Ginny Weasley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ginevra Molly Weasley
Ginny Weasley (Bonnie Wright) nel sesto film
Ginny Weasley (Bonnie Wright) nel sesto film
Universo Harry Potter
Soprannome Ginny
Autore J. K. Rowling
1ª app. in Harry Potter e la pietra filosofale
Ultima app. in Harry Potter e i Doni della Morte
Interpretata da Bonnie Wright
Voce italiana Erica Necci
Sesso Femmina
Data di nascita 11 agosto 1981
Professione studente
Affiliazione
Parenti

Ginevra Molly Weasley Potter è un personaggio immaginario della serie letteraria Harry Potter, scritta dalla scrittrice britannica J. K. Rowling.

Sin dal loro primo incontro, Ginny si innamora di Harry, anche se solo nel sesto libro, divenuta un'affascinante ragazza risoluta e matura, riuscirà finalmente ad attirare l'attenzione del protagonista. La relazione di Ginny e Harry sfocerà nel matrimonio, come raccontato nell'epilogo dell'ultimo volume della saga. Negli adattamenti cinematografici il personaggio di Ginny è interpretato dall'attrice inglese Bonnie Wright.

Carattere e natura[modifica | modifica sorgente]

Ginny inizialmente si presenta come una ragazzina timida e impacciata. Fin dalla primissima visita di Harry alla Tana, la ragazzina si invaghisce di quest'ultimo, non venendo mai presa realmente in considerazione sino al sesto volume della saga.

Tra i suoi difetti, troviamo l'impulsività e un eccessivo coraggio (che può essere inteso come ribellione). Infatti spesso si rifiuta di ascoltare la madre, come quando, nel settimo libro, combatterà contro Bellatrix Lestrange, rischiando di venire uccisa. La Rowling ha detto che è una ragazza molto popolare, come Lily, e che ha fegato; inoltre ha anche dichiarato che secondo lei è la persona adatta per Harry, perché sotto certi aspetti lui è un uomo vissuto e lei gli sa stare accanto. Un particolare interessante del lato caratteriale di Ginny è che piange molto di rado e sa perfettamente difendersi dal fratello Ron, che tenta di continuo di intromettersi nella sua vita sentimentale, e dal comportamento altezzoso e irritante di sua cognata Fleur, da lei soprannominata Flebo (Flora batterica nella nuova traduzione).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ginevra Ginny Weasley è nata l'11 agosto del 1981, ed è la settima figlia di Arthur Weasley e Molly Prewett Weasley, nonché unica donna nata nella famiglia Weasley da generazioni. È la migliore amica di Hermione Granger e Luna Lovegood, ma è anche molto amica di Neville Paciock. Fisicamente viene descritta come una bella ragazza, di piccola statura, con occhi marroni, il volto spruzzato di lentiggini e una folta zazzera di danzanti capelli di un rosso fiamma. Ginny frequenta la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, e viene smistata nella valorosa casa di Grifondoro. Al suo smistamento non assistono né suo fratello Ron, né Harry, poiché, dopo aver perso l'Espresso per Hogwarts, arrivano a scuola in ritardo sulla Ford Anglia stregata di Arthur. Nel quinto film il Patronus di Ginny ha le sembianze di un cavallo.

Harry Potter e la pietra filosofale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Harry Potter e la pietra filosofale.

Nel primo volume della saga, Ginny appare molto di rado e brevemente. Accompagna i fratelli e la madre all'Espresso e dimostra una voglia prematura di andare a Hogwarts, che ancora non può frequentare perché troppo piccola. Quando poi viene a conoscenza che Harry Potter è sul treno, prega la madre di salire per vederlo. La signora Weasley glielo impedisce e aggiunge che Harry non è un animale dello zoo. Ginny è la prima persona che Harry vede al ritorno da Hogwarts.

Harry Potter e la camera dei segreti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Harry Potter e la camera dei segreti.
« Al terzo piano c'era una porta socchiusa: Harry fece in tempo a vedere un paio di occhi scuri e luminosi che lo guardavano fisso prima che la porta si chiudesse con uno scatto. <<È Ginny>>, disse Ron. <<È strano che sia così timida. Di solito non sta mai zitta>> »
(J. K. Rowling, Harry Potter e la camera dei segreti)

In questo secondo volume della saga, il personaggio di Ginny ricopre un ruolo assolutamente fondamentale all'interno della trama. Durante l'estate, Ginny si reca assieme alla sua famiglia, più Harry e Hermione, a Diagon Alley per acquistare tutto ciò che le occorre per affrontare il suo primissimo anno scolastico a Hogwarts. All'interno della prestigiosa libreria Il Ghirigoro, Ginny difende Harry dal perfido Draco Malfoy che, infastidito dalle particolari attenzioni che il famoso Gilderoy Allock ha dato ad Harry, accusa Harry di non poter entrare neanche in una semplice libreria senza fare notizia. Ginny intima a Draco di lasciarlo in pace, difendendolo.

Ed è proprio all'interno della libreria Il Ghirigoro che Ginny entrerà in contatto con il diario appartenuto a Tom Orvoloson Riddle (Tom Marvolo Riddle nell'edizione inglese), cioè il giovane che in futuro diventò Voldemort. Alla fine del libro Ginny rischierà la vita ma Harry la salverà, sconfiggendo così per la terza volta Voldemort. In questo libro si intende che Ginny è segretamente attratta da Harry; e di fatti è memorabile il magico San Valentino musicale che Ginny dedica ad Harry nella festa organizzata da Gilderoy Allock:

« Occhi verdi e lucenti di rospo in salamoia,

capelli neri e lucidi come di corvo in volo,

vorrei che fosse mio, quale divina gioia!

L'eroe che ha sgominato del Mago Oscuro il dolo. »

(J. K. Rowling, Harry Potter e la camera dei segreti)

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Harry Potter e il prigioniero di Azkaban.
« Ginny, che aveva da sempre una grande passione per Harry, fu ancora più imbarazzata del solito quando lo vide, probabilmente perché lui le aveva salvato la vita l'anno prima a Hogwarts.

Diventò tutta rossa e mormorò ciao senza guardarlo »

(J. K. Rowling, Harry Potter e il prigioniero di Azkaban)

In questo terzo volume della saga, il personaggio di Ginny comparirà molto di rado, ricoprendo un ruolo decisamente marginale all'interno della trama. Durante l'estate, Ginny parte con il resto della sua famiglia (che ha vinto il primo premio alla lotteria annuale il Super Galeone d'Oro della Gazzetta del Profeta) per l'Egitto, per andare a trovare suo fratello maggiore Bill, che lavora come Spezzaincantesimi per la Gringott. Rilegato assieme alla lettera che Ron spedisce ad Harry per il suo tredicesimo compleanno, c'è un ritaglio di giornale che mostra delle foto che raffigurano l'intera famiglia Weasley di spalle alle Piramidi, in cui compare anche la ragazzina. Sempre nella lettera, Ron scrive a Harry di un bisticcio abbastanza agguerrito fra sua madre Molly e Ginny, che si ostinava a voler visitare l'ultimo sepolcro egizio che era pieno di maledizioni e scheletri mutanti.

Harry Potter e il calice di fuoco[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Harry Potter e il calice di fuoco.
« Poi sulla soglia della cucina apparvero due ragazze. Una, capelli castani molto mossi e denti davanti piuttosto grandi, era l'amica di Harry e Ron, Hermione Granger. L'altra, che era piccola e rossa di capelli, era la sorella minore di Ron, Ginny. Entrambe sorrisero a Harry, che fece un gran sorriso in risposta, cosa che fece diventare paonazza Ginny: aveva una cotta per Harry fin dalla sua prima visita alla Tana »
(J. K. Rowling, Harry Potter e il calice di fuoco, capitolo 5)

Nel quarto libro della saga, il personaggio di Ginny compare a intervalli regolari nella storia, anche se ricopre un ruolo abbastanza marginale all'interno della trama. Durante l'estate, Ginny decide di andare ad assistere alla Coppa del Mondo di Quidditch; e quando i Mangiamorte di Lord Voldemort assalgono il campeggio, suo padre Arthur la lascia in custodia a Fred e George, che riescono a condurla in salvo. Essendo ancora perdutamente invaghita di Harry, arrossisce ogni volta che il ragazzo è nelle vicinanze, lasciando intendere a quest'ultimo che i sentimenti della ragazza nei suoi confronti non sono affatto cambiati. Ginny cerca di consolare Ron dopo l'imbarazzante rifiuto da parte della bella Fleur Delacour, che suo fratello aveva invitato al Ballo Del Ceppo. Quando scopre che Harry ha invitato Cho Chang al Ballo Del Ceppo, il suo sorriso si spegne visibilmente in una smorfia di dispiacere. In seguito decide di accettare l'invito di Neville, che l'ha invitata al Ballo Del Ceppo durante il quale fa la conoscenza del bel Michael Corner (uno studente appartenente alla casa di Corvonero) con cui si fidanza verso la fine dell'anno.

Harry Potter e l'Ordine della Fenice[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Harry Potter e l'Ordine della Fenice.

In questo quinto volume della saga, il personaggio di Ginny ricopre un ruolo decisamente molto meno marginale all'interno della storia, rispetto agli scorsi volumi. Sull'Espresso per Hogwarts presenta a Harry e Neville, in cerca di uno scompartimento, la sua cara amica appartenente alla casa di Corvonero: la stravagante Luna Lovegood, considerata dai più molto strana, per via dei suoi alquanto bizzarri modi di fare, e figlia di Xenophilius Lovegood che è il direttore del settimanale Il Cavillo, descritto da Hermione come pura spazzatura. Ginny, ancora fortemente interessata a Harry, decide di seguire il consiglio di Hermione e quindi decide di lasciar perdere (almeno per un po') Harry, e di viversi la sua vita, sperando che magari essendo un po' più se stessa riesca a suscitare l'interesse del ragazzo. Inoltre, Ginny entrerà a far parte della squadra di Quidditch di Grifondoro, capitanata allora da una rigida Angelina Johnson, come Cacciatrice, ma in seguito all'espulsione di Harry, Fred e George dalla squadra per aver picchiato Malfoy (che aveva offeso Molly) sostituirà Harry come Cercatrice. Infatti è proprio Ginny a far vincere la Coppa di Quidditch a Grifondoro nell'ultima partita della stagione (avvenuta contro Corvonero) afferrando il Boccino prima di Cho Chang. Durante l'anno scolastico Ginny intrattiene una relazione amorosa con Michael Corner (con cui si era messa durante il Ballo del Ceppo dell'anno prima). In seguito entrerà a far parte del gruppo clandestino formato da Harry, Ron e Hermione, noto come Esercito di Silente (o semplicemente ES). Infine, parteciperà con il trio protagonista, Neville e Luna alla catastrofica battaglia avvenuta nell'Ufficio Misteri nel Ministero della Magia. Durante la battaglia, Luna, che voleva salvarla dalle grinfie di un Mangiamorte, le romperà una caviglia con l'incantesimo Reducto. Successivamente verrà colpita in piena faccia da uno schiantesimo e, priva di sensi, si accascerà a terra. Durante il viaggio di ritorno a Londra, dividerà lo scompartimento con Harry, Ron, Hermione e Neville, confessando al fratello di aver interrotto la relazione con Michael Corner, divenuto intrattabile dopo la sconfitta della casa di Corvonero a Quidditch, ma soltanto per iniziarne un'altra con Dean Thomas. In questo libro si scopre che il Patronus di Ginny ha le sembianze di un cavallo.

Harry Potter e il principe mezzosangue[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Harry Potter e il principe mezzosangue.

In questo sesto volume della saga, il personaggio di Ginny subisce notevoli cambiamenti caratteriali. Divenuta matura e risoluta, Ginny assume un carattere forte e temprato. Durante l'estate, la ragazza si reca a Diagon Alley con il resto della sua famiglia, Harry e Hermione per visitare i Tiri Vispi Weasley: il negozio di scherzi e altri strabilianti articoli magici che i suoi due fratelli Fred e George hanno aperto, convincendo sua madre ad acquistarle Arnold, una graziosa Puffola Pigmea. È ben nota la sua versatilità nelle arti magiche, tant'è che il professor Horace Lumacorno, dopo averla vista lanciare una Fattura Orcovolante contro un petulante Zacharias Smith sull'Espresso per Hogwarts, la reputa sufficientemente degna da farla entrare a far parte del suo club speciale: il LumaClub, esclusivamente riservato a studenti da lui ritenuti particolarmente dotati, o semplicemente imparentati con alte cariche della società magica con le quali ritiene vantaggioso poter avere dei contatti. Durante l'anno scolastico, Ginny intrattiene una relazione amorosa con Dean Thomas (con cui si era fidanzata alla fine dell'anno prima), uno studente di Grifondoro molto amico di Harry e Ron. La relazione viene comunque mal vista da suo fratello, morbosamente geloso di sua sorella, e dallo stesso Harry, segretamente innamorato di Ginny. Inoltre, entra nuovamente a far parte della squadra di Quidditch di Grifondoro, capitanata da Harry, come Cacciatrice. La relazione con Dean terminerà verso la fine dell'anno, in seguito ad un equivoco provocato dallo stesso Harry che sotto il Mantello dell'Invisibilità e la prodigiosa Felix Felicis (vinta durante una lezione di Pozioni) urta inaspettatamente Ginny, mentre, assieme a Dean, stava attraversando il buco del ritratto per accedere alla Sala Comune. Il giorno dopo Hermione, l'unica ad essersi accorta della cotta che Harry ha per Ginny, racconta a lui e Ron che comunque la rottura definitiva fra Ginny e Dean era nell'aria già da tempo. Inoltre, sostituirà nuovamente Harry (in punizione con Piton per aver ferito Malfoy con un incantesimo nel bagno dei ragazzi dove in quel momento si trovava Mirtilla Malcontenta) come Cercatrice, facendo vincere la Coppa di Quidditch alla squadra di Grifondoro nell'ultima partita della stagione (avvenuta contro Corvonero) acchiappando per la seconda volta di fila il Boccino prima di Cho Chang. Una volta terminata la punizione con Piton, Harry torna in Sala Comune, dove solitamente la squadra si lecca le ferite per la sconfitta o festeggia per la vittoria. Qui Ginny corre verso Harry per abbracciarlo e, quest'ultimo, la bacia inaspettatamente sotto gli sguardi sgomenti di Dean e Ron.

« E senza riflettere, senza averlo premeditato, senza preoccuparsi del fatto che cinquanta persone li stavano guardando, Harry la baciò »
(J. K. Rowling, Harry Potter e il principe mezzosangue, capitolo 24 pagina 485.)

Da qui ha inizio la relazione fra Ginny e Harry Potter. Infine, parteciperà, assieme ai professori McGranitt, Vitious e alcuni membri dell'Ordine della Fenice, alla prima battaglia di Hogwarts, cronologicamente avvenuta subito dopo la morte di Albus Silente. Il giorno del funerale di Silente, Harry, che sa di dover intraprendere un lungo viaggio alla ricerca degli Horcrux del Signore Oscuro, decide di troncare la sua relazione con Ginny, ma soltanto per tenerla al sicuro. Lei accetterà la sua scelta, rispettandola.

Harry Potter e i Doni della Morte[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Harry Potter e i Doni della Morte.

Nel settimo e ultimo volume della saga, Ginny ha la possibilità di reincontrarsi con il suo amato Harry la notte in cui, quest'ultimo, scortato da un numeroso gruppo di membri dell'Ordine della Fenice, arriva sano e salvo alla Tana. Ma tra i preparativi per il matrimonio di Bill e Fleur e i lavoretti domestici che sua madre Molly impone forzatamente a Harry, Ron e Hermione, Ginny ha l'occasione di stare sola con Harry soltanto il giorno del diciassettesimo compleanno di quest'ultimo. Di fatto, con la scusa di augurargli un buon compleanno, Ginny invita Harry nella sua stanza e lo bacia appassionatamente, lasciandogli intendere che quel bacio è il suo regalo di compleanno. Successivamente a Hogwarts, assieme ai suoi due amici Neville e Luna, assume il comando dell'Esercito di Silente, con il quale cerca di contrastare il più possibile i Carrow: i due fratelli Mangiamorte assunti da Severus Piton, diventato preside della scuola, per sovrintendere la disciplina. Inoltre, sempre affiancata da Neville e Luna, tenterà di trafugare la preziosa spada di Godric Grifondoro dall'ufficio di Piton. Ma i tre, colti in flagrante, verranno fermati e successivamente mandati in punizione con il guardiacaccia Hagrid. In seguito ad altre sue bravate per contrastare i Carrow, le verranno proibite tutte le uscite al villaggio di soli maghi di Hogsmeade. Dopo le consuete vacanze pasquali, Ginny non farà ritorno ad Hogwarts, ma si nasconderà con il resto della sua famiglia nella casa della sua vecchia prozia Muriel, protetta da un potente Incanto Fidelius. Successivamente parteciperà alla Battaglia di Hogwarts, dando nuovamente prova del suo immenso coraggio quando, nel culmine della battaglia, tenterà di stendere la folle Bellatrix Lestrange con l'aiuto di Luna e Hermione. Rischierà di essere uccisa da un Anatema che Uccide lanciato da Bellatrix, che la mancherà per un soffio, scatenando così l'ira di sua madre Molly che ucciderà la Mangiamorte dopo un breve duello.

[modifica | modifica sorgente]

Diciannove anni dopo Ginny è sposata con Harry Potter ed ha tre figli: James Sirius, Albus Severus e Lily Luna.

In una intervista la Rowling ha aggiunto delle informazioni sulle vite future di alcuni protagonisti: Ginny intraprende una promettente carriera di giocatrice professionista di Quidditch nella squadra Holyhead Harpies, poi però abbandona l'attività agonistica per dedicare più tempo alla famiglia e diventa giornalista sportiva per la Gazzetta del Profeta.

Parentele[modifica | modifica sorgente]

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Famiglia Black
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Septimus Weasley
 
Cedrella Black
 
Maschio Prewett
 
Ignatius Prewett
 
Lucrezia Black
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Apolline Delacour
 
Monsieur Delacour
 
Bilius Weasley
 
 
Arthur Weasley
 
Molly Prewett
 
Gideon Prewett
 
Fabian Prewett
 
Lily Evans
 
James Potter
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Gabrielle Delacour
 
 
Charles Weasley
 
 
Fred Weasley
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Fleur Delacour
 
William Weasley(Bill)
 
Percy Weasley
 
George Weasley
 
Hermione Granger
 
Ronald Weasley
 
Ginevra Weasley (Ginny)
 
Harry Potter
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Victoire Weasley
 
Dominique e Louis Weasley
 
 
 
 
 
Fred Weasley
 
Rose Weasley
 
Hugo Weasley
 
James Sirius Potter
 
Albus Severus Potter
 
Lily Luna Potter

Fidanzati[modifica | modifica sorgente]

Michael Corner[modifica | modifica sorgente]

Ginny viene subito notata da molti ragazzi, viene invitata da Neville al ballo del ceppo, ma il suo primo fidanzato è Michael Corner, uno studente di Corvonero conosciuto proprio in occasione del ballo. Dopo essere stati insieme un anno, lei lo lascerà, perché era diventato troppo musone per aver perso una partita decisiva contro i Grifondoro. Michael Corner si innamorerà in seguito di Cho Chang dopo che lei ha lasciato Harry per l'incantesimo di Hermione sui traditori dell'Esercito Di Silente alla sua amica Marietta. Grazie soprattutto a Ginny, che nel periodo in cui stavano insieme gli ha chiesto di partecipare alle riunioni, Michael Corner è diventato uno studente fidato dell'ES. Addirittura, nell'ultimo libro della saga, viene torturato dai fratelli Carrow (noti come Mangiamorte) per aver liberato uno studente in castigo dai Carrow ed è costretto insieme agli altri dell'ES a nascondersi nella stanza delle necessità. Combatterà la battaglia finale.

Dean Thomas[modifica | modifica sorgente]

Finita la sua prima relazione, ovvero alla fine del quinto libro, quindi del suo quarto anno, Ginny si metterà con Dean Thomas. Un giorno, Harry e Ron li sorprendono intenti a baciarsi, e sia Ron che Harry si dimostrano estremamente gelosi nei confronti di Ginny.

Tra loro ci sono alcune divergenze, tra cui una causata da Dean, che ride di un bolide che ha provocato una frattura cranica ad Harry, lasciando Ginny indignata. I due si lasceranno a causa di un malinteso causato da Harry, ma era già da molto tempo che avevano un po' di problemi. Nel settimo libro scapperà con Ted Tonks e Unci Unci perché sono Nati Babbani e in quei tempi il Ministero era sotto il comando di Lord Voldemort che ordinava l'incarcerazione immediata di tutti i Nati Babbani perché pensava che avessero rubato la magia ad un mago o una strega. Combatterà nella battaglia finale.

Harry Potter[modifica | modifica sorgente]

Nel sesto libro Harry si innamora di Ginny, ma la loro storia nascerà solo a metà di questo. Una delle cause, oltre al fatto che Ginny all'inizio è con un altro, è la paura da parte di Harry della reazione di Ron alla notizia. Dopo la finale di Quidditch, vinta 450 a 140 dai Grifondoro contro i Corvonero, Harry (in punizione per la lite con Draco) riceve la notizia della vittoria e, mentre entra nella Sala Comune di Grifondoro, in un momento di pura felicità bacia Ginny.

« ... senza riflettere, senza averlo premeditato, senza preoccuparsi del fatto che cinquanta persone li stavano guardando, Harry la baciò... »
(J. K. Rowling, Harry Potter e il principe mezzosangue, pg.485)

Questa relazione culminerà con il matrimonio. Harry e Ginny, avranno tre figli: James Sirius Potter, Albus Severus Potter e Lily Luna Potter.

Arnold[modifica | modifica sorgente]

Arnold è l'animaletto da compagnia di Ginny Weasley in Harry Potter e il principe mezzosangue. Ginny compra Arnold a Diagon Alley, nel negozio: "Tiri Vispi Weasley" di proprietà dei fratelli Fred e George Weasley. Arnold è una Puffola Pigmea (Pygmy Puff) fucsia. Luna Lovegood sostiene che le puffole pigmee cantino a Natale.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Harry Potter Portale Harry Potter: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Harry Potter