Harry Potter e il prigioniero di Azkaban

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altre opere con lo stesso titolo, vedi Harry Potter e il prigioniero di Azkaban (disambigua).
Harry Potter e il prigioniero di Azkaban
Titolo originale Harry Potter and the Prisoner of Azkaban
Autore J. K. Rowling
1ª ed. originale 1999
Genere romanzo
Sottogenere fantasy
Lingua originale inglese
Protagonisti Harry Potter
Serie Harry Potter
Preceduto da Harry Potter e la camera dei segreti
Seguito da Harry Potter e il calice di fuoco

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban (Harry Potter and the Prisoner of Azkaban) è il terzo dei sette romanzi della saga di Harry Potter, scritta ed ideata da J. K. Rowling a partire dagli anni novanta.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Harry scappa dalla casa degli zii Dursley dopo aver fatto accidentalmente gonfiare con la magia il corpo di Marge, la sorella di suo zio Vernon, che lo aveva ripetutamente umiliato fino a fargli perdere il controllo. In fuga, sale quindi sul Nottetempo, un autobus magico a tre piani che lo conduce a velocità vertiginosa in giro per l’Inghilterra, per giungere poi a Londra. Sull'autobus, il bigliettaio Stan Picchetto legge e commenta ad alta voce La Gazzetta del Profeta al conducente: Sirius Black, un pericolosissimo criminale, è evaso da Azkaban, la prigione dei maghi, da cui nessuno era mai riuscito a scappare. Harry scende al Paiolo Magico, dove trova il ministro della magia Cornelius Caramell ad attenderlo. Il ministro ha un comportamento strano, sembra nascondergli qualcosa e, stranamente, non lo rimprovera né minaccia conseguenze legali per quello che è successo a zia Marge (contrariamente a quanto era successo l'anno prima a causa della magia compiuta in casa Dursley dall'elfo Dobby); anzi, sembra sollevato di averlo ritrovato e gli fa preparare una camera lì al Paiolo Magico chiedendogli di restare fin quando non rientrerà a scuola. Pochi giorni prima del ritorno a Hogwarts, arrivano i suoi amici Ron, con tutta la famiglia, e Hermione per l'acquisto del nuovo materiale scolastico. Ascoltando di nascosto una conversazione fra i genitori di Ron, Harry scopre che il criminale evaso da Azkaban di cui aveva scritto la Gazzetta del Profeta gli sta dando la caccia.

Durante il viaggio per Hogwarts, il treno viene improvvisamente fermato da un'entità oscura ed Harry, vedendo la creatura, perde conoscenza. Al suo risveglio, il professor Remus Lupin, il nuovo insegnante di Difesa contro le Arti Oscure, gli spiega che la creatura era un Dissennatore, una delle guardie della prigione di Azkaban che sono state mandate dal Ministero della Magia per cercare Black. A scuola sono previste nuove materie come Divinazione, la cui professoressa è Sibilla Cooman, e Cura delle Creature Magiche, con Rubeus Hagrid, custode dei luoghi e delle chiavi ad Hogwarts, che ha preso il posto dell'insegnante precedente, ora in pensione. Sono inoltre state introdotte uscite organizzate a Hogsmeade, un villaggio di soli maghi poco lontano da Hogwarts. Durante la prima partita contro Tassorosso, Harry cade dalla scopa dopo essere stato aggredito dai dissennatori, pensando per sbaglio che lui sia Sirius Black. A causa della caduta, la sua scopa Nimbus 2000 finisce sul Platano Picchiatore e viene distrutta dall'albero.

La forma del Patronus di Harry Potter

A scuola inoltre scopre che suo padre (James Potter), Sirius Black, Remus Lupin e Peter Minus, amici per la pelle, avevano fondato un gruppo illegale e non dichiarato di animaghi per proteggere Lupin che, essendo stato morso da bambino dal lupo mannaro Fenrir Greyback, era diventato anch'egli un lupo mannaro. Nel corso della prima lezione di Cura delle creature magiche Hagrid mostra agli alunni un ippogrifo di nome Fierobecco. Fierobecco ferisce alla spalla Malfoy, che lo aveva provocato offendendolo, nonostante Hagrid li avesse avvertiti che gli ippogrifi sono molto orgogliosi e suscettibili: per questa ragione l'animale è accusato di essere una bestia pericolosa e viene processato e condannato a morte dal Ministero della Magia. Harry scopre che Black era il "custode segreto" dell'Incanto Fidelius, l'incantesimo di protezione che, lanciato sulla casa dei Potter, la rendeva invisibile e irraggiungibile da Lord Voldemort: Black però tradì i suoi amici rivelando ai Mangiamorte l'ubicazione della casa. Harry inoltre viene a conoscenza che Black è un fedele seguace di Voldemort e che ha ucciso in un colpo solo tredici persone, polverizzando pure l'amico Peter Minus (di cui venne trovato solo un dito) che lo aveva trovato in una strada affollata di babbani; per questo, è stato catturato e rinchiuso ad Azkaban. Inoltre viene a conoscenza del fatto che Sirius era ed è tuttora il suo padrino. Per tutto il tempo Harry avrà a che fare con i Dissennatori, creature che si nutrono della felicità e dei bei ricordi della gente. Alla fine si scoprirà che Minus alias Codaliscia non era morto nel duello contro Black, ma si era trasformato in Crosta, il topo di Ron, ed aveva vissuto per tutto il tempo nella famiglia dei Weasley; si scopre inoltre che in realtà era lui il Custode Segreto dell'Incanto Fidelius, come Sirius aveva suggerito a James Potter (riteneva, infatti, che Minus fosse meno in vista di lui presso i Mangiamorte). Sirius non è cattivo, è sempre stato innocente, non ha mai ucciso nessuno e cerca in tutti i modi di proteggere e difendere Harry: essendo il suo padrino gli vuole bene e gli chiede di andare a vivere con lui, ma con la fuga di Peter Minus, poiché Sirius stava soccorrendo Remus che era un lupo mannaro, il Ministero della Magia non può scoprire la verità sugli omicidi di cui è accusato. Sirius deve quindi darsi alla fuga per sfuggire ai dissennatori, che continueranno a dargli la caccia tentando di infliggergli la punizione più atroce: il loro bacio, che succhia via l'anima. Il capitolo della saga si conclude con la fuga di Sirius con l'ippogrifo Fierobecco che era stato salvato da Harry, Hermione e Ron con lo strumento Giratempo che aveva permesso loro di tornare indietro nel tempo; la fine dell'anno scolastico vede anche le dimissioni del professor Remus Lupin che, rivelatosi essere un lupo mannaro, è costretto a lasciare Hogwarts: la sua natura di lupo mannaro, infatti, era il motivo delle sue frequenti assenze dalle lezioni. Nel viaggio di ritorno sul treno Harry scopre che la Firebolt che lui aveva trovato tra i suoi regali di Natale e che gli era stata sequestrata perché la si temeva maledetta, era un regalo di Sirius; quest'ultimo regala inoltre a Ron un gufo di nome Leotordo, affettuosamente chiamato Leo.

Capitoli[modifica | modifica sorgente]

  1. Posta via gufo (Owl Post)
  2. Il grosso errore di zia Marge (Aunt Marge's Big Mistake)
  3. Il Nottetempo (The Knight Bus)
  4. Il Paiolo Magico (The Leaky Cauldron)
  5. Il Dissennatore (The Dementor)
  6. Artigli e foglie di tè (Talons and Tea Leaves)
  7. Il Molliccio nell'armadio (The Boggart in the Wardrobe)
  8. La fuga della Signora Grassa (Flight of the Fat Lady)
  9. Una Grama sconfitta (Grim Defeat)
  10. La Mappa del Malandrino (The Marauder's Map)
  11. La Firebolt (The Firebolt)
  12. Il Patronus (The Patronus)
  13. Grifondoro contro Corvonero (Gryffindor versus Ravenclaw)
  14. L'ira di Piton (Snape's Grudge)
  15. La finale di Quidditch (The Quidditch Final)
  16. La profezia della professoressa Cooman (Professor Trelawney's Prediction)
  17. Gatto, topo e cane (Cat, Rat and Dog)
  18. Lunastorta, Codaliscia, Felpato e Ramoso (Moony, Wormtail, Padfoot and Prongs)
  19. Il servo di Voldemort (The Servant of Lord Voldemort)
  20. Il bacio dei dissennatori (The Dementors' Kiss)
  21. Il segreto di Hermione (Hermione's secret)
  22. Ancora posta via gufo (Owl Post again)

Personaggi introdotti[modifica | modifica sorgente]

Oggetti introdotti[modifica | modifica sorgente]

  • Nottetempo è il mezzo di trasporto per maghi e streghe in difficoltà. È un pullman a tre piani, di notte è arredato con una serie di letti, di giorno con sedie. Per utilizzarlo basta estrarre la bacchetta, puntarla verso la strada e il Nottetempo comparirà.
  • Giratempo è uno strumento che permette di tornare indietro nel tempo. È estremamente pericoloso, e il suo utilizzo è concesso solo dal Ministero della Magia al quale Hermione si era appositamente rivolta.
  • La mappa del malandrino, creata da James Potter, Sirius Black, Peter Minus e Remus Lupin, quando erano studenti. Mostra tutte le persone presenti nel complesso della scuola, anche quelle trasfigurate, e tutti i sette passaggi segreti. La mappa non mostra però la stanza delle necessità e nemmeno chi si trova al suo interno. La mappa mostra anche i fantasmi.

Luoghi introdotti[modifica | modifica sorgente]

  • Hogsmeade è un villaggio di soli maghi. Agli studenti di Hogwarts è permesso visitarlo dal terzo anno in su con il permesso dei genitori o tutori legali. In questo villaggio si trovano molti negozi e bar come l'Emporio di scherzi di Zonko, i Tre Manici di Scopa, Mielandia e il pub La Testa di Porco.
  • Azkaban è la prigione dei maghi dove sono rinchiusi i sostenitori di Lord Voldemort. I guardiani sono i Dissennatori, esseri malvagi che si nutrono delle sensazioni e dei ricordi felici delle persone.

Errori[modifica | modifica sorgente]

  • Nel momento in cui Lupin racconta la propria storia a Harry, Ron e Hermione dice che i genitori degli altri studenti avrebbero voluto che lui non frequentasse Hogwarts a causa della propria condizione di Lupo Mannaro. Aggiunge poi che Silente, una volta diventato Preside di Hogwarts, trovò la soluzione per fargli frequentare la scuola. Questa è una contraddizione poiché si sa che Silente è diventato Preside nel 1955, ovvero ben 5 anni prima della nascita di Remus Lupin. Nella versione italiana del romanzo, edita da Salani, questo errore può essere riscontrato a pagina 299.
  • L'esecuzione di Fierobecco dovrebbe avvenire il 6 giugno. In quella stessa sera, Lupin si trasforma in lupo mannaro a causa della luna piena. Ciò non è possibile, poiché il 6 giugno 1994 la luna era quasi una luna nuova.
  • Nella prima pagina del romanzo si legge che Harry sta studiando Storia della Magia sul libro di Adalbert Incant, il quale però, come si può notare nei romanzi precedenti, è l'autore dei libri di Teoria della Magia. L'errore (da imputarsi alla traduttrice italiana) è stato quello di sostituire Incant all'autrice dei libri di Storia della Magia Bathilda Bath, la quale ricoprirà un ruolo secondario nell'ultimo romanzo della serie: Harry Potter e i Doni della Morte. Tale errore è stato tuttavia corretto nelle ultime edizioni.

Versione cinematografica[modifica | modifica sorgente]

Da questo libro è stato tratto una versione cinematografica uscita nei primi giorni del giugno 2004 (sia in America che in Italia), diretta dal messicano Alfonso Cuarón (che prende il posto del regista Chris Columbus regista delle prime due).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Harry Potter Portale Harry Potter: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Harry Potter