Matroneo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il matroneo della navata centrale di Notre-Dame a Parigi, schermato da grandi trifore

In architettura il matroneo, o tribuna, è un balcone o un loggiato posto all'interno di un edificio e originariamente destinato ad accogliere le donne (derivante appunto da "matrona").[1]

Nelle chiese medievali i matronei persero la funzione di accoglienza e divennero esclusivamente elementi architettonici, posti sopra le navate laterali e con la funzione strutturale di contenere la spinta della navata centrale, formati solitamente da campate sovrapposte a quelle delle navate laterali.

Nelle chiese protogotiche i matronei erano uno dei quattro elementi che costituivano la parete interna (arco, matroneo, triforio e cleristorio), mentre appaiono più raramente nel periodo successivo dell'architettura gotica.

Nelle Sinagoghe[modifica | modifica wikitesto]

Nelle sinagoghe è ancora in uso il matroneo.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo Valerio Ascani, professore di "Storia dell'arte medievale" presso l'Università di Pisa, questa definizione è errata: il matroneo sarebbe stato infatti destinato ad accogliere le persone che non entravano nella parte inferiore della chiesa, non solo donne ma anche uomini, sempre però con una divisione tra destra e sinistra (Valerio Ascani, Il trecento disegnato - Le basi progettuali dell'architettura gotica in Italia).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Valerio Ascani, Il trecento disegnato - Le basi progettuali dell'architettura gotica in Italia, Edizioni Viella, 1997, ISBN 888566962X.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]