Harry Potter e il principe mezzosangue

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altre opere con lo stesso titolo, vedi Harry Potter e il principe mezzosangue (disambigua).
Harry Potter e il principe mezzosangue
Titolo originale Harry Potter and the Half-Blood Prince
Autore J. K. Rowling
1ª ed. originale 2005
Genere romanzo
Sottogenere fantasy
Lingua originale inglese
Protagonisti Harry Potter
Antagonisti Lord Voldemort
Serie Harry Potter
Preceduto da Harry Potter e l'Ordine della Fenice
Seguito da Harry Potter e i Doni della Morte

Harry Potter e il principe mezzosangue è il sesto dei sette romanzi della saga di Harry Potter, scritta e ideata da J. K. Rowling, ed è stato pubblicato il 16 luglio 2005 in lingua inglese.

L'autrice, rispondendo alla domanda di un fan, ha dichiarato che il libro raggiunge il suo scopo ("fa quello che volevo facesse") e che è più soddisfatta, consegnandolo alle stampe, di quanto fosse dopo aver concluso il Calice di fuoco, l'Ordine della Fenice o la Camera dei segreti, aggiungendo che resterà uno dei suoi preferiti nella serie[1].

Nell'edizione inglese (Bloomsbury), il libro è lungo 607 pagine. La copertina inglese, disegnata da Jason Cockcroft, rappresenta Harry e Silente avvolti da un cerchio di fuoco, di cui si parlerà nel ventiseiesimo capitolo, La caverna (The Cave), mentre quella americana raffigura un altro momento del capitolo, con i due vicini a un calice con una pozione (rappresentato nella quarta di copertina dell'edizione inglese).

L'edizione italiana, 588 pagine, a cura dell'Adriano Salani Editore, è stata distribuita ufficialmente nelle librerie il 6 gennaio 2006. Tuttavia molte librerie hanno venduto alcune copie del libro prima della mezzanotte del suddetto giorno, violando il patto stabilito con la casa editrice. Come nel caso degli ultimi tre libri a dedicarsi alla traduzione è stata Beatrice Masini. L'illustrazione di copertina, a opera di Serena Riglietti, rappresenta Harry e Silente nel pensatoio che ripercorrono un ricordo della vita di Tom Riddle.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il sesto libro della saga potteriana inizia con un cambio al vertice del Ministero della Magia: il ministro Cornelius Caramell abbandona l'incarico perché cacciato dopo aver ripetutamente negato il ritorno di Voldemort, e viene sostituito dall'ex-capo degli Auror, Rufus Scrimgeour. Il cambio della guardia è rivelato in una singolare riunione a Downing Street con il Primo Ministro babbano. La scena si sposta quindi, nel secondo capitolo, a Spinner's End, un sudicio quartiere alla periferia industriale di una città, dove ha casa Severus Piton. Il professore riceve la visita di Narcissa Malfoy, accompagnata dalla sorella Bellatrix Lestrange: Narcissa giunge da Piton per chiedergli aiuto e protezione per suo figlio Draco, che Voldemort ha incaricato di uccidere Silente. In una lunga schermaglia verbale tra Bellatrix e Piton, si intende che sorprendentemente la fedeltà del professore a Voldemort non è mai venuta meno. Piton è convinto da Narcissa a stringere il Voto infrangibile (un giuramento magico con cui chi ha giurato, se tragredisce il giuramento, muore), che durante l'anno scolastico a Hogwarts lo costringerà ad aiutare Draco nella sua missione da mangiamorte.

Nel frattempo, a Privet Drive, Harry Potter riceve la visita di Albus Silente, che, dopo avergli letto il testamento del padrino morto Sirius Black che gli lascia tutti i suoi averi (compresi l'elfo Kreacher e la casa di Grimmauld Place), gli chiede di accompagnarlo in una missione, che si rivela il convincere un suo vecchio amico, il professor Lumacorno, a tornare a insegnare a Hogwarts. Dopo diversi tentennamenti Lumacorno accetta. Harry viene poi accompagnato da Silente alla Tana, dove trascorre il resto dell'estate insieme a Ron ed Hermione.

Recatisi a Londra per gli ultimi acquisti prima dell'anno scolastico, Harry, Ron ed Hermione scoprono che Draco Malfoy sta tramando qualcosa con il proprietario di Magie Sinister; Harry sospetta che Malfoy sia ufficialmente diventato un mangiamorte, ma né i suoi amici né il signor Weasley credono a questa ipotesi.

Giunti a scuola, i tre scoprono con grande sorpresa che Lumacorno non insegnerà difesa contro le arti oscure, materia assegnata a Severus Piton, ma pozioni. Questo permette a Harry, che ai G.U.F.O. aveva ottenuto "Oltre ogni previsione", di prendere parte alle lezioni di pozioni anche per il sesto anno, in modo da poter seguire la carriera di Auror; Piton, invece, avrebbe accettato nella sua classe solo studenti con la valutazione "Eccezionale".

Durante la prima lezione di pozioni, Harry, non avendo ancora il suo libro, ne prende in prestito uno, appartenuto a un misterioso personaggio che si presenta come il Principe Mezzosangue, che si rivelerà poi essere il professore Piton: sua madre infatti aveva come cognome Prince (principe in inglese) ed era sposata con un babbano, da qui lo strano soprannome.

Durante l'anno scolastico Harry segue delle lezioni private con Silente, il quale gli mostra, tramite il Pensatoio, ricordi riguardanti il passato di Lord Voldemort, dall'incontro dei genitori, all'infanzia, al periodo trascorso a Hogwarts, e tutti quelli che Silente è riuscito a raccogliere del periodo precedente alla sua ascesa.

Viene inoltre introdotto il concetto di Horcrux. Un Horcrux è un oggetto o un essere animato all'interno del quale viene custodito un frammento dell'anima di un altro individuo (tramite un complicato incantesimo di magia oscura recitato in seguito a un omicidio, uno dei gesti contro natura che straziano l'anima), in modo che esso possa sopravvivere qualora il corpo venisse distrutto. È proprio questo l'espediente scelto da Tom Riddle/Lord Voldemort per garantirsi l'immortalità, ed è questo il motivo per cui egli non è morto anche dopo la distruzione del suo corpo causato dal rimbalzo della sua stessa maledizione (l'Avada Kedavra) scagliata per uccidere Harry neonato. Voldemort ha probabilmente creato sette Horcrux: sei oggetti più il suo corpo. Due di questi sei oggetti sono già stati trovati e distrutti:

  1. il diario di Riddle della "Camera dei Segreti"
  2. la pietra dell'anello (appartenuto alla casata dei Gaunt, discendenti di Serpeverde) che Silente ha spezzato con la spada di Godric Grifondoro per distruggere il frammento di anima in essa contenuto, e che ha causato l'apparente "morte" della sua mano in cui è stata circoscritta una potente maledizione a guardia dell'anello.

Silente è ancora alla ricerca degli Horcrux mancanti ma confida a Harry alcuni suoi sospetti al riguardo. Egli ritiene che alcuni possano trovarsi:

  1. nel medaglione di Salazar Serpeverde
  2. in un oggetto appartenuto a Priscilla Corvonero o a Godric Grifondoro
  3. La coppa di Tosca Tassorosso
  4. nel serpente di Lord Voldemort: Nagini, in quanto, secondo Silente, Lord Voldemort dimostra un attaccamento spropositato verso il serpente.

Hermione intanto si innamora di Ron, ma quest'ultimo, dopo aver litigato con Ginny, si scopre molto deluso e infastidito dal fatto che i suoi due migliori amici abbiano già dato il loro primo bacio, soprattutto per quanto riguarda Hermione. Quindi comincia ad avere un atteggiamento più scontroso con lei che, non conoscendone la ragione, naturalmente si sente offesa e comincia seriamente a soffrire a causa di Ron quando egli si fidanza con Lavanda Brown. Harry, invece, si innamora perdutamente di Ginny, fidanzata però con Dean Thomas: ma i due si lasciano presto anche a causa di Harry che sfiora inavvertitamente Ginny, coperto dal Mantello dell'Invisibilità e sotto l'effetto della Felix Felicis, mentre si reca da Hagrid nel tentativo di recuperare un ricordo molto prezioso da Lumacorno, e scatena l'ennesima e conclusiva lite tra i due. Quindi Harry la bacia in un momento di grande euforia dopo una vittoria a Quidditch, e segna l'inizio della loro storia.

Durante l'anno Katie Bell rischia di morire per aver toccato una collana maledetta; anche Ron rischia la vita a causa di una bottiglia di idromele barricato avvelenata. Proprio in seguito a questo episodio Ron si accorge di provare amore solo verso Hermione e si riavvicinano molto, decretando l'inizio della loro storia. Harry è convinto che dietro questi oscuri avvenimenti si celi Draco Malfoy, ma Ron e Hermione non danno molto peso alle sue teorie ritenendo Malfoy troppo giovane per essere stato reclutato dalle forze oscure. Sul finire dell'anno scolastico, Draco Malfoy fa entrare i Mangiamorte nella scuola grazie a una coppia di armadi svanitori (quello che Draco ha riparato nel corso dell'anno si trova nella Stanza delle Necessità, mentre l'altro da Magie Sinister), dando così inizio alla prima battaglia di Hogwarts. Harry e Silente, che erano andati a recuperare un presunto Horcrux, il medaglione di Serpeverde, materializzatisi intanto a Hogsmeade notano con orrore il Marchio Nero sospeso sul castello, evocato dagli stessi Mangiamorte.

Preoccupati dall'apparizione del marchio Harry e Silente si affrettano a tornare a scuola con due scope e, planati sulla torre di Astronomia, Harry viene immobilizzato, per evitare che rischi la propria vita, da Silente che dopo esser stato disarmato da Malfoy, viene ucciso da Piton con l'Avada Kedavra. Dopo l'uccisione di Silente, Piton, Draco e gli altri Mangiamorte scappano. Harry li insegue deciso a fargliela pagare, ma viene respinto da Piton che durante la fuga gli rivela di essere proprio lui il Principe Mezzosangue. Pochi giorni dopo la sua morte, viene celebrato il funerale di Silente, sepolto nel parco di Hogwarts, su di una riva del lago. Alla fine della cerimonia Harry annuncia a Ginny di voler rompere la loro relazione per proteggerla; lei acconsente affermando che non si sarebbe aspettata niente di meno dalla sua nobiltà. Harry discutendo con Ron e Hermione afferma di non voler tornare a Hogwarts l'anno successivo ma di dedicarsi esclusivamente alla ricerca dei rimanenti Horcrux così da poter sconfiggere Voldemort definitivamente; Ron e Hermione – niente affatto sorpresi dalla decisione dell'amico – dichiarano di volerlo accompagnare fino alla fine, qualunque essa sia. La storia fra Ginny e Harry finisce su una malinconica nota: infatti Harry deve partire, l'autunno dopo, alla ricerca degli Horcrux con Ron e Hermione, e lascia Ginny.

Capitoli[modifica | modifica sorgente]

  1. L'altro ministro (The Other Minister)
  2. Spinner's End (Spinner's End)
  3. Lettera e testamento (Will and Won't)
  4. Horace Lumacorno (Horace Slughorn)
  5. Un eccesso di flebo (An Excess of Phlegm)
  6. La deviazione di Draco (Draco's Detour)
  7. Il Lumaclub (The Slug Club)
  8. Il trionfo di Piton (Snape Victorious)
  9. Il Principe Mezzosangue (The Half-Blood Prince)
  10. La casa di Gaunt (The House of Gaunt)
  11. Una mano da Hermione (Hermione's Helping Hand)
  12. Argento e Opali (Silver and Opals)
  13. Il Riddle segreto (The Secret Riddle)
  14. Felix Felicis (Felix Felicis)
  15. Il voto infrangibile (The Unbreakable Vow)
  16. Un Natale molto gelato (A Very Frosty Christmas)
  17. Un ricordo lumacoso (A Sluggish Memory)
  18. Sorprese di compleanno (Birthday Surprises)
  19. Roba da elfi (Elf Tails)
  20. La richiesta di Lord Voldemort (Lord Voldemort's Request)
  21. La stanza delle necessità (The Unknowable Room)
  22. Dopo il funerale (After The Burial)
  23. Gli Horcrux (Horcruxes)
  24. Sectumsempra (Sectumsempra)
  25. La veggente spiata (The Seer Overheard)
  26. La caverna (The Cave)
  27. La torre (The Lightning-Struck Tower)
  28. La fuga del Principe (Flight of the Prince)
  29. Il lamento della Fenice (The Phoenix Lament)
  30. La tomba bianca (The White Tomb)

Personaggi introdotti[modifica | modifica sorgente]

Coda all'uscita di una libreria statunitense (nello stato del Delaware) per il via alla vendita al pubblico del libro a mezzanotte
  • L'ex-capo degli Auror Rufus Scrimgeour sostituisce il ministro Cornelius Caramell al Ministero della Magia, ma non è la prima volta che si sente il suo nome: è nominato una volta nel quinto libro.
  • Horace Lumacorno, amico di lunga data di Silente e ex professore di Pozioni di Hogwarts, è il nuovo docente di Pozioni a Hogwarts.
  • Fenrir Greyback, un lupo mannaro convinto di dover mordere il maggior numero possibile di persone. È lui che ha morso Remus Lupin da piccolo, facendolo diventare a sua volta un lupo mannaro. Nel Principe Mezzosangue morde Bill Weasley, fratello maggiore di Ron, ma poiché non c'era la luna piena, Bill non sarà un vero lupo mannaro e avrà solo qualche caratteristica da lupo (scopriamo nel seguito che gli piace la carne al sangue).

Luoghi introdotti[modifica | modifica sorgente]

  • Spinner's End è la strada dove vive Severus Piton in estate: un quartiere babbano sudicio e periferico.
  • La casa di Orvoloson Gaunt (che in inglese significa "desolato, magro, squallido") e dei figli Orfin e Merope Gaunt. Si trova in un bosco vicino al villaggio di Little Hangleton. Una vecchia casa in rovina che sembra essere abbandonata.
  • La caverna antistante al mare, dove si trova il falso medaglione-Horcrux.
  • L'orfanotrofio in cui abitava Tom Riddle, ovvero Lord Voldemort, è un luogo che viene presentato dall'autrice come pulito e ordinato ma molto triste e privo di comodità. La direttrice è una donna, amante dell'alcool, che si rivela felice di liberarsi del ragazzo poiché viene considerato da tutti come strano e, a volte, cattivo. Lo stesso Silente successivamente fa notare a Harry come Voldemort fosse già in grado di controllare la magia e di come amasse collezionare trofei presi con la forza agli altri bambini.

Il rapporto tra Harry e gli altri personaggi[modifica | modifica sorgente]

Nel sesto libro della saga il rapporto tra il protagonista e gli altri personaggi principali si modifica profondamente rispetto agli anni precedenti. Innanzitutto Harry decide di approcciarsi in modo diverso nei confronti di Albus Silente. Nel quinto libro, Harry Potter e l'Ordine della Fenice, Silente si era fatto insolitamente taciturno e spesso evitava gli incontri diretti con il ragazzo; addirittura l'ordine di studiare legilimanzia era arrivato attraverso lo stesso Severus Piton che ne sarebbe stato l'insegnante. Harry aveva reagito provando rabbia nei confronti del preside e adottando comportamenti che andavano contro i suoi consigli (come quello di ascoltare la cicatrice), questo portò alla morte di Sirius Black. L'anno successivo il giovane mago decide di conseguenza di fidarsi ciecamente di Silente seguendone consigli e ordini. Allo stesso modo Silente ritorna a essere disponibile e soprattutto comincia a dare moltissime informazioni utili allo studente. Per tutta la durata del libro quindi si assiste a un rapporto stretto e intimo tra i due che si può notare nella fiducia che Silente ripone in Harry durante il viaggio alla caverna.

Il mistero (svelato) di R.A.B.[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi R.A.B..

Uno degli avvenimenti che chiude il libro e che ha suscitato più interesse tra i lettori di Harry Potter è la scoperta del fatto che il medaglione trovato da Harry e Silente non fosse un vero Horcrux, bensì un falso sostituito dal misterioso R.A.B.

Molti fan provarono a risolvere l'enigma riguardante l'identità di "R.A.B.". Analizzando i vari indizi lasciati lungo i libri della saga di Harry Potter, infatti in molti conclusero che il fantomatico R.A.B. doveva essere molto probabilmente Regulus Arcturus Black (il fratello di Sirius).

In effetti questa previsione si è rivelata esatta, come scritto nel successivo Harry Potter e i Doni della Morte: infatti il misterioso R.A.B. non è altri che il fratello di Sirius Black.

È interessante notare come già in Harry Potter e l'Ordine della Fenice in un piccolo passo venga citato il vero Horcrux, anche se non era certamente possibile prevedere l'importanza che avrebbe ricoperto in futuro questo oggetto. L'Horcrux viene citato precisamente nella parte iniziale del libro, quando Harry e compagni puliscono la casa di Sirius Black tirando fuori varie cianfrusaglie, tra le quali figurava anche il medaglione di Serpeverde scambiato dal fratello di Sirius con il falso trovato da Harry e Silente.

Nonostante l'indizio fosse stato disseminato dalla Rowling, i lettori italiani non hanno potuto beneficiarne a causa dell'errata traduzione del termine locket che è stato mal tradotto in "lucchetto" anziché "medaglione". Questo errore è stato poi corretto nelle edizioni successive del libro.

(EN)
« ...a heavy locket that none of them could open... »
(IT)
« ... e un pesante lucchetto che nessuno riusciva ad aprire... »
(J. K. Rowling, pag. 120 di Harry Potter e l'Ordine della Fenice)

Data di uscita delle edizioni[modifica | modifica sorgente]

Data di uscita delle edizioni

Trasposizione cinematografica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Harry Potter e il principe mezzosangue (film).
  • Questo libro ha avuto come i precedenti una trasposizione cinematografica che è stata diretta dall'inglese David Yates. La Warner Bros. ha inizialmente fissato l'uscita nelle sale per il 21 novembre 2008, ma poi il 14 agosto ha spostato il film al 15 luglio 2009, per via della maggiore affluenza nei cinema nel periodo estivo. Com'era ovvio aspettarsi, la comunità dei fan ha mostrato subito malcontento e manifestato proteste attraverso petizioni online ecc. Il presidente della Warner Bros ha dichiarato alla stampa: "Noi amiamo i nostri fan", per far capire che la scelta di spostare il film è stata problematica anche per loro.

Differenze con la versione cinematografica[modifica | modifica sorgente]

  • Nel libro, uno dei primi capitoli, ci rende partecipi della lettura del testamento di Sirius Black, che lascia ad Harry la sua casa di Grimmauld Place (sede organizzativa dell'Ordine della Fenice) e tutti i suoi averi (compreso l'elfo Kreacher). Nella versione cinematografica è stato completamente trascurato.
  • Nella versione cinematografica il bacio tra Harry e Ginny non avviene alla fine della partita di Quidditch, ma successivamente. Inoltre la sequenza di alcuni avvenimenti risulta invertita. E non solo: nel film è Ginny che bacia Harry nella Stanza delle Necessità, per la prima volta.
  • Non viene spiegato come Silente sia riuscito a distruggere l'horcrux contenuto nell'anello appartenuto alla casata dei Gaunt, discendenti di Serpeverde, con la spada di Godric Grifondoro, e che ha causato l'apparente "morte" della sua mano in cui è stata circoscritta una potente maledizione a guardia dell'anello.
  • Silente ed Harry non raggiungono la torre di astronomia con le scope ma tornano su di essa tramite la materializzazione dopo essere andati in una grotta per recuperare il medaglione di Salazar Serpeverde. Harry non viene immobilizzato ma promette a Silente di restare nascosto qualsiasi cosa accada.
  • Nel film non si vede il funerale di Silente. Si vedono però i professori e gli studenti tutti raccolti ai piedi della torre di astronomia dove il corpo del preside giace dopo essere caduto dalla torre stessa. Alzando tutti le bacchette al cielo riescono a cancellare nelle nuvole la figura del marchio.
  • Inoltre, nel film è presente una scena in cui Fenrir Greyback e Bellatrix Lestrange danno fuoco al canneto attorno alla Tana, durante le vacanze di Natale che Harry passa a casa di Ron, mentre nel libro non ce n'è il minimo accenno.
  • Hermione Granger dice moltissime volte che non ci si può Smaterializzare o Materializzare dentro i confini di Hogwarts: quindi Silente e Harry non avrebbero potuto materializzarsi nella Torre di Astronomia alla fine, prima che Silente fosse ucciso. Nel film però Silente spiega a Harry che come preside della scuola lui abbia qualche "piccolo privilegio" e si smaterializzano verso la caverna.
  • Non è molto chiaro, inoltre, che l'incantesimo Sectumsempra è stato inventato dallo stesso Principe Mezzosangue, ovvero Severus Piton, il quale, per questo motivo, capisce che Harry è in possesso del suo libro quando salva Malfoy dal suo attacco. L'incantesimo lacera la pelle facendo schizzare via il sangue. È quindi considerato come magia oscura avanzata e funziona poco contro esseri già morti, come gli Inferi, e quelli immateriali/evanescenti, come i Dissennatori.

Critiche all'opera[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito ufficiale di J.K.Rowling
  2. ^ Don't Buy Harry Potter Books - stallman.org
  3. ^ I proprietari del vostro libro, Zeus News, 1º agosto 2005

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Harry Potter Portale Harry Potter: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Harry Potter