Blackstar (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Blackstar
David Bowie – Blackstar.jpg
ArtistaDavid Bowie
Tipo albumStudio
Pubblicazione8 gennaio 2016
Durata40:49
Dischi1
Tracce7
GenereArt rock
Fusion
Rock sperimentale
EtichettaISO, RCA Regno Unito
Columbia Stati Uniti
ProduttoreDavid Bowie, Tony Visconti
FormatiCD, LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroGermania Germania[1]
(vendite: 100 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[2]
(vendite: 7 500+)
Spagna Spagna[3]
(vendite: 20 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[4]
(vendite: 500 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia[5]
(vendite: 70 000+)
Austria Austria[6]
(vendite: 15 000+)
Belgio Belgio[7]
(vendite: 30 000+)
Canada Canada[8]
(vendite: 80 000+)
Danimarca Danimarca[9]
(vendite: 20 000+)
Francia Francia[10]
(vendite: 100 000+)
Italia Italia[11]
(vendite: 50 000+)
Polonia Polonia[12]
(vendite: 20 000+)
Regno Unito Regno Unito[13]
(vendite: 300 000+)
David Bowie - cronologia
Album precedente
(2015)
Singoli
  1. Blackstar
    Pubblicato: 19 novembre 2015
  2. Lazarus
    Pubblicato: 17 dicembre 2015
  3. I Can't Give Everything Away
    Pubblicato: 18 marzo 2016
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[14] 4/5 stelle
Il mucchio[15] 9/10 stelle
OndaRock[16] 7.5/10 stelle
Piero Scaruffi[17] 4/10 stelle
Pitchfork[18] 8.5/10 stelle
PopMatters[19] 9/10 stelle
Q[20] 4/5 stelle
Rolling Stone[21] 4/5 stelle
Sentireascoltare[22] 7.7/10 stelle
Spin[23] 7/10 stelle
The Daily Telegraph[24] 5/5 stelle
The Guardian[25] 4/5 stelle
The Independent[26] 4/5 stelle

Blackstar (stilizzato come ★) è il venticinquesimo e ultimo album in studio del cantautore britannico David Bowie, pubblicato l'8 gennaio 2016 dalla Radio Corporation of America.

L'album esordisce al primo posto della Official Albums Chart nel Regno Unito, debuttando con una vendita di oltre 100.000 copie, e viene certificato disco d'oro.[27] L'album è arrivato primo in oltre 35 nazioni del mondo.[28][29]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il disco è stato pubblicato nel giorno del sessantanovesimo compleanno dell'artista, ossia l'8 gennaio 2016, due giorni prima della sua morte e contiene sette tracce, con l'aggiunta di un video nella versione digitale.

Il primo singolo, l'omonimo Blackstar, è stato pubblicato nel novembre 2015 ed è stata utilizzata come musica per la serie televisiva The Last Panthers.[30][31]

Il titolo della seconda traccia è un riferimento al dramma Peccato che sia una sgualdrina ('Tis Pity She's a Whore) del drammaturgo inglese del diciassettesimo secolo John Ford.[32]

Il 17 dicembre 2015 è stato diffuso il brano Lazarus poi anch'esso accompagnato da un video promozionale a ridosso della pubblicazione. Il titolo Lazarus era già stato utilizzato da Bowie per un musical scritto per Broadway.

Registrazione[modifica | modifica wikitesto]

Blackstar è stato registrato presso gli studi The Magic Shop e Human Worldwide Studios di New York.

Per quest'album Bowie ha pensato di mettere in stand-by la band del precedente The Next Day e rivolgersi a un gruppo di musicisti newyorkesi dediti al jazz e guidati dal sassofonista Donny McCaslin. Una scelta maturata dopo aver assistito a una performance dell'ensemble di McCaslin in un minuscolo jazz club di Manhattan. Il risultato è un album estremamente innovativo che spazia in diversi generi musicali, dal soul al jazz, dal trip hop al rock sperimentale, dal fusion all'hard bop.[33]

Bowie ha iniziato la stesura dei brani inclusi in Blackstar immediatamente dopo la conclusione delle sedute di registrazione per The Next Day. Due di questi, Sue (Or in a Season of Crime) e 'Tis a Pity She Was a Whore, già pubblicati come singoli nel 2014, sono stati appositamente ri-registrati per Blackstar, includendo nuove parti di sassofono ad opera di Donny McCaslin (in sostituzione di quelle suonate da Bowie nella versione originale) ed un nuovo arrangiamento meno jazz e più elettronico.[34]

Secondo il produttore Tony Visconti, durante la lavorazione dell'album Bowie ha tratto ispirazione dal rapper Kendrick Lamar e dal suo To Pimp a Butterfly, e subito l'influenza di gruppi alternativi come i Boards of Canada e i Death Grips.[35][36]

Testi[modifica | modifica wikitesto]

Sempre secondo Visconti, gran parte dei testi delle nuove canzoni fanno riferimento alla malattia di Bowie, ed alla possibilità della morte, e l'intero progetto sarebbe stato concepito da Bowie come il suo "canto del cigno" o un "regalo d'addio" ai fan.[37] In particolare, Visconti ha dichiarato:[38]

« Ha sempre fatto quello che voleva fare. E ha voluto farlo in questo modo, e voleva farlo nel modo migliore. La sua morte non è stata diversa dalla sua vita: un'opera d'arte. Ha fatto Blackstar per noi, è stato il suo regalo di addio. Sapevo da un anno che questa sarebbe stata la sua maniera. Non ero preparato, però: è stato un uomo straordinario, pieno di amore e di vita. Sarà sempre con noi. Ora possiamo piangere. »

A seguito della notizia della scomparsa di Bowie, molti hanno riscontrato nei testi delle canzoni sul disco diversi riferimenti alla morte e alla sofferenza. Tra i più citati quelli delle tracce Lazarus («Guarda quassù, sono in Paradiso, Ho delle cicatrici che non possono essere viste, Ho una storia che non può essermi rubata, Ora tutti mi conoscono. Guarda quassù, amico, sono in pericolo, Non ho nulla da perdere»), Sue (Or in a Season of Crime) («ha chiamato la clinica, la radiografia è andata bene, ti ho riportato a casa»), Blackstar («Qualcosa è successo il giorno della sua morte, lo spirito si alzò un metro da terra e si fece da parte. Qualcun altro prese il suo posto, e coraggiosamente pianse»), e il brano finale dell'album, I Can't Give Everything Away («Vedere di più e provare di meno. Dire di no, volendo dire sì. Per me è sempre stato così. È questo l'unico messaggio che mando»).[38]

Copertina[modifica | modifica wikitesto]

La copertina di Blackstar è opera del designer Jonathan Barnbrook, già autore della grafica degli album di Bowie Heathen, Reality, e The Next Day. La copertina dell'edizione CD mostra una grossa stella nera su sfondo bianco, e sei segmenti di stella sotto che formano la parola "B O W I E" in lettere stilizzate.[39] La versione LP, invece, ha la copertina di colore nero e la stella come sezione intagliata, a mostrare il vinile del disco (con etichetta totalmente nera) al suo interno. Eccezion fatta per l'edizione originaria di The Man Who Sold the World destinata al mercato statunitense e per l'edizione britannica di The Buddha of Suburbia, questo è l'unico disco di David Bowie a non avere una sua immagine in copertina.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 2016 Blackstar venne incluso in varie liste dei migliori album dell'anno compilate da riviste musicali e critici di settore. Secondo Metacritic, è stato il disco più citato del 2016.[40] Ai Grammy Awards 2017 l'album ha trionfato nelle categorie Miglior album di musica alternativa, Best Engineered Album, Non-Classical e Best Recording Package,[41] mentre il singolo eponimo nelle categorie Miglior canzone rock e Miglior interpretazione rock.[42]

Rivista Classifica Piazzamento
The A.V. Club[43] 20 Best Albums of 2016 1
Chicago Tribune[44] Top Albums of 2016 10
Consequence of Sound[45] Top 50 Albums of 2016 3
Mojo[46] The Best of 2016 1
Newsweek[47] Best Albums of 2016 1
New Musical Express[48] NME's Albums of the Year 2016 6
Paste[49] 50 Best Albums of 2016 1
Pitchfork[50] The 50 Best Albums of 2016 4
Rolling Stone[51] 50 Best Albums of 2016 2
Stereogum[52] The 50 Best Albums of 2016 5
The Independent[53] Best Albums of 2016 17
The New York Times[54] The Best Albums of 2016 2
The Skinny[55] Top 50 Albums of 2016 7
Uncut[56] Top 75 Best Albums of 2016 1
Variance Magazine[57] 50 Best Albums of 2016 2

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di David Bowie, eccetto dove indicato.

  1. Blackstar – 9:56
  2. 'Tis a Pity She Was a Whore – 4:45
  3. Lazarus – 6:23
  4. Sue (Or in a Season of Crime) – 4:35 (Bowie, Maria Schneider, Paul Bateman, Bob Bharma)
  5. Girl Loves Me – 4:53
  6. Dollar Days – 4:36
  7. I Can't Give Everything Away – 5:41
Traccia bonus nell'edizione digitale
  1. Blackstar (Video) – 9:59

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti
  • David Bowie – voce, chitarra acustica, chitarra elettrica in Lazarus, armonica, arrangiamento strumenti ad arco
  • Ben Monder – chitarra elettrica
  • Tim Lefebvre – basso
  • Jason Lindner – pianoforte, organo, tastiera
  • Mark Guiliana – batteria, percussioni
  • James Murphy – percussioni
  • Donny McCaslin – sassofono, flauto
  • Tony Visconti – strumenti ad arco
Produzione
  • David Bowie – produzione, missaggio
  • Tony Visconti – produzione, tecnico audio, missaggio
  • Tom Elmhirst – tecnico audio, missaggio
  • Kevin Killen – tecnico audio
  • Erin Tonkon – assistente audio
  • Kabir Hermon – assistente audio
  • Joe Visciano – assistente missaggio
  • Joe LaPorta – mastering

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 gennaio Blackstar ha debuttato in cima alla Official Albums Chart grazie a vendite superiori alle 150.000 copie,[27] ottenendo la certificazione di disco d'oro in Regno Unito in poco meno di un giorno dalla sua pubblicazione;[13] oltre 80.000 copie vendute nella seconda settimana.[58] Lo stesso accade in Italia, dove l'album raggiunge direttamente il primo posto della classifica FIMI Album, scalzando 25 di Adele che dominava la classifica da sei settimane. Anche negli Stati Uniti d'America esordisce in prima posizione nella Billboard 200, nella prima settimana, secondo la Nielsen Music, sono state vendute 181.000 copie (risultato mai ottenuto in precedenza da Bowie in vita).[29][59] In Canada ha debuttato al primo posto della Canadian Albums e ha venduto 24.300 copie nella prima settimana di uscita.[60] Nella sua prima settimana dalla pubblicazione in Francia ha venduto 66.700 copie, in Germania circa 60.000, in Australia 23.700, e 16.400 in Italia.[61] Nella prima settimana dalla pubblicazione Blackstar ha venduto 636.000 copie nel mondo.[62] Nella sua seconda settimana ha venduto altre 333.000 copie; per un totale di 969.000 copie.[63] Nella terza settimana dalla pubblicazione, l'album ha venduto 166.000 copie nel mondo, scendendo alla seconda posizione fra gli album più venduti della settimana.[64]

Nella quarta settimana dalla pubblicazione, l'album ha venduto 131.000 copie nel mondo, risultando il quarto album più venduto al mondo della settimana.[65] Nella quinta settimana dalla pubblicazione, l'album ha venduto 90.000 copie nel mondo, scendendo alla ottava posizione fra gli album più venduti della settimana.[66] Nella settimana dall'11 gennaio al 17 gennaio, Blackstar è stato al primo posto tra gli album più scaricati in 25 grafici nazionali di iTunes.[67]

Alla fine dell'anno, si rivela il quinto album più venduto in assoluto durante il 2016 con circa 1.9 milioni di copie vendute nel mondo,[68] di cui 448.000 solo negli Stati Uniti[69]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche settimanali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2016) Posizione
massima
Argentina[70] 1
Australia[71] 1
Austria[71] 1
Belgio (Fiandre)[71] 1
Belgio (Vallonia)[71] 1
Canada[72] 1
Corea del Sud[73] 2
Croazia[74] 1
Danimarca[71] 1
Finlandia[71] 1
Francia[71] 1
Germania[71] 1
Giappone[75] 5
Grecia[76] 3
Irlanda[77] 1
Italia[71] 1
Messico[78] 2
Norvegia[71] 1
Nuova Zelanda[71] 1
Paesi Bassi[71] 1
Polonia[79] 1
Portogallo[71] 1
Regno Unito[80] 1
Regno Unito (download)[81] 1
Regno Unito (physical)[82] 1
Regno Unito (sales)[83] 1
Regno Unito (streaming)[84] 4
Regno Unito (update)[85] 1
Regno Unito (vinyl)[86] 1
Repubblica Ceca[87] 1
Russia[88] 1
Scozia[89] 1
Spagna[71] 1
Stati Uniti[90] 1
Stati Uniti (alternative)[91] 1
Stati Uniti (rock)[92] 1
Stati Uniti (tastemaker)[93] 1
Svezia[71] 1
Svizzera[71] 1
Ungheria[94] 4

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2016) Posizione
Australia[95] 8
Austria[96] 11
Belgio (Fiandre)[97] 3
Belgio (Vallonia)[98] 9
Canada[99] 37
Corea del Sud[100] 39
Danimarca[101] 17
Francia[102] 27
Germania[103] 17
Giappone[104] 78
Italia[105] 16
Italia (vinili)[105] 1
Nuova Zelanda[106] 6
Paesi Bassi[107] 7
Polonia[108] 40
Regno Unito[109] 6
Spagna[110] 23
Stati Uniti[111] 64
Stati Uniti (rock)[112] 4
Svezia[113] 20
Svizzera[114] 6
Ungheria[115] 65

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Gold-/Platin- Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  2. ^ (EN) NZ Top 40 Albums Chart, The Official New Zealand Music Chart. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  3. ^ (ES) David Bowie - Blackstar, su elportaldemusica.es. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  4. ^ (EN) David Bowie, Blackstar – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  5. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2016 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 19 aprile 2016.
  6. ^ (EN) Gold & Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  7. ^ (NL) Goud en Platina - 2016, Ultratop. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  8. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 19 giugno 2016.
  9. ^ (DA) David Bowie "Blackstar", International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 13 giugno 2018.
  10. ^ (FR) Les Certifications, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  11. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  12. ^ (PL) Platynowe płyty CD - Archiwum, Zwiazek Producentow Audio-Video. URL consultato il 19 maggio 2018.
  13. ^ a b (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 23 febbraio 2016. Digitare "Blackstar" in "Search BPI Awards" e premere Invio.
  14. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, Blackstar, su AllMusic, All Media Network. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  15. ^ Giovanni Linke, David Bowie Blackstar, recensione, Il mucchio, 11 gennaio 2016. URL consultato il 19 gennaio 2016.
  16. ^ David Bowie, Blackstar, recensione, OndaRock, 5 gennaio 2016. URL consultato il 12 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2016).
  17. ^ The History of Rock Music: David Bowie, Piero Scaruffi. URL consultato il 10 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2017).
  18. ^ (EN) Ryan Dombal, David Bowie: Blackstar, Pitchfork, 7 gennaio 2016. URL consultato il 7 gennaio 2016.
  19. ^ (EN) Chris Gerard, David Bowie Blackstar, review, PopMatters, 8 gennaio 2016. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  20. ^ (EN) Tom Doyle, David Bowie: ★, in Q, nº 354, gennaio 2016.
  21. ^ (EN) David Fricke, David Bowie Blackstar Review, Rolling Stone, 23 dicembre 2015. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  22. ^ Tommaso Iannini, David Bowie, Blackstar, recensione, sentireascoltare, 23 dicembre 2015. URL consultato il 23 dicembre 2015.
  23. ^ (EN) Alfred Soto, Review: David Bowie Remains the Original Starman on '★', Spin, 8 gennaio 2016. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  24. ^ (EN) Neil McCormick, David Bowie, Blackstar, review: 'extraordinary', The Daily Telegraph, 8 gennaio 2016. URL consultato il 12 gennaio 2016.
  25. ^ (EN) Alexis Petridis, David Bowie: Blackstar review – a spellbinding break with his past, The Guardian, 7 gennaio 2016. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  26. ^ (EN) Andy Gill, David Bowie new album Blackstar, review: A Bowie desperate to break with the past, The Independent, 22 dicembre 2015. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  27. ^ a b (EN) Rob Copsey, A classic David Bowie song is set to enter the Top 10 for the first time this week, Official Charts Company, 13 gennaio 2016. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  28. ^ Bowie, Blackstar re delle classifiche, Roma, ANSA, 21 gennaio 2016. URL consultato il 22 gennaio 2016.
  29. ^ a b (EN) David Bowie Heading for First No. 1 Album in U.S. on Billboard 200 Chart With 'Blackstar', su Billboard. URL consultato il 13 gennaio 2016.
  30. ^ David Bowie Confirms New Album 'Blackstar', rollingstone.com
  31. ^ David Bowie firma la sigla della serie tv The Last Panthers, comingsoon.it
  32. ^ The Inside Story of David Bowie's Stunning New Album, 'Blackstar', rollingstone.com, 23 novembre 2015
  33. ^ Gianni Poglio, David Bowie, un anno senza: Blackstar il capolavoro finale, Panorama, 9 gennaio 2017.
  34. ^ (EN) Jim Fusilli, 'Blackstar' Review: Ziggy Stardust Plays Jazz, The Wall Street Journal, 5 gennaio 2016. URL consultato il 6 gennaio 2016.
  35. ^ (EN) New David Bowie album, inspired by Kendrick Lamar, features LCD's James Murphy, The Guardian, 24 novembre 2015. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  36. ^ (EN) Luke Morgan Britton, David Bowie's new album 'Blackstar' inspired by rap group Death Grips, NME, 26 novembre 2015. URL consultato il 14 gennaio 2015.
  37. ^ (EN) Hannah Furness, David Bowie's last release, Lazarus, was 'parting gift' for fans in carefully planned finale, The Telegraph, 13 gennaio 2016. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  38. ^ a b Gli ultimi testi di David Bowie, riletti oggi, in The Post.
  39. ^ (EN) Bowie, Barnbrook and the ★ artwork, Creative Review, 26 novembre 2015. URL consultato l'11 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2016).
  40. ^ Jason Dietz, Best of 2016: Music Critic Top Ten Lists, Metacritic, 28 novembre 2016. URL consultato l'11 dicembre 2016.
  41. ^ 2017 Grammy Awards: Complete List of Nominees, in Los Angeles Times, 21 dicembre 2016. URL consultato il 22 dicembre 2016.
  42. ^ (EN) Nominees And Winners – GRAMMY.com, National Academy of Recording Arts and Sciences. URL consultato il 13 febbraio 2016.
  43. ^ (EN) The A.V. Club's 20 best albums of 2016, The A.V. Club, 12 dicembre 2016. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  44. ^ (EN) Greg Kot's top albums of 2016, Chicago Tribune, 30 novembre 2016. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  45. ^ (EN) Top 50 Albums of 2016, Consequence of Sound, 28 novembre 2016. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  46. ^ (EN) Best of 2016: Music Critic Top Ten Lists, Mojo. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  47. ^ (EN) Our top 10 albums of 2016, featuring Bowie, Beyoncé, Big Thief and more, Newsweek. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  48. ^ (EN) NME's Albums of the Year 2016, New Musical Express, 24 novembre 2016. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  49. ^ (EN) The 50 Best Albums of 2016, Paste, 30 novembre 2016. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  50. ^ (EN) The 50 Best Albums of 2016, Pitchfork, 13 dicembre 2016. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  51. ^ (EN) 50 Best Albums of 2016, Rolling Stone, 29 novembre 2016. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  52. ^ (EN) The 50 Best Albums of 2016, Stereogum, 1º dicembre 2016. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  53. ^ (EN) Best Albums of 2016, The Independent, 30 novembre 2016. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  54. ^ (EN) The Best Albums of 2016, The New York Times, 7 dicembre 2016. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  55. ^ (EN) Top 50 Albums of 2016, The Skinny, 1º dicembre 2016. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  56. ^ (EN) Uncut's Top 75 Albums of 2016, Uncut, 8 dicembre 2016. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  57. ^ (EN) 50 Best Albums of 2016, Variance Magazine. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  58. ^ (EN) Rob Copsey, David Bowie’s Official Albums Chart takeover continues, Official Charts Company, 22 gennaio 2016. URL consultato il 23 gennaio 2016.
  59. ^ (EN) Keith Caulfield, David Bowie's 'Blackstar' Album Debuts at No. 1 on Billboard 200 Chart, Billboard, 17 gennaio 2016. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  60. ^ (EN) David Farrell Tue, David Bowie's Blackstar His 1st No. 1 In Canada, Fyi Music News, 19 gennaio 2016. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  61. ^ (EN) Fred Chuchel, Global Chart Report,'Blackstar' shines with 636,000 sales Wednesday, January 20, 2016, mediatraffic.de. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  62. ^ (EN) Mediatraffic World Top 40 Albums chart is based on albums sales of the world - week 3 / 2016 - January 23, mediatraffic.de. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  63. ^ (EN) Fred Chuchel, Global Chart Report Bowie's 'Blackstar' reigns a second week Wednesday, January 27, 2016, mediatraffic.de. URL consultato il 29 gennaio 2016.
  64. ^ (EN) Mediatraffic World Top 40 Albums chart is based on albums sales of the world -week 5 / 2016 - February 6, mediatraffic.de. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  65. ^ (EN) Mediatraffic World Top 40 Albums chart is based on albums sales of the world - week 6 / 2016 - February 13, mediatraffic.de. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  66. ^ (EN) Mediatraffic World Top 40 Albums chart is based on albums sales of the world -week 7 / 2016 - February 20, mediatraffic.de. URL consultato il 18 febbraio 2016.
  67. ^ (EN) Alan Jones, International Charts Analysis: Bowie's Blackstar dominates charts worldwide, Music Week, 22 gennaio 2016. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  68. ^ (EN) Dan Rys, Top 50 Global Best Selling Albums for 2016, Billboard, 25 aprile 2017. URL consultato l'11 dicembre 2017.
  69. ^ (EN) Paul Grein, The Top-Selling Albums of 2016, Yahoo! Music, 20 dicembre 2016. URL consultato l'11 dicembre 2017.
  70. ^ (ES) Los discos mas vendidos, Diario de Cultura. URL consultato il 19 gennaio 2016.
  71. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (NL) David Bowie - Blackstar, Ultratop. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  72. ^ (EN) Top 20 Albums, Charts for January 18, 2016, Music Canada. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  73. ^ (KO) 2016년 03주차 Album Chart, Gaon Chart. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  74. ^ (HR) TOP 40 STRANIH, službena tjedna lista prodanih albuma u Hrvatskoj tjedan 4. 2016.- David Bowie Blackstar, HDU. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  75. ^ (JA) "デヴィッド・ボウイのアルバム売り上げランキング [David Bowie album sales ranking], Oricon. URL consultato il 19 gennaio 2016.
  76. ^ (EN) Top-75 Albums Sales Chart Week: 2/2016, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 25 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2016).
  77. ^ (EN) Top 100 Artist Album, Week Ending 14 January 2016, GFK Chart-Track. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  78. ^ (ES) Top 100 Mexico - Semana Del 14 al 20 de Noviembre del 2011, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  79. ^ (PL) Oficjalna lista sprzedaży, OLiS. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  80. ^ Official Albums Chart Top 100: 15 January 2016 - 21 January 2016, Official Charts Company. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  81. ^ (EN) Official Album Downloads Chart Top 100: 15 January 2016 - 21 January 2016, Official Charts Company. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  82. ^ (EN) Official Physical Albums Chart Top 100: 15 January 2016 - 21 January 2016, Official Charts Company. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  83. ^ (EN) Official Albums Sales Chart Top 100: 15 January 2016 - 21 January 2016, Official Charts Company. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  84. ^ (EN) Official Albums Streaming Chart Top 100: 15 January 2016 - 21 January 2016, Official Charts Company. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  85. ^ (EN) Official Charts Company, http://www.officialcharts.com/charts/albums-chart-update/20160111/7502u/. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  86. ^ (EN) Official Vinyl Albums Chart Top 40: 15 January 2016 - 21 January 2016, Official Charts Company. URL consultato il 14 febbraio 2015.
  87. ^ (CS) Hitparáda - ALBUMS - TOP 100: Týden - 201602, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 22 gennaio 2016.
  88. ^ (RU) Последний альбом Дэвида Боуи возглавил чарты российского iTunes, su lenta.ru, 18 gennaio 2016. URL consultato il 29 gennaio 2016.
  89. ^ (EN) Official Scottish Albums Chart Top 100: 15 January 2016 - 21 January 2016, Official Charts Company. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  90. ^ (EN) Keith Caulfield, David Bowie's 'Blackstar' Album Debuts at No. 1 on Billboard 200 Chart, Billboard, 17 gennaio 2016. URL consultato il 17 gennaio 2016.
  91. ^ (EN) David Bowie - Chart history (Alternative Albums), Billboard. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  92. ^ (EN) David Bowie - Chart history (Rock Albums), Billboard. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  93. ^ (EN) David Bowie - Chart history (Tastemaker Albums), Billboard. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  94. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 17 gennaio 2016.
  95. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 100 Albums 2016, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  96. ^ (DE) Jahreshitparade 2016, su austriancharts.at. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  97. ^ (NL) Jaaroverzichten 2016 (Vl), Ultratop. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  98. ^ (FR) Jaaroverzichten 2016 (Wa), Ultratop. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  99. ^ (EN) Top Canadian Albums: 2016 Year-End Charts, Billboard. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  100. ^ (KO) 2016년 Album Chart, Gaon Chart. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  101. ^ (DA) Album Top-100 2016, su hitlisten.nu. URL consultato il 9 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2016).
  102. ^ (FR) Classement des 200 meilleures ventes d'albums de 2016, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  103. ^ (DE) Jahrescharts 2016, Die Offizielle Charts. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  104. ^ (JA) 2016年のCDアルバム年間ランキング, Oricon. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  105. ^ a b "TOP OF THE MUSIC" FIMI-GfK 2016: LE UNICHE CLASSIFICHE ANNUALI COMPLETE, Federazione Industria Musicale Italiana, 9 gennaio 2017. URL consultato il 10 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2017).
  106. ^ (EN) Top Selling Albums of 2016, The Official New Zealand Music Chart. URL consultato il 3 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2017).
  107. ^ (NL) Jaaroverzichten 2016, su dutchcharts.nl. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  108. ^ (PL) Podsumowanie 2016 roku, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  109. ^ (EN) Jack White, The Official Top 40 Biggest Albums of 2016, Official Charts Company, 30 dicembre 2016. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  110. ^ (ES) Listas anuales - 2016, Productores de Música de España. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  111. ^ (EN) Billboard 200 Albums: 2016 Year-End Charts, Billboard. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  112. ^ (EN) Top Rock Albums: 2016 Year-End Charts, Billboard. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  113. ^ (SV) Årslista Album – År 2016, Sverigetopplistan. URL consultato il 3 aprile 2017.
  114. ^ (DE) Jahreshitparade 2016, Schweizer Hitparade. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  115. ^ (HU) Összesített album- és válogatáslemez-lista - eladási darabszám alapján - 2016, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 9 gennaio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE1083840894
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock