Daniel Biasone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Daniel Biasone (Miglianico, 22 febbraio 1909Syracuse, 25 maggio 1992) è stato un imprenditore italiano naturalizzato statunitense, membro del Naismith Memorial Basketball Hall of Fame dal 2000 in qualità di contributore. Fu l'ideatore della regola cestistica dei 24 secondi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Abruzzo, e trasferitosi negli USA all'età di 11 anni, Biasone è stato il fondatore dei Syracuse Nationals (1946), nel 1963 divenuti Philadelphia 76ers.

Nel 1928 si diplomò alla Blodgett Vocational High School di Syracuse (New York); dal 1941 gestì una sala da bowling: l'Eastwood Recreation Center di Syracuse. Nel 1946 diede vita ai Syracuse Nationals, iscrivendo la squadra in National Basketball League. Dal 1949 la squadra prese parte alla neonata National Basketball Association; nel 1963 Biasone cedette la franchigia ad un gruppo imprenditoriale che fondò i Philadelphia 76ers.

Biasone fu colui che spinse la NBA ad adottare il tabellone dei secondi rimanenti per il tiro, ed egli stesso stabilì il limite di 24 secondi. Fu un cambiamento epocale e rivoluzionario, che accelerò le dinamiche del gioco della pallacanestro. La scelta di Biasone non fu casuale, ma fu il risultato della divisione dei 48 minuti di gioco, e cioè 2.880 secondi; il numero dei secondi fu poi diviso per il numero medio dei tiri totali effettuati da entrambe le squadre nel corso di una partita, e cioè 120. Tale calcolo generò il risultato di 24 secondi per ciascuna azione di tiro[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) David L. Porter, Basketball: a biographical dictionary, Greenwood Publishing Group, 2005, p. 39, ISBN 9780313309526.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]