Codex Laudianus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Onciale 08
Manoscritto del Nuovo Testamento

Codex Laudianus (Atti degli Apostoli 15:22-24)
Nome Laudianus
Simbolo Ea
Testo Atti degli Apostoli
Datazione 550
Scrittura diglotto latino-greco
Conservazione Biblioteca Bodleiana
Dimensione 27 x 22 cm
Tipo testuale occidentale
Categoria II
Mano elegante ma con errori
Nota contiene Atti 8,37

Codex Laudianus, designato con Ea o 08 (nella numerazione gi Gregory-Aland), α 1001 (von Soden), chiamato Laudianus dal primo proprietario, l'Arcivescovo William Laud. È un manoscritto membranaceo diglottico in greco e latino onciale (cioè maiuscolo) del Nuovo Testamento, assegnato dalla paleografia al VI secolo. Contiene gli Atti degli Apostoli.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È un manoscritto diglottico con le edizioni greche e latine in colonne parallele nella stessa pagina, col latino a sinistra. Il codex contiene 227 fogli (misure Template:×), col testo quasi completo del Libro degli Atti. Ciò che rimane è costituito da frammenti (26,29-28,26).[1]

Il testo è scritto in due colonne per pagina, 24 o più righe per pagina[2] È scritto con righe molto corte da una a tre parole ciascuna[3] È scritto con stile colometrico. È il più antico manoscritto conosciuto che contiene il testo degli Atti 8:37.[3]

Testo[modifica | modifica sorgente]

Il testo greco di questo codex mostra una mistura di tipi testuali, solitamente il tipo bizantino, ma ci sono anche il tipo testuale occidentale e anche il tipo testuale alessandrino. Contiene gli atti 8:37, come i manoscritti 323, 453, 945, 1739, 1891, 2818 e molti altri.[4]

In Atti 12:25 il testo latino del Codex legge da Gerusalemme ad Antiochia mentre la maggioranza legge εις Ιερουσαλημ (a Gerusalemme);[5]

In Atti 16:10 legge θεος come il P74, il Sinaitico, Alessandrino, Vaticano, Ephraemi, 044, ecc; l'altra lettura κυριος, è supportata da D, P, Onciale 049, Onciale 056, Onciale 0142, 88, 104, 330, 436, 451, 614, 629, 1241, 1505, 1877, 2127, 2412, 2492, 2495, Byz, c, d, Codex Gigas, syrp,h, copsa.[6]

In Atti 18:26 legge την οδον του κυριου come i manoscritti 1505, 2495[7]

In Atti 20:28 legge του κυριου (del Signore) come i manoscritti: P74, Codex Ephraemi, Codex Bezae, Codex Athous Lavrensis, 33, 36, 453, 945, 1739, e 1891.[8]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fu scritto probabilmente in Sardegna durante la dominazione Bizantina[9][10][11], poiché alla carta 227v è scritto un riferimento mutilo ad un editto del Duca di Sardehgna: "Io, Flavio Pancrazio, grazie a Dio, ex Prefetto, Duca di Sardegna, dichiaro quanto segue. Poiché detestabili a Dio"[12], comunque dopo il 534 ma prima del 716, e fu utilizzato da Beda il Venerabile nella sua Expositio Actuum Apostolorum Retractata.

"Fu probabilmente portato in Inghilterra da Teodoro di Tarso, Arcivescovo di Canterbury, nel 668, o da Ceolfrid, Abate di Wearmouth e Jerrow, nella prima parte dell'VIII secolo. Fu probabilmente conservato in uno dei grandi monasteri dell'Inghilterra settentrionale"[13]

Venne successivamente in possesso di William Laud, che lo donò alla Biblioteca Bodleiana a Oxford in 1636, ove è attualmente conservato (Cat. number: Laud. Gr. 35 1397, I,8).[14]

Il testo fu pubblicato da Thomas Hearne nel 1715, in una lezione non molto corretta, poi da Hansell nel 1864, e da Constantin von Tischendorf nel 1870.[15]

Il manoscritto fu esaminato da Johann Jakob Griesbach, Ropes, Bachisio Raimondo Motzo, Poole, Clark, Lagrange, and Walther.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Kurt Aland and Barbara Aland, The Text Of The New Testament: An Introduction To The Critical Editions and To The Theory and Practice Of Modern Text Criticism, Grand Rapids, Michigan 1995, p. 110.
  2. ^ Kurt Aland, Barbara Aland; Erroll F. Rhodes (trans.), The Text of the New Testament: An Introduction to the Critical Editions and to the Theory and Practice of Modern Textual Criticism, Grand Rapids, William B. Eerdmans Publishing Company, 1995, p. 110. ISBN 978-0-8028-4098-1.
  3. ^ a b Bruce M. Metzger e Bart D. Ehrman, The Text of the New Testament: Its Transmission, Corruption and Restoration, 4ª ed., New York – Oxford, Oxford University Press, 2005, p. 74. ISBN 978-0-19-516122-9.
  4. ^ Nestle-Aland, Novum Testamentum Graece, 26th edition, p. 345; Bruce M. Metzger, A Textual Commentary on the Greek New Testament (Deutsche Bibelgesellschaft: Stuttgart 2001), p. 316.
  5. ^ UBS3, p. 464.
  6. ^ NA26, p. 480
  7. ^ UBS3, p. 491.
  8. ^ NA26, p. 384.
  9. ^ Andrea Lai, Il Codice Laudiano greco 35 e la Sardegna altomedioevale
  10. ^ Andrea Lai, Flavio Pancrazio δουξ Σαρδινίας: un contributo alla prosopografia altomedioevale sarda dal Codice Laudiano Greco 35, su Sandalion - quaderni di cultura classica, cristiana e medioevale, vol. 31, Sassari, 2008, pagg. 169-189
  11. ^ Bachisio Raimondo Motzo, Studi sui bizantini in Sardegna e sull'agiografia sarda, a cura della Deputazione di Storia Patria della Sardegna, Cagliari, 1987
  12. ^ Φλ(αβιος) πανκρατιος απο επαρχ(ων) δουξ σαρδινιας δηλα ποιω τα υποτεταγμενα επειπερ θεοστυγεις κ(αι)
  13. ^ Frederic Kenyon, "Chapter VII: The Manuscripts of the New Testament", Our Bible and the ancient manuscripts (1939).
  14. ^ Liste Handschriften, Münster, Institute for New Testament Textual Research. URL consultato l'8 marzo 2011.
  15. ^ C. R. Gregory, "Canon and Text of the New Testament" (T. & T. Clark: Edinburgh 1907), p. 363

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]