Presidenza di George W. Bush

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
INCARICO NOME MANDATO
Presidente George W. Bush 2001-2009
Vice Presidente Dick Cheney 2001-2009
Segretario di Stato Colin Powell 2001-2005
Condoleezza Rice 2005-2009
Difesa Donald Rumsfeld 2001-2006
Robert Gates 2006-2009
Tesoro Paul H. O'Neill 2001-2002
John W. Snow 2002-2006
Henry Paulson 2006-2009
Giustizia John D. Ashcroft 2001-2005
Alberto R. Gonzales 2005-2007
Michael Mukasey 2007-2009
Interni Gale A. Norton 2001-2006
Dirk Kempthorne 2006-2009
Agricoltura Ann M. Veneman 2001-2005
Mike Johanns 2005-2007
Ed Schafer 2008-2009
Commercio Donald L. Evans 2001-2005
Carlos M. Gutierrez 2005-2009
Lavoro Elaine L. Chao 2001-2009
Salute Tommy G. Thompson 2001-2005
Mike Leavitt 2005-2009
Infrastrutture Melquiades R. Martinez 2001-2003
Alphonso R. Jackson 2003-2008
Steve Preston 2008-2009
Trasporti Norman Y. Mineta 2001-2006
Mary Peters 2006-2009
Energia E. Spencer Abraham 2001-2005
Samuel W. Bodman 2005-2009
Educazione Roderick R. Paige 2001-2005
Margaret Spellings 2005-2009
Affari dei Veterani Anthony J. Principi 2001-2005
James Nicholson 2005-2007
James Peake 2007-2009
Sicurezza Interna Thomas J. Ridge 2003-2005
Michael Chertoff 2005-2009
Capo di Gabinetto Andrew Card 2001-2006
Joshua Bolten 2006-2009
Bush si incontra con il suo Gabinetto. (2001)

Il gabinetto ministeriale di George W. Bush ha avuto il più grande numero di minoranze etniche di tutti i gabinetti federali fino ad allora presenti nei governi degli Stati Uniti e comprendeva i primi due segretari di gabinetto di origine asiatica. Secondo il Guinness dei primati, è stato il più opulento gabinetto di tutti i tempi. Il Ministro dei Trasporti Norman Mineta, il primo segretario di gabinetto asiatico-americano, è stato in precedenza Ministro del Commercio sotto Bill Clinton; egli è stato l'unico democratico nel gabinetto Bush.

Il governo comprendeva figure molto in vista nelle passate amministrazioni repubblicane, in particolare Colin Powell che era Consigliere per la Sicurezza nazionale sotto Ronald Reagan e Capo di Stato maggiore dell'esercito sotto George H. W. Bush, e il Ministro della Difesa Donald Rumsfeld, che ha avuto lo stesso incarico sotto Gerald Ford.

Altri consiglieri e funzionari dell'ufficio del Presidente[modifica | modifica sorgente]

Tra le nomine più criticate troviamo quelle di John Negroponte, Elliott Abrams, Otto Reich e John Poindexter per i loro ruoli nello scandalo "Iran Contra Connection" e per le accuse di aver occultato gli abusi ai diritti umani in America centrale e meridionale. In più alcune nomine sono state sospettate di nepotismo, inclusa quella di Michael Powell (figlio del segretario di Stato Colin Powell) come presidente della FCC, il ventottenne J. Strom Thurmond Jr (figlio del senatore Strom Thurmond) come procuratore della Carolina del Sud, Eugene Scalia (figlio di Antonin Scalia della Suprema Corte di Giustizia) come procuratore del dipartimento del lavoro, Janet Rehnquist (figlia del capo della Suprema Corte di Giustizia William Rehnquist) come ispettore generale del Dipartimento della Salute e Servizi Umani (in seguito licenziata per vicende relative tra l'altro ad armi da fuoco), e Elizabeth Cheney (figlia del vicepresidente Dick Cheney) alla nuova posizione di vice assistente Segretario di Stato per gli affari del Vicino Oriente.