Cattedrale di Durham

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cattedrale di Cristo, della Beata Vergine Maria e di San Cutberto di Durham
Cathedral Church of Christ, Blessed Mary the Virgin and St Cuthbert of Durham
Esterno
Esterno
Stato Regno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
Regione Nord Est
Località Durham
Religione Cristiana anglicana
Titolare Gesù
Diocesi Diocesi di Durham
Stile architettonico romanico, gotico
Inizio costruzione 1093
Completamento XV secolo
Sito web Sito ufficiale
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Il castello e la cattedrale di Durham
(EN) Durham Castle and Cathedral
DurhamCathedral2.jpg
Tipo Culturali
Criterio (ii) (iv) (vi)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1986
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

La cattedrale di Cristo, della Beata Vergine Maria e di San Cutberto di Durham (in inglese: Cathedral Church of Christ, Blessed Mary the Virgin and St Cuthbert of Durham), più semplicemente nota come cattedrale di Durham, sita nella città di Durham, Inghilterra, venne fondata nel 1093 ed è tuttora un importante centro del Cristianesimo. Viene solitamente indicata come uno dei migliori esempi di cattedrale normanna dell'Europa ed è stata nominata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO insieme con il castello di Durham, che fronteggia il Palazzo Green sopra il fiume Wear.

La cattedrale ospita il santuario e le reliquie di san Cutberto, un santo del settimo secolo. Al suo interno si trova anche la testa di sant'Osvaldo di Northumbria ed i resti di san Beda il Venerabile. È possibile salire lungo i 325 gradini fino alla cima del campanile di 66 metri per godere di una vista di tutta Durham e dell'area circostante.

La chiesa ospita le messe cantate dal coro della cattedrale. A parte il lunedì, ed alcune ferie, il coro canta ogni giorno.

I vescovi di Durham erano dei principi-vescovi molto potenti fino alla metà del XIX secolo. Il titolo di vescovo di Durham è anche oggi il quarto più importante della Chiesa anglicana, ed i cartelli stradali dell'odierna contea di Durham contengono la scritta "Land of the Prince Bishops" (terra dei principi vescovi).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sassoni[modifica | modifica wikitesto]

Interno

La sede vescovile di Durham nasce dalla diocesi di Lindisfarne, fondata da Sant'Aidan per conto di Sant'Osvaldo di Northumbria intorno al 635. La sede resse fino al 664, anno in cui venne spostata a York. La sede venne ripristinata nel 678 dall'arcivescovo di Canterbury. A Lindisfarne nacquero numerosi santi, in particolare San Cutberto fu fondamentale per lo sviluppo della cattedrale di Durham.

In seguito a numerose incursioni dei vichinghi i monaci lasciarono Lindisfarne nell'875, portando con sé le reliquie di San Cuberto. La diocesi di Lindisfarne rimase itinerante fino all'882, quando una comunità si ristabilì a Chester-le-Street. Questo luogo ospitò la sede vescovile fino al 995 quando altre incursioni fecero fuggire di nuovo i monaci con le reliquie. Secondo una leggenda locale i monaci seguirono due inservienti che cercavano una mucca marrone, arrivando ad una penisola formata da un'ansa del fiume Wear. In questo luogo la bara di San Cuberto divenne immobile, e venne preso come un segno che il nuovo santuario potesse essere costruito in quel luogo. Esistono ragioni più logiche per la scelta della penisola, tra cui la posizione facilmente difendibile ed il fatto che la terra era sotto la protezione dello Jarl di Northumberland dal momento che il vescovo dell'epoca, Aldhun, aveva forti legami familiari con il duca. Ciononostante la strada che conduce dal Bailey alla cattedrale si chiama Dun Cow Lane ("dun cow" significa "mucca marrone").

All'inizio venne eretta una struttura molto semplice usando il legname del posto per ospitare le reliquie di Cuberto. Il santuario venne trasformato in un'opera più resistente (probabilmente in legno) noto come "Chiesa Bianca" (White Church). Questa chiesa venne a sua volta rimpiazzata tre anni dopo, nel 998, da un edificio in pietra a cui venne assegnato lo stesso nome; nel 1018 mancava da completare solo la torre occidentale. Durham divenne presto un luogo di pellegrinaggio, incoraggiato dal culto crescente di San Cuberto. Re Canuto fu uno dei primi pellegrini, e donò molti privilegi e terre alla comunità di Durham. La posizione difendibile, i soldi portati dai pellegrini e la potenza insita nella chiesa fecero in modo che attorno alla cattedrale nascesse un centro abitato che ora è il nucleo della città moderna.

Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Pianta della Cattedrale di Durham
La leggenda della fondazione di Durham illustrata sulla Cattedrale

L'attuale cattedrale venne progettata e costruita sotto il primo principe vescovo, Guglielmo di San Calais. La costruzione iniziò nel 1093, nonostante Guglielmo morì prima del completamento della prima fase, nel 1135, passando la responsabilità al successore Ranulf Flambard[1] L'edificio è famoso per le volte a coste del soffitto della navata, con archi traversi sostenuti da pilastri relativamente sottili e da possenti colonne, e per gli archi rampanti ed il triforio sopra le navate. Queste caratteristiche precorrevano l'architettura gotica che avrebbe invaso la Francia settentrionale pochi decenni dopo, sicuramente dovute ai mastri edili normanni, nonostante l'edificio sia considerato in stile romanico. Fu il sapiente uso di archi rampanti e volte a coste che permise di coprire un edificio con una pianta di una complessità mai vista prima di quel momento. Il contrafforte rese possibile la costruzione di edifici alti e l'uso di ampie finestre.

La tomba di San Cutberto si trova ad est e ai tempi era uno splendido monumento in marmo e oro.

Nel dodicesimo secolo il vescovo Hugh de Puiset aggiunse la Galilee Chapel sul lato occidentale della cattedrale. Questa cappella è nota anche con il nome di Lady Chapel e contiene i resti di Beda il Venerabile e del vescovo Langley, la cui tomba mura la Grande Porta Occidentale (Great West Door) della cattedrale.

Guglielmo di San Calais, Ranulf Flambard e Hugh de Puiset sono stati tutti seppelliti nella Chapter House della cattedrale, che si trova nella zona opposta ai chiostri e può essere datata al 1140.

Il tredicesimo secolo vide la costruzione della Cappella dei Nove Altari (Chapel of the Nine Altars), sul lato orientale, iniziata sotto Richard le Poore (1228-1237). La torre principale di quel periodo venne distrutta da un fulmine, e quella attuale è quindi databile al quindicesimo secolo.

Dissoluzione[modifica | modifica wikitesto]

La tomba di Cuberto venne distrutta per ordine di Enrico VIII nel 1538, ma sopravvisse sotto forma di modesta lapide in pietra. Due anni dopo, nel 1540, il monastero benedettino di Durham venne dissolto, nonostante i chiostri si siano ben conservati, ed il suo ultimo priore, Hugh Whitehead, divenne il primo decano della cattedrale.

1600-1900[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1650 la cattedrale di Durham venne convertita in campo per i prigionieri di guerra ed ospitò i prigionieri scozzesi dopo la battaglia di Dunbar (3 settembre 1650). Molti dei 5000 prigionieri morirono sulla strada per la cattedrale o al suo interno. I loro corpi vennero sepolti in tombe anonime. I sopravvissuti vennero spediti nelle Indie Occidentali, in Virginia e in Massachusetts. Circa 150 prigionieri scozzesi vennero mandati a Berwick nel dicembre 1650.

La Cappella dei Nove Altari vanta un grande rosone seicentesco, ricostruito nel diciottesimo secolo, ed una statua di William Van Mildert, ultimo principe-vescovo (1826-1836) nonché una delle persone che più contribuirono alla nascita della Durham University.

Ventesimo secolo ed oltre[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1986 la cattedrale ed il vicino castello divennero patrimonio dell'umanità. Il comitato dell'UNESCO dichiarò che "La Cattedrale di Durham è l'esempio più grande e perfetto di monumento di stile Normanno dell'Inghilterra".[2]

Oggi la cattedrale è sede del vescovo di Durham. La cattedrale è stata anche mostrata nei film di Harry Potter quale Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, dove è stata aggiunta una guglia in cima alla famosa torre in modo da farla sembrare ancora più imponente. Gli interni dell cattedrale vennero usati nel film del 1998 Elizabeth. Nel 1996 la Great Western Doorway fu il set del video di Bill Viola, The Messenger.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Organo a canne[modifica | modifica wikitesto]

L'organo a canne della cattedrale[3] è stato costruito nel 1935 dalla ditta organaria Harrison & Harrison e dalla stessa restaurato ed ampliato nel 1969 e nel 1996.

Lo strumento, a trasmissione elettro-pneumatica, si compone di due corpi, collocati, contrapposti, nella seconda campata del coro, al disopra degli stalli lignei. Le facciate anteriori dei due corpi sono gemelle: la cassa, riccamente scolpita, è limitata al basamento e la mostra è composta da 29 canne di Principale dipinte e disposte in cuspide con ali laterali. La consolle, a finestra, è situata nel corpo di destra; essa possiede quattro tastiere di 58 note ciascuna ed una pedaliera concavo-radiale di 32.

Di seguito, la disposizione fonica dello strumento:

Prima tastiera - Choir Enclosed
Bourdon 16'
Gedackt 8'
Flauto traverso 8'
Viole d'Amour 8'
Gemshorn 4'
Stopped Flute 4'
Flauto Traverso 4'
Nazardo 2.2/3'
Piccolo 2'
Tierce 1.3/5'
Dulciana Mixture III
Clarinet 8'
Tremulant
Prima tastiera - Open Positive
Flute a Cheminée 8'
Quintade 8'
Prestant 4'
Flute Ouverte 4'
Doublette 2'
Sesquialtera II 2.2/3'
Larigot 1.1/3'
Octavin 1'
Octave Tierce 4/5'
Cymbale III 2/3'
Dulzian 16'
Trompette 8'
Seconda tastiera - Great Organ
Double Open Diapason 16'
Contra Clarabella 16'
Open Diapason I 8'
Open Diapason II 8'
Open Diapason III 8'
Open Diapason IV 8'
Gamba 8'
Claribel Flute 8'
Stopped Diapason 8'
Octave 4'
Principal 4'
Harmonic Flute 4'
Octave Quint 2.2/3'
Super Octave 2'
Mixture IV 1.1/3'
Scharf III 1/2'
Contra Posaune 16'
Posaune 8'
Clarion 4'
Terza tastiera - Swell
Double Diapason 16'
Open Diapason I 8'
Open Diapason II 8'
Lieblich Gedeckt 8'
Salicional 8'
Vox Angelica 8'
Principal 4'
Harmonic Flote 4'
Fifteenth 2'
Mixture IV-V 2.2/3'
Oboe 8'
Vox Humana 8'
Tremulant
Double Trumpet 16'
Trumpet 8'
Clarion 4'
Quarta tastiera - Solo
Enclosed
Harmonic Flute 8'
Concert Flute 4'
Harmonic Piccolo 2'
Contra Viola 16'
Viole d'Orchestre 8'
Viole Celeste 8'
Viole Octaviante 4'
Cornet de Violes III 4'
Cor Anglais 16'
Corno di Bassetto 8'
Orchestral Oboe 8'
Tremulant
French Horn 8'
Orchestral Tuba 8'
Unenclosed
Tuba 8'
Tuba Clarion 4'
Pedal
Double Open Wood 32'
Open Wood I 16'
Open Wood II 16'
Open Diapason 16'
Violone 16'
Dulciana 16'
Bourdon 16'
Contra Viola 16'
Octave Wood 8'
Principal 8'
Violoncello 8'
Dulciana 8'
Flute 8'
Twelfth 5.1/3'
Super Octave Wood 4'
Fifteenth 4'
Twenty Second 2'
Mixture IV 2.2/3'
Double Ophicleide 32'
Double Trombone 32'
Ophicleide 16'
Trombone 16'
Cor Anglais 16'
Tromba 8'
Cornett 4'

Organisti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1557 John Brimley
  • 1576 William Browne
  • 1588 Robert Masterman
  • 1594 William Smyth
  • 1599 William Browne
  • 1609 Edward Smyth
  • 1612 Mr Dodson
  • 1614 Richard Hutchinson
  • 1661 John Foster
  • 1677 Alexander Shaw
  • 1681 William Greggs
  • 1710 James Hesletine
  • 1763 Thomas Ebdon
  • 1811 Charles E. J. Clarke
  • 1813 William Henshaw
  • 1862 Philip Armes
  • 1907 Rev Arnold D. Culley
  • 1933 John Dykes Bower
  • 1936 Conrad Eden
  • 1974 Richard Lloyd
  • 1985 James Lancelot

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

(EN)
« Durham is one of the great experiences of Europe to the eyes of those who appreciate architecture, and to the minds of those who understand architecture. The group of Cathedral, Castle, and Monastery on the rock can only be compared to Avignon and Prague. »
(IT)
« Durham è una delle migliori esperienze per gli amanti dell'architettura, per la mente di coloro che la capiscono. Il complesso della Cattedrale, del Castello e del Monastero sulle rocce può essere comparato solo a quello di Avignone e Praga»
(Sir Nikolaus Pevsner, The Buildings of England)
(EN)
« I paused upon the bridge, and admired and wondered at the beauty and glory of this scene...it was grand, venerable, and sweet, all at once; I never saw so lovely and magnificent a scene, nor, being content with this, do I care to see a better. »
(IT)
« Mi sono fermato sul ponte, ed ho ammirato lo splendore, la bellezza e la gloria della scena... era grande, venerabile e dolce, tutto in uno; non ho mai visto una scena tanto ammirevole e magnificente, né, soddisfatto di questa vista, ci tengo a goderne di una migliore. »
(Nathaniel Hawthorne, The English Notebooks)
(EN)
« I unhesitatingly gave Durham my vote for best cathedral on planet Earth. »
(IT)
« Non ho avuto dubbi a dare a Durham il mio voto quale migliore cattedrale sul pianeta Terra. »
(Bill Bryson, Notes from a Small Island)
« Grey towers of Durham
Yet well I love thy mixed and massive piles
Half church of God, half castle 'gainst the Scot
And long to roam those venerable aisles
With records stored of deeds long since forgot. »
(Sir Walter Scott, Harold the Dauntless, un poema sui sassoni ed i vichinghi ambientato nella contea di Durham.[4])

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ranulf Flambard costruì anche il Flamwell Bridge, primo attraversamento del fiume Wear in città.
  2. ^ Dichiarazione UNESCO (file PDF)
  3. ^ Dettagli dell'organo presi dal National Pipe Organ Register
  4. ^ Questo verso è scritto su una placca sul Prebends Bridge, che fa godere di un'ottima vista della cattedrale che lo ispirò, nota a volte come Scott's View (vista degli scozzesi)([1] e [2]).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 54°46′25″N 1°34′34″W / 54.773611°N 1.576111°W54.773611; -1.576111