Nathaniel Hawthorne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nathaniel Hawthorne

Nathaniel Hawthorne (Salem, 4 luglio 1804Plymouth, 19 maggio 1864) è stato uno scrittore statunitense.

Visse vicino alla cerchia intellettuale dei trascendentalisti come Henry David Thoreau e Ralph Waldo Emerson, nonostante con questi vi fosse una sottaciuta rivalità. Si cimentò nei generi letterari del romanzo e del racconto, cui deve il suo successo. È considerato, assieme ad Edgar Allan Poe, Herman Melville e Mark Twain, il più importante narratore statunitense dell'Ottocento.

Hawthorne è conosciuto soprattutto per aver scritto opere sul modus vivendi nel New England più puritano.
Di questo filone fanno parte opere letterarie come La lettera scarlatta e La casa dei sette abbaini. L'intera sua produzione fantastica e soprannaturale fu raccolta in un volume edito nel 1837: Poe e Longfellow elogiarono a più riprese tale produzione.

Hawthorne, essendo la sua celebrità legata soprattutto al romanzo storico La lettera scarlatta, ambientato alla metà del Seicento, è stato talvolta paragonato a Walter Scott, ma la sua posizione nella letteratura statunitense lo avvicina di più al ruolo che, in quella italiana, ha avuto Alessandro Manzoni.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nathaniel Hawthorne nacque il 4 luglio 1804 a Salem, Massachusetts, dove la sua casa natale è oggi un museo. William Hathorne, che emigrò dall'Inghilterra nel 1630, fu il primo degli antenati di Hawthorne a giungere nelle colonie. Il figlio di William John Hathorne fu uno dei giudici del processo alle streghe di Salem (fu forse proprio in relazione alla pesante eredità dell'avo che lo scrittore decise di aggiungere la "w" al proprio cognome, quasi a prenderne le distanze).[1] Il padre, Nathaniel Hathorne Senior, era un capitano di Marina che morì nel 1808 di febbre gialla, quando Hawthorne aveva solo quattro anni, a Raymond, Maine.

Hawthorne frequentò il Bowdoin College a spese di uno zio dal 1821 al 1824, ed ebbe come compagni Henry Wadsworth Longfellow, John Brown Russwurm, futuro governatore della contea di Maryland in Liberia e il futuro presidente Franklin Pierce. Prima della pubblicazione dei Twice-Told Tales del 1837, Hawthorne scrisse nell'oscurità di quello che chiamava il suo "nido di gufo", nella casa familiare. Ripensando a quel periodo della sua vita, scrisse: "Non vivevo, ma sognavo di vivere".

Hawthorne fu assunto nel 1839 alla Dogana di Boston. L'anno precedente si era fidanzato con l'illustratrice trascendentalista Sophia Peabody (1809-1871). In cerca di un alloggio per sé e per Sophia, nel 1841 entrò nella comunità trascendentalista di Brook Farm; in quello stesso anno, però, lasciò la comunità dichiarandosi insoddisfatto dell'esperimento (la sua esperienza di Brook Farm gli fornì l'ispirazione per il romanzo The Blithedale Romance). Sposò Sophia nel 1842, e con lei si trasferì nella Old Manse a Concord, dove i due vissero per tre anni. Lì nacque la maggior parte dei racconti di Mosses from an Old Manse. Ralph Waldo Emerson e Henry David Thoreau erano tra i loro vicini.

Nel 1846, Hawthorne fu nominato supervisore alla Dogana di Salem. Come il suo incarico precedente a Boston, questo impiego era soggetto alla politica detta spoils system. Le sue simpatie per i democratici fecero perdere il lavoro a Hawthorne in seguito al cambio di amministrazione a Washington dopo le elezioni presidenziali del 1848. La carriera di romanziere di Hawthorne fu lanciata da La lettera scarlatta del 1850, nella cui prefazione si accenna ai tre anni nella Dogana di Salem. A breve seguirono La casa dei sette abbaini (1851) e The Blithedale Romance (1852).

Nel 1852 redasse la biografia per la campagna elettorale dell'amico Franklin Pierce. Con l'elezione di Pierce a presidente, Hawthorne fu nominato nel 1853 console degli Stati Uniti a Liverpool. Nel 1857, allo scadere dell'incarico, la famiglia Hawthorne viaggiò in Francia e in Italia, per ritornare a Concord nel 1860, anno in cui fu pubblicato il romanzo Il fauno di marmo. La salute malferma gli impedì di terminare diverse opere letterarie. Morì nel sonno il 19 maggio 1864, a Plymouth, New Hampshire durante una gita alle White Mountains con Pierce. Fu sepolto nello Sleepy Hollow Cemetery, Concord, Massachusetts.

Nathaniel e Sophia Hawthorne ebbero tre figli: Una (1844-1877), Julian (1846-1934), e Rose (1851-1926). Una soffriva di una malattia mentale e morì giovane. Julian fu scrittore anche lui di romanzi e racconti e curò qualche opera del padre, scrivendo anche una biografia su di lui e sulla famiglia. Rose sposò George Parsons Lathrop e si convertì al cattolicesimo. Dopo la morte del marito, divenne suora domenicana e fondò l'ordine delle Dominican Sisters of Hawthorne per l'assistenza delle vittime di mali incurabili.

Ad Hawthorne è stato intitolato l'omonimo cratere, sulla superficie di Mercurio.

Carriera letteraria[modifica | modifica sorgente]

Hawthorne è oggi noto per i numerosi racconti e per i quattro romanzi scritti tra il 1850 e il 1860: La lettera scarlatta (1850), La casa dei sette abbaini (1851), The Blithedale Romance (1852) e Il fauno di marmo (del 1860, da cui è stata tratta nel 1977 la miniserie televisiva Il fauno di marmo). Un altro romanzo, Fanshawe, fu pubblicato anonimo in precedenza, nel 1828.

La prima raccolta di racconti risale al 1837; precedentemente, Hawthorne ne aveva pubblicati anonimamente o sotto pseudonimi su riviste e giornali quali Salem Gazette, The Token, The New-England Magazine e The United States Magazine and Democratic Review, The Knickerbocker, New-York Monthly Magazine e altri. Solo dopo averne riunito alcuni nei due volumi intitolati Racconti narrati due volte, nelle diverse edizioni: 1837, 1842 (allargata con altri racconti), 1851 (gli stessi con una "prefazione") e 1853 (ristampa con poche correzioni).

Un'altra sua raccolta fu Mosses from an Old Manse, in due edizioni: 1846 e allargata con nuovi racconti 1854, anche queste con "prefazione" dell'autore. Una terza raccolta (che comprendeva anche la prima e una nuova "prefazione") fu The Snow-Image, and Other Twice-told Tales (1852). Oltre alle tre raccolte predisposte dall'autore ci furono anche due libri di miti e storie per bambini: A Wonder Book for Girls and Boys (1852) e Tanglewood Tales (1853).

Gran parte delle opere di Hawthorne sono ambientate nel New England delle colonie, e molti suoi racconti sono stati letti come allegorie morali influenzate dalla sua formazione puritana. Ethan Brand (1850) è la storia di un fornaciaio che parte alla ricerca del Peccato Imperdonabile, e finisce per commetterlo. Uno dei racconti più famosi, The Birth-Mark (1843), narra di un giovane medico che tenta di eliminare una voglia dal volto di sua moglie, ma l'operazione le risulta fatale. Tra gli altri racconti ricordiamo La figlia di Rappaccini (1844), Il mio parente, Maggiore Molineux (1832), Il velo nero del pastore (1836), e Il giovane buon Brown (1835). The Maypole of Merrymount (1836) descrive un incontro tra i Puritani e le forze dell'anarchia e dell'edonismo. Il libro delle meraviglie (1852) e I racconti di Tanglewood (1853) sono versioni dei miti greci per ragazzi. Ricordiamo anche il volume di racconti La statua di neve e altri racconti, e il romanzo incompiuto Settimio Felton.

Alcuni suoi taccuini vennero stampati dopo la morte: The American Notebooks, The English Notebooks, The French and Italian Notebooks. Hawthorne è considerato tra i primi sperimentatori della storia alternativa come forma letteraria. Il suo racconto del 1845 "P.'s Correspondence" (che fa parte di "Muschi da una vecchia canonica") è la prima opera completa in lingua inglese di questo genere e una delle prime in assoluto. Il protagonista è considerato un matto, perché immagina un 1845 alternativo a quello reale, in cui personaggi storici e letterari da tempo scomparsi sono ancora vivi.

La critica recente si è occupata della voce narrante di Hawthorne, considerandola una costruzione retorica a sé stante, da non confondersi con la voce dell'autore stesso. Un tale approccio confuta la tradizionale visione di Hawthorne come un moralista lugubre e ossessionato dal senso di colpa. Hawthorne visse una breve ma intensa amicizia con lo scrittore Herman Melville a partire dal 5 agosto 1850, quando i due si conobbero ad un picnic organizzato da un amico comune. Melville aveva appena letto la raccolta di racconti di Hawthorne Muschi da una vecchia canonica, che in seguito avrebbe elogiato in una famosa recensione, "Hawthorne e i suoi Muschi". Le lettere di Melville a Hawthorne contengono particolari sulla composizione di Moby-Dick, che Melville dedicò all'amico. Le lettere di Hawthorne a Melville non ci sono pervenute.

Edgar Allan Poe scrisse importanti recensioni dei Racconti narrati due volte e di Muschi da una vecchia canonica, recensioni non molto favorevoli a causa del disprezzo di Poe per l'allegoria e i racconti a sfondo morale. Ciononostante, Poe ammette che lo stile di Hawthorne è purezza e il suo tono efficace è adatto ai temi. I suoi romanzi e un'ampia scelta dei suoi principali raccolti compaiono in traduzione italiana ne «I capolavori di N.H.», a cura di Claudio Gorlier, (Mursia 1968) o nella collana "I Meridiani" a cura di Vito Amoruso (Mondadori, 1994). Nel 2006 l'editore Donzelli ha pubblicato una raccolta completa dei racconti di Hawthorne (Tutti i racconti, a cura di Sara Antonelli e Igina Tattoni). Tra i suoi traduttori si contano anche Eugenio Montale, Fausto Maria Martini, Guido Fink, Diego Valori, Marco Papi, Marcella Bonsanti, Giorgio Spina, Enzo Giachino, Gianni Celati, Elémire Zolla, Bruno Tasso, Augusta Grosso Guidetti, Gianna Lonza, Aldo Busi (insieme con Carmen Covito), Francesco Valori, Ottavio Fatica, Luigi Berti, Alessandra Osti ecc.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Romanzi[modifica | modifica sorgente]

Racconti[2][modifica | modifica sorgente]

  • Tales and Sketches
    • The Hollow of the Three Hills (TTT)
    • Mrs. Hutchinson
    • An Old Woman's Tale
    • Dr. Bullivant
    • Sights from a Steeple (TTT)
    • The Haunted Quack
    • The Wives of the Dead (TSI)
    • My Kinsman, Major Molineux (TSI)
    • Roger Malvin's Burial (MOM)
    • The Gentle Boy (TTT)
    • The Seven Vagabonds (TTT)
    • The Canterbury Pilgrims (TSI)
    • Sir William Pepperell
    • Passages from a Relinquished Work (MOM)
    • Mr. Higginbotham's Catastrophe (TTT)
    • The Haunted Mind (TTT)
    • Alice Doane's Appeal
    • The Village Uncle (TTT)
    • Little Annie's Ramble (TTT)
    • The Gray Champion (TTT)
    • My Visit to Niagara
    • Old News (TSI)
      • I.
      • II. The Old French War
      • III. The Old Tory
    • Young Goodman Brown (MOM)
    • Wakefield (TTT)
    • The Ambitious Guest (TTT)
    • A Rill from the Town-Pump (TTT)
    • The White Old Maid (TTT)
    • The Vision of the Fountain (TTT)
    • The Devil in Manuscript (TSI)
    • Sketches from Memory (MOM)
    • The Wedding-Knell (TTT)
    • The May-Pole of Merry Mount (TTT)
    • The Minister's Black Veil (TTT)
    • Old Ticonderoga (TSI)
    • A Visit to the Clerk of the Weather
    • Monsieur du Miroir (MOM)
    • Mrs. Bullfrog (MOM)
    • Sunday at Home (TTT)
    • The Man of Adamant (TSI)
    • David Swan (TTT)
    • The Great Carbuncle (TTT)
    • Fancy's Show Box (TTT)
    • The Prophetic Pictures (TTT)
    • Dr. Heidegger's Experiment (TTT)
    • A Bell's Biography (TSI)
    • Fragments from the Journal of a Solitary Man
    • Edward Fane's Rosebud (TTT)
    • The Toll-Gatherer's Day (TTT)
    • Sylph Etherege (TSI)
    • Peter Goldthwaite's Treasure (TTT)
    • Endicott and the Red Cross (TTT)
    • Night Sketches (TTT)
    • The Shaker Bridal (TTT)
    • Foot-prints on the Sea-shore (TTT)
    • Thomas Green Fessenden
    • Time's Portraiture
    • Snow-flakes (TTT)
    • The Threefold Destiny (TTT)
    • Jonathan Cilley
    • Chippings with a Chisel (TTT)
    • Legends of the Province-House (TTT)
      • I. Howe's Masquerade
      • II. Edward Randolph's Portrait
      • III. Lady Eleanore's Mantle
      • IV. Old Esther Dudley
    • The Sister Years (TTT)
    • The Lily's Quest (TTT)
    • John Inglefield's Thanksgiving (TSI)
    • A Virtuoso's Collection (MOM)
    • The Old Apple-Dealer (MOM)
    • The Antique Ring
    • The Hall of Fantasy (MOM)
    • The New Adam and Eve (MOM)
    • The Birth-mark (MOM)
    • Egotism or The Bosom-Serpent (MOM)
    • The Procession of Life (MOM)
    • The Celestial Rail-road (MOM)
    • Buds and Bird-Voices (MOM)
    • Little Daffydowndilly (TSI)
    • Fire-Worship (MOM)
    • The Christmas Banquet (MOM)
    • A Good Man's Miracle
    • The Intelligence Office (MOM)
    • Earth's Holocaust (MOM)
    • The Artist of the Beautiful (MOM)
    • Drowne's Wooden Image (MOM)
    • A Select Party (MOM)
    • A Book of Autographs
    • Rappaccini's Daughter (MOM)
    • P.'s Correspondence (MOM)
    • Main-street (TSI)
    • Ethan Brand (TSI)
    • The Great Stone Face (TSI)
    • The Snow-Image (TSI)
    • Feathertop (MOM)
    • Prefaces
      • to Mosses from an Old Manse (MOM)
      • to Twice-told Tales (TTT)
      • to The Snow-Image, and Other Twice-told Tales (TSI)
  • A Wonder Book for Girls and Boys
    • Preface
    • Tanglewood Porch: Introductory to "The Gorgon's Head"
    • The Gorgon's Head
    • Tanglewood Porch: After the Story
    • Shadow Brook: Introductory to "The Golden Touch"
    • The Golden Touch
    • Shadow Brook: After the Story
    • Tanglewood Play-Room: Introductory to "The Paradise of Children"
    • The Paradise of Children
    • Tanglewood Play-Room: After the Story
    • Tanglewood Fireside: Introductory to "The Three Golden Apples"
    • The Three Golden Apples
    • Tanglewood Fireside: After the Story
    • The Hill-Side: Introductory to "The Miraculous Pitcher"
    • The Miraculous Pitcher
    • The Hill-Side: After the Story
    • Bald Summit: Introductory to "The Chimaera"
    • The Chimaera
    • Bald Summit: After the Story
  • Tanglewood Tales: For Girls and Boys Being a Second Wonder Book
    • The Wayside: Introductory
    • I. The Minotaur
    • II. The Pygmies
    • III. The Dragon's Teeth
    • IV. Circe's Palace
    • V. The Pomegranate-Seeds
    • VI. The Golden Fleece

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

(parziale)

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Goffredo Fofi, Introduzione a La lettera scarlatta, Garzanti, Milano, 1991. Pag. VIII.
  2. ^ In ordine cronologico "Library of America", tra parentesi secondo le raccolte Twice-told Tales (TTT), Mosses from an Old Manse (MOM) e The Snow-Image (TSI), la prima delle quali è l'unica tradotta in italiano secondo l'ordine dell'autore, con il titolo Racconti narrati due volte.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 44435463 LCCN: n79007728