Ministero della Magia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ministero della Magia.png

Il Ministero della Magia (Ministry of Magic in lingua originale) è l'istituzione che nell'universo fantastico della saga di Harry Potter governa il mondo magico inglese, la cui sede si trova a Londra, è governato da Cornelius Caramell (il ministro della magia). Lo scopo principale del Ministero è quello di tenere il mondo della magia nascosto ai Babbani. Il Ministero inglese fa parte della Confederazione Internazionale dei Maghi, che nel 1692 ha ratificato un accordo internazionale per tenere segreto il mondo magico.

La sede del Ministero della Magia è situata sotto la city, e vi si accede tramite l'Atrium. Poiché tutto il Ministero si estende sottoterra, le pareti hanno delle finestre incantate e gli addetti alla Manutenzione Magica decidono che tempo deve fare ogni giorno. [1]

Oltre a quello inglese, esistono altri Ministeri simili nei paesi del mondo. In Bulgaria è presente il ministro Oblansk, in carica durante la Coppa del Mondo di Quidditch (Harry Potter e il calice di fuoco). Anche la Norvegia e la Nuova Zelanda possiedono un proprio Ministero, come viene affermato nel libro "Il Quidditch attraverso i secoli". Dai libri della saga sono conosciuti anche il Ministro della Magia di Andorra, nel quarto libro, quello del Burkina Faso e quello della Germania ne "Gli animali fantastici: dove trovarli". Perciò si può affermare che ogni Stato abbia il suo Ministero, anche se potrebbero esistere Ministeri comuni a più Paesi fra loro vicini, sia come posizione sia come usanze, come ad esempio l'Irlanda e il Regno Unito.[senza fonte]

Organizzazione[modifica | modifica sorgente]

Immagine della hall del Ministero della Magia tratta dal film Harry Potter e l'Ordine della Fenice

Il Ministero è suddiviso in sette dipartimenti, il più grosso e importante dei quali è dedicato alla regolamentazione ed all'applicazione delle leggi e delle limitazioni sull'utilizzo della magia. La struttura dove ha sede il Ministero della Magia britannico è nascosta al mondo Babbano (essendo situata interamente nel sottosuolo), e possiede dieci piani, ad ognuno dei quali corrisponde una funzione del Ministero e un ente delegato all'esercizio di questa funzione.

Ufficio del Ministro della Magia[modifica | modifica sorgente]

Il primo livello ospita l'ufficio del Ministro della Magia e del Personale di Supporto da lui delegato.

Ufficio Applicazione della Legge sulla Magia[modifica | modifica sorgente]

Il secondo livello ospita gli uffici collegati alla gestione della magia e delle sue leggi, in particolare dell'Ufficio per l'Uso Improprio delle Arti Magiche, del Quartier Generale degli Auror, e dei Servizi Amministrativi Wizengamot. Il Wizengamot è il tribunale supremo dei maghi, il cui Presidente è Albus Silente, che viene brevemente sollevato dalla carica nel quinto libro della saga. I membri indossano una veste color prugna con una W d'argento impressa. Ne fanno parte, oltre a Silente, Cornelius Caramell, Dolores Umbridge, Amelia Bones (prima di essere uccisa), Barty Crouch (che ha ricoperto un ruolo di eminente importanza nei processi ai Mangiamorte), Alastor Moody (all'epoca dei processi ai Mangiamorte), Tiberius Ogden e Griselda Marchbanks. Questi ultimi due però si dimettono nel corso del quinto libro, come protesta contro il tentativo di Caramell di controllare da vicino Hogwarts.

Qui Harry viene giudicato (ed assolto da ogni accusa) dal Wizengamot nel quinto libro per aver usato l'Incanto Patronus in Magnolia Crescent, per salvare lui e suo cugino Dudley dall'attacco di due Dissennatori. Nei ricordi di Silente, rievocati attraverso il Pensatoio, si notano anche altre persone citate a giudizio, quali Igor Karkaroff (Mangiamorte divenuto in seguito Preside della scuola di Durmstrang), Barty Crouch Jr., Bellatrix Lestrange, vari altri Mangiamorte, e Ludo Bagman.

In questo dipartimento lavora anche Arthur Weasley, inizialmente nell'Ufficio per l'Uso Improprio dei Manufatti dei babbani, successivamente nell'Ufficio Intercettazioni e Confisca di Incantesimi Difensivi e Oggetti Protettivi Contraffatti, di cui sarà direttore.

Dipartimento delle Catastrofi e degli Incidenti Magici[modifica | modifica sorgente]

Il terzo livello è occupato dal dipartimento per il controllo e la gestione dei problemi nel mondo Babbano legati alla magia, di cui fanno parte la Squadra Cancellazione della Magia Accidentale, il Quartier Generale degli Obliviatori, ed il Comitato Scuse ai Babbani.

Ufficio per l'Uso Improprio dei Manufatti dei Babbani[modifica | modifica sorgente]

L'Ufficio per l'Uso Improprio dei Manufatti dei Babbani è l'ufficio del Ministero della Magia in cui lavora (fino alla provata rinascita di Lord Voldemort, momento in cui viene messo a capo di un nuovo ufficio) Arthur Weasley, padre dell'amico di Harry, Ron, e dei suoi sei fratelli. Questo ufficio si occupa della tutela dei Babbani rispetto a degli oggetti Babbani che vengono sottoposti a magia in modo che causino danni ai Babbani stessi. Uno degli esempi citati nel corso della saga è costituito da chiavi che quando vengono cercate dal proprietario rimpiccioliscono fino a non essere più visibili. Alcune volte però i casi possono anche essere di maggiore gravità.

Ufficio Regolazione e Controllo delle Creature Magiche[modifica | modifica sorgente]

Il quarto livello è composto dall'ufficio preposto alla gestione di tutte le creature magiche: la Divisione Animali, Esseri e Spiriti, l'Ufficio delle Relazioni con i Folletti, ed infine lo Sportello Consulenza Flagelli.

In questo ufficio, nel terzo libro, in seguito alle pressioni esercitate da Lucius Malfoy, si decreta la soppressione dell'ippogrifo Fierobecco.

Ufficio per la Cooperazione Magica Internazionale[modifica | modifica sorgente]

Il quinto livello si occupa delle relazioni magiche internazionali, tramite il Corpo delle Convenzioni dei Commerci Magici Internazionali, l'Ufficio Internazionale della Legge sulla Magia, e i seggi britannici della Confederazione Internazionale dei Maghi. Vi ha lavorato Barty Crouch, dopo il sollevamento dall'incarico di giudice del Wizengamot.

Ufficio del Trasporto Magico[modifica | modifica sorgente]

Il sesto livello gestisce i trasporti magici tramite l' Autorità della Metropolvere, il Controllo Regolativo delle Scope, l' Ufficio Passaporta ed il Centro Esami di Materializzazione.

Ufficio per i Giochi e gli Sport Magici[modifica | modifica sorgente]

L'ufficio del settimo livello, occupato dal Quartier Generale della Lega Britannico-Irlandese del Quidditch, dal Club Ufficiale di Gobbiglie e dall'Ufficio Brevetti Ridicoli, gestisce le attività sportive e ludiche dei maghi e i grandi eventi. Lo dirigeva Ludo Bagman.

Atrium[modifica | modifica sorgente]

L'Atrium si trova all'ottavo livello ed è il punto di accesso al ministero. Vi si può accedere tramite una serie di appositi camini usando la metropolvere, materializzandosi o tramite l'ingresso visitatori. Quest'ingresso è all'apparenza una cabina telefonica in disuso, ma se viene digitato un numero speciale (62442, come per scrivere la parola magia su un telefonino), può funzionare come un ascensore per portare all'interno del ministero. Per poter accedere da qui è necessario dichiarare al terminale identità e scopo della visita e ritirare (dallo scomparto da cui dovrebbero uscire le monetine avanzate) una apposita targhetta identificativa.

Oltre agli ingressi, nell'Atrium si trova la vigilanza, dove ogni visitatore deve farsi identificare e schedare la bacchetta, e la fontana dei Magici Fratelli, che raffigura un mago e una strega, un folletto, un centauro e un elfo domestico tutti d'oro. Nel quinto libro la fontana viene distrutta durante la battaglia tra Harry, Silente, Lord Voldemort e Bellatrix Lestrange. Nel settimo libro la fontana viene sostituita da due immense statue di pietra di un mago e una strega seduti su troni costituiti da cumuli di babbani (nel film il monumento ha l'aspetto di un colonna di pietra con in cima un mago e una strega, sostenuti da babbani). Presumibilmente, tale raffigurazione verrà cancellata dal Ministero dopo la caduta di Voldemort.

Ufficio Misteri[modifica | modifica sorgente]

Il nono livello è completamente occupato dall'Ufficio Misteri. In questo ufficio si studiano fenomeni della magia difficili da spiegare, come l'amore, il pensiero, la vita, la morte e il tempo. L'entrata è costituita da una stanza circolare con pavimento e pareti scuri, su cui si affacciano una dozzina di porte senza maniglia. Appena una di queste viene chiusa la stanza inizia a girare, impedendo così di ritrovare la porta precedente.

Coloro che lavorano nell'Ufficio Misteri sono chiamati Indicibili, in quanto le loro esatte mansioni sono segrete, anche per gli altri dipendenti del ministero. Nella Stanza delle Profezie è presente quella fatta da Sibilla Cooman al professor Silente riguardo a Harry Potter e a Lord Voldemort nel 1980 alla Testa di Porco. In questa sala comincerà la battaglia dell'Ufficio misteri, avvenuta nel giugno del 1996, tra Harry Potter e alcuni membri dell'Esercito di Silente contro un gruppo di Mangiamorte. La sala durante la battaglia viene quasi completamente distrutta da vari incantesimi soprattutto fatti dai membri dell'Esercito di Silente.

Solo alcune delle stanze vengono mostrate o citate:

  • la Stanza dei Cervelli (Brain Room): in questa stanza rettangolare, con qualche scrivania, è presente una grande vasca di cristallo ripiena di un liquido verde scuro, nel quale nuotano dei cervelli. Essi sono particolarmente aggressivi e, con delle specie di filamenti, o tentacoli, attaccano Ron, che ci aveva guardato dentro, provocandogli delle lesioni. Questi cervelli e i loro filamenti sono una manifestazione fisica dei pensieri; tutto ciò che concerne questo argomento è studiato in questa stanza; in questa stanza c'è una porta che conduce alla Camera della Morte, forse a simboleggiare il legame tra essa e la coscienza;
  • la Stanza della Morte (Death Chamber): questa stanza appare con la struttura di un anfiteatro, con grossi gradoni di pietra. Nel centro, in fondo, si trova un arco di pietra, a cui sembrerebbe appeso un velo nero (trasparente nel film). Certe persone, come Harry Potter e Luna Lovegood, sentono delle voci provenire dal velo. Questo arco connette, o almeno rappresenta, il passaggio tra il mondo dei vivi e il mondo dei morti. Dopo essere stato colpito da un incantesimo di Bellatrix Lestrange, Sirius Black trapassa il velo, scomparendo. Anche nel film il corpo scompare, ma Sirius era già morto in quanto colpito dall'Anatema che Uccide, precisazione non fatta nel libro (il libro parla di un secondo getto luminoso che lo colpisce al petto). Su questa stanza circolano molte voci, come quella che il velo nell'arco sia in realtà un Lethifold, o che questa camera, in passato, venisse usata per le esecuzioni;
  • la Stanza dell'Amore, chiamata anche la Stanza Sempre-Chiusa (Love Chamber a.k.a. Ever-Locked Room):
« Nell'Ufficio Misteri c'è una stanza che viene tenuta sempre chiusa. Contiene una forza al tempo stesso più meravigliosa e più incredibile della morte, dell'intelligenza umana e della natura. È forse il più misterioso fra i molti soggetti che vengono studiati laggiù. È la forza contenuta in quella stanza che tu possiedi in grande quantità, e che Voldemort non possiede affatto. »
(Albus Silente, Harry Potter e l'Ordine della Fenice, cap. XXXVII)

In questa stanza viene studiato il segreto dell'amore. La porta per cui vi si accede è sempre chiusa, e né incantesimi semplici, né oggetti magici destinati all'apertura delle porte (come il coltello donato a Harry da Sirius) possono aprirla;

  • la Stanza dello Spazio (Space Chamber): è una stanza buia in cui galleggiano delle miniature di pianeti; certe volte anche i visitatori galleggiano. Questa stanza rappresenta lo spazio;
  • la Sala del Tempo (Time Room): questa stanza è completamente foderata di orologi di ogni tipo. In fondo alla sala troneggia una campana di vetro in cui un colibrì continua ciclicamente a uscire dall'uovo, crescere, tornare piccolo e rientrare nell'uovo. Questa campana simboleggia la ciclicità del tempo[senza fonte], e nella stanza ne si studiano i segreti. Nel quinto libro, un Mangiamorte cade facendo entrare la testa dentro la campana di vetro; a quel punto il suo capo comincia a regredire, tornando come quando era un fanciullo. Nella stanza si trovano anche tutte le Giratempo esistenti, che vengono distrutte durante la battaglia. Da una porta in questa stanza si giunge alla Stanza delle Profezie, per rimarcare il legame tra il tempo e lo studio del futuro;
  • la Stanza delle Profezie (Hall of Propercy): questa alta e immensa stanza è interamente occupata da altissimi scaffali ricoperti da bocce di vetro, le Profezie. Le Profezie sono delle registrazioni di predizioni enigmatiche fatte da un Veggente. Le uniche persone che possono toccare una Profezia sono il Custode della Stanza delle Profezie e la persona cui una Profezia si riferisce. Le sfere hanno un colore diverso se la predizione non si è avverata. Nella fila 97 si trova la Profezia pronunciata da Sibilla Cooman riguardo a Harry Potter e a Voldemort, e principale tema del quinto libro. Grazie all'inganno, Colui-Che-Non-Deve-Essere-Nominato riesce a far ritirare la Profezia ad Harry, ma sfortunatamente essa si romperà e andrà persa. Tuttavia Albus Silente era presente al pronunciamento della Profezia. Durante la battaglia molte profezie vengono distrutte.

Aula Dieci[modifica | modifica sorgente]

Il decimo livello ospita l'Aula Dieci, sede delle riunioni plenarie del Wizengamot. È l'unico livello a non essere raggiunto dagli ascensori. Per arrivare all'aula è infatti necessario raggiungere il corridoio dell'Ufficio Misteri al nono piano e scendere di un ulteriore piano a piedi.

Il Ministro della Magia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cronologia di Harry Potter.

Il Ministro della Magia è la massima autorità governativa del mondo magico, a cui spetta la gestione e il controllo del Ministero, oltre ad altri incarichi di rilevanza, fra cui la nomina al Wizengamot. Alla conclusione dell'ultimo libro, il Ministro in carica è Kingsley Shacklebolt.

Personale del Ministero[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Ministero della magia" in Enciclopedia Harry Potter
Harry Potter Portale Harry Potter: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Harry Potter