Biblioteca Bodleiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Biblioteca Bodleiana (Bodleian Library) dell'Università di Oxford è una delle più antiche biblioteche pubbliche del mondo moderno - dopo quella Malatestiana aperta al pubblico nel 1454[1][2] e la Biblioteca dei Girolamini di Napoli, aperta al pubblico nel 1586[3]; la sua fondazione risale al 1602 (sette anni prima della Biblioteca Ambrosiana). In Inghilterra, la Bodleiana è seconda per dimensioni solo alla British Library. Presso gli studiosi è nota semplicemente come "Bod" (in inglese "Bodley" o, abbreviata "the Bod"). La Bodleian Library è una cosiddetta copyright library: significa che conserva almeno una copia di qualsiasi pubblicazione stampata in Inghilterra svolgendo la funzione che in Italia viene denominata deposito legale.

La "Radcliffe Camera" vista dalla Chiesa di St. Mary the Virgin

Storia[modifica | modifica sorgente]

Se la biblioteca nella sua forma attuale risale al 1602, già dal XIV secolo si conosce l'esistenza a Oxford di una biblioteca fondata da Thomas Cobham, vescovo di Worcester, ampliata poi negli anni tra il 1435 e il 1437 da donazioni di manoscritti ad opera di Humphrey di Lancaster, duca di Gloucester (fratello di Enrico V d'Inghilterra), e un nuovo edificio la ospitò nel 1489 (l'edificio esiste tuttora ed è noto come Duke Humfrey’s Library).

Nel XVI secolo, però, la biblioteca cominciò a decadere e il patrimonio librario si disperse. Fu solo nel 1598 che Sir Thomas Bodley prese l'iniziativa di rifondare a proprie spese la biblioteca universitaria, la cui inaugurazione avvenne l'8 novembre 1602.

Disponibilità di contenuti digitalizzati[modifica | modifica sorgente]

Nel 2009 la biblioteca Bodleiana ha raggiunto un accordo con Google per la digitalizzazione di un grande numero di opere.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Strada dei vini e dei sapori - Cesena. URL consultato il 25-08-2009.
  2. ^ Comune di Cesena - Biblioteca Malatestiana. URL consultato il 25-08-2009.
  3. ^ Biblioteca statale oratoriana del monumento nazionale dei Girolamini - Napoli

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]