Arnold Layne/Candy and a Currant Bun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Arnold Layne)
Jump to navigation Jump to search
Arnold Layne/Candy and a Currant Bun
Arnold Layne.jpg
Screenshot di un videoclip promozionale di Arnold Layne
ArtistaPink Floyd
Tipo albumSingolo
Pubblicazione11 marzo 1967
Durata5:29
Dischi1
Tracce2
GenereRock psichedelico
Rock progressivo
EtichettaColumbia Graphophone Company, DB 8156 (UK)
Tower Records (USA)
ProduttoreJoe Boyd
Registrazioneil 29 gennaio e il 27 febbraio 1967 nei Sound Techniques Studios e negli Abbey Road Studios (Londra)
Noten. 20 Regno Unito
Pink Floyd - cronologia
Singolo precedente

Arnold Layne/Candy and a Currant Bun è il primo singolo della band inglese Pink Floyd, pubblicato nel Regno Unito dalla Columbia Graphophone Company l'11 marzo 1967.

Registrazione[modifica | modifica wikitesto]

A gennaio 1965 il gruppo era nello studio di registrazione Sound Techniques di Chelsea[1] dove erano già stati per registrare due brani per la colonna sonora di Tonite Let's All Make Love in London).[2] Qui venne registrato il brano Arnold Layne[1][3] insieme ad altri brani: Matilda Mother, Chapter 24, Interstellar Overdrive[3] e Let's Roll Another One, che venne poi rinominata Candy and a Currant Bun per volere di Waters.[3] Precedentemente il gruppo, con una formazione a cinque membri contenente anche Bob Klose, aveva registrato nel 1965 un altro singolo, Lucy Leave/King Bee, che però non venne mai pubblicato fino al 2015.

Nick Mason raccontò successivamente che venne scelto il brano Arnold Layne come primo singolo in quanto "Sapevamo che avremmo voluto diventare delle rockstar e volevamo pubblicare singoli e questo brano sembrava quello più adatto per condensare tutto quanto in tre minuti senza perdere nulla".[3] Il gruppo registrò una nuova versione del brano quando firmò un nuovo contratto con la EMI, ma venne lo stesso pubblicata dalla Columbia la prima versione prodotta da Joe Boyd a gennaio 1967.[3][4]

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Il singolo venne pubblicato dalla Columbia il 10 marzo 1967 nel Regno Unito con Candy and a Currant Bun come lato B.[5] Negli USA venne pubblicato dalla Tower Records.

La società che si occupava della gestione del gruppo, la Blackhill Enterprises, acquistò qualche centinaio di copie per far salire il brano in classifica.[6][7] Nonostante avesse raggiunto la posizione n. 20 nella classifica dei singoli[8], l'insolito tema del travestitismo trattato dalla canzone fece sì che alcune radio non vollero trasmetterla.[9][10]

In Francia venne realizzato un EP omonimo con l'aggiunta di una versione di 5 minuti di Interstellar Overdrive.

Copertina[modifica | modifica wikitesto]

La copertina dell'edizione inglese del disco[11] raffigura una foto dei quattro membri su uno sfondo rosa, con i titoli dei due brani in alto a sinistra ed il nome del complesso in basso. L'edizione francese è identica ma con sfondo nero, mentre quella tedesca riporta i titoli e il nome del gruppo in caratteri grandi (senza foto).

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Versione 7"

  1. Arnold Layne – 2:51
  2. Candy and a Currant Bun – 2:38

Versione 7" EP francese

  1. Arnold Layne – 2:51
  2. Candy and a Currant Bun – 2:38
  3. Interstellar Overdrive – 5:00

Brani[modifica | modifica wikitesto]

Arnold Layne[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

«Arnold Layne had a strange hobby
Collecting clothes
Moonshine washing line
They suit him fine»

(IT)

«Arnold Layne aveva uno strano hobby
Collezionare vestiti
Stesi al chiaro di luna
Gli stavano anche bene»

(Arnold Layne, Pink Floyd)

Il brano, scritto da Syd Barrett, allora leader del gruppo, è incentrato su un tema inusuale, ovvero la storia di un travestito che si aggirava per Cambridge rubando indumenti femminili. Secondo quanto raccontato da Roger Waters, "Arnold Layne" era un personaggio reale: «Mia madre e quella di Syd tenevano a pensione delle studentesse perché lì vicino c'era un collegio femminile, e c'erano perennemente mutandine e reggiseni stesi ad asciugare fuori dalla finestra... e "Arnold" o chiunque fosse, li rubava dalla corda del bucato».

Arnold Layne non è mai stato pubblicato all'interno di un album in studio, ma comparve poi nelle raccolte The Best of the Pink Floyd del 1970, Relics del 1971, Works del 1983 e Echoes: The Best of Pink Floyd del 2001[12] e Cre/ation - The Early Years 1967-1972 (2016)

È stato poi incluso nella scaletta di alcune date del tour solista di David Gilmour del 2006, ed è stato pubblicato come singolo live il 26 dicembre 2006 in due versioni: la prima cantata da David Bowie, la seconda da Richard Wright. Il brano registrato a maggio alla Royal Albert Hall di Londra è arrivato in seconda posizione in Italia e in settima in Danimarca. Il singolo include anche come terza traccia una versione live di Dark Globe di Syd Barrett, cantata da Gilmour.

Candy and a Currant Bun[modifica | modifica wikitesto]

Anche questo brano è scritto da Syd Barrett. Il titolo originario della canzone avrebbe dovuto essere Let's Roll Another One ma venne modificato su insistenza della casa discografica per smorzare i riferimenti alla droga presenti nel testo.[13]

La canzone è stata inclusa nelle raccolte The Best of the Pink Floyd (1970), The Early Singles (1992) e nell'edizione per il 40º anniversario di The Piper at the Gates of Dawn (2007). Una cover venne realizzata dal gruppo The Mars Volta.

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Venne prodotto un video promozionale in bianco e nero del brano "Arnold Layne" a febbraio 1967, diretto da Derek Nice con la presenza dei quattro membri del gruppo che vestono un manichino sulla spiaggia di East Wittering, nel West Sussex.[14] Il video costò 2.000 sterline[14] e avrebbe dovuto essere proiettato il 3 aprile 1967 nel programma della BBC Top of the Pops ma la programmazione venne poi annullata quando il singolo scese nella classifica.[15] Venne prodotto poi un secondo video promozionale per il brano, girato il 29 aprile vicino alla St Michael's Church in Highgate.[16]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Arnold Layne

Candy and a Currant Bun

  • Syd Barrett: voce solista e cori, chitarre ritmica e solista elettrica
  • Rick Wright: organo elettrico Farfisa, cori e armonie vocali
  • Roger Waters: basso elettrico, cori e percussioni vocali
  • Nick Mason: batteria, voce parlata e vocalizzi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Rob Chapman, Syd Barrett: A Very Irregular Head, Paperback, London, Faber, 2010, p. 132, ISBN 978-0-571-23855-2.
  2. ^ Toby Manning, The Rough Guide to Pink Floyd, 1st, London, Rough Guides, 2006, p. 31, ISBN 1-84353-575-0.
  3. ^ a b c d e Toby Manning, The Rough Guide to Pink Floyd, 1st, London, Rough Guides, 2006, p. 32, ISBN 1-84353-575-0.
  4. ^ John Cavanagh, The Piper at the Gates of Dawn, New York [u.a.], Continuum, 2003, p. 20, ISBN 978-0-8264-1497-7.
  5. ^ Julian Palacios, Syd Barrett & Pink Floyd: Dark Globe, Rev., London, Plexus, 2010, p. 192, ISBN 0-85965-431-1.
  6. ^ Julian Palacios, Syd Barrett & Pink Floyd: Dark Globe, Rev., London, Plexus, 2010, p. 193, ISBN 0-85965-431-1.
  7. ^ John Cavanagh, The Piper at the Gates of Dawn, New York [u.a.], Continuum, 2003, p. 19, ISBN 978-0-8264-1497-7.
  8. ^ PINK FLOYD | Artist, Official Charts. URL consultato il 27 luglio 2012.
  9. ^ Gilmour to release Barrett single
  10. ^ Rob Chapman, Syd Barrett: A Very Irregular Head, Paperback, London, Faber, 2010, pp. 141–142, ISBN 978-0-571-23855-2.
  11. ^ Visibile ad esempio in questo sito
  12. ^ Echoes: the album credits, Pink Floyd. URL consultato il 20 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2010).
  13. ^ Rob Chapman, Distorted View – See Through Baby Blue, in Syd Barrett: A Very Irregular Head, Paperback, Londra, Faber, 2010, p. 134, ISBN 978-0-571-23855-2.
  14. ^ a b Julian Palacios, Syd Barrett & Pink Floyd: Dark Globe, Rev., London, Plexus, 2010, pp. 191–192, ISBN 0-85965-431-1.
  15. ^ Julian Palacios, Syd Barrett & Pink Floyd: Dark Globe, Rev., London, Plexus, 2010, p. 201, ISBN 0-85965-431-1.
  16. ^ Julian Palacios, Syd Barrett & Pink Floyd: Dark Globe, Rev., London, Plexus, 2010, p. 212, ISBN 0-85965-431-1.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock progressivo