Abbazia di Lacock

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'abbazia di Lacock

L'abbazia di Lacock si trova nel villaggio di Lacock, nel Wiltshire in Inghilterra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È stata fondata da Ela, la Contessa di Salisbury durante il regno di Enrico III (1216 - 1272) come abbazia dell'Ordine di Sant'Agostino. Suo marito era William Longespee, un figlio illegittimo di Enrico II. L'abbazia ha prosperato durante il Medioevo. I ricchi campi che erano stati donati da Ela garantivano grandi introiti dalla lana.

In seguito alla dissoluzione dei monasteri nel XVI secolo Enrico VIII vendette l'abbazia a Sir William Sharrington che la convertì in abitazione nel 1539 e ne demolì la chiesa. Vennero fatte poche altre modifiche al monastero vero e proprio, mentre vennero invece aggiunte una torre (durante il Rinascimento) e varie grandi stanze.

La casa in seguito passò alla famiglia Talbot. John Ivory Talbot negli anni '50 del XVIII secolo fece fare alcune modifiche in stile neogotico dall'architetto Sanderson Miller. Nel 1835 William Fox Talbot fece uno dei primi negativi fotografici tuttora esisteti conosciuti: il soggetto era una finestra nella galleria sud dell'abbazia. Continuò a fare esperimenti nell'abbazia e nel 1840 scoprì il processo fotografico negativo/positivo, sul quale è basata la fotografia moderna.

L'abbazia ora ospita un museo dedicato al lavoro pionieristico di Talbot.

Il chiostro dell'abbazia

Questo luogo è stato utilizzato come set cinematografico per alcuni film della serie di Harry Potter.

Harry Potter[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni interni del film Harry Potter e la camera dei segreti sono stati girati a Lacock, ad esempio la scena nel chiostro in cui Harry libera Dobby. Sono state girate a Lacock anche alcune scene del sesto film della saga, Harry Potter e il principe mezzosangue.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]