Politica in Harry Potter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sono state pubblicate varie teorie interpretative sui romanzi di Harry Potter e i messaggi politici qui[non chiaro] rappresentati, che spaziano dal razzismo ai sentimenti antinazionali.

L'argomento politica in Harry Potter è oggetto di numerosi studi e tesi di laurea; in accordo con Inside Higher Ed (il catalogo della biblioteca del Congresso, che ha in archivio 21 volumi dedicati a critiche e studi approfonditi dell'universo potteriano) almeno 17 tesi di dottorato e 7 di master sono state dedicate all'argomento,[1] e in alcune università si è arrivati ad un corso separato in scienze politiche dedicato al tema.[2][3]

La rivista TIME, nel numero annuale de la persona dell'anno ha posizionato - per temi politici e sociali - la Rowling al terzo posto, dopo Vladimir Putin e Al Gore.[4] Altri hanno paragonato il potenziale della saga al libro La capanna dello zio Tom di Harriet Beecher Stowe, dal quale nel XIX secolo scaturì la maturazione del movimento abolizionista.[5]

Il Wall Street Journal[6] ha comparato il personaggio Cornelius Caramell al famoso politico Neville Chamberlain (notizia successivamente confermata dalla stessa Rowling),[7] poiché entrambi erano desiderosi di aiutare il prossimo al fine di evitare una guerra, e Albus Silente a Winston Churchill.

Razzismo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Purezza di sangue in Harry Potter.
Grafico risalente all'era nazista. È descritta la purezza di sangue (in ordine) dei tedeschi, dei meticci di 2º e 1º grado e degli ebrei. L'analogia nei testi di Harry Potter si riscontra nei: babbani, mezzosangue e purosangue.

Molti analisti hanno trovato e criticato i messaggi razzisti esposti in Harry Potter.[8][9][10] Christopher Hitchens del The New York Times ha fatto riferimento alla cicatrice sulla fronte fatta da Voldemort a Harry Potter durante la maledizione, facendo notare che la sua forma a saetta sia identica al simbolo del partito fascista inglese di Sir Oswald Mosley.[11]

J. K. Rowling è stata intervistata circa l'importanza della purezza di sangue all'interno dei suoi libri. In un'intervista del 2000 ha detto:

« Dall'inizio del primo libro, il pregiudizio è un tema cruciale. [...] Harry scopre che è un Mezzosangue ed è uno shock per lui: per un mago come Lucius Malfoy, non sarà mai un mago vero, dato che la madre era di famiglia Babbana. È un tema molto importante.[12] »

Le similitudini con l'ideologia nazista sono state confermate dalla Rowling, che si è ispirata ad Adolf Hitler per la creazione di Lord Voldemort e del suo pensiero estremista di purezza razziale, in questo caso di sangue.[13][14]

Parlando delle metafore sulla pulizia etnica presentate lungo la serie, la Rowling ha detto che si tratta di normali metafore politiche, ma di non pensare di aver creato l'impero nazista nel mondo magico. Poiché analizzando meglio i romanzi, si può dedurre che oltre alle maggiori sfumature sulla Germania nazista si possono riscontrare collegamenti ad altre situazioni politiche.[15]

Risposte della Rowling[modifica | modifica sorgente]

Parlando delle varie critiche ricevute per la saga, dei temi seminazisti, e del ruolo della politica in Harry Potter, Joanne Rowling ha dichiarato che:[16]

(EN)
« I wanted Harry to leave our world and find exactly the same problems in the wizarding world.

So you have the intent to impose a hierarchy, you have bigotry, and this notion of purity, which is this great fallacy, but it crops up all over the world. People like to think themselves superior and that if they can pride themselves in nothing else they can pride themselves on perceived purity. So yeah that follows a parallel [to Nazism]. It wasn't really exclusively that. I think you can see in the Ministry even before it's taken over, there are parallels to regimes we all know and love. »

(IT)
« Ho voluto che Harry lasciasse il nostro mondo e trovasse gli stessi problemi di questo nel mondo magico.

Quindi voi trovate l'intenzione di imporre una gerarchia, trovate il fanatismo, e questo concetto di purezza razziale, che è un grande errore ma è presente in ogni parte del mondo. Alle persone piace pensare di essere superiori, e il loro orgoglio al riguardo non può fare altro che aumentare la percezione di purezza. Si segue una strada parallela [al nazismo]. Ma non solo a questo. Si può notare che all'interno del Ministero della Magia, anche prima che fosse ripreso, ci siano dei paralleli a regimi che tutti noi conosciamo e amiamo. »

La scrittrice ha anche ribadito che non si deve presumere che le istituzioni dominanti e i giornalisti dicano la verità.[16][17]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scott McLemee Pottering Around Inside Higher Ed, 18 luglio 2007
  2. ^ (EN) Harry casts a spell on students, Edinburgh News, 2 aprile 2007. URL consultato il 20 agosto 2013.
  3. ^ (EN) Samantha Fields, Babson professor makes Harry P. an academic star, Wicked Local, 9 agosto 2007. URL consultato il 20 agosto 2013.
  4. ^ (EN) Nancy Gibbs, Person of the Year 2007. Runners-up. J.K. Rowling, TIME, 19 dicembre 2007. URL consultato il 20 agosto 2013.
  5. ^ (EN) John Rose, Readers Of the World, Unite, Metro Santa Cruz, 23 maggio 2007. URL consultato il 20 agosto 2013.
  6. ^ (EN) Jonathan V. Last, History According to Harry, The Wall Street Journal, 15 luglio 2005. URL consultato il 20 agosto 2013.
  7. ^ (EN) J.K. Rowling Discusses Inspiration for Minister of Magic and More in New Interview, The Leaky Cauldron, 4 febbraio 2008. URL consultato il 20 agosto 2013.
  8. ^ (EN) Dana Goldstein, Harry Potter and the Complicated Identity Politics, The American Prospect, 24 luglio 2007. URL consultato il 20 agosto 2013.
  9. ^ (EN) Hillary Nelson, Rowling's message is pro-bravery, pro-freedom, Concord Monitor, 29 luglio 2007. URL consultato il 20 agosto 2013 (archiviato il 25 maggio 2012).
  10. ^ Teresa Albano, A summer of reading, struggle and Harry in People's Weekly World, 2007. URL consultato l'8 agosto 2007.
  11. ^ (EN) Christopher Hitchens, The Boy Who Lived, The New York Times, 12 agosto 2007. URL consultato il 20 agosto 2013.
  12. ^ Intervista a J. K. Rowling
  13. ^ Dalla FAQ ufficiale di J. K. Rowling
  14. ^ (EN) New Interview with J.K. Rowling for Release of Dutch Edition of "Deathly Hallows", The Leaky Cauldron, 19 novembre 2007. URL consultato il 20 agosto 2013.
  15. ^ (EN) Meredith Vieira, Harry Potter: The final chapter, NBC News, 30 luglio 2007. URL consultato il 20 agosto 2013.
  16. ^ a b (EN) J.K. Rowling at Carnegie Hall Reveals Dumbledore is Gay; Neville Marries Hannah Abbott, and Much More, The Leaky Cauldron, 20 ottobre 2007. URL consultato il 20 agosto 2013.
  17. ^ (EN) Tina Jordan, J.K. Rowling outs Dumbledore!, Entertainment Weekly, 20 ottobre 2007. URL consultato il 20 agosto 2013.
Harry Potter Portale Harry Potter: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Harry Potter