Tabernacolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Tabernacolo nella cattedrale cattolica di San Raffaele a Dubuque.

La parola tabernacolo (in latino Tabernaculum - diminutivo di taberna dal significato di dimora), nella tradizione ebraica e cristiana significa il luogo della casa di Dio presso gli uomini.

Comunemente, nelle lingue moderne, con tabernacolo si intende una struttura a forma di scatola presente in tutte le chiese cattoliche e di altre confessioni cristiane nella quale sono conservate le ostie consacrate dopo la celebrazione eucaristica.

Il termine tabernacolo è utilizzato anche come sinonimo per le edicole sacre o edicole votive (definite nel nord est d'Italia anche coi nomi di capitelli o santelle) che proteggono un'immagine sacra oggetto di culto, sia all'interno delle chiese, sia lungo le strade, sulle facciate delle case, o nelle campagne.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Le parole latine tabernaculum e taberna derivano da tabula, tavola di legno e significavano capanna, accampamento mobile per i soldati, specialmente in campagna. Avrebbe allora il senso di dimora provvisoria [1].

La parola latina tabernaculum è stata utilizzata nella Vulgata per tradurre la parola ebraica: מִשְׁכָּן mishkhan, che significa dimora.

Religione ebraica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tabernacolo (ebraismo), Shekhinah e Tempio di Gerusalemme.

Il tabernacolo nell'Ebraismo era un santuario trasportabile, eretto nel deserto, che accompagnava gli israeliti nel loro vagare dopo l'esodo. Viene descritto nel libro dell'Esodo della Bibbia ebraica. I Leviti avevano il compito di occuparsene.
In epoca successiva è stato sostituito dal Tempio.

Struttura fisica[modifica | modifica sorgente]

Secondo il racconto della Bibbia[2], il tabernacolo era costituito originariamente da una recinzione fatta da teli; all'interno della recinzione c'era una tenda realizzata con pelle di capra, di tasso e di montone dipinto di rosso che facevano da copertura a tutta la struttura.[3] La tenda nel suo interno era divisa in due da un telo dove erano raffigurati due cherubini. Questo telo creava così due luoghi: il primo era detto "Luogo santo"; sia i leviti che i sacerdoti vi potevano accedere per i vari servizi ad essi dedicati. Il secondo luogo era chiamato "Luogo santissimo"; ad esso si accedeva attraverso il Luogo Santo. Nel Luogo santissimo poteva entrare solo il sacerdote prescelto una volta all'anno. Nel Luogo santissimo c'era l'Arca dell'Alleanza che era fatta in legno ed era ricoperta di oro e al suo interno conteneva i dieci comandamenti dati a Mosè, la verga di Aronne fiorita e la manna. Il coperchio dell'arca era costituito da un basamento ai due estremi del quale vi erano due statue di cherubini rivolti uno contro l'altro con il viso volto verso l'interno dell'arca. Secondo la fede ebraica in questo tabernacolo, così costruito, si manifestava la presenza di Dio.[4]

Significato spirituale ebraico[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tempio Celeste di Gerusalemme.

Il tabernacolo costituiva lo spazio per la presenza di Dio nella comunità ed era costruito sul modello del Santuario celeste dato in visione a Mosè quando era sul monte Sinai. Con la sua costruzione in Terra si sancì l'esistenza del Tempio celeste identificato con l'angelo Metatron e la Merkavah mentre nel reame spirituale l'arcangelo Michele si ritiene corrisponda simbologicamente al sommo sacerdote. La sua disposizione simboleggiava la creazione, la struttura del cosmo e la storia futura delle Dodici tribù di Israele fino all'età messianica.

Religione cristiana[modifica | modifica sorgente]

Tabernacolo in San Luigi di Versailles

Nella religione cattolica ed in altre confessioni cristiane in cui si conserva l'eucaristia, il tabernacolo indica il contenitore dove sono custodite le ostie consacrate, raccolte comunemente dentro una pisside.

Circa dal XII secolo inizia nelle chiese latine l'uso del tabernacolo.

Al tempo della controriforma nel cattolicesimo il tabernacolo divenne il posto più importante della chiesa, intesa come edificio. Fu questo un modo per sottolineare la presenza reale di Cristo anche dopo la celebrazione eucaristica.

Secondo le norme del codice di diritto canonico, esso deve essere fisso, non amovibile, chiuso a chiave e la chiave deve essere custodita in luogo sicuro.

Solo i presbiteri, i diaconi, gli accoliti e talvolta anche i ministri straordinari dell'eucaristia hanno accesso al tabernacolo.

È di norma apporre a fianco del tabernacolo la "busta", oggetto, generalmente di stoffa rigida fatto a forma di busta, contenente un corporale (fazzoletto di stoffa fortemente inamidato).

Secondo la tradizione accanto al Tabernacolo viene acceso un lume, come simbolo della presenza del pane consacrato.

Generalmente il tabernacolo è coperto da un velo del colore liturgico del giorno, detto conopeo, che richiama la tenda del tabernacolo ebraico.

Altri significati[modifica | modifica sorgente]

Talvolta con tabernacolo si indica una piccola edicola o capitello votivo o santella o altra struttura posta in luogo pubblico, all'interno della quale è inserita un'immagine sacra (dipinta o scolpita), a scopo devozionale e di protezione sui passanti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ cfr
  2. ^ Libro dell'Esodo 26-27
  3. ^ Esodo 25:1-16
  4. ^ Esodo 25-27

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]