Triforio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
l'elegante triforio della Cattedrale di Tours che si apre sotto le polifore

In architettura il triforio è una galleria ricavata nello spessore murario, posta sotto le finestre del cleristorio e situata sopra le navate laterali di una chiesa mediante una teoria di loggette.[1]

È presente in alcune chiese romaniche (il duomo di Modena è uno degli esempi di maggior rilievo) e soprattutto nelle cattedrali gotiche d'Oltralpe, abbinato o in sostituzione alla struttura affine del matroneo, dove però la galleria aveva dimensioni più ampie e correva per tutta la larghezza della navata laterale.

Generalmente il triforio precede una piccola galleria percorribile, che invece può venire a mancare nel caso del triforio cieco.[2]

L'etimologia del termine è sconosciuta, ma probabilmente deriva dal termine thoroughfarum, che veniva usato per indicare il passaggio da un'estremità all'altra dell'edificio. L'etimologia dal latino tres ("tre") e foris ("porta", "entrata"), risulta meno accreditata.[senza fonte]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, Torino, 1981, voce "Triforio".
  2. ^ N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, Torino, 1981.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]