Arnold Layne/Candy and a Currant Bun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Arnold Layne)
Arnold Layne/Candy and a Currant Bun
Arnold Layne.jpg
Screenshot di un videoclip promozionale di Arnold Layne
Artista Pink Floyd
Tipo album Singolo
Pubblicazione 11 marzo 1967
Durata 2 min : 52 s
Dischi 1
Tracce 2
Genere Rock psichedelico
Rock progressivo
Etichetta Columbia Records, DB 8156 (UK)
Tower Records (USA)
Produttore Joe Boyd
Registrazione il 29 gennaio e il 27 febbraio 1967 nei Sound Techniques Studios e negli Abbey Road Studios (Londra)
Note n. 20 Gran Bretagna
Pink Floyd - cronologia
Singolo precedente
Singolo successivo
(1967)

Arnold Layne/Candy and a Currant Bun è il primo singolo della band inglese Pink Floyd, pubblicato per la prima volta l'11 marzo 1967.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

La copertina dell'edizione inglese del disco[1] raffigura una foto dei quattro musicisti su uno sfondo rosa, con i titoli dei due brani in alto a sinistra ed il nome del complesso in basso.

L'edizione francese è identica ma con sfondo nero, mentre quella tedesca riporta i titoli e il nome del gruppo in caratteri grandi (senza foto).

Arnold Layne[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

« Arnold Layne had a strange hobby
Collecting clothes
Moonshine washing line
They suit him fine »

(IT)

« Arnold Layne aveva uno strano hobby
Collezionare vestiti
Stesi al chiaro di luna
Gli stavano anche bene »

(Arnold Layne, Pink Floyd)

Il brano, scritto da Syd Barrett, allora leader del gruppo, è incentrato su un tema inusuale, ovvero la storia di un travestito che si aggirava per Cambridge rubando indumenti femminili. Secondo quanto raccontato da Roger Waters, "Arnold Layne" era un personaggio reale: «Mia madre e quella di Syd tenevano a pensione delle studentesse perché lì vicino c'era un collegio femminile, e c'erano perennemente mutandine e reggiseni stesi ad asciugare fuori dalla finestra... e "Arnold" o chiunque fosse, li rubava dalla corda del bucato».

Arnold Layne non è mai stato pubblicato all'interno di un album in studio, ma è stato incluso nelle raccolte Relics e Echoes: The Best of Pink Floyd. È stato recentemente incluso nella scaletta di alcune date del tour solista di David Gilmour del 2006, ed è stato pubblicato come singolo live il 26 dicembre 2006 in due versioni: la prima cantata da David Bowie, la seconda da Richard Wright, tastierista dei Pink Floyd, presenti come ospiti speciali. Il brano registrato nel mese di maggio alla Royal Albert Hall di Londra è arrivato in seconda posizione in Italia ed in settima in Danimarca. Il singolo include anche come terza traccia una versione live di Dark Globe di Syd Barrett, cantata da Gilmour.

Candy and a Currant Bun[modifica | modifica wikitesto]

Anche questo brano è scritto da Syd Barrett. Il titolo originario della canzone avrebbe dovuto essere Let's Roll Another One ma venne modificato su insistenza della casa discografica per smorzare i riferimenti alla droga presenti nel testo.[2]

Una cover di Candy and a Currant Bun è stata realizzata dal gruppo musicale rock multietnico americano The Mars Volta.

La canzone è stata inclusa nelle raccolte The Best of the Pink Floyd (1970), Masters of Rock (1974), The Early Singles (1992) e nell'edizione per il 40º anniversario di The Piper at the Gates of Dawn (2007).

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Arnold Layne – 2:51
  2. Candy and a Currant Bun - 2:38

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Pink Floyd

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Visibile ad esempio in questo sito
  2. ^ Rob Chapman, Distorted View – See Through Baby Blue, in Syd Barrett: A Very Irregular Head, Paperback, Londra, Faber, 2010, p. 134, ISBN 978-0-571-23855-2.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock progressivo