un fantasma molto noioso.
  • Pozioni: si impara a preparare pozioni, infusi e tisane magici con ingredienti bizzarri che hanno risultati particolari su chi le beve (trasformano il corpo, fanno addormentare, provocano variazioni emozionali, ingrandiscono le molecole..). La materia è insegnata dal professor Severus Piton nei primi 5 libri, e nel sesto e nel settimo libro da Horace Lumacorno, che l'aveva già insegnata anni prima.
  • Astronomia: In questa materia si studiano le stelle, i pianeti e le costellazioni, proprio come nella nostra astronomia Babbana. L'insegnante è la professoressa Aurora Sinistra.

Le materie facoltative dal terzo anno in poi sono:

  • Divinazione: si impara a prevedere il futuro attraverso l'osservazione degli astri, delle foglie di tè, delle sfere di cristallo, della chiromanzia, dei movimenti di stelle e pianeti e tramite l'interpretazione dei sogni. È ritenuta da molti, tra cui Hermione Granger, il professor Silente e la professoressa McGranitt, una materia alquanto imprecisa e piuttosto inutile. È insegnata da Sibilla Cooman, dal quinto anno al settimo assieme al centauro Fiorenzo, che la insegna alla maniera dei centauri (che bruciano salvia e malva e osservano i fumi per trovare in essi delle informazioni sul futuro).
  • Cura delle Creature Magiche: si studiano tutti gli animali e gli esseri magici e i metodi per occuparsene. L'insegnante era il professor Silvanus Kettleburn, rimpiazzato da Rubeus Hagrid, che viene talvolta sostituito dalla professoressa Wilhelmina Caporal, assai più competente (quando Hagrid si nasconde a causa di un articolo di giornale che lo screditava e quando si reca in missione presso i giganti).
  • Antiche Rune: studio degli antichi alfabeti runici. Questa materia si rivelerà molto utile nel settimo libro, per leggere Le fiabe di Beda il Bardo. L'insegnante è la professoressa Bathsheda Babbling, nome mai menzionato nei libri, ma rivelato dal sito ufficiale di J. K. Rowling.
  • Aritmanzia: insegna a leggere il futuro attraverso il linguaggio dei numeri, l'insegnante è la professoressa Septima Vector.
  • Babbanologia: consiste nello studiare abitudini, tradizioni e tecnologie Babbane. L'insegnante è la professoressa Charity Burbage, che sostituì il professor Quirinus Raptor. Poi, a sua volta, la Burbage fu sostituita nel settimo libro (perché uccisa da Voldemort) da Alecto Carrow, una Mangiamorte, che insegnerà quanto i Babbani sarebbero orribili e da disprezzare.
  • Alchimia: la classe di Alchimia non è mai menzionata nella saga di Harry Potter; tuttavia, J.K. Rowling ha utilizzato l'Alchimia come esempio di classe offerta solamente quando c'è una domanda sufficiente di studenti aderenti. L'Alchimia è un'arte filosofica alla ricerca della Pietra Filosofale, una sostanza che si dice abbia il potere di trasformare i metalli vili in oro e che produce l'elisir di lunga vita, che rende o mantiene il bevitore giovane e immortale. Come citato in Harry Potter e la pietra filosofale, Nicholas Flamel ha creato una Pietra Filosofale, che era custodita a Hogwarts e venne distrutta alla fine del primo anno di Harry.

Materiale da acquistare[modifica | modifica sorgente]

Ogni anno gli studenti di Hogwarts ricevono una lettera, a cui hanno il dovere di inviare una risposta prima del 31 luglio. Nella stessa lettera, per coloro che entrano per la prima volta a far parte della scuola, cioè per gli studenti del primo anno, viene fornito un elenco del materiale da acquistare a Diagon Alley:

Da Harry Potter e la pietra filosofale, capitolo 5, pagina 67

  • Uniforme

Gli studenti del primo anno dovranno avere:

Tre completi da lavoro in tinta unita (nero);
Un cappello a punta in tinta unita (nero) da giorno;
Un paio di guanti di protezione (in pelle di drago o simili);
N.B. Tutti gli indumenti degli allievi devono essere contrassegnati da una targhetta con il nome.
  • Libri di testo

Tutti gli allievi dovranno avere una copia dei seguenti testi:

Manuale degli incantesimi, Volume primo, di Miranda Gadula;
Storia della Magia, di Bathilda Bath;
Teoria della Magia, di Adalbert Incant;
Guida pratica alla trasfigurazione per principianti, di Emeric Zott;
Mille erbe e funghi magici, di Phyllida Spore;
Infusi e pozioni magiche, di Arsenius Brodus;
Gli animali fantastici: dove trovarli, di Newt Scamandro;
Le Forze Oscure: guida all'autoprotezione, di Dante Tremante.
  • Altri accessori
1 bacchetta magica;
1 calderone (in peltro, misura standard 2);
1 set di provette;
1 telescopio;
1 bilancia d'ottone.

Gli allievi possono portare anche un gufo, OPPURE un gatto, OPPURE un rospo. SI RICORDA AI GENITORI CHE AGLI ALLIEVI DEL PRIMO ANNO NON È CONSENTITO L'USO DI MANICI DI SCOPA PERSONALI.

Gli esami ad Hogwarts[modifica | modifica sorgente]

G.U.F.O.[modifica | modifica sorgente]

I G.U.F.O. sono esami molto importanti, perché servono a decidere che professione intraprendere nel mondo magico terminati gli studi a Hogwarts (questo si fa attraverso un colloquio di orientamento professionale a cui sono presenti il preside e il direttore della casa).

G.U.F.O., acronimo di Grado Ufficiale Fattucchiere Ordinario, è il nome del diploma che si consegue nella scuola di Hogwarts al termine del quinto anno; al termine del settimo anno, invece, si consegue il M.A.G.O. Nell'originale inglese, i G.U.F.O. si chiamano O.W.L. (in inglese gufo), che significa Ordinary Wizarding Level.

È possibile ottenere fino a 12 G.U.F.O., uno per materia, ciascuno con un voto a sé stante. In base ai voti ottenuti ai G.U.F.O, gli studenti possono entrare nelle classi per il M.A.G.O., negli ultimi due anni. Per la quasi totalità degli studenti tuttavia è possibile ottenere un massimo di non 12 ma 10 G.U.F.O. perché, a quanto pare, per seguire le lezioni di più di dieci materie si verrebbe a creare una sovrapposizione delle ore e sarebbe necessaria una Giratempo. Le Giratempo vengono concesse raramente dal Ministero della magia solo agli studenti più promettenti e più fermi nelle loro scelte (come Hermione Granger al terzo anno). Durante la battaglia al Ministero con i Mangiamorte in Harry Potter e l'Ordine della Fenice viene distrutta l'intera scorta di Giratempo presente Ministero, motivo per cui da quel momento non è più possibile seguire più materie di quante ne permetta l'orario normale.

I giudizi ottenibili sono sei, dal migliore al peggiore:

  • Eccezionale (Outstanding), 10
  • Oltre ogni previsione (Exceeds Expectations), 8-9
  • Accettabile (Acceptable), 6-7
  • Scadente (Poor), 5
  • Desolante (Dreadful), 3-4
  • Troll (Troll), 1-2

I primi tre sono i voti con cui si è promossi e si ottiene il G.U.F.O. nella materia (in molti casi è il professore della materia a richiedere un voto minimo per poter continuare il corso), gli altri tre sono i voti di bocciatura secca.

Le prove degli esami sono divise in teoriche e pratiche: durante le giornate d'esame, al mattino si svolge la prova teorica di una materia e durante il pomeriggio quella pratica odella stessa materia. Tutte le prove, a parte quella pratica di Astronomia e quella pratica di Cura delle Creature Magiche, si tengono nella Sala Grande (per l'occasione i quattro tavoli delle case vengono sostituiti da banchi singoli). Inoltre la prova pratica di Astronomia si tiene di notte, in modo che si possano osservare gli astri. Gli esaminatori non sono insegnanti della scuola, bensì incaricati del Ministero.

M.A.G.O.[modifica | modifica sorgente]

I M.A.G.O. sono gli esami che gli studenti di Hogwarts affrontano al settimo anno, e sono simili ai G.U.F.O., ma ovviamente più difficili. I corsi che servono a conseguire i vari M.A.G.O. non sono obbligatori. La sigla M.A.G.O. sta per Magie Avanzate di Grado Ottimale. Nell'originale inglese, i M.A.G.O. si chiamano N.E.W.T. (in inglese tritone), ovvero Nastily Exhausting Wizarding Test.

Per quanto riguarda i M.A.G.O. gli studenti di Hogwarts sono obbligati a sostenere almeno 5 prove perché si riconosca la validità degli esami. Ad ogni prova è presente un membro esterno incaricato dal Ministero e l'insegnante della materia stessa. Ovviamente, se l'insegnante venisse scoperto ad aiutare un qualsiasi studente, il membro della commissione sarebbe costretto a fare rapporto al preside, che di conseguenza è autorizzato a punire l'insegnante sia con un richiamo verbale che con la momentanea sospensione dall'insegnamento.

Gli esami iniziano durante la seconda settimana di giugno e si concludono nei primi giorni di luglio.

Presidi[modifica | modifica sorgente]

Dexter Fortebraccio[modifica | modifica sorgente]

Dexter Fortebraccio (Dexter Fortescue) è stato preside di Hogwarts. Non si sa molto di lui. In Harry Potter e l'Ordine della Fenice viene descritto come corpulento, abbastanza rosso in faccia e portatore di un cornetto acustico, ed esprime il suo disappunto per i metodi usati da Cornelius Caramell e Dolores Umbridge riguardo alla scuola; si dimostra molto fedele a Silente. Dopo la sua morte, il suo ritratto è stato appeso nell'ufficio del preside, come da consuetudine. Visto il cognome probabilmente si tratta di un lontano parente di Florian Fortebraccio, il proprietario della Gelateria Fortebraccio a Diagon Alley.

Dilys Derwent[modifica | modifica sorgente]

Dilys Derwent è stata Preside di Hogwarts dal 1741 al 1768. Precedentemente ha svolto l'attività di Guaritrice presso l'Ospedale per Malattie e Ferite Magiche San Mungo (dove ha un ritratto gemello in cui si può recare) dal 1722 al 1741. Come per ogni Preside, c'è un quadro che la ritrae appeso nell'ufficio del Preside. È descritta come una donna con lunghi boccoli argentei. Come si dice nel quinto libro della saga è stata una delle presidi più importanti e celebrate di Hogwarts, in quanto ha aumentato le difese anti-Babbani del castello e, probabilmente, è stata lei ad inserire l'infermeria della scuola, date le sue grandi conoscenze riguardo agli incantesimi guaritivi.

Phineas Nigellus Black[modifica | modifica sorgente]

Phineas Nigellus Black è stato il Preside meno amato nella storia di Hogwarts. È il trisavolo di Sirius Black e, come tutta la sua famiglia, disprezza i mezzosangue e i figli di babbani e ritiene che essi non debbano accedere a Hogwarts. È molto altezzoso, e, nonostante sia arrivato a essere Preside, non gli è mai piaciuto insegnare, perché ha sempre considerato i giovani capaci di pensare solo a loro stessi. Nel quinto libro funge da messaggero, spostandosi tra due suoi quadri, quello dello studio di Silente e quello appeso nella casa di famiglia dei Black a Grimmauld Place. Per due volte, nel quinto libro, fa la predica a Harry, e, quando gli viene comunicata la morte di Sirius, non lo crede possibile. Nel quartier generale dell'Ordine della Fenice, il suo quadro è appeso nella stanza da letto di Harry e Ron, mentre Hermione dorme in una stanza a parte con Ginny. I rapporti tra Phineas Nigellus e Albus Silente sono descritti molto bene in un episodio del quinto libro: dopo la fuga spettacolare di quest'ultimo da due Auror e il Ministro della Magia stesso, si sente Phineas dire: "Sa, Ministro, sono in disaccordo con Silente sotto molti punti di vista... però non si può negare che abbia stile" (battuta recitata, nel film, da Kingsley Shacklebolt). Nel settimo libro, Hermione preleva il suo quadro da Grimmauld Place e lo mette dentro alla sua borsetta di perline, che è stata resa infinitamente capiente con una magia. Il quadro viaggia con Harry, Ron ed Hermione per le varie foreste dove si nascondono, al fine di riuscire a tenere "sotto controllo" la situazione di Hogwarts, dove Piton è stato nominato Preside (dopo la caduta del Ministero) dal nuovo Ministro O'Tusoe, controllato da Voldemort per mezzo della Maledizione Imperius. Nigellus è molto versato nella Magia Oscura.

Everard[modifica | modifica sorgente]

È un altro celebrato Preside di Hogwarts il cui ritratto è presente tra i ritratti dei Presidi nell'ufficio di Albus Silente, oltre che all'interno degli uffici del Ministero della Magia.
In Harry Potter e l'Ordine della Fenice, Silente manda Everard ad investigare al Ministero quando Arthur Weasley viene attaccato dal serpente Nagini. Il suo cognome non è dichiarato ma, poiché al Ministero è presente un suo ritratto, anni addietro potrebbe essere stato un membro importante di uno degli Uffici, se non addirittura Ministro. È di carattere gentile ed altruista. Ha un viso olivastro e una frangia di capelli neri.

Armando Dippet[modifica | modifica sorgente]

Il professor Dippet è stato il predecessore di Albus Silente nel ruolo di preside della scuola di Hogwarts. Ai suoi tempi Silente era professore di Trasfigurazione (che ora viene insegnata dalla professoressa Minerva McGranitt, vicepreside e poi Preside della scuola).

Compare nel secondo libro, quando Harry compie un viaggio nella memoria di Voldemort tramite un diario incantato per scoprire alcune informazioni riguardo alla misteriosa Camera dei Segreti. In questa occasione Harry assiste alla richiesta a Dippet da parte di Voldemort (che allora si chiamava ancora con il suo nome di battesimo, Tom Riddle) di rimanere a scuola per le vacanze estive anziché tornare all'orfanotrofio in cui viveva. Dippet gli nega il permesso perché la minaccia del mostro della Camera incombe sulla scuola.

Compare anche nel settimo libro come titolo di un libro di Rita Skeeter (una sua biografia), nel quarto, nel quinto e nel sesto come ritratto nello studio di Silente. Nel sesto libro si scopre che fu a lui che Voldemort chiese per la prima volta se avesse potuto assumere la cattedra di Difesa contro le Arti Oscure. Dippet glielo nega, così come farà poi Silente. Il fatto che Dippet gli impedisca di insegnare ad Hogwarts è indice che il Preside è molto intelligente e pratico, avendo già intuito che Voldemort avrebbe insegnato Magia Oscura anziché Difesa da essa, nonché che il mago è troppo giovane per insegnare, avendo concluso gli studi da meno di un anno.

Albus Silente[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Albus Silente.
Una caricatura del professor Silente

Albus Silente (Albus Dumbledore), il cui nome completo è Albus Percival Wulfric Brian Silente, preside di Hogwarts dal 1955 al 1997 (con una breve sospensione nel 1993 e una parentesi nel 1996) nonché capo e custode segreto dell'Ordine della Fenice (un'associazione segreta contro Lord Voldemort e i suoi seguaci, i mangiamorte); inoltre è il presidente del Wizengamot, il tribunale supremo dei maghi.

È il più potente mago dell'era moderna al mondo, morto all'età 115-116 anni, nonché l'unica persona di cui Lord Voldemort abbia mai avuto paura.

È famoso per aver sconfitto nel 1945 il mago oscuro Gellert Grindelwald, per aver scoperto i 12 modi per utilizzare a scopi pratici il sangue di drago e per aver realizzato, con il suo amico Nicolas Flamel, la Pietra Filosofale distrutta nel primo anno di Harry Potter ad Hogwarts per impedire il ritorno di Lord Voldemort. Il professor Silente rappresenta una guida e un protettore per Harry.

Suo padre si chiamava Percival Silente, e finì ad Azkaban in quanto accusato di aver aggredito dei Babbani. Albus non ha mai negato le colpe del padre. La madre di Silente si chiamava Kendra Silente e, come viene spiegato nel settimo libro, morì quando Albus ha più o meno 17 anni. Silente aveva inoltre una sorella, Ariana Silente, che non andò mai ad Hogwarts. Nel settimo libro molti sostengono che non frequentò la scuola perché la sua salute era cagionevole, mentre altri credono che fosse una Maganò. Silente ha sempre dichiarato la prima versione. Ha anche un fratello, Aberforth Silente, da anni proprietario del bar Testa di Porco a Hogsmeade.

Possiede una fenice di nome Fanny, che è il suo animale preferito; questa creatura è anche la forma del suo Patronus. Il suo dolce preferito è il sorbetto al limone e adora la marmellata di lamponi.

Dolores Umbridge[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dolores Umbridge.

Sottosegretario anziano del Ministro della Magia (Cornelius Caramell), Dolores Umbridge diventa preside verso la fine dell'anno scolastico 1995-1996, quando Albus Silente fugge all'arresto dopo essersi assunto la responsabilità della costituzione dell'ES. È piuttosto tozza con capelli color grigio topo, indossa quasi sempre un cardigan rosa e un fiocco in testa che la fanno sembrare un grosso rospo e ha una vocetta acuta da bambinetta; ama schiarirsi la gola tossendo così: "Hem-hem!"

La sua nomina è opera del Ministero, ma l'Ufficio appartenente al legittimo preside di Hogwarts non la accetta, e la statua del gargoyle posta alla guardia dell'ingresso non la lascerà mai entrare durante il suo periodo nominale di presidenza.

Il suo periodo da preside non è che una breve parentesi nella lunga presidenza di Silente, ma sarà indimenticabile per gli studenti. La Umbridge instaura infatti una sorta di dittatura: prima autorizza il custode Argus Gazza a frustare gli studenti che compiono atti illeciti (cosa che Gazza desiderava fare da sempre) poi costituisce la Squadra d'Inquisizione. Tale gruppo di studenti scelti ha il compito di collaborare con lei a smascherare eventuali attività illegali e di punire gli studenti togliendo punti alla loro Casa.

Dolores Umbridge finirà nella foresta, attiratavi con l'inganno da Hermione Granger, dove sarà attaccata dai centauri. Cessa così il suo periodo da Preside di Hogwarts.

Minerva McGranitt[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Minerva McGranitt.

La professoressa McGranitt, effettiva VicePreside della scuola, nel corso della storia, ricopre più volte la carica di Preside. Alla fine del sesto anno sostituisce Albus Silente come Preside a causa della morte di quest'ultimo, ucciso da Severus Piton.

Alla fine del sesto libro vorrebbe che la Scuola chiudesse, ovviamente per i pericoli cui gli studenti sarebbero sottoposti senza più Silente dopo il ritorno di Lord Voldemort, ma tuttavia viene convinta dai suoi colleghi Direttori delle Case ad Hogwarts a lasciare che la scuola rimanga aperta, seguendo la volontà di Silente, secondo il quale anche un solo studente avrebbe dovuto ottenere gli insegnamenti che gli spettavano.

Durante il settimo libro non è più Preside, scalzata da Severus Piton sotto ordine di Voldemort, ma dopo la leggendaria battaglia di Hogwarts (in cui Piton morirà) probabilmente diventa di nuovo Preside.

Nel primo libro si viene anche a conoscenza del fatto che è un Animagus, è in grado infatti di assumere le sembianze di un gatto.

Severus Piton[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Severus Piton.

Severus Piton diventa Preside durante l'anno scolastico 1997-1998.

Ormai Lord Voldemort è tornato all'apice del suo potere e perfino il Ministero della Magia, pesantemente infiltrato dai suoi Mangiamorte, è intento a dimostrare la superiorità dei maghi Purosangue sui Mezzosangue.

In questo clima di tensione, Piton riceve l'incarico della Presidenza della scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts (tolto a Minerva McGranitt, diventata effettivamente Preside della scuola dopo la morte di Silente) e due Mangiamorte diverranno insegnanti di Difesa contro le Arti Oscure (che diverrà semplicemente Arti Oscure) e di Babbanologia, corso divenuto obbligatorio.

Il successore di Piton (assassinato da Nagini per ordine di Lord Voldemort) nel ruolo di preside è di nuovo Minerva McGranitt.

Luoghi[modifica | modifica sorgente]

Camera dei segreti[modifica | modifica sorgente]

La camera dei segreti (Chamber of Secrets) è una stanza nascosta sotto le fondamenta di Hogwarts (sotto il lago), creata da Salazar Serpeverde, fondatore dell'omonima casa (di cui è presente una statua nella camera).

La camera era la casa di un Basilisco, rettile mostruoso in grado di uccidere con lo sguardo, che avrebbe dovuto essere usato col fine di uccidere tutti gli alunni non Purosangue della scuola, che Salazar stesso riteneva impuri ed indegni di frequentarla. Per questo suo pensiero Serpeverde ebbe un duro contrasto con gli altri fondatori della scuola al culmine del quale se ne andò lasciando però il mostro celato in una camera nascosta di cui gli altri fondatori non conoscevano l'esistenza, la Camera dei Segreti appunto.

Per molto tempo si cercò questa stanza, ma nessuno mai fu in grado di trovarla, per cui alla fine venne considerata solo una leggenda, come è scritto nel libro Storia di Hogwarts e come ribadito da vari professori. Secondo le volontà di Salazar infatti, la camera poteva essere aperta solamente da un suo erede, e infatti, secoli dopo, la camera viene trovata ed aperta da Tom Orvoloson Riddle, alias Lord Voldemort, discendente di Salazar stesso, aiutato da coloro che sarebbero stati i primi mangiamorte. Egli riesce a controllare il rettile parlando il serpentese (il Basilisco obbedisce solo a lui, e nemmeno ad altri Rettilofoni, in quanto lui è l'Erede di Serpeverde) e se ne servì per uccidere (o pietrificare nel caso in cui il serpente venga guardato come riflesso attraverso qualche oggetto come uno specchio o dell'acqua) gli studenti mezzosangue. L'unica vittima fu Mirtilla Malcontenta, il cui fantasma ora infesta un bagno delle ragazze fuori uso, in cui è presente l'ingresso nascosto alla camera (che si apre pronunciando la parola apriti in serpentese a uno dei rubinetti, che reca inciso un serpente e non ha mai funzionato come rubinetto).

In seguito alla morte di Mirtilla, Tom sigilla nuovamente la camera per evitare che la scuola venga chiusa ed essere quindi obbligato a tornare all'orfanotrofio in cui viveva. Decide quindi di aspettare il momento più opportuno per riprendere le sue attività, e questo accade durante il secondo anno di Harry ad Hogwarts: Lucius Malfoy nasconde tra i libri della piccola Ginny Weasley, sorella minore di Ron, il diario di Tom Orvoloson Riddle quand'era ancora uno studente. Nel sesto libro si scopre che il diario è un Horcrux.

Quando Harry scopre dove si trova l'ingresso, vi si intrufola dentro assieme all'amico Ron e al professor Gilderoy Allock e riesce ad aprire la camera parlando il serpentese (capacità acquisita a causa dell'anatema che Voldemort gli aveva scagliato contro per ucciderlo e che lo ha reso un Horcrux). In questo modo riesce, con l'aiuto di Fanny, e all'apparizione all'interno del Cappello parlante della spada di Godric Grifondoro, a uccidere il basilisco, a distruggere il diario e a salvare Ginny.

Durante il settimo libro, Ron e Hermione tornano nella camera per prendere una zanna del basilisco, con cui distruggono l'Horcrux appena recuperato dalla camera blindata di Bellatrix Lestrange alla Gringott (si trattava di una coppa appartenuta a Tosca Tassorosso).

La stanza si trova al di sotto del livello dei sotterranei, e non è inclusa nella mappa del malandrino. Questo si capisce perché nel settimo libro quando Ron e Hemione ci tornano, Harry non riesce a trovarli consultando la mappa. Nella seconda parte dell'ultimo film, Ron e Hermione si scambiano il primo bacio proprio nella camera dei segreti.

Foresta proibita[modifica | modifica sorgente]

La Foresta Proibita (Forbidden Forest) è la grande foresta che circonda parte del castello di Hogwarts. È un luogo buio, oscuro e altamente pericoloso; infatti agli studenti della scuola ne è vietato l'accesso per i pericoli dovuti alle numerose creature magiche anche feroci contenute in essa. Al limitare della foresta sorge la capanna di Hagrid.

Harry Potter ci si addentra per la prima volta durante il suo primo anno, quando vi viene mandato per punizione (era stato sorpreso fuori dal letto di notte) insieme a Neville Paciock, Hermione Granger e Draco Malfoy, accompagnati da Hagrid e Thor. Qui incontra una misteriosa figura incappucciata che sta bevendo il sangue di un unicorno ucciso; successivamente scoprirà che si trattava del Professor Quirinus Raptor, che aveva dentro il suo corpo Voldemort e usava il sangue di unicorno per rinvigorirlo (il sangue di unicorno rende immortali, ma aver ucciso una creatura tale per berlo è un crimine orrendo). Tra le creature presenti nella Foresta ci sono centauri, thestral, unicorni e acromantule.

Guferia[modifica | modifica sorgente]

La Guferia (Owlery) è una grande stanza circolare in cima alla torre ovest del castello che ospita i gufi della scuola e quelli degli studenti.

Quando uno studente intende recapitare un pacco o una lettera, sale alla guferia e sceglie uno dei gufi.

Gli studenti che possiedono un gufo - che è piuttosto costoso all'acquisto, anche se molto utile - ovviamente usano il loro, mentre gli studenti che non ne possiedono possono usare i gufi della scuola.

La prima volta (raccontata dal libro) in cui Harry si è recato alla guferia è stato nel 4ºlibro, per spedire una lettera a Sirius per informarlo di essere inspiegabilmente stato scelto come uno dei quattro campioni del Torneo Tremaghi; in questa occasione usò un grosso barbagianni in quanto Edvige è troppo vistosa, il Ministero intercetta tanti gufi e Sirius è ancora ricercato. Sempre nel 4ºlibro, Harry si reca in guferia, all'alba, per spedire un biglietto a Sirius per informarlo della ricomparsa di Crouch. Entrambe le volte era accompagnato da Hermione, ma solo la seconda anche da Ron. Infine Harry si reca in guferia nel 4ºlibro per spedire un pacco di cibarie a Sirius e in questa occasione utilizza Leotordo, il gufetto di Ron, e due allocchi di palude di proprietà della scuola. Anche durante il suo 5º anno si reca alla guferia per scrivere a Sirius un messaggio in codice in cui chiede notizie di Hagrid: fu in questa occasione che incontra Gazza che gli intima di consegnargli il suo pacco credendo che stesse ordinando delle Caccabombe, ma fortunatamente Harry ha già spedito la sua posta.

Lago Nero[modifica | modifica sorgente]

Il Lago Nero è un lago scuro situato accanto al castello. Al suo interno risiede una comunità di sirene e tritoni, oltre che ad una Piovra Gigante.

Tradizionalmente i nuovi studenti del primo anno raggiungono Hogwarts per la prima volta attraversando il lago in barca, accompagnati dal guardiacaccia Hagrid. Sotto il lago, nei sotterranei, si trova la camera dei segreti.

Questo luogo è stato l'ambiente in cui si è svolta la seconda prova del Torneo Tremaghi, durante la quale i concorrenti dovevano salvare la persona a loro più cara intrappolata sul fondo nella città delle sirene.

Campo di Quidditch[modifica | modifica sorgente]

Il Campo di Quidditch ha una forma ovale ed è lungo circa 165 metri e largo circa 60. Al centro c'è un cerchio, dove l'arbitro libera le quattro palle all'inizio della partita. Alle due estremità del campo ci sono tre anelli posti all'altezza di 15 metri circa e del diametro di 2.5 metri sostenuti da dei pali bianchi, sotto i pali vi è un'area di sabbia adibita ad attutire eventuali cadute del Portiere, spesso vittima di lanci di Bolide. La superficie del campo è normalmente in erba, ma in alcuni casi può essere di sabbia o perfino di acqua.

Da sempre a Hogwarts viene praticato il Quidditch. Ogni anno viene disputato un torneo tra le quattro case con in palio la Coppa del Quidditch che verrà esposta nell'ufficio del professore direttore della Casa vincitrice. Ecco i giocatori più importanti delle squadre di Hogwarts:

Grifondoro Serpeverde Corvonero Tassorosso
Angelina Johnson, cacciatrice (e capitano nel quinto libro) Draco Malfoy, cercatore Cho Chang, cercatrice Cedric Diggory, cercatore e capitano
Alicia Spinnet, cacciatrice Marcus Flitt, cacciatore e capitano Roger Davies, cacciatore e capitano Zacharias Smith, cacciatore
Katie Bell, cacciatrice Tiger e Goyle, battitori Michael Corner, cacciatore Cadwallader, cacciatore
Fred e George Weasley, battitori Adrian Pucey, cacciatore Jeremy Stretton, cacciatore Summersby, cercatore
Ginny Weasley, cercatrice e cacciatrice Blaise Zabini, cacciatore Randolph Burrow, cacciatore
Ron Weasley, portiere sostituto di Oliver Baston Graham Montague, cacciatore e capitano Duncan Inglebee, battitore
Harry Potter, cercatore (e capitano nel sesto libro) Miles Bletchley, portiere Jason Samuels, battitore
Oliver Baston, portiere (e capitano nei primi tre libri) C. Warrington cacciatore Grant Page, portiere
Demelza Robins, cacciatrice Derrick e Bole, battitori
Jimmy Peakes, battitore Terence Higgs, cercatore
Ritchie Coote, battitore Urquhart, cacciatore, capitano
Cormac McLaggen, portiere occasionale

Nei tre libri in cui Grifondoro vince la Coppa del Quidditch (Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, Harry Potter e l'Ordine della Fenice, Harry Potter e il principe mezzosangue) la squadra viene sempre battuta da Tassorosso e Harry non gioca mai completamente l'intera stagione o, comunque, la partita decisiva.

Il campo verrà poi temporaneamente trasformato in un labirinto alla fine del quarto libro per permettere lo svolgimento della terza prova del Torneo Tremaghi.

Platano Picchiatore[modifica | modifica sorgente]

Il Platano Picchiatore (Whomping Willow) è un albero magico (nell'originale un Salice, nella versione italiana un Platano) capace di muoversi se toccato, piantato ad Hogwarts all'arrivo dello studente Remus Lupin, colui che diventerà il professore di Difesa contro le Arti Oscure nel terzo anno scolastico di Harry. L'albero è chiamato così perché percuote violentemente con i suoi rami qualsiasi cosa arrivi nelle sue vicinanze.

Lupin, morso da piccolo da un lupo mannaro, Greyback, con la luna piena si trasformava in lupo mannaro, e per questo Albus Silente decise di farlo nascondere, nelle notti di luna piena, nella Stamberga Strillante, tramite il passaggio segreto alla base del Platano.

Harry conosce per la prima volta il Platano Picchiatore una volta atterratoci sopra (involontariamente) con la macchina volante del padre di Ron, ma è nel terzo anno di Harry che conosciamo più a fondo i segreti di questo albero. La vicenda finale del terzo libro, infatti, si svolge nella Stamberga Strillante, dove Harry scopre che un amico di suo padre, Peter Minus (Crosta), lo aveva tradito consegnando James e Lily a Voldemort; mentre Sirius Black, ritenuto da anni il colpevole dell'omicidio di Peter Minus era innocente. Hermione ed Harry riescono a salvarlo dal "bacio" del dissennatore, grazie all'aiuto di una giratempo. Per immobilizzare l'albero bisogna premere un particolare nodo sul tronco, come spiegato nel terzo libro.

Sotterranei[modifica | modifica sorgente]

I sotterranei di Hogwarts sono situati sotto una lunga scalinata di marmo, sono tetri e, apparentemente, senza una netta via. Ci sono, poste ad ambedue le pareti color grigio scuro, una lunghissima fila di torce accese, che rimangono tali in tutto il periodo scolastico per poi spegnersi alla fine di quest'ultimo. Questo luogo è abitato da molti fantasmi che, come dicono le leggende, sarebbero di persone che appartenevano alla casa di Serpeverde. In questo luogo regna un'atmosfera orrorifica, e come unico clima ci sono il freddo e l'umidità durante tutto l'anno. I luoghi non sono molti, ma quei pochi che ci sono hanno una grande circolarità e ampiezza. Il pavimento è spesso rotto e ci si può imbattere in qualche fosso, costruito alle origini del castello; ciò permette di far entrare solo e soltanto allievi di una certa maestosità e grandezza, che solo Salazar Serpeverde selezionava fra gli altri. I luoghi conosciuti in questo piano sono:

  • La Sala comune dei Serpeverde
  • L'Aula di Pozioni
  • Lo studio di Severus Piton

Sala Grande[modifica | modifica sorgente]

La Sala Grande (Great Hall) è uno dei più importanti luoghi del castello di Hogwarts dato che gli studenti passano molte ore al suo interno.

In questa sala lunga circa 35 metri ci sono quattro grandi tavoli uno di fianco all'altro, dove gli studenti si siedono per mangiare o per fare i compiti. Ogni tavolo appartiene a una casa differente: quello di Serpeverde è il primo a sinistra, seguito da quelli di Corvonero, Tassorosso e Grifondoro. In fondo alla sala, su una piattaforma rialzata, c'è il tavolo dei professori dove siedono il preside (al centro, su una grande sedia d'oro) e gli altri insegnanti, e che è posto perpendicolarmente rispetto a quelli degli studenti per permettere ai professori di vederli tutti. Il soffitto della sala è stato incantato per rispecchiare il cielo all'esterno, dando così l'impressione di trovarsi in uno spazio aperto.

I ragazzi appena arrivati vengono smistati nella Sala Grande dal Cappello parlante che leggendo nella loro mente li indirizza verso la casa che rispecchia di più le loro capacità.

La Sala Grande è illuminata, oltre che da torce, da migliaia di candele sospese a mezz'aria, e ha un soffitto incantato che rispecchia le condizioni del cielo all'esterno.

Salone d'ingresso[modifica | modifica sorgente]

Il Salone d'ingresso è una grandissima stanza illuminata da torce grazie alla quale si può raggiungere la Sala Grande e i piani superiori. Lì si trovano le quattro clessidre segnapunti. È la prima stanza in cui si accede quando si entra ad Hogwarts.

Capanna di Hagrid[modifica | modifica sorgente]

La capanna di Hagrid (Hagrid's hut) si trova al limitare della Foresta Proibita, nel centro del parco del castello, ed è la casa dove vive Rubeus Hagrid con il suo cane da caccia Thor.

Viene descritta come un'abitazione piuttosto rustica e di dimensioni limitate; l'interno è costituito da un'unica stanza, all'interno della quale si trovano i fornelli ed un grande letto perennemente coperto da una coperta patchwork.

All'esterno c'è l'orto delle zucche, dove Hagrid coltiva le zucche per Halloween. È spesso un luogo di ritrovo per Harry Potter, Ron e Hermione. Alla fine del sesto volume la capanna viene incendiata da dei mangiamorte in fuga dopo la battaglia ad Hogwarts.

Sale comuni[modifica | modifica sorgente]

Le Sale comuni sono quattro, una per ogni casa, e costituiscono un punto di ritrovo, di studio, di giochi e di festeggiamenti per gli studenti della casa. Seppure non vengano prese particolari misure di segretezza, di norma la collocazione delle sale comuni è nota solo agli studenti della casa di appartenenza, oltre che ai professori e a Gazza. Per accedere alle sale comuni, come per molti ambienti di Hogwarts, è necessario conoscere una parola d'ordine, che viene cambiata piuttosto di frequente (più volte all'anno, in alcuni casi addirittura più volte a settimana come durante il terzo anno a Grifondoro). Dalle sale comuni si accede ai dormitori. Nei primi due libri, tradotti da Marina Astrologo e non da Beatrice Masini, le Sale comuni erano chiamate Sale di ritrovo. Ogni sala è fornita di una scala a chiocciola che porta ai dormitori: ogni dormitorio è provvisto di letti a baldacchino.

Grifondoro[modifica | modifica sorgente]

La Sala Comune dei Grifondoro è una sala circolare, ampia e accogliente. È arredata con comode poltrone, pouf e tavolini bassi. Il pavimento è ricoperto da un grandissimo tappeto rosso vermiglio e oro, mentre le pareti sono tappezzate di drappi e arazzi dei colori della Casa. Pur avendo questo arredamento, gran parte della sala è occupata dall'immenso camino di marmo. I protagonisti della serie trascorrono molto tempo, anche intere giornate, in questa sala, situata in una torre del castello.

Spesso Harry, Hermione e Ron si rilassano sulle poltrone sistemate davanti al camino (considerati i posti migliori della sala comune), che, nel quinto libro Harry Potter e l'Ordine Della Fenice, viene usato da Sirius per comunicare con Harry. Sempre nello stesso camino, nel corso del libro, Sirius viene quasi scoperto dalla professoressa Umbridge a parlare con Harry. La sala è protetta da un quadro, quello della Signora Grassa. Dalla Sala comune si diramano le due scale che portano rispettivamente ai dormitori maschili e femminili. A questo proposito è da segnalare l'episodio in cui Ron tenta di salire le scale del dormitorio delle ragazze per andare a cercare Hermione, ma i gradini immediatamente si fondono trasformandosi in un unico scivolo con lo scopo di "sputarlo fuori" (e Ron ovviamente scivola giù). Infatti le ragazze possono salire nei dormitori dei ragazzi, ma il viceversa non è consentito, in quanto i fondatori di Hogwarts ritenevano che i ragazzi fossero meno affidabili.

Serpeverde[modifica | modifica sorgente]

La sala comune di Serpeverde si trova nei sotterranei sotto il Lago Nero. L'ingresso viene nascosto non da un dipinto, ma da una comune parete di pietra con un mascherone, che si apre con una parola d'ordine. L'arredamento della sala comune di Serpeverde è costituito da poltrone e sofà neri, tappeti verdi e argento e lampade che diffondono nella stanza una luce verdastra. L'unica fonte di calore è un colossale camino di marmo, abbellito da statuette e teschi. Questa sala comune ha inoltre delle vetrate che danno sul fondale del Lago Nero, dove, qualche volta, è anche possibile vedere i tentacoli della Piovra Gigante. Harry e Ron la vedono nel secondo libro, quando grazie alla Pozione Polisucco si trasformano in Tiger e Goyle per intrufolarvisi con Draco Malfoy e capire se Malfoy fosse l'erede di Salazar Serpeverde.

Corvonero[modifica | modifica sorgente]

La Sala Comune dei Corvonero si trova in una torre sul lato ovest del castello. A differenza della Sala Comune di Grifondoro, l'accesso non è sorvegliato da un dipinto: infatti c'è soltanto una lustra porta nera, priva di maniglia e serratura, con solo un batacchio di bronzo a forma di corvo. Per entrare è necessario rispondere all'indovinello posto dal batacchio, che sarà ogni volta differente. Essendo l'intelligenza e la sapienza le qualità per cui si viene smistati a Corvonero, rispondere all'indovinello non dovrebbe essere difficile per gli studenti che appartengono a questa Casa; se però si sbaglia non si potrà passare, e per entrare si dovrà aspettare che arrivi qualcuno che risponda correttamente.

La Sala Comune è vasta ed ariosa, illuminata da enormi vetrate ad arco e, nelle stagioni fredde e durante la notte, da meravigliosi lampadari di cristallo. Il soffitto è decorato da un affresco raffigurante il cielo notturno, punteggiato di stelle di bronzo, ripetute sulla moquette blu notte. È arredata con moltissime librerie e scaffalature invetriate, traboccanti di libri e tomi, lunghi tavoli di legno scuro e comode bèrgere. La porta d'ingresso ha di fronte una stupenda scultura di marmo levigato rappresentante Priscilla Corvonero. Nel settimo libro Harry si reca nella torre per capire che forma potesse avere il diadema di Priscilla Corvonero, uno degli Horcrux di Lord Voldemort.

Tassorosso[modifica | modifica sorgente]

Nei romanzi la sala comune dei Tassorosso non appare mai, ma viene detto spesso che si trova vicino alle cucine di Hogwarts. Nel capitolo 21 del quarto libro si scopre che, per accedere sia alla sala comune che alle cucine, si deve superare una porta a sinistra della scalinata di marmo che si trova all'ingresso, per poi scendere una rampa di scalini di pietra. L'ingresso è uno dei dipinti che si trovano sulle pareti del corridoio alla fine delle scale, luogo che si rivela essere molto più caldo e accogliente rispetto ai sotterranei in cui si trovano le aule di Pozioni. I dipinti raffigurano prevalentemente frutta.

In un'intervista l'autrice ha rivelato maggiori dettagli sulla Sala, dichiarando che l'ingresso è un dipinto, per la precisione una natura morta (non un ritratto come per i Grifondoro). La sala è «Un luogo molto caldo e accogliente, l'esatto opposto del sotterraneo di Piton. L'arredamento comprende numerosi drappeggi gialli e neri appesi alle pareti o usati come tende, soffici pouf, candelabri di stagno e tavolini squadrati. Per accedere ai dormitori (i quali hanno tutti porte rotonde come coperchi di botti) si usano vari tunnel sotterranei, decorati con variopinti arazzi raffiguranti i simboli di Tassorosso e lunghi tappeti con bei motivi gialloneri».[3] Nel gioco ufficiale "Pottermore.com", in cui vengono pubblicati testi inediti sulla storia, si può trovare un testo dettagliato di questa sala comune: l'ingresso alla sala comune, diversamente dalle cucine e dalle altre case, è costituito da una pila di grosse botti in una nicchia di pietra; per entrare è necessario saper battere al ritmo di una determinata canzone su una determinata botte. Nel caso in cui si sbagli il ritmo o la botte, il coperchio di un'altra botte si apre e inonda l'intruso (o semplicemente il malcapitato) di aceto. Nel caso in cui, invece, si riesca a superare la prova, il coperchio della botte giusta si apre e rivela un breve cunicolo terroso in salita che conduce alla sala comune: un'accogliente sala rotonda e seminterrata dal soffitto basso arredata con i colori della casa (giallo e nero). All'interno della sala ci sono tavoli di legno color miele e moltissime piante (la direttrice della casa Tassorosso è Pomona Sprite, insegnante di erbologia); sopra al caminetto c'è un quadro che ritrae Tosca Tassorosso, fondatrice della casa, e delle porte tonde e nere conducono ai dormitori. Dalle finestre, anch'esse nere e tonde situate quasi al livello del terreno, si gode di una piacevole vista su una distesa erbosa arricchita da una moltitudine di fiori.

Stanza delle Necessità[modifica | modifica sorgente]

La Stanza delle Necessità (Room of Requirement), nota anche come Stanza Va-E-Vieni, è una stanza magica che può essere scoperta solo da chi ha veramente bisogno di qualcosa, dove costui troverà tutto ciò di cui necessita.

Questa stanza si trova al settimo piano, di fronte all'arazzo di "Barnaba il Babbeo bastonato dai Troll" (un mago che tenta di insegnare la danza classica a dei Troll). Per arrivarci bisogna camminare avanti e indietro per il corridoio per tre volte pensando alla "necessità" molto intensamente (facendo questo appare la porta della stanza nel muro); è protetta da molte magie tra cui quella che la rende indisegnabile, infatti non compare nella Mappa del Malandrino di Harry.

In Harry Potter e la camera dei segreti Argus Gazza ne fa menzione alla sua gatta, Mrs. Purr, riferendosi ad uno "sgabuzzino che scompare".

Nel quarto libro Albus Silente racconta di esserci passato davanti una volta di primo mattino, "quando la sua vescica era incredibilmente piena". Quando apre la porta, infatti, trova la stanza piena di vasi da notte.

Per Fred e George Weasley diviene un ripostiglio per nascondersi da Argus Gazza, il custode della scuola, quando questi li cerca per metterli in punizione. Lo stesso Gazza ci trova dei detersivi quando la sua scorta è agli sgoccioli.

Nel quinto libro Dobby ne svela l'esistenza a Harry, che stava cercando un posto per poter insegnare Difesa contro le Arti Oscure all'ES (Esercito di Silente) riunito, senza farsi scoprire dagli insegnanti. Nel film, la persona a scoprire la stanza è Neville Paciock, mentre stava cercando un bagno.

Nel settimo libro viene invece utilizzata dagli studenti ricercati come oppositori del nuovo regime scolastico imposto dal nuovo Preside Severus Piton, per nascondersi da lui e dai suoi Mangiamorte sottoposti, Amycus e Alecto Carrow, senza essere costretti ad entrare in clandestinità e continuando a ostacolare i loro piani.

Si può anche trasformare in un luogo in cui nascondere qualunque cosa, che Draco Malfoy scopre pensando che si formi solo quel tipo di stanza: per questo la definisce Stanza delle Cose Nascoste ed è proprio al suo interno che il ragazzo tenta, con successo, di far entrare i Mangiamorte ad Hogwarts attraverso l'Armadio Svanitore nel sesto libro della saga. Proprio in questa veste viene usata da Harry, sempre nel Principe Mezzosangue, come nascondiglio per il suo libro di Pozioni, dalla professoressa Cooman per nascondere le bottiglie di sherry vuote dopo le sue bevute e da Lord Voldemort per nascondere il diadema di Corvonero che lo stesso Harry, nel Principe Mezzosangue, non conoscendone la vera natura, aveva posizionato su un busto insieme ad una parrucca per ricordare dove, in quella stessa stanza, avesse nascosto il libro.

Stanza delle Cose Nascoste[modifica | modifica sorgente]

La Stanza delle Cose Nascoste (Room of Hidden Things) è una delle tante stanze in cui si può trasformare la Stanza delle Necessità, e la si ottiene quando si ha bisogno di nascondere qualcosa. Grande come una cattedrale, ma con l'aspetto di una città, contiene tutti gli oggetti nascosti da generazioni di studenti di Hogwarts (alcuni dei quali molto strani, come un'accetta insanguinata o un busto di marmo). Compare per la prima volta in Harry Potter e il principe mezzosangue, quando Harry cerca un posto dove poter nascondere il suo libro di Pozioni, ma è solo un anno dopo che Harry ne viene a sapere il nome e la funzione, quando va in cerca del diadema nascosto di Priscilla Corvonero. È là che Draco Malfoy si nasconde per quasi tutto il sesto anno scolastico per aggiustare l'Armadio Svanitore capace di permettere l'ingresso dei Mangiamorte ad Hogwarts.

Nel settimo volume della saga verrà distrutta da Vincent Tiger che, utilizzando maldestramente l'incantesimo Ardemonio per uccidere Harry, finisce col perdere lui la vita bruciato vivo nella stanza.

Torre di Astronomia[modifica | modifica sorgente]

La Torre di Astronomia è il luogo dove si possono osservare le stelle durante le lezioni di questa materia, insegnata dalla professoressa Sinistra. Nella saga ha un ruolo importante: qui Albus Silente viene ucciso da Severus Piton.

Durante l'esame per il G.U.F.O. di Astronomia, in cui si doveva compilare una mappa celeste, gli studenti assistono, dalle finestre dell'aula, all'aggressione della professoressa Minerva McGranitt ad opera di alcuni uomini del Ministero della Magia con quattro Schiantesimi che le costa un lungo periodo all'Ospedale San Mungo. Qui nella battaglia finale di Hogwarts Angelina Johnson rischierà di cadere da una vetrata. Nel sesto film questo posto è citato da Draco Malfoy, che afferma che è un buon posto per lanciarsi nel vuoto e con ciò fa capire che è tra le torri più alte del castello.

Torre di Divinazione o Torre Nord[modifica | modifica sorgente]

La Torre di Divinazione è il luogo del castello dove la professoressa Sibilla Cooman vive e tiene le sue lezioni di Divinazione. Questo luogo è raggiungibile tramite una botola a cui si accede grazie ad una sottile scala d'argento. È un ambiente circolare in cui vi è un perenne odore di incenso e di fiori, che proviene da una pentola di rame sospesa nel grande caminetto che emana eccessivo calore. Tutta la sala è illuminata da una soffusa luce scarlatta, proveniente dalle lampade drappeggiate con veli e stoffe rosse. Nella stanza si trovano vari tavolini circolari, circondati da piccoli e bassi sgabelli dove gli studenti siedono per seguire la lezione. I muri circolari sono completamente coperti da grandi scaffali, dove, oltre ad un grande assortimento di tazzine da tè fondamentali per leggervi i fondi, vi sono appoggiate vecchie penne malconce e parecchie sfere di cristallo per predire il futuro, in cui, nella versione cinematografica, Harry vede il volto del "prigioniero di Azkaban", ovvero Sirius Black, prima di assistere alla profezia della professoressa Cooman sul ritorno di Lord Voldemort grazie all'aiuto di un suo servo (che sarà Peter Minus).

Ufficio del preside[modifica | modifica sorgente]

L'ufficio del preside è una stanza alla quale si accede pronunciando una parola d'ordine, scelta dal preside, ad un gargoyle che si sposta al suono di questa parola (durante il periodo di presidenza di Albus Silente le parole d'ordine erano nomi di dolci). Essa è grande e spaziosa e di forma ovale. Durante il periodo della gestione di Silente, è piena di oggetti magici, posti su tavolini con gambe sottili. Fra questi si possono trovare oggetti molto importanti ai fini della storia:

  • il Pensatoio, un particolare oggetto che appare per la prima volta nel 4º libro;
  • il Cappello Parlante a cui è affidato lo smistamento degli studenti nelle quattro case;
  • la spada di Godric Grifondoro, estratta dal Cappello Parlante da Harry, alla fine del secondo anno, che viene sostituita con una copia da esposizione mentre la vera è nascosta in una nicchia dietro un quadro da dove verrà prelevata da Piton per farla avere a Harry nel settimo anno.

All'interno di quest'ufficio si trovano tutti i quadri dei vecchi presidi di Hogwarts che si sono susseguiti dalla fondazione della scuola. È il luogo dove di solito si trova il trespolo di Fanny, la fenice di Silente.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.bbc.co.uk/oxford/harry_potter/mainlocations.shtml Galleria di immagini di Oxford usate nel film
  2. ^ Dalla cronologia riportata nel DVD di Harry Potter e la camera dei segreti. Si veda anche: What Is Hogwarts? in wiseGEEK. URL consultato il 31 luglio 2008. Transcript Of The Official Hogwarts Timeline in snitchseeker.com. URL consultato il 31 luglio 2008.
  3. ^ J. K. Rowling Web Chat Transcript in The Leaky Cauldron, 30 luglio 2007. URL consultato l'08-01-09.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Harry Potter Portale Harry Potter: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Harry Potter