Discografia di David Bowie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: David Bowie.

Discografia David Bowie
David Bowie Chile.jpg
David Bowie a Santiago del Cile durante il Rock in Chile, 27 settembre 1990.
Album in studio27
Album dal vivo18
Raccolte44
EP9
Singoli120
Colonne sonore4
Tributi e cover40

La discografia di David Bowie consiste in 25 album studio come solista e due con il gruppo dei Tin Machine di cui ha fatto parte (lo stesso Bowie prima di morire, in una lettera a Brian Eno, parla del suo ultimo lavoro come il suo 25°), 15 Album live, 51 raccolte, 5 EP, 118 singoli e 3 colonne sonore.[1] Il debutto del musicista di Brixton si ha con il singolo Liza Jane dei Davie Jones & the King Bees, gruppo giovanile presto abbandonato per i Manish Boys con i quali pubblicherà due nuovi singoli tra il 1965 ed il 1966. La prima vera pubblicazione a nome David Bowie è Do Anything You Say, singolo del 1966. Bowie darà vita a quattro ulteriori singoli e al suo album di debutto, David Bowie (1967), prima di raggiungere il successo in Gran Bretagna con Space Oddity, del 1969. Il singolo omonimo raggiunge la posizione numero 5 nella classifica inglese, e rimarrà strettamente legato nell'immaginario collettivo all'evento dell'allunaggio di Neil Armstrong e dell'Apollo 11.[2]

Tra il 1969 ed il 1971 Bowie pubblica tre ulteriori album, Space Oddity, The Man Who Sold the World e Hunky Dory. Il seguente The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars, del 1972, è l'album che consegna a Bowie il primo grande successo nelle classifiche inglesi, grazie al quale i lavori precedenti riceveranno nuove e maggiori attenzioni dal pubblico.[3] Bowie pubblica nove successivi album con la RCA che raggiungeranno la top five nella Official Albums Chart (In particolare Aladdin Sane, Pin Ups, Diamond Dogs e Scary Monsters (and Super Creeps) guadagneranno la posizione numero uno). I tre album che seguono verranno pubblicati sotto la EMI; Let's Dance, title track dell'omonimo album, diventerà il primo singolo di Bowie a raggiungere la prima posizione sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito.

Nel 1989 Bowie crea con Reeves Gabrels il gruppo rock Tin Machine, che pubblicherà un album omonimo con la EMI. Tin Machine II lo seguirà nel 1991, registrando dei dati di vendita decisamente sotto le aspettative. Bowie continua nel frattempo la carriera solista con Black Tie White Noise del 1993, che raggiungerà la prima posizione nella Official Albums Chart. Da quel momento, Bowie ha pubblicato sei nuovi album studio. Ad oggi, tutti i 21 album studio di Bowie da Hunky Dory hanno conquistato almeno la top ten nella Official Albums Chart. In totale 9 album di studio hanno raggiunto la prima posizione nella classifica del Regno Unito.

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Quella che segue è la lista degli album studio di David Bowie, composta da 26 lavori eseguiti nel corso di ben 46 anni di carriera. Tra i 26 album della discografia, 2 risultano pubblicati a nome Tin Machine, gruppo del quale Bowie è stato componente dal 1988 al 1992; Tin Machine II, in particolare, è l'unico album da Hunky Dory a non rientrare nella top ten della classifica britannica. Ad oggi, ben 11 album si sono attestati alla prima posizione della Official Albums Chart (curiosamente tra questi non risultano The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars e "Heroes", considerati generalmente dalla critica i due migliori album di Bowie) e 18 nella top five. Nei primi mesi del 2001 fu annunciata l'imminente uscita di Toy, album che ad oggi non è mai stato pubblicato.[4]

Anno
Dettagli album
Posizioni classifica
Certificazioni
AT
[5]
AU
[6][7]
CH
[8]
DE
[9]
FR
[10]
IT
[11][12]
NL
[13]
NZ
[14]
SE
[15]
UK
[1][16]
US
[17][18]
1967 David Bowie
  • Pubblicazione: 1º giugno 1967
  • Etichetta: Deram
  • Formato: LP
1969 Space Oddity[19]
  • Pubblicazione: 14 novembre 1969
  • Etichetta: Philips/Mercury
  • Formato: LP
66
[20]
105[20] 60[20] 17
[21]
16
[21]
Regno Unito: Oro[22]
1970 The Man Who Sold the World
  • Pubblicazione: 4 novembre 1970[23]
  • Etichetta: Mercury
  • Formato: LP
149
[20]
49
[20]
48
[20]
24
[21][24]
105
[21]
Regno Unito: Oro[22]
1971 Hunky Dory
  • Pubblicazione: 17 dicembre 1971
  • Etichetta: RCA Victor
  • Formato: LP
52
[20]
39 32
[20]
62
[20]
56
[20]
30
[20]
16
[20]
3 57
[20]
Regno Unito: Platino[22]
1972 The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars
  • Pubblicazione: 16 giugno 1972
  • Etichetta: RCA Victor
  • Formato: LP
34
[20]
11 21
[20]
95
[20]
45
[25]
21 61
[26]
20
[20]
19
[27]
5 21
[20]
Regno Unito: 2x Platino[22]
Stati Uniti: Oro[28]
Italia: Oro[29]
1973 Aladdin Sane
  • Pubblicazione: 13 aprile 1973
  • Etichetta: RCA Victor
  • Formato: LP
7 3
[30]
8 4 1 17 Regno Unito: Platino[22]
Stati Uniti: Oro[28]
Francia: Oro[31]
Pin Ups
  • Pubblicazione: 19 ottobre 1973
  • Etichetta: RCA Victor
  • Formato: LP
4 6
[30]
7 6 1 23 Regno Unito: Oro[22]
Australia: Oro[32]
1974 Diamond Dogs
  • Pubblicazione: 24 aprile 1974
  • Etichetta: RCA Victor
  • Formato: LP
3 40 4
[33]
16 3
[34]
1 5 Regno Unito: Oro[22]
Stati Uniti: Oro[28]
Svezia: Oro[35]
1975 Young Americans
  • Pubblicazione: 7 marzo 1975
  • Etichetta: RCA Victor
  • Formato: LP
9 92
[20]
107
[20]
92
[20]
3 5
[34]
2 9 Regno Unito: Oro[22]
Stati Uniti: Oro[28]
Canada: Oro[36]
1976 Station to Station
  • Pubblicazione: 23 gennaio 1976
  • Etichetta: RCA Victor
  • Formato: LP
47
[20]
8 65
[20]
91
[20]
3
[37]
15 3 9 11 5 3 Regno Unito: Oro[22]
Stati Uniti: Oro[28]
Canada: Oro[36]
1977 Low
  • Pubblicazione: 14 gennaio 1977
  • Etichetta: RCA Victor
  • Formato: LP
16 10 40
[20]
84
[20]
80
[20]
52
[20]
6 12 12 2 11 Regno Unito: Oro[22]
Canada: Oro[36]
"Heroes"
  • Pubblicazione: 14 ottobre 1977
  • Etichetta: RCA Victor
  • Formato: LP
19 6 34
[20]
44
[20]
19
[38]
11 3 15 13 3 35 Regno Unito: Oro[22]
Canada: Oro[36]
1979 Lodger
  • Pubblicazione: 25 maggio 1979
  • Etichetta: RCA Victor
  • Formato: LP
13 11 11
[39]
5 3 9 4 20 Regno Unito: Oro[22]
Paesi Bassi: Oro[40]
1980 Scary Monsters (and Super Creeps)
  • Pubblicazione: 12 settembre 1980
  • Etichetta: RCA
  • Formato: LP
20 1 75
[20]
8 1
[41]
81
[20]
3 1 4 1 12 Regno Unito: Platino[22]
Canada: Platino[36]
Francia: Oro[31]
1983 Let's Dance
  • Pubblicazione: 14 aprile 1983
  • Etichetta: EMI
  • Formato: LP
2 37
[20]
17 2 1
[42]
5 1 1 1 1 4 Canada: 5x Platino[36]
Regno Unito: Platino[22]
Stati Uniti: Platino[28]
Francia: Platino[31]
Paesi Bassi: Platino[40]
Nuova Zelanda: Platino[43]
Finlandia: Oro[44]
Spagna: Oro[45]
Austria: Oro[46]
1984 Tonight
  • Pubblicazione: 1º settembre 1984
  • Etichetta: EMI
  • Formato: LP
8 8 8 7 1 4 4 1 11 Canada: 2x Platino[36]
Stati Uniti: Platino[28]
Regno Unito: Oro[22]
Francia: Oro[31]
Nuova Zelanda: Oro[47]
Spagna: Oro[45]
1987 Never Let Me Down
  • Pubblicazione: 27 aprile 1987
  • Etichetta: EMI
  • Formato: LP, CD
3 18 11 6
[48]
4 9 14 2 6 34 Canada: Platino[36]
Regno Unito: Oro[22]
Stati Uniti: Oro[28]
Francia: Oro[31]
1989 Tin Machine[49]
  • Pubblicazione: 22 maggio 1989
  • Etichetta: EMI
  • Formato: LP, CD
19 42 11 24 9 3 28 Regno Unito: Oro[22]
1991 Tin Machine II[49]
  • Pubblicazione: 2 settembre 1991
  • Etichetta: London/Victory
  • Formato: LP, CD
25 24 33 19 23 126
1993 Black Tie White Noise
  • Pubblicazione: 5 aprile 1993
  • Etichetta: Savage Records/Arista
  • Formato: LP, CD
18 12 18 15 6 8 8 18 1 39 Regno Unito: Oro[22]
Canada: Oro[36]
Giappone: Oro[50]
1995 1.Outside
  • Pubblicazione: 25 settembre 1995
  • Etichetta: BMG/Arista/Virgin
  • Formato: LP, CD
22 22 33 21 38 37 13 8 21 Regno Unito: Argento[22]
1997 Earthling
  • Pubblicazione: 3 febbraio 1997
  • Etichetta: BMG/Arista/Virgin
  • Formato: LP, CD
15 45 20 11 9 14 19 15 5 6 39 Lettonia: Oro[51]
Giappone: Oro[52]
Regno Unito: Argento[22]
1999 'hours...'
  • Pubblicazione: 4 ottobre 1999
  • Etichetta: Virgin
  • Formato: CD, 2×CD, DD
2 33 18 4 7 9 31 21 2 5 47 Francia: Oro[31]
Regno Unito: Argento[22]
2002 Heathen
  • Pubblicazione: 11 giugno 2002
  • Etichetta: Columbia/ISO Records
  • Formato: LP, CD, 2×CD, DD, SACD
4 9 7 4 3 11 19 22 6 5 14 Regno Unito: Oro[22]
2003 Reality
  • Pubblicazione: 15 settembre 2003
  • Etichetta: Columbia/ISO Records
  • Formato: LP, CD, 2×CD, DD, DualDisc
3 13 5 3 2 4 14 14 5 3 29 Regno Unito: Oro[22]
Francia: Oro[31]
2013 The Next Day
  • Pubblicazione: 8 marzo 2013
  • Etichetta: Columbia/ISO Records
  • Formato: LP, CD, DD
2 2 1 1 2 2 1 1 1 1 2 Regno Unito: Platino[22]
Francia: Platino[53]
Paesi Bassi: Platino[40]
Italia: Oro[29]
Germania: Oro[54]
Irlanda: Oro[55]
Austria: Oro[56]
Svizzera: Oro[57]
Svezia: Oro[58]
Polonia: Oro[59]
Finlandia: Oro[44]
Canada: Oro[36]
Australia: Oro[60]
Nuova Zelanda: Oro[61]
2016 Blackstar
  • Pubblicazione: 8 gennaio 2016
  • Etichetta: Columbia/ISO Records/Sony Music
  • Formato: LP, CD, DD
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Paesi Bassi: 2x Platino[40]
Regno Unito: Platino[22]
Svizzera: Platino[57]
Australia: Platino[60]
Polonia: Platino[62]
Austria: Platino[56]
Francia: Platino[31]
Belgio: Platino[63]
Danimarca: Platino[64]
Italia: Platino[29]
Canada: Platino[36]
Stati Uniti: Oro[28]
Germania: Oro[54]
Nuova Zelanda: Oro[65]
Portogallo: Oro[66]
Spagna: Oro[67]
Svezia: Oro[68]
"—" Indica gli album non entrati in classifica o per i quali non ci sono informazioni.

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Dettagli album
Posizioni classifica
Certificazioni
AT
[5]
AU
[6][7]
CH
[8]
DE
[9]
FR
[10]
IT
[12]
NL
[13]
NZ
[14]
SE
[15]
UK
[1]
US
[17]
1974 David Live
  • Pubblicazione: 29 ottobre 1974
  • Etichetta: RCA Victor
  • Formato: 2xLP
9 165
[69]
22
[11]
89
[69]
2 8 Stati Uniti: Oro[28]
1978 Stage
  • Pubblicazione: 8 settembre 1978
  • Etichetta: RCA Victor
  • Formato: 2xLP
11 162
[69]
24
[11]
2 1 29 5 44 Regno Unito: Oro[22]
Nuova Zelanda: Oro[70]
1983 Ziggy Stardust - The Motion Picture
  • Pubblicazione: ottobre 1983
  • Etichetta: RCA
  • Formato: 2xLP
39 42 17 89
1992 Tin Machine Live: Oy Vey, Baby[49]
1994 Santa Monica '72[71]
  • Pubblicazione: 25 aprile 1994
  • Etichetta: Golden Years/Trident Music/Griffin Music
  • Formato: CD, 2xLP
74
1999 LiveAndWell.com[72]
  • Pubblicazione: novembre 1999
  • Etichetta: Risky Folio
  • Formato: CD
2000 Bowie at the Beeb
  • Pubblicazione: 26 settembre 2000
  • Etichetta: EMI/Virgin
  • Formato: 2xCD
88 69 27 45 56 37 7 181 Regno Unito: Oro[22]
2008 Live Santa Monica '72
  • Pubblicazione: 30 giugno 2008
  • Etichetta: EMI
  • Formato: CD, 2xLP
118 98 81 40 61
Glass Spider Live
2009 VH1 Storytellers
  • Pubblicazione: 6 luglio 2009
  • Etichetta: EMI/Virgin
  • Formato: CD, CD+DVD, DD
2010 A Reality Tour 18 91
[73]
39 39 40 55 57 56 53
2017 Live Nassau Coliseum '76
  • Pubblicazione: 10 febbraio 2017
  • Etichetta: Parlophone
  • Formato: 2xCD, 2xLP, DD
Cracked Actor (Live Los Angeles '74)
  • Pubblicazione: 16 giugno 2017
  • Etichetta: Parlophone
  • Formato: 2xCD, DD
73 88 191 51 49 20
2018 Live In Berlin (1978)[74]
  • Pubblicazione: 2 marzo 2018
  • Etichetta: Parlophone
  • Formato: LP
Welcome to the Blackout (Live London '78)
  • Pubblicazione: 21 aprile 2018
  • Etichetta: Parlophone/Rhino Records
  • Formato: 2xCD, 3xLP, DD
55 75 58 127 83 32 16
Glastonbury 2000
  • Pubblicazione: 30 novembre 2018
  • Etichetta: Parlophone
  • Formato: 2xCD, 3xLP
50 53 31 56 32 19 39 25
2019 Serious Moonlight (Live '83)
  • Pubblicazione: 15 febbraio 2019
  • Etichetta: Parlophone
  • Formato: 2xCD, DD
Glass Spider (Live Montreal '87)
  • Pubblicazione: 15 febbraio 2019
  • Etichetta: Parlophone
  • Formato: 2xCD, DD
"—" Indica gli album non entrati in classifica o per i quali non ci sono informazioni.

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

1970-1979[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Dettagli album
Posizioni classifica
Certificazioni
AT
[5]
AU
[6][7]
CH
[8]
DE
[9]
FR
[10]
NL
[13]
NZ
[14]
SE
[15]
UK
[1]
US
[17]
1970 The World of David Bowie
  • Pubblicazione: marzo 1970
  • Etichetta: Decca
  • Formato: LP
1973 Images 1966-1967 144
The Beginning - Vol. 2[75]
  • Pubblicazione: maggio 1973
  • Etichetta: Deram
  • Formato: LP
Best Deluxe[76]
  • Pubblicazione: ottobre 1973
  • Etichetta: RCA
  • Formato: 2xLP
1976 ChangesOneBowie
  • Pubblicazione: 20 maggio 1976
  • Etichetta: RCA Victor
  • Formato: LP
8 197
[20]
8 2 10 Canada: 2x Platino[36]
Stati Uniti: Platino[28]
1977 Starting Point[77]
  • Pubblicazione: maggio 1977
  • Etichetta: Decca/London Records
  • Formato: LP
1979 David Bowie[78]
  • Pubblicazione: giugno 1979
  • Etichetta: Decca
  • Formato: LP
Chameleon[79]
  • Pubblicazione: settembre 1979
  • Etichetta: Starcall Records
  • Formato: LP
1
"—" Indica gli album non entrati in classifica o per i quali non ci sono informazioni.

1980-1989[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Dettagli album
Posizioni classifica
Certificazioni
AT
[5]
AU
[6]
CH
[8]
DE
[9]
FR
[10]
IT
[11]
NL
[13]
NZ
[14]
SE
[15]
UK
[1]
US
[17]
1980 The Best of Bowie
  • Pubblicazione: 15 dicembre 1980
  • Etichetta: K-tel
  • Formato: LP
12 4 25 3 Regno Unito: Platino[22]
1981 Another Face[80]
ChangesTwoBowie
  • Pubblicazione: 16 novembre 1981
  • Etichetta: RCA
  • Formato: LP
28 35 24 68 Regno Unito: Oro[22]
1982 Bowie Rare
  • Pubblicazione: dicembre 1982
  • Etichetta: RCA
  • Formato: LP
13 22 27 10 5 34
1983 Golden Years
  • Pubblicazione: agosto 1983
  • Etichetta: RCA
  • Formato: LP, CD
50 17 33 33 99
A Second Face[81]
  • Pubblicazione: agosto 1983
  • Etichetta: Decca/London Records
  • Formato: LP
1984 Love You Till Tuesday 53
Fame and Fashion
  • Pubblicazione: aprile 1984
  • Etichetta: RCA
  • Formato: LP, CD
5 40 147
1985 David Bowie: The Collection[82] Regno Unito: Argento[22]
1989 Sound + Vision
  • Pubblicazione: 19 settembre 1989
  • Etichetta: Rykodisc
  • Formato: 6×LP, 3×CD + VCD
72
[20]
9
[20]
63
[83]
97 Canada: 4x Platino[36]
Stati Uniti: Oro[28]
"—" Indica gli album non entrati in classifica o per i quali non ci sono informazioni.

1990-1999[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Dettagli album
Posizioni classifica
Certificazioni
AT
[5]
AU
[6]
CH
[8]
DE
[9]
FR
[10]
IT
[11]
NL
[13]
NZ
[14]
SE
[15]
UK
[1]
US
[17]
1990 Changesbowie 5 6 18 7 6
[84]
11 6 2 14 1 39 Regno Unito: Platino[22]
Australia: Platino[85]
Francia: Platino[31]
Stati Uniti: Platino[28]
Germania: Oro[54]
Paesi Bassi: Oro[40]
Austria: Oro[56]
Spagna: Oro[45]
Canada: Oro[36]
Lettonia: Oro[51]
Nuova Zelanda: Oro[86]
1991 Early On (1964-1966)[87]
1993 The Singles Collection
  • Pubblicazione: 16 novembre 1993
  • Etichetta: EMI/Rykodisc
  • Formato: 2xCD, 3xLP
37 49 64 5 4 38 9 Regno Unito: Platino[22]
Paesi Bassi: Platino[40]
Nuova Zelanda: Platino[88]
Francia: 2x Oro[31]
Canada: Oro[36]
1995 RarestOneBowie[89]
  • Pubblicazione: maggio 1995
  • Etichetta: Golden Years
  • Formato: CD
London Boy[90]
  • Pubblicazione: 1995
  • Etichetta: Spectrum/Karussell Int.
  • Formato: CD
1997 The Deram Anthology 1966–1968
  • Pubblicazione: 9 giugno 1997
  • Etichetta: Deram Records
  • Formato: CD
The Best of David Bowie 1969/1974
  • Pubblicazione: 7 ottobre 1997
  • Etichetta: EMI/Virgin
  • Formato: CD
14
[20]
58
[20]
87
[20]
40
[20]
81
[20]
14 11 Regno Unito: Platino[22]
1998 The Best of David Bowie 1974/1979
  • Pubblicazione: aprile 1998
  • Etichetta: EMI/Virgin
  • Formato: CD
49
[20]
38
[20]
39 Nuova Zelanda: Platino[61]
Regno Unito: Oro[22]
"—" Indica gli album non entrati in classifica o per i quali non ci sono informazioni.

2000-2009[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Dettagli album
Posizioni classifica
Certificazioni
AT
[5]
AU
[6]
CH
[8]
DE
[9]
FR
[10]
IT
[12]
NL
[13]
NZ
[14]
SE
[15]
UK
[1]
US
[17]
2001 All Saints
  • Pubblicazione: 9 luglio 2001
  • Etichetta: EMI/Virgin
  • Formato: CD
2002 Best of Bowie
  • Pubblicazione: 22 ottobre 2002
  • Etichetta: EMI/Virgin
  • Formato: 2xCD
13 6
[20]
15 16 19
[20]
18
[11]
19 6 9 1 4
[20]
Regno Unito: 4x Platino[22]
Nuova Zelanda: 3x Platino[65]
Australia: 2x Platino[91]
Stati Uniti: Platino[28]
Italia: Platino[29]
Finlandia: Oro[44]
Canada: Oro[36]
2003 Club Bowie (Rare and Unreleased 12" Mixes)
  • Pubblicazione: 17 novembre 2003
  • Etichetta: Virgin
  • Formato: CD
2004 Musical Storyland[92]
  • Pubblicazione: 24 aprile 2004
  • Etichetta: Worlds In Ink
  • Formato: CD
2005 The Collection
  • Pubblicazione: 3 maggio 2005
  • Etichetta: EMI
  • Formato: CD
The Platinum Collection
  • Pubblicazione: 7 novembre 2005
  • Etichetta: EMI/Virgin
  • Formato: 3xCD
37
[20]
25 26 53 65
[20]
Regno Unito: Oro[22]
Italia: Oro[29]
2007 The Best of David Bowie 1980/1987
  • Pubblicazione: 19 marzo 2007
  • Etichetta: EMI/Virgin
  • Formato: CD
44 30
[20]
51
[93]
59 98
[20]
16
[20]
34
2008 iSelect
  • Pubblicazione: 14 ottobre 2008
  • Etichetta: EMI/Astralwerks
  • Formato: CD
"—" Indica gli album non entrati in classifica o per i quali non ci sono informazioni.

2010-2019[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Dettagli album
Posizioni classifica
Certificazioni
AT
[5]
AU
[6]
CH
[8]
DE
[9]
FR
[10]
IT
[12]
NL
[13]
NZ
[14]
SE
[15]
UK
[1]
US
[17]
2014 Nothing Has Changed 4 3 5 4 11 6 6 1 20 5 57 Australia: Platino[60]
Nuova Zelanda: Platino[94]
Regno Unito: Oro[22]
Italia: Oro[29]
Belgio: Oro[63]
2015 Five Years (1969-1973)
  • Pubblicazione: 25 settembre 2015
  • Etichetta: Parlophone
  • Formato: 12xCD, 13xLP, DD
63 156 100 68 45
2016 Who Can I Be Now? (1974-1976)
  • Pubblicazione: 23 settembre 2016
  • Etichetta: Parlophone
  • Formato: 12xCD, 13xLP, DD
75 28 62 53 80 21 192
Bowie Legacy
  • Pubblicazione: 11 novembre 2016
  • Etichetta: Parlophone/Legacy/Columbia
  • Formato: 2xCD, 2xLP
31 59 52 24 25 1
[95]
5 78 Regno Unito: Platino[22]
2017 A New Career in a New Town (1977-1982)
  • Pubblicazione: 29 settembre 2017
  • Etichetta: Parlophone
  • Formato: 11xCD, 13xLP, DD
59 24 92 76 8
[96]
41 19 151
2018 Loving the Alien (1983-1988)
  • Pubblicazione: 12 ottobre 2018
  • Etichetta: Parlophone
  • Formato: 11xCD, 15xLP, DD
48 56 18 169 62 67 19
2019 Spying Through a Keyhole[97]
  • Pubblicazione: 5 aprile 2019
  • Etichetta: Parlophone
  • Formato: 4x7"
118 55
Clareville Grove Demos[98]
  • Pubblicazione: 17 maggio 2019
  • Etichetta: Parlophone
  • Formato: 3x7"
The 'Mercury' Demos[99]
  • Pubblicazione: 28 giugno 2019
  • Etichetta: Parlophone
  • Formato: LP
Conversation Piece[100]
  • Pubblicazione: 15 novembre 2019
  • Etichetta: Parlophone
  • Formato: 5xCD
"—" Indica gli album non entrati in classifica o per i quali non ci sono informazioni.

Extended plays[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Dettagli EP
Posizioni classifica
FR
[10]
UK
[1]
US
[17]
1975 Space Oddity[101]
  • Pubblicazione: settembre 1975
  • Etichetta: RCA
  • Formato: 7"
1
1978 Breaking Glass[102]
  • Pubblicazione: 17 novembre 1978
  • Etichetta: RCA
  • Formato: 7"
54
1981 Don't Be Fooled By the Name[103]
  • Pubblicazione: settembre 1981
  • Etichetta: PRT
  • Formato: 10"
1982 Baal
  • Pubblicazione: 13 febbraio 1982
  • Etichetta: RCA
  • Formato: 7", 12"
29
The Mannish Boys/Davy Jones and the Lower Third[104]
  • Pubblicazione: ottobre 1982
  • Etichetta: See for Miles
  • Formato: 10"
2009 Space Oddity[105]
  • Pubblicazione: 20 luglio 2009
  • Etichetta: EMI
  • Formato: DD
2013 The Next Day Extra
  • Pubblicazione: 4 novembre 2013
  • Etichetta: ISO Records/Columbia
  • Formato: 3xCD, DD
The Toy Soldier EP[106]
2017 No Plan
  • Pubblicazione: 8 gennaio 2017
  • Etichetta: Columbia/Sony Music
  • Formato: DD, CD, 12"
88 92 131
"—" Indica gli EP non entrati in classifica o per i quali non ci sono informazioni.

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

1960-1969[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Singolo
Posizioni classifica
Certificazioni
Album
AT
[5]
AU
[6][7]
CH
[8]
DE
[9]
FR
[107]
IT
[108]
NL
[13]
NZ
[14]
SE
[15]
UK
[1]
US
[109]
1964 Liza Jane[110]
Lato B: Louie, Louie Go Home
Singolo non estratto da album.
1965 I Pity the Fool[111]
Lato B: Take My Tip
You've Got a Habit of Leaving
Lato B: Baby Loves that Way
1966 Can't Help Thinking About Me[112]
Lato B: And I Say to Myself
Do Anything You Say
Lato B: Good Morning Girl
I Dig Everything
Lato B: I'm Not Losing Sleep
Rubber Band
Lato B: The London Boys
David Bowie[113]
1967 The Laughing Gnome
Lato B: The Gospel According to Tony Day
Singolo non estratto da album.
Love You Till Tuesday
Lato B: Did You Ever Have a Dream
David Bowie[114]
1969 Space Oddity
Lato B: Wild Eyed Boy from Freecloud
27
[20]
31
[20]
15
[20]
40
[20]
1
[93]
54
[115][116]
8 18 5 Regno Unito: Oro[22]
Italia: Oro[29]
Space Oddity
"—" Indica i singoli non entrati in classifica o per i quali non ci sono informazioni.

1970-1979[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Singolo
Posizioni classifica
Certificazioni
Album
AT
[5]
AU
[6][7]
CH
[8]
DE
[9]
FR
[107]
IT
[108]
NL
[13]
NZ
[14]
SE
[15]
UK
[1]
US
[109]
1970 Ragazzo solo, ragazza sola[117]
Lato B: Wild Eyed Boy from Freecloud
Singolo non estratto da album.
The Prettiest Star[118]
Lato B: Conversation Piece
Memory of a Free Festival
Lato B: Memory of a Free Festival (Part 2)
Space Oddity[119]
1971 Holy Holy
Lato B: Black Country Rock
Singolo non estratto da album.
All the Madmen[120]
Lato B: Janine
The Man Who Sold the World
Moonage Daydream[121]
Lato B: Hang On to Yourself
Singolo non estratto da album.[122]
1972 Changes
Lato B: Andy Warhol
84
[20]
10 49
[20]
41
[123]
Regno Unito: Argento[22] Hunky Dory
Starman
Lato B: Suffragette City
55
[20]
37 27
[20]
32 18
[20]
10 65 Regno Unito: Oro[22]
Italia: Oro[29]
The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars
Hang On to Yourself[121]
Lato B: Man in the Middle
Singolo non estratto da album.[124]
John, I'm Only Dancing
Lato B: Hang On to Yourself
12
The Jean Genie
Lato B: Ziggy Stardust[125]
42 37 22 38 5 2 71 Aladdin Sane
1973 Space Oddity[126]
Lato B: The Man Who Sold The World
9 6 15 Space Oddity
Drive-In Saturday
Lato B: Round and Round
50 3 Aladdin Sane
Time[127]Lato B: The Prettiest Star
Life on Mars?
Lato B: The Man Who Sold the World[128]
67
[129][130]
48
[20]
39 26 33
[20]
95
[20]
44
[20]
3 Regno Unito: Oro[22]
Italia: Oro[29]
Hunky Dory
Let's Spend the Night Together
Lato B: Lady Grinning Soul[131]
19 Aladdin Sane
The Laughing Gnome[132] 57 3 6 Regno Unito: Argento[22] Singolo non estratto da album.
Sorrow
Lato B: Amsterdam
1 39 29 1 3 Regno Unito: Argento[22] Pin Ups
1974 Rebel Rebel
Lato B: Queen Bitch
29 33 12 32 8 16 5 64 Italia: Oro[29]
Regno Unito: Argento[22]
Diamond Dogs
Rock 'n' Roll Suicide
Lato B: Quicksand
30 22 The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars
Diamond Dogs
Lato B: Holy Holy
66 26 21 Diamond Dogs
1984[133]
Lato B: Queen Bitch
17
Knock on Wood (live)
Lato B: Panic in Detroit (live)
49 143
[83]
10 David Live
Rock 'n' Roll with Me (live)[120]
Lato B: Panic in Detroit (live)
1975 Young Americans
Lato B: Suffragette City (live)[134]
27 51 45 1 18 28 Young Americans
Fame
Lato B: Right[135]
87
[20]
19 6 17 1 Stati Uniti: Oro[28]
Canada: Oro[36]
Golden Years
Lato B: Can You Hear Me?
34 54 8 6 18 10 8 10 Station to Station
1976 TVC 15
Lato B: We Are the Dead
53 18 33 64
Suffragette City[136]
Lato B: Stay
The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars / ChangesOneBowie
Stay[120]
Lato B: Word on a Wing
Station to Station
1977 Sound and Vision
Lato B: A New Career in a New Town
15 74 6 2 7 3 69 Low
Be My Wife
Lato B: Speed of Life
77
[137]
"Heroes"
Lato B: V-2 Schneider
19 11 17
[20]
19
[20]
54
[138][139]
21 9 35 37
[20]
24
[140]
Regno Unito: Platino[22]
Italia: Oro[29]
"Heroes"
1978 Beauty and the Beast
Lato B: Sense of Doubt
39
1979 Boys Keep Swinging
Lato B: Fantastic Voyage
85 68 16 7 Lodger
DJ
Lato B: Repetition
98 29
Yassassin[141]
Lato B: Repetition
Look Back in Anger[120]
Lato B: Repetition
John, I'm Only Dancing (Again)
Lato B: John, I'm Only Dancing[142]
12 Singolo non estratto da album.
"—" Indica i singoli non entrati in classifica o per i quali non ci sono informazioni.

1980-1989[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Singolo
Posizioni classifica
Certificazioni
Album
AT
[5]
AU
[6][7]
CH
[8]
DE
[9]
FR
[107]
IT
[108]
NL
[13]
NZ
[14]
SE
[15]
UK
[1][16]
US
[109]
1980 Alabama Song
Lato B: Space Oddity[143]
23 Singolo non estratto da album.
Crystal Japan[144]
Lato B: Alabama Song
Ashes to Ashes
Lato B: Move On[145]
6 3 11 9 14 15 6 6 1 Regno Unito: Argento[22] Scary Monsters (and Super Creeps)
Fashion
Lato B: Scream Like a Baby
27 34 38 22 7 5 70 Regno Unito: Argento[22]
1981 Scary Monsters (and Super Creeps)
Lato B: Because You're Young
20
Up the Hill Backwards
Lato B: Crystal Japan
32
Under Pressure[146]
Lato B: Soul Brother
10 6
[147]
10 21 51
[148][149]
20
[20]
1 6 10 1 29 Stati Uniti: 2x Platino[28]
Italia: 2x Platino[29]
Regno Unito: Platino[22]
Danimarca: Oro[150]
Hot Space[151]
Wild Is the Wind[152]
Lato B: Golden Years
24 Station to Station / ChangesTwoBowie
1982 Cat People (Putting Out Fire)[153]
Lato B: Paul's Theme (Jogging Chase)
8 43 1 1 26 67 Cat People (Original Soundtrack)[154]
Peace on Earth/Little Drummer Boy
Lato B: Fantastic Voyage
53
[155]
12 3 Regno Unito: Argento[22] Singolo non estratto da album.
1983 Let's Dance
Lato B: Cat People (Putting Out Fire)
2 2
[156]
1 2 2 3 1 1 1 1 1 Canada: Platino[36]
Regno Unito: Oro[22]
Stati Uniti: Oro[28]
Italia: Oro[29]
Francia: Oro[31]
Let's Dance
China Girl
Lato B: Shake It
9 8 6 15 36 5 3 5 2 10 Canada: Oro[36]
Regno Unito: Argento[22]
Modern Love
Lato B: Modern Love (Live)
17 27 71 10 6 2 14 Canada: Oro[36]
Regno Unito: Argento[22]
Without You
Lato B: Criminal World
73
White Light/White Heat (live)
Lato B: Cracked Actor (live)
46 Ziggy Stardust - The Motion Picture
1984 Blue Jean
Lato B: Dancing with the Big Boys
16 14 21 21 19 10 7 5 6 8 Canada: Oro[36] Tonight
Tonight
Lato B: Tumble and Twirl
22 23 45 53 53
1985 This Is Not America[157]
Lato B: This Is Not America (instr.)
5 6 5 50 5 2 12 2 14 32 The Falcon and the Snowman (Original Motion Picture Soundtrack)[158]
Loving the Alien
Lato B: Don't Look Down
27 25 35 19 Tonight
Dancing in the Street[159]
Lato B: Dancing in the Street (instr.)
6 9 6 14 3 1 2 4 1 7 Regno Unito: Oro[22] Singolo non estratto da album.
1986 Absolute Beginners
Lato B: Absolute Beginners (Dub Mix)
2 3 7 13 3 8 4 5 2 53 Regno Unito: Argento[22] Absolute Beginners: The Original Motion Picture Soundtrack
Underground
Lato B: Underground (instr.)
14 20 78 18 7 6 19 21 Labyrinth
When the Wind Blows
Lato B: When the Wind Blows (instr.)
92 35 50 44 When the Wind Blows[160]
1987 Magic Dance (A Dance Mix)[161] 40 40 Labyrinth
Day-In Day-Out
Lato B: Julie
25 28 25 15 11 15 12 5 17 21 Never Let Me Down
Time Will Crawl
Lato B: Girls
57 26 71 33
Never Let Me Down
Lato B: '87 and Cry
28 70 34 27
1989 Under the God[49]
Lato B: Sacrifice Yourself
51 Tin Machine
Tin Machine[49]
Lato B: Maggie's Farm (live)
48
Prisoner of Love[49]
Lato B: Baby Can Dance
77
"—" Indica i singoli non entrati in classifica o per i quali non ci sono informazioni.

1990-1999[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Singolo
Posizioni classifica
Certificazioni
Album
AT
[5]
AU
[6]
CH
[8]
DE
[9]
FR
[107]
IT
[108]
NL
[13]
NZ
[14]
SE
[15]
UK
[1][16]
US
[109]
1990 Fame '90
Lato B: Fame '90 (Queen Latifah's Rap Version)
29 36 17 16 32 28 Changesbowie
1991 You Belong in Rock 'n' Roll[49]
Lato B: Amlapura (Indonesian version)
33 Tin Machine II
Baby Universal[49]
Lato B: You Belong in Rock 'n' Roll (Extended Version)
48
One Shot[49]
Lato B: Hammerhead
1992 Real Cool World
Lato B: Real Cool World (instr.)
83 27 26 53 Songs from the Cool World[162]
1993 Jump They Say
Lato B: Pallas Athena (Don't Stop Praying Mix)
40 43 76 5 24 15 23 9 Black Tie White Noise
Black Tie White Noise[163]
Lato B: You've Been Around (Dangers Remix)
36
Miracle Goodnight
Lato B: Looking for Lester
40
The Buddha of Suburbia[164]
Lato B: Dead Against It
35 The Buddha of Suburbia
1995 The Hearts Filthy Lesson 34 35 92 1.Outside
Strangers When We Meet
Lato B: The Man Who Sold the World (Live)
56 39
1996 Hallo Spaceboy 37 36 59 33 12 12
Telling Lies 53 76 Earthling
1997 Little Wonder 94
[165]
50 14
Dead Man Walking 32
Seven Years in Tibet 61
I'm Afraid of Americans[120] 66
I Can't Read[166] 73 The Ice Storm
1999 Thursday's Child 62 32 17 81 48 16 'hours...'
The Pretty Things Are Going to Hell[167]
"—" Indica i singoli non entrati in classifica o per i quali non ci sono informazioni.

2000-2009[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Singolo
Posizioni classifica
Certificazioni
Album
AT
[5]
AU
[6]
CH
[8]
DE
[9]
FR
[107]
IT
[108]
NL
[13]
NZ
[14]
SE
[15]
UK
[1]
US
[109]
2000 Survive 28 'hours...'
Seven 97 32
2002 Slow Burn 69 80 23 69 94 Heathen
Everyone Says 'Hi' 83 20
I've Been Waiting for You[168]
2003 New Killer Star 63 64 Reality
2004 Never Get Old[144]
Rebel Never Gets Old 47 Singolo non estratto da album.
"—" Indica i singoli non entrati in classifica o per i quali non ci sono informazioni.

2010-2019[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Singolo
Posizioni classifica
Certificazioni
Album
AT
[5]
AU
[6]
CH
[8]
DE
[9]
FR
[107]
IT
[116]
NL
[13]
NZ
[14]
SE
[15]
UK
[1]
US
[109]
2013 Where Are We Now? 40 78
[165]
52 47 2 10 7 6 The Next Day
The Stars (Are Out Tonight) 88
The Next Day
Valentine's Day[169]Lato B: Plan
Love Is Lost
Sound and Vision 2013[170] Singolo non estratto da album.[171]
2014 'Tis a Pity She Was a Whore[170] 68 63
Sue (Or in a Season of Crime) 54 33 83 96 81 Nothing Has Changed
2015 Blackstar[170] 69 20 97 75 31 44 50 61 78 Blackstar
Lazarus[170] 38 72
[172]
16 77 35
[173]
23 32 44 45 40
2016 I Can't Give Everything Away 45 142
[174]
Life on Mars? (2016 Mix)[170] 33 Bowie Legacy
2018 Let's Dance (Demo)[170][175] Singolo non estratto da album.
"—" Indica i singoli non entrati in classifica o per i quali non ci sono informazioni.

Colonne sonore[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Dettagli album
Posizioni classifica
AT
[5]
AU
[6]
CH
[8]
DE
[9]
FR
[10]
NL
[13]
NZ
[14]
UK
[1]
US
[17]
1981 Christiane F.
  • Pubblicazione: aprile 1981
  • Etichetta: RCA
  • Formato: LP
3 5 135
1986 Labyrinth[176]
  • Pubblicazione: 23 giugno 1986
  • Etichetta: EMI
  • Formato: LP
29 39 15 38 68
1993 The Buddha of Suburbia
  • Pubblicazione: 8 novembre 1993
  • Etichetta: Arista/BMG
  • Formato: CD
87
2016 Lazarus: Original Cast Recording[177] 51 57
[178]
85 62 48 19 4
[179]
10 129
[180]
"—" Indica gli album non entrati in classifica o per i quali non ci sono informazioni.

Altre apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Colonne sonore[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Brano
Film
Note
Revolutionary Song Gigolò Scritta con Jack Fishman ed eseguita da The Rebels.
Cat People (Putting Out Fire) Il bacio della pantera Scritta con Giorgio Moroder.
This Is Not America Il gioco del falco Scritta ed eseguita con Pat Metheny.
Absolute Beginners
That's Motivation
Volare (Nel blu dipinto di blu)
Absolute Beginners
When the Wind Blows Quando soffia il vento
Betty Wrong The Crossing Una versione leggermente diversa venne inclusa in Tin Machine II nel 1991.
Fame '90 Pretty Woman Versione Gass Mix, pubblicata anche come singolo.
Real Cool World Fuga dal mondo dei sogni Pubblicata anche come singolo con una versione strumentale come lato B.
I'm Afraid of Americans Showgirls Versione originale della traccia inclusa in Earthling nel 1997.
I Can't Read Tempesta di ghiaccio Nuova versione della traccia inclusa in Tin Machine nel 1989.
Something in the Air American Psycho Versione American Psycho Remix.
Candidate Intimacy - Nell'intimità Versione Intimacy Remix.
Nature Boy Moulin Rouge! Cover del brano scritto da Eden Ahbez nel 1948.
American Dream Training Day Scritta da P. Diddy & The Bad Boy Family.
Bring Me the Disco King Underworld Versione Loner Mix.
Changes Shrek 2 Eseguita con Butterfly Boucher.
(She Can) Do That Stealth - Arma suprema Scritta da Bowie con BT (alias Brian Wayne Transeau).

Raccolte di artisti vari[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Brano
Album
Note
The Supermen Glastonbury Fayre Registrazione semi-acustica del novembre 1971 (non quella eseguita durante il Glastonbury Fayre del 23 giugno).
Go Now Ruby Trax: The NME's Roaring 40 Versione eseguita durante il Tin Machine Tour 1991/92, con Tony Sales alla voce.
Baby Can Dance Best of Grunge Rock Versione eseguita dai Tin Machine ad Amburgo il 24 ottobre 1991.
Needles on the Beach Beyond the Beach Brano strumentale registrato durante le sessioni di Tin Machine II del 1991.
Hallo Spaceboy Phoenix: The Album Versione eseguita il 18 luglio 1996 al Phoenix Festival.
Planet of Dreams Long Live Tibet Brano inedito scritto con Gail Ann Dorsey.
Dead Man Walking Live From 6A: Late Night With Conan O'Brien Versione eseguita al Late Night with Conan O'Brien.
"Heroes" The Bridge School Concerts Vol.1 Versione eseguita al Bridge School Benefit di Mountain View in California.
A Foggy Day (In London Town) Red Hot + Rhapsody: The Gershwin Groove Cover del brano scritto da George e Ira Gershwin nel 1937, eseguita con Angelo Badalamenti.
Dead Man Walking WBCN Naked Too Versione eseguita l'8 aprile 1997 ai Fort Apache Studios di Boston.
Scary Monsters (and Supercreeps) SNL25 Saturday Night Live: The Musical Performances Volume 1 Versione eseguita l'8 febbraio 1997 al Saturday Night Live.
Pictures of Lily Substitute: The Songs of The Who Cover degli Who.
America
"Heroes"
The Concert for New York City Versioni eseguite il 20 ottobre 2001 durante il Concerto per New York City.
Scary Monsters (and Supercreeps) ONXRT: Live from the Archives Volume 8 Versione eseguita il 16 ottobre 1997 a Chicago.

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Artista
Album
Contributo
Mott the Hoople All the Young Dudes Produttore, autore della title track.
Lou Reed Transformer Co-produttore.
Iggy & the Stooges Raw Power Missaggio.
Mick Ronson Slaughter on 10th Avenue Autore di Growing Up and I'm Fine, co-autore di Pleasure Man/Hey Ma Get Papa, traduttore di Music Is Lethal.
Dana Gillespie Weren't Born a Man Autore di Andy Warhol, co-produttore di Mother Don't Be Frightened.
Steeleye Span Now We Are Six Sassofono alto nella traccia To Know Him Is to Love Him.
Iggy Pop The Idiot Co-autore di tutte le tracce, produttore, tastiere, chitarra, sassofono, contributo vocale.
Lust for Life Autore di Lust for Life, Some Weird Sin e Tonight, co-autore di Success, Neighborhood Threat, Turn Blue e Fall in Love with Me, co-produttore, tastiere, contributo vocale.
Philadelphia Orchestra David Bowie Narrates Prokofiev's Peter and the Wolf Narratore.
Iggy Pop TV Eye Live 1977 Co-produttore, co-autore del missaggio, tastiere.
Soldier Co-autore e contributo vocale in Play It Safe.
Blah Blah Blah Co-produttore.
Adrian Belew Young Lions Autore di Pretty Pink Rose, co-autore di Gunman, contributo vocale.
Mick Ronson Heaven and Hull Autore di All the Young Dudes, voce in Like a Rolling Stone.
Ava Cherry and the Astronettes People from Bad Homes Autore di I Am Divine, I Am a Laser, People from Bad Homes e Things to Do, produttore, contributo vocale.
Reeves Gabrels The Sacred Squall of Now Co-autore di You've Been Around e The King of Stanford Hill, contributo vocale.
Goldie Saturnz Return Contributo vocale in Truth.
Reeves Gabrels Ulysses (Della Notte) Contributo vocale in Jewel.
Rustic Overtones Viva Nueva Contributo vocale in Sector Z e Man Without a Mouth.
Lou Reed The Raven Contributo vocale in Hop Frog.
Kristeen Young Breasticles Contributo vocale in Saviour.
Earl Slick Zig Zag Co-autore di Isn't It Evening (The Revolutionary).
Kashmir No Balance Palace Contributo vocale in The Cynic.
TV on the Radio Return to Cookie Mountain Contributo vocale in Province.
Scarlett Johansson Anywhere I Lay My Head Contributo vocale in Falling Down e Fannin Street.
Arcade Fire Reflektor Contributo vocale nella title track.

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Artista
Singolo
Contributo
Oscar Over the Wall We Go / Every Day of My Life Autore del lato A e contributo vocale.
The Slender Plenty Silver Tree Top School for Boys / I've Lost a Friend and Found a Lover Autore del lato A.
Dee Dee Love Is Always / Pancho Autore del testo di entrambe le tracce.
The Beatstalkers Rain Coloured Roses / Everything Is You Autore del lato B.
Peter Noone Walnut Whirl / Right On Mother Autore del lato B (in cui suona il piano).
Placebo Without You I'm Nothing Contributo vocale.
David Gilmour Arnold Layne Contributo vocale.

Album tributo[modifica | modifica wikitesto]

Anno
Album
Artisti
Dollars In Drag - A Tribute to David Bowie
The Great Imposters
Only Bowie
AAVV
Crash Course for the Ravers: A Tribute to the Songs of David Bowie
David Bowie Songbook
The Dark Side of David Bowie
Loving The Alien - Athens, Georgia Salutes David Bowie
Ashes to Ashes - A Tribute to David Bowie
Goth Oddity: A Tribute to David Bowie
Goth Oddity 2000: A Tribute to David Bowie
Cybernauts Live[181][182]
Cybernauts
Diamond Gods - Interpretations of Bowie
AAVV
The String Quartet Tribute to David Bowie
Sound + Vision: The Electronic Tribute to David Bowie
AAVV
Starman - Rare and Exclusive Versions of 18 Classic David Bowie Songs[183][184]
Darkness and Disgrace
Des de Moor e Russell Churney
The Bowie Chamber Suite - A Classic Rock Tribute to Bowie
Classic Rock String Quartet
Loving the Alien: Danny Michel Sings the Songs of David Bowie
Danny Michel
Spiders from Venus: Indie Women Artists and Female-Fronted Bands Cover David Bowie
AAVV
The Life Aquatic Studio Sessions[185][186]
.2 Contamination: A Tribute to David Bowie
AAVV
Oh! You Pretty Things - The Songs of David Bowie[187][188]
BowieMania: Une collection obsessionnelle de Beatrice Ardisson
David Bowie Acoustic Tribute
Hero - The MainMan Records Tribute to David Bowie
Repetition*Bowie - Midfinger's Tribute to David Bowie
Rebel Rebel (A Tribute to David Bowie)[189][190]
Life Beyond Mars - Bowie Covered
The Ziggy Stardust Omnichord Album
Techno Cowboy
We Were So Turned On: A Tribute to David Bowie
AAVV
Ziggy Played Surf Guitar
Jazz Oddity
Federica Zammarchi
Tribute to David Bowie
Accelorater
The Bowie Variations for Piano
Paper Bag Records Vs. The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars
AAVV
Kiss You In the Rain - Max Lorentz Sings David Bowie
Max Lorentz
Subterranean: New Designs on Bowie's Berlin
David Bowie Recovered[191][192]
AAVV
House of David
A Salute to the Thin White Duke - The Songs of David Bowie
AAVV
Roots of David Bowie (A Journey Through the Inner World of David Bowie)
AAVV

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Official Charts – David Bowie, www.officialcharts.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  2. ^ Space Oddity, Velvetgoldmine.it. URL consultato il 3 aprile 2020.
  3. ^ The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars, Rocklab.it. URL consultato il 1º ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2020).
  4. ^ Toy, web.archive.org. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 28 dicembre 2009).
  5. ^ a b c d e f g h i j k l m n Austrian Charts – David Bowie, www.austriancharts.at. URL consultato il 3 aprile 2020.
  6. ^ a b c d e f g h i j k l m n Australian Charts – David Bowie, www.australian-charts.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  7. ^ a b c d e f Release History (AUS/NZ), www.bowiedownunder.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  8. ^ a b c d e f g h i j k l m n HitParade.ch – David Bowie, www.swisscharts.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  9. ^ a b c d e f g h i j k l m n Offizielle Deutsche Charts, www.offiziellecharts.de. URL consultato il 3 aprile 2020.
  10. ^ a b c d e f g h i LesCharts.com – David Bowie, www.lescharts.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  11. ^ a b c d e f Top Annuali Album, www.hitparadeitalia.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  12. ^ a b c d ItalianCharts.com – David Bowie, www.italiancharts.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  13. ^ a b c d e f g h i j k l m n Dutch Charts – David Bowie, www.dutchcharts.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  14. ^ a b c d e f g h i j k l m n Charts.org.nz – David Bowie, www.charts.nz. URL consultato il 3 aprile 2020.
  15. ^ a b c d e f g h i j k l m SwedishCharts.com – David Bowie, www.swedishcharts.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  16. ^ a b c Official Charts – Tin Machine, www.officialcharts.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  17. ^ a b c d e f g h i Chart History - David Bowie, www.billboard.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  18. ^ Chart History - Tin Machine, www.billboard.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  19. ^ Pubblicato nel Regno Unito col titolo David Bowie e negli Stati Uniti come Man of Words/Man of Music. Il titolo Space Oddity fu adottato con la riedizione del 1972.
  20. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar as at au av aw ax ay az ba bb bc bd be bf bg bh bi bj bk bl bm bn bo bp bq Posizione raggiunta nel 2016.
  21. ^ a b c d Riedizione del 1972.
  22. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar as at au av aw ax ay az ba bb bc BRIT Certified, www.bpi.co.uk. URL consultato il 3 aprile 2020.
  23. ^ Data di pubblicazione negli Stati Uniti. In Europa uscì nell'aprile 1971.
  24. ^ Nel 2016 The Man Who Sold the World ha raggiunto il 21º posto nella classifica inglese.
  25. ^ Posizione raggiunta nel 2002.
  26. ^ Posizione raggiunta nel 1990.
  27. ^ Posizione raggiunta nel 2012.
  28. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q GOLD & PLATINUM – David Bowie, www.riaa.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  29. ^ a b c d e f g h i j k l m Certificazioni, www.fimi.it. URL consultato il 3 aprile 2020.
  30. ^ a b Les Albums (CD) de 1973 par InfoDisc, web.archive.org. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2012).
  31. ^ a b c d e f g h i j k Les Certifications & Les Ventes, www.infodisc.fr. URL consultato il 3 aprile 2020.
  32. ^ Australian Gold (PDF), www.americanradiohistory.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  33. ^ Les Albums (CD) de 1974 par InfoDisc, web.archive.org. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2012).
  34. ^ a b Kvällstoppen - Listresultaten vecka för vecka (PDF), web.archive.org. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2012).
  35. ^ (EN) Leif Schulman, From the Music Capitals of the World, in Billboard, 22 giugno 1974.
  36. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u Gold/Platinum – David Bowie, www.musiccanada.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  37. ^ Les Albums (CD) de 1976 par InfoDisc, web.archive.org. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2012).
  38. ^ Les Albums (CD) de 1977 par InfoDisc, web.archive.org. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2012).
  39. ^ Les Albums (CD) de 1979 par InfoDisc, web.archive.org. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2012).
  40. ^ a b c d e f Goud/Platina, web.nvpi.nl. URL consultato il 3 aprile 2020.
  41. ^ Les Albums (CD) de 1978 par InfoDisc, web.archive.org. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2012).
  42. ^ Les Albums (CD) de 1983 par InfoDisc, web.archive.org. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 23 giugno 2012).
  43. ^ Official Top 40 Albums – 18 September 1983, www.nztop40.co.nz. URL consultato il 3 aprile 2020.
  44. ^ a b c Kulta- ja platinalevyt - David Bowie, www.ifpi.fi. URL consultato il 3 aprile 2020.
  45. ^ a b c Spanish certifications for 1979-1990, www.mediafire.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  46. ^ The European Best Sellers Of 1987 (PDF), www.americanradiohistory.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  47. ^ Official Top 40 Albums – 10 February 1985, www.nztop40.co.nz. URL consultato il 3 aprile 2020.
  48. ^ Les Albums (CD) de 1987 par InfoDisc, web.archive.org. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2012).
  49. ^ a b c d e f g h i Pubblicato dai Tin Machine.
  50. ^ RIAJ - Dal 1º gennaio 1997 al 28 febbraio 1997, www.riaj.or.jp. URL consultato il 3 aprile 2020.
  51. ^ a b Bild "International Latvian Certification Awards from 1998 to 2001" von einem anonymen Nutzer, www.directupload.net. URL consultato il 3 aprile 2020.
  52. ^ RIAJ - Dal 1º gennaio 1999 al 31 maggio 1999, www.riaj.or.jp. URL consultato il 3 aprile 2020.
  53. ^ Les Certifications, web.archive.org. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2018).
  54. ^ a b c GOLD-/PLATIN-DATENBANK – David Bowie, www.musikindustrie.de. URL consultato il 3 aprile 2020.
  55. ^ 2013 Certification Awards - Gold, www.irishcharts.ie. URL consultato il 3 aprile 2020.
  56. ^ a b c GOLD & PLATIN – David Bowie, www.ifpi.at. URL consultato il 3 aprile 2020.
  57. ^ a b Hitparade.ch - Awards, www.swisscharts.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  58. ^ Årslista Album, 2013, www.sverigetopplistan.se. URL consultato il 3 aprile 2020.
  59. ^ Przyznane w 2013 roku, www.bestsellery.zpav.pl. URL consultato il 3 aprile 2020.
  60. ^ a b c ARIA Charts - Accreditations - 2016 Albums, www.aria.com.au. URL consultato il 3 aprile 2020.
  61. ^ a b Official Top 40 Albums – 18 January 2016, www.nztop40.co.nz. URL consultato il 3 aprile 2020.
  62. ^ Przyznane w 2016 roku, www.bestsellery.zpav.pl. URL consultato il 3 aprile 2020.
  63. ^ a b GOUD EN PLATINA - ALBUMS 2016, www.ultratop.be. URL consultato il 3 aprile 2020.
  64. ^ 2017-177, www.ifpi.dk. URL consultato il 3 aprile 2020.
  65. ^ a b Official Top 40 Albums – 01 February 2016, www.nztop40.co.nz. URL consultato il 3 aprile 2020.
  66. ^ Portuguese Charts- Albums TOP 30 - 15/2018, web.archive.org. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2018).
  67. ^ Annual Charts, www.promusicae.es. URL consultato il 3 aprile 2020.
  68. ^ Årslista Album, 2016, www.sverigetopplistan.se. URL consultato il 3 aprile 2020.
  69. ^ a b c Posizione raggiunta nel 2005.
  70. ^ Official Top 40 Albums – 22 April 1979, www.nztop40.co.nz. URL consultato il 3 aprile 2020.
  71. ^ Bootleg mai approvato da David Bowie e ritirato dal commercio.
  72. ^ Album distribuito in edizione limitata via internet tramite iscrizione al sito ufficiale di David Bowie.
  73. ^ Chart Watch #352, www.auspop.com.au. URL consultato il 3 aprile 2020.
  74. ^ Pubblicato in occasione della tappa finale della mostra itinerante David Bowie Is al Brooklyn Museum.
  75. ^ Pubblicata in Germania, è una riedizione dell'album di debutto priva di 4 tracce (Sell Me a Coat, There Is a Happy Land, When I Live My Dream, She's Got Medals).
  76. ^ Pubblicata in Giappone, è stata la prima raccolta con materiale del periodo RCA.
  77. ^ Raccolta di materiale del periodo 1966-1967.
  78. ^ Raccolta di materiale del periodo 1966-1967 pubblicata in Germania.
  79. ^ Pubblicata in Australia.
  80. ^ Prima raccolta a contenere entrambe le tracce del singolo di debutto di Bowie e le versioni 45 giri di Rubber Band e Love You Till Tuesday.
  81. ^ Pubblicata come seguito di Another Face.
  82. ^ Prima raccolta con materiale del periodo 1966-1970.
  83. ^ a b Posizione raggiunta nel 2014.
  84. ^ Les Albums (CD) de 1990 par InfoDisc, web.archive.org. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2012).
  85. ^ 1990 ARIA Albums Chart, www.ariacharts.com.au. URL consultato il 3 aprile 2020.
  86. ^ Official Top 40 Albums – 29 July 1990, www.nztop40.co.nz. URL consultato il 3 aprile 2020.
  87. ^ Raccolta contenente 5 demo inediti.
  88. ^ Official Top 40 Albums – 17 April 1994, www.nztop40.co.nz. URL consultato il 3 aprile 2020.
  89. ^ Raccolta pubblicata senza l'autorizzazione di Bowie dalla MainMan, compagnia fondata nel 1972 da Tony Defries principalmente per la gestione della sua carriera musicale.
  90. ^ Raccolta con brani del periodo 1966-1969.
  91. ^ ARIA Charts - Accreditations - 2009 Albums, www.aria.com.au. URL consultato il 3 aprile 2020.
  92. ^ Raccolta con brani del periodo 1967-1968, pubblicata con un booklet in cui ogni traccia è rappresentata dalle illustrazioni di Jamilla Naji.
  93. ^ a b Posizione raggiunta nel 2013.
  94. ^ Official Top 40 Albums – 29 February 2016, www.nztop40.co.nz. URL consultato il 3 aprile 2020.
  95. ^ Heatseeker Albums, www.nztop40.co.nz. URL consultato il 3 aprile 2020.
  96. ^ Heatseeker Albums, www.nztop40.co.nz. URL consultato il 3 aprile 2020.
  97. ^ Box set contenente 4 vinili in formato 7" con demo del 1969, pubblicato in occasione del 50º anniversario di Space Oddity.
  98. ^ Box set contenente 3 vinili in formato 7" con demo registrati da Bowie e John Hutchinson all'inizio del 1969, pubblicato in occasione del 50º anniversario di Space Oddity.
  99. ^ Raccolta con demo registrati da Bowie e John Hutchinson all'inizio del 1969, pubblicato in occasione del 50º anniversario di Space Oddity.
  100. ^ Box set con demo registrati nel periodo 1968-1969.
  101. ^ EP contenente Space Oddity (versione dell'album), Changes e Velvet Goldmine (registrata nel 1971 durante le sessioni di Ziggy Stardust).
  102. ^ EP contenente versioni live di Breaking Glass, Art Decade e Ziggy Stardust, pubblicato per promuovere l'album Stage.
  103. ^ Uscito in Italia in formato 12" nel 1983 come Early Bowie, contiene le tracce dei singoli pubblicati nel 1966 con The Lower Third (Can't Help Thinking About Me) e con The Buzz (I Dig Everything e Do Anything You Say).
  104. ^ Uscito di nuovo nel 1985 in formato 12", contiene le tracce di due singoli pubblicati nel 1965 con The Manish Boys (I Pity the Fool) e con The Lower Third (You've Got a Habit of Leaving).
  105. ^ EP digitale con la versione originale del singolo (mono e stereo), quella del 1979 e otto varianti strumentali tra cui "acustica", "basso e batteria", "mellotron", "stilofono e chitarra".
  106. ^ EP contenente brani registrati nel 1967 con The Riot Squad: Little Toy Soldier, la cover di I'm Waiting for the Man, Silly Boy Blue e Silver Tree Top School for Boys (in cui Bowie è coinvolto solo come autore).
  107. ^ a b c d e f InfoDisc, www.infodisc.fr. URL consultato il 3 aprile 2020.
  108. ^ a b c d e Indice per Interprete: B, www.hitparadeitalia.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  109. ^ a b c d e f Chart History - David Bowie, www.billboard.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  110. ^ Accreditato a Davie Jones with the King Bees.
  111. ^ Accreditato a The Manish Boys.
  112. ^ Accreditato a David Bowie with The Lower Third.
  113. ^ Nell'album è presente una seconda versione registrata nel febbraio 1967.
  114. ^ Nell'album è presente la prima versione registrata nel febbraio 1967.
  115. ^ In Italia ha raggiunto il 26º posto nel 2016.
  116. ^ a b ItalianCharts.com – David Bowie, www.italiancharts.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  117. ^ Pubblicato in Italia.
  118. ^ Prima versione della traccia presente in Aladdin Sane del 1973.
  119. ^ Nell'album è presente la prima versione registrata nel settembre 1969.
  120. ^ a b c d e Pubblicato negli Stati Uniti.
  121. ^ a b Accreditato a The Arnold Corns.
  122. ^ Circa sei mesi dopo venne registrata una versione differente per l'album The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars.
  123. ^ Posizione raggiunta nel 1974.
  124. ^ Quella di Hang On to Yourself era una versione registrata circa sei mesi prima di quella presente nell'album The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars.
  125. ^ In Europa (tranne Regno Unito, Grecia e Germania) e negli Stati Uniti uscì con Hang On to Yourself come lato B.
  126. ^ Pubblicato di nuovo sull'onda del successo di The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars e Aladdin Sane.
  127. ^ Pubblicato negli Stati Uniti (in una versione notevolmente ridotta rispetto a quella dell'album) al posto di Drive-In Saturday, uscito nel Regno Unito la settimana precedente.
  128. ^ In Italia uscì con Amsterdam come lato B.
  129. ^ Posizione raggiunta nel 2009.
  130. ^ The ARIA Report (PDF), www.webarchive.nla.gov.au. URL consultato il 3 aprile 2020.
  131. ^ In Italia uscì con Watch That Man come lato B.
  132. ^ Riedizione del singolo del 1967.
  133. ^ Pubblicato negli Stati Uniti, in Giappone e Nuova Zelanda.
  134. ^ Negli Stati Uniti uscì con la versione live di Knock on Wood come lato B.
  135. ^ In Italia uscì con Space Oddity come lato B.
  136. ^ Pubblicato a 4 anni di distanza dall'uscita di The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars per promuovere la raccolta di gratest hits ChangesOneBowie.
  137. ^ Posizione raggiunta nel 2017.
  138. ^ In Francia ha raggiunto il 9º posto nel 2016.
  139. ^ David Bowie – Heroes (chanson), www.lescharts.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  140. ^ Nel Regno Unito ha raggiunto il 12º posto nel 2016.
  141. ^ Pubblicato nei Paesi Bassi e in Turchia.
  142. ^ Negli Stati Uniti uscì con Joe the Lion come lato B.
  143. ^ Versione acustica registrata nel 1979.
  144. ^ a b Pubblicato in Giappone.
  145. ^ Negli Stati Uniti uscì con It's No Game (No. 1) come lato B.
  146. ^ Accreditato a Queen & David Bowie.
  147. ^ Kent (1993), p. 243.
  148. ^ In Francia ha raggiunto il 20º posto nel 2016.
  149. ^ Queen & David Bowie – Under Pressure (chanson), www.lescharts.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  150. ^ Queen & David Bowie "Under Pressure", www.ifpi.dk. URL consultato il 3 aprile 2020.
  151. ^ Il brano è incluso nell'album Hot Space dei Queen e non è presente in nessun album in studio di Bowie.
  152. ^ Pubblicato a 5 anni di distanza dall'uscita di Station to Station per promuovere la raccolta di greatest hits ChangesTwoBowie.
  153. ^ Accreditato a David Bowie e Giorgio Moroder.
  154. ^ Prima versione della traccia presente in Let's Dance del 1983.
  155. ^ Posizione raggiunta nel 2008.
  156. ^ Bowie said Let’s Dance on this day in 1983, www.davidbowie.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  157. ^ Accreditato a David Bowie and Pat Metheny Group.
  158. ^ Il brano è incluso nella colonna sonora del film Il gioco del falco e non è presente in nessun album in studio di Bowie.
  159. ^ Accreditata a David Bowie & Mick Jagger.
  160. ^ Il brano è incluso nella colonna sonora del film Quando soffia il vento e non è presente in nessun album in studio di Bowie.
  161. ^ Pubblicato in versione 12" con "doppio lato B" (Magic Dance (Dub) e Within You).
  162. ^ Il brano è incluso nella colonna sonora del film Fuga dal mondo dei sogni e non è presente in nessun album in studio di Bowie.
  163. ^ Accreditato a David Bowie featuring Al B. Sure!.
  164. ^ Accreditato a David Bowie featuring Lenny Kravitz.
  165. ^ a b Chartifacts, www.ariacharts.com.au. URL consultato il 3 aprile 2020.
  166. ^ Nuova versione della traccia presente in Tin Machine del 1989.
  167. ^ Pubblicato in Australia e Giappone.
  168. ^ Pubblicato in Canada.
  169. ^ Ultimo singolo di Bowie ad essere stato pubblicato in versione 7".
  170. ^ a b c d e f Distribuzione digitale.
  171. ^ Quella di 'Tis a Pity She Was a Whore è la prima versione della traccia inclusa in Blackstar del 2016.
  172. ^ ARIA Singles: Justin Bieber 'Love Yourself' Spends 6th Week At No 1, www.noise11.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  173. ^ David Bowie – Lazarus (chanson), www.lescharts.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  174. ^ David Bowie – I Can't Give Everything Away (chanson), www.lescharts.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  175. ^ Demo registrato da Bowie e Nile Rodgers il 19 e 20 dicembre 1982.
  176. ^ Accreditato a David Bowie e Trevor Jones.
  177. ^ Accreditato a David Bowie e Enda Walsh.
  178. ^ ARIA Chart Watch #392, www.auspop.com.au. URL consultato il 3 aprile 2020.
  179. ^ Heatseeker Albums, www.nztop40.co.nz. URL consultato il 3 aprile 2020.
  180. ^ Billboard 200 - Week of November 12, 2016, www.billboard.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  181. ^ I Cybernauts, ovvero Joe Elliott e Phil Collen dei Def Leppard, gli ex Spiders from Mars Trevor Bolder e Mick Woodmansey e il tastierista Dick Decent, pubblicarono nel 2000 un album live di cover di David Bowie, uscito in Giappone in edizione limitata, anche se in realtà l'album era un tributo a Mick Ronson.
  182. ^ Cybernauts - Band, web.archive.org. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 26 maggio 2006).
  183. ^ Album distribuito con il numero di marzo 2003 della rivista britannica Uncut.
  184. ^ Various – Starman, www.discogs.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  185. ^ Album con brani di David Bowie interpretati da Seu Jorge in lingua portoghese (con testi diversi da quelli originali), alcuni dei quali già inclusi l'anno precedente nella colonna sonora del film Le avventure acquatiche di Steve Zissou.
  186. ^ Seu Jorge – The Life Aquatic Studio Sessions, www.discogs.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  187. ^ Album con brani scritti da David Bowie e pubblicati da altri artisti, alcuni come cover (ex. Andy Warhol nella versione di Dana Gillespie), altri come brani originali ai quali Bowie ha contribuito come autore, strumentista, produttore e/o con un contributo vocale (ex. All the Young Dudes).
  188. ^ Various – Oh! You Pretty Things - The Songs Of David Bowie, www.discogs.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  189. ^ Album distribuito con il numero di giugno 2008 della rivista britannica Uncut.
  190. ^ Various – Rebel Rebel (A Tribute To David Bowie), www.discogs.com. URL consultato il 3 aprile 2020.
  191. ^ Album distribuito con il numero di maggio 2014 della rivista Rolling Stone (edizione tedesca).
  192. ^ Various – Rare Trax Vol. 85 - David Bowie Recovered, www.discogs.com. URL consultato il 3 aprile 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock