Harry Potter e la camera dei segreti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altre opere con lo stesso titolo, vedi Harry Potter e la camera dei segreti (disambigua).
Harry Potter e la camera dei segreti
Titolo originale Harry Potter and the Chamber of Secrets
Autore J. K. Rowling
1ª ed. originale 1998
Genere romanzo
Sottogenere fantasy
Lingua originale inglese
Protagonisti Harry Potter
Antagonisti Lord Voldemort
Serie Harry Potter
Preceduto da Harry Potter e la pietra filosofale
Seguito da Harry Potter e il prigioniero di Azkaban

Harry Potter e la camera dei segreti è un romanzo del 1998 della scrittrice britannica J. K. Rowling, il secondo di una serie di sette romanzi che ha come protagonista il giovane mago Harry Potter. Il romanzo è stato pubblicato in Italia nel 1999 da Adriano Salani Editore.

Dal romanzo è stata tratta una versione cinematografica diretta da Chris Columbus (già regista del primo film) nel 2002.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A Privet Drive, durante le vacanze estive, Harry Potter sta passando il peggior compleanno della sua vita: i suoi amici non gli hanno scritto per tutta l’estate, i Dursley non gli hanno fatto neppure gli auguri e oltretutto zio Vernon ha invitato a cena un importante cliente e sua moglie, sperando di concludere con lui un grosso affare, e così ha ordinato a Harry di starsene in camera sua in silenzio. Ma i guai sono appena iniziati: infatti Harry, salito nella sua camera, vi trova un elfo domestico di nome Dobby, che afferma di essere venuto per avvertirlo che non deve tornare a Hogwarts, perché c'è un complotto e qualcuno attenterà alla sua vita. L’elfo si lascia anche sfuggire che in realtà è stato lui ad intercettare e nascondere le lettere degli amici di Harry, in modo da fargli credere che si fossero dimenticati di lui, sperando che così non avrebbe più avuto voglia di ritornare ad Hogwarts. Ma Harry, molto arrabbiato, non ha nessuna intenzione di non tornare a quella che ormai considera la sua vera casa, e così quando si rifiuta di promettere di non tornare ad Hogwarts, Dobby esegue una magia in casa Dursley, facendo spiaccicare a terra una torta preparata per gli ospiti, e poi scompare. Il gesto di Dobby ha delle conseguenze immediate: un gufo (mezzo normale per il recapito della posta dei maghi) irrompe nel salotto dei Dursley portando a Harry una lettera ufficiale del Ministero della Magia nella quale gli viene ricordato il divieto per i maghi minorenni di effettuare magie al di fuori della scuola e lo si avverte che se farà ancora una magia fuori dalla scuola verrà espulso. Il cliente di zio Vernon e la moglie, spaventati ed offesi, se ne vanno e così l’affare salta. Approfittando della scoperta che Harry non può fare magie fuori dalla scuola, zio Vernon gli dice che non gli permetterà mai più di tornare ad Hogwarts e lo rinchiude nella sua stanza, bloccando la finestra con delle inferriate.

Fortunatamente una notte i giovani Weasley arrivano davanti alla finestra di Harry a bordo di una vecchia Ford Anglia volante, lo liberano scardinando le sbarre e lo portano a casa Weasley (detta la Tana), dove il giovane Harry viene accolto come un figlio dai genitori dell'amico Ron. Il primo settembre, tentando di raggiungere il binario 9 ¾ per prendere l'Espresso per Hogwarts, Harry e Ron stranamente non riescono ad attraversare la barriera magica tra i binari nove e dieci e vanno a sbattere. Perso il treno, decidono di raggiungere Hogwarts con la vecchia auto volante, ma vengono visti da sei o sette Babbani, rischiando così di rivelare il mondo dei maghi ai Babbani, cosa vietatissima. Arrivati ad Hogwarts trovano ad attenderli il Professor Piton che a causa dell’accaduto ha tutte le intenzioni di farli espellere; tuttavia il Professor Silente e la Professoressa McGranitt, sebbene molto contrariati, decidono di limitarsi a punirli. Così, i ragazzi iniziano il secondo anno. A sostituire il defunto Professor Raptor nell’insegnamento di Difesa contro le Arti Oscure c’è il Professor Gilderoy Allock, un uomo vanesio e narcisista, che continua a parlare di sé e a vantarsi delle proprie eroiche imprese, da lui narrate nei suoi numerosi libri; nondimeno, si dimostra alquanto mediocre come mago quando deve dare delle dimostrazioni pratiche.

Ben presto ad Hogwarts iniziano a verificarsi fatti inquietanti. Una sera Harry, mentre si trova con Hermione e Ron, sente una strana e perfida voce che gli altri due non riescono a udire, e quando la segue per cercarne la provenienza, i tre amici trovano Mrs Purr, la gatta del custode Argus Gazza, appesa ad una torcia e pietrificata. Vicino a lei, sul muro, c’è la scritta “La camera dei segreti è stata aperta, temete, nemici dell’erede”. Tutti sono sconvolti e naturalmente gli studenti cercano di scoprire che cos’è la Camera dei Segreti. Su richiesta di Hermione, il Professor Rüf accetta di parlarne. Tutto ebbe inizio circa 1000 anni prima, quando la scuola di Hogwarts venne fondata dai quattro maghi più potenti dell’epoca: Godric Grifondoro, Salazar Serpeverde, Tosca Tassorosso e Priscilla Corvonero. All’inizio i quattro vivevano in armonia, ma poi nacquero dei gravi contrasti con Salazar Serpeverde, che non voleva ammettere ad Hogwarts i figli di Babbani, ritenendoli inferiori. Alla fine Salazar lasciò la scuola, ma prima di andarsene costruì la Camera dei Segreti, una stanza che sarebbe potuta essere aperta solo dal suo vero erede, e al cui interno si celava un terribile mostro che avrebbe epurato Hogwarts dai mezzosangue. Così, tutti iniziano a chiedersi chi possa essere l’erede di Serpeverde; Harry, Ron e Hermione sospettano di Malfoy, e decidono di usare la pozione polisucco (che consente di assumere momentaneamente l’aspetto di un’altra persona) per estorcergli informazioni. Tale pozione è però di lunga e difficile preparazione, e quindi per terminarla occorrerà almeno un mese. Nel frattempo ricominciano le partite di Quidditch, e durante la prima Harry viene ferito da un bolide che qualcuno aveva incantato contro di lui. Costretto a passare una notte in infermeria, Harry riceve un’altra visita di Dobby, che ammette di essere stato lui a stregare il bolide e anche a bloccare il passaggio per il binario 9 ¾, ma giura di averlo fatto solo per allontanarlo da Hogwarts in modo da salvargli la vita; lo supplica quindi di tornare dai Dursley, ma Harry si rifiuta. Quella stessa notte accade un altro grave fatto: uno studente del primo anno, Colin Canon, viene trovato pietrificato. Tutta la scuola è in fermento, e i professori sono molto preoccupati, pertanto Allock decide di fondare il club dei duellanti per insegnare agli studenti a difendersi. Durante il primo incontro Malfoy fa apparire un serpente che sembra voler attaccare Justin Finch-Fletchley, così Harry, per impedirglielo, senza rendersene conto gli parla in serpentese. Tutti rimangono sbalorditi nell’apprendere che Harry è Rettilofono, poiché questa rara abilità era appartenuta anche a Salazar Serpeverde ed è considerata segno di magia oscura: molti studenti si convincono che sia proprio lui l’erede e iniziano ad evitarlo. Persino Harry comincia a dubitare di se stesso, chiedendosi perché possieda certe insolite capacità, e ripensando al fatto che il cappello parlante voleva inizialmente metterlo tra i Serpeverde, si tormenta domandandosi se possa esserci in lui una parte oscura. La situazione peggiora ulteriormente quando Justin Finch–Fletchley e persino il fantasma Nick-Quasi-Senza-Testa vengono trovati pietrificati.

Finalmente, durante le vacanze di Natale, Hermione finisce di preparare la pozione polisucco, pertanto Harry e Ron assumono le sembianze di Goyle e Tiger per tentare di sapere qualcosa da Malfoy. Tuttavia, contrariamente a quanto credevano, neppure lui ha idea di chi sia l’erede di Serpeverde. I due ragazzi comunque riescono a sapere da Malfoy che il padre gli ha rivelato che 50 anni prima la Camera dei Segreti era stata aperta, ed era morta una studentessa. Qualche giorno dopo, Harry e Ron trovano un diario che risale proprio a quella data, appartenuto a Tom Orvoloson Riddle, uno studente di Hogwarts. Sul diario non si trova scritto alcunché, ma Harry scopre che attraverso di esso è possibile comunicare con Riddle, il quale accetta di mostrargli degli eventi accaduti 50 anni prima. Catapultato nel passato al quale assiste come un invisibile spettatore, Harry scopre che l’allora tredicenne Hagrid (su denuncia dello stesso Riddle, a quel tempo prefetto di Serpeverde), era stato accusato di aver aperto la Camera dei Segreti e fatto uscire il mostro che vi era rinchiuso, il quale aveva ucciso una studentessa. Si ritenne che il mostro fosse un'acromantula allora neonata di nome Aragog, trovata effettivamente in possesso di Hagrid, che permise all’animale di scappare nella Foresta Proibita prima di venir catturato. Harry si rende conto che è questo il motivo per cui Hagrid era stato espulso da Hogwarts, con il divieto di praticare la magia.

Pochi giorni dopo ad Hogwarts si verifica l’ennesima aggressione: il prefetto di Corvonero Penelope Light e la stessa Hermione vengono trovate pietrificate, mentre il diario di Riddle viene rubato dalla camera di Harry. Così, Harry e Ron decidono che è giunto il momento di andare a parlare con Hagrid e chiedergli spiegazioni su ciò che era realmente accaduto in passato, ma prima che possano farlo egli viene arrestato dal Ministro della Magia Cornelius Caramell e condotto ad Azkaban, con l’accusa di aver nuovamente aperto la Camera dei Segreti. Inoltre il Professor Silente, su pressione di Lucius Malfoy, viene allontanato da Hogwarts con il pretesto di non essere stato in grado di porre fine agli attentati. Prima di venir portato via, Hagrid riesce a lasciare a Harry e Ron un misterioso indizio, ovvero di “seguire i ragni”. Non sapendo cos’altro fare, Harry e un terrorizzato Ron seguono i ragni fin dentro la Foresta Proibita, dove incontrano il gigantesco e vecchio Aragog, circondato dalla sua numerosa prole. I ragazzi riescono a sapere da Aragog che in realtà non era lui il mostro uscito dalla Camera dei Segreti responsabile dell'omicidio, ma rischiano anche di venir divorati dai voraci ragni, e solo con il provvidenziale arrivo dell’auto incantata riescono a mettersi in salvo. Tornati al castello, i due amici scoprono, da un biglietto scritto da Hermione, che la ragazza aveva risolto il dilemma prima di venir aggredita: il mostro è un Basilisco, che solo Harry poteva sentire nei muri perché Rettilofono. Il Basilisco, capace di vivere per secoli, era stato messo nella Camera dei Segreti dal defunto Salazar Serpeverde un millennio prima. Per una fortunata serie di coincidenze, il mostro non è riuscito ad uccidere con il suo sguardo, ma solo a pietrificare col suo sguardo riflesso. Inoltre Harry, ripensando al racconto di Aragog, capisce che la ragazza uccisa 50 anni prima è in realtà Mirtilla Malcontenta, il fantasma che infesta uno dei bagni delle ragazze, che guardò il Basilisco direttamente negli occhi.

Purtroppo accade un altro grave fatto: Ginny Weasley, sorella minore di Ron, scompare, e sul muro viene trovata una scritta che dice che il suo cadavere giacerà per sempre nella Camera. Harry e Ron naturalmente sono sconvolti, e decidono di andare a cercare il Professor Allock per offrirgli il loro aiuto, visto che ha dichiarato di voler affrontare il mostro. Quando lo raggiungono nella sua stanza, però, lo trovano in procinto di fuggire. Messo alle strette, il professore è costretto ad ammettere la verità: egli è un millantatore, non ha compiuto nessuna delle eroiche gesta di cui si vanta, è abile solo negli incantesimi di memoria, che ha lanciato sui maghi e sulle streghe che erano i veri artefici delle imprese, in modo da potersene attribuire il merito senza il rischio di essere scoperto. Harry e Ron, furibondi, lo disarmano e lo costringono a scendere con loro nella Camera dei Segreti, la cui entrata si trova nel bagno di Mirtilla Malcontenta e che Harry riesce ad aprire parlando in serpentese. Una volta entrati nella Camera, però, Allock riesce ad impossessarsi della bacchetta di Ron e tenta di lanciare sui ragazzi un incantesimo di memoria, ma visto che la bacchetta è rotta, l’incantesimo gli si ritorce contro, facendogli perdere la memoria per sempre. La bacchetta rotta provoca anche un’esplosione che fa crollare una parete, separando Allock e Ron da Harry, che è così costretto a proseguire da solo. Inoltratosi nella Camera, Harry trova Ginny riversa a terra ed incosciente, e accanto a lei il fantasma-ricordo del giovane Tom Riddle, uscito dal diario. A questo punto il mistero viene finalmente svelato: Tom Orvoloson Riddle è in realtà il vero nome di Lord Voldemort, che lo aveva cambiato perché non sopportava di portare lo stesso nome di suo padre, un babbano. È lui l'erede di Salazar Serpeverde, era stato lui ad aprire la Camera 50 anni prima, e l’aveva di nuovo aperta agendo tramite Ginny. La ragazzina, infatti, aveva trovato il diario prima di Harry e attraverso di esso Riddle si era impossessato di lei, obbligandola ad eseguire i suoi ordini senza che se ne rendesse conto, e assorbendo la sua energia per tornare in vita. Ad un certo punto però Ginny aveva capito che c’era qualcosa di malvagio nel diario e aveva tentato di disfarsene, ed era stato allora che Harry l’aveva trovato. Quando la ragazzina si era accorta che ce l’aveva lui, spaventata dalle possibili conseguenze glielo aveva ripreso, e allora Riddle l’aveva costretta a raggiungerlo nella Camera dei Segreti, lasciando un messaggio per attirarvi Harry. Ginny sta per morire, mentre Riddle sta per tornare al potere in forma di Voldemort, ed è deciso a uccidere Harry, quindi lo fa attaccare dal Basilisco. Quando tutto sembra ormai perduto, arriva in aiuto Fanny, la Fenice (immortale, diversa dagli esseri viventi) del professor Silente, che, con il potente becco, acceca il Basilisco e porta ad Harry la Spada di Grifondoro, con la quale Harry, in un'estenuante battaglia contro il mostro, riesce ad ucciderlo. Poiché un dente del mostro gli si è conficcato nel braccio Harry rischia di morire, ma Fanny piange sulla ferita e le sue lacrime curative tolgono subito tutto il veleno. Usando il dente velenoso del mostro, Harry distrugge il diario, provocando anche l’annientamento del fantasma-ricordo di Riddle, salvando Ginny appena in tempo e non facendo tornare Voldemort al potere.

Nell'ufficio del preside, Harry viene a sapere da Silente (che è ritornato al suo posto) che la notte in cui Voldemort tentò di ucciderlo e grazie alla protezione di sua madre non ci riuscì, gli passò comunque ed involontariamente alcune delle sue capacità, come parlare il Serpentese. Ma non c'è dubbio che Harry sia un vero Grifondoro, poiché solo uno studente smistato nell'omonima casa riesce ad usare l'omonima spada. Inoltre, Harry intuisce che è stato Lucius Malfoy a far trovare il diario a Ginny, lasciandolo scivolare nel suo calderone a Diagon Alley, poiché era un ex-alleato di Voldemort; scopre inoltre che Dobby è l'elfo domestico di casa Malfoy e, grazie ad uno stratagemma, lo libera, facendo anche licenziare Malfoy come amministratore scolastico, mentre Allock rimarrà per sempre in ospedale.

Il libro si conclude con una grande festa di fine anno, alla quale partecipano anche tutti quelli che erano stati pietrificati, e che grazie alla Pozione depietrificante della Professoressa Sprite si sono ripresi, ed arriva anche Hagrid, ormai scagionato.

Capitoli[modifica | modifica wikitesto]

  1. Il peggior compleanno (The Worst Birthday)
  2. L'avvertimento di Dobby (Dobby's Warning)
  3. La Tana (The Burrow)
  4. Alla libreria "Il Ghirigoro" (At Flourish and Blotts)
  5. Il Platano Picchiatore (The Whomping Willow)
  6. Gilderoy Allock (Gilderoy Lockhart)
  7. Mezzosangue e mezze voci (Mudbloods and Murmurs)
  8. La festa di complemorte (The Deathday Party)
  9. La scritta sul muro (The Writing on the Wall)
  10. Il bolide fellone (The Rogue Bludger)
  11. Il Club dei Duellanti (The Duelling Club)
  12. La Pozione Polisucco (The Polyjuice Potion)
  13. Il diario segretissimo (The Very Secret Diary)
  14. Cornelius Caramell (Cornelius Fudge)
  15. Aragog (Aragog)
  16. La Camera dei Segreti (The Chamber of Secrets)
  17. L'erede di Serpeverde (The Heir of Slytherin)
  18. Un premio per Dobby (Dobby's Reward)

Personaggi introdotti[modifica | modifica wikitesto]

Animali magici[modifica | modifica wikitesto]

  • Folletti della Cornovaglia, piccole creature blu amanti del caos.
  • Aragog, l'acromantula di Hagrid, è un ragno gigante che egli ha cresciuto da quando frequentava la scuola.
  • Fanny, la fenice del professor Silente, a cui è molto fedele e le cui lacrime hanno poteri curativi.
  • Basilisco, un serpente gigantesco dallo sguardo fatale. Può essere ucciso dal canto del gallo. Il Basilisco nella realtà è una grossa lucertola con quattro zampe dai piedi palmati, corre così velocemente che può dare l'impressione di camminare sull'acqua.

Luoghi introdotti[modifica | modifica wikitesto]

  • Casa Weasley, detta La Tana viene descritta come quello che una volta doveva essere un grande porcile di pietra al quale sono stati aggiunti vari piani che sembrano tenersi in piedi per magia. Ha un grande giardino che avrebbe bisogno di una sistemata, con le aiuole che pullulano di piante sconosciute da Harry e infestato dai nani. Sono presenti anche galline pasciute che razzolano liberamente. Ci viene descritta anche la cucina, regno della signora Weasley, piccola e piena di oggetti interessanti come una radio sintonizzata su canali magici ed un orologio con una sola lancetta che al posto dei numeri reca messaggi come sei in ritardo. Poi si ha una fugace descrizione della camera dei gemelli dalla quale Harry ci spiega continuano a provenire esplosioni ritenute normali e della soffitta, nella quale vive un demone,che approfitta dei momenti di silenzio per far sbattere rumorosamente le catene che porta. La camera di Ron è invece preceduta da una porta scrostata con una targa che reca il nome di Ron, mentre al suo interno è di color arancione violento perché ogni parte del muro è stata coperta da poster dei 7 giocatori della squadra preferita di Ron, i Cannoni di Chudley. È presente anche un copriletto, sempre arancione, con due grandi C ricamate ed una palla di cannone che formano lo stemma della squadra.
  • Ufficio per l'Uso Improprio dei Manufatti dei Babbani, dove lavora il signor Weasley. Ha il compito di individuare quei manufatti babbani che sono stati modificati dai maghi e che potrebbero essere pericolosi per i babbani. In realtà verrà descritto solamente nel sesto libro ma viene comunque nominato da Ron che spiega che il padre lavora con un uomo anziano di nome Perkins.
  • la polvere volante, che viene usata per viaggiare attraverso la Metropolvere
  • la Metropolvere è il sistema di connessione con cui tutti i camini di famiglie magiche sono collegati.
  • La libreria Il Ghirigoro, dove si acquistano i libri di scuola. Qui Harry e gli altri conoscono il futuro insegnante di Difesa contro le arti oscure, Gilderoy Allock. Inoltre è il luogo in cui si accenderà una rissa tra Arthur Weasley e Lucius Malfoy.
  • Camera dei Segreti, la camera segreta costruita da Salazar Serpeverde. Si trova nei sotterranei della scuola e per accedervi si deve passare dal bagno delle ragazze in cui vive Mirtilla Malcontenta. Dopo essere scivolati lungo il passaggio ci si trova nelle fogne dove è nascosto un grande luogo con la statua di Salazar Serpeverde al centro. È il luogo in cui viene portata Ginny Weasley e in cui Harry sconfigge il Basilisco.
  • Azkaban, la prigione dei maghi.
  • Notturn Alley, il quartiere magico confinante a Diagon Alley, luogo dei negozi di magia nera. Harry finisce nel negozio di Magie Sinister dopo l'incidente con la Polvere Volante. È il più grande della zona e qui il ragazzo assiste alla vendita di alcuni prodotti da parte di Lucius Malfoy e del figlio Draco Malfoy al proprietario, Sinister. Al suo interno troviamo un pavimento di pietra freddo e molte vetrinette con all'interno vari oggetti che ci vengono descritti: la mano della gloria, una mano che, una volta inserita una candela accesa, è in grado di far luce solo a chi la tiene in mano; una corda da impiccagione; una collana con un cartellino che avvisa che essa è maledetta e che fino a quel momento è costata la vita a 19 babbani. Inoltre è presente un grande armadio nero nel quale Harry si nasconde durante la contrattazione.

Il primo Horcrux[modifica | modifica wikitesto]

In questo libro compare il diario di Tom Riddle, il primo Horcrux apparso nella saga; nessuno dei personaggi, tranne ovviamente Silente, sa ancora cosa sia un Horcrux, termine che verrà introdotto solo dal sesto libro. Harry, sapendo che Voldemort adolescente apparteneva al diario, riesce a distruggere l'oggetto usando la zanna del basilisco, e solo molto tempo dopo scoprirà di esser stato fortunato ad usarla, dato che gli Horcrux non possono essere distrutti da armi o incantesimi convenzionali.

Traduzione in italiano[modifica | modifica wikitesto]

  • Mezzosangue è il termine che nella traduzione italiana riassume due termini diversi della versione inglese: mudblood (sangue sporco, infangato) indica esclusivamente i maghi figli di babbani, è un termine dispregiativo, mentre il suo corrispettivo politicamente corretto è "muggle-born wizard" (mago figlio di babbani); halfblood (mezzosangue) è invece un termine neutro che indica chi ha almeno un genitore o nonno babbano. Nella nuova edizione "mudblood" viene tradotto come "sanguemarcio".
  • Il vero nome di Lord Voldemort è Tom Marvolo Riddle: Riddle ha coniato il nome con cui verrà poi conosciuto da tutti anagrammando le lettere del suo nome negli anni in cui era studente ad Hogwarts. Per esigenze di assonanza, nella versione italiana del romanzo il secondo nome da Marvolo diventò Orvoloson, permettendo perciò una translitterazione accettabile dell'anagramma inglese I am Lord Voldemort in Son io Lord Voldemort. Tale accorgimento verrà in futuro preso anche nel film, in quanto in tutte le parti sottotitolate in cui il vero nome di Voldemort appare, figura la versione italiana del nome e dell'anagramma (compresa la scena nella camera dei segreti in cui il ricordo di Riddle scrive il suo nome con la bacchetta).

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Sembra che la realizzazione del film sia stata già decisa verso la fine delle riprese della pellicola precedente. Tale fatto potrebbe essere la causa di vaghe ed errate voci (presenti anche su alcune copertine della Salani) secondo le quali i primi due libri sarebbero stati racchiusi in un unico film.
  • Hermione Granger dice chiaramente alla festa di Complemorte (pag. 121), che il bagno di Mirtilla Malcontenta si trova al primo piano. Davanti al bagno di Mirtilla Malcontenta è avvenuta la prima aggressione, verso Mrs. Purr. Tuttavia ci sono numerose imprecisioni del luogo in cui si trovi esattamente il bagno. Il professor Piton, nell'ufficio di Allock quando il professor Silente interroga Harry, Ron ed Hermione dice "Perché si trovavano nel corridoio del terzo piano?" (pag. 131). In seguito, quando Harry e Ron trovano il diario di Riddle, si recano alla Torre dei Grifondoro, il libro dice che salirono l'ultima rampa di scale quando davanti a loro trovarono il pavimento bagnato (però tutti i libri citano che la Torre dei Grifondoro è al settimo piano). Quindi non si sa con precisione dove si trovi il bagno.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Harry Potter Portale Harry Potter: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Harry Potter