Set the Controls for the Heart of the Sun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Set the Controls for the Heart of the Sun
ArtistaPink Floyd
Autore/iRoger Waters (versione A Saucerful of Secrets)

Roger Waters, Richard Wright (versione Ummagumma e Pompeii)

GenereSpace rock
Rock psichedelico
Rock progressivo
Pubblicazione originale
IncisioneA Saucerful of Secrets
Data1968
Durata5:27
Roger Waters in concerto a Tampa nel 2007 durante il The Dark Side of the Moon Live esegue Set the Controls for the Heart of the Sun.

Set the Controls for the Heart of the Sun è un brano del gruppo musicale britannico Pink Floyd, tratto dall'album A Saucerful of Secrets, uscito nel 1968, ultimo album con il gruppo per Syd Barrett e primo album con la chitarra di David Gilmour. Scritta da Roger Waters, è stata regolarmente suonata nei concerti tra il 1967 e il 1973, e nei tour solisti di Waters dal 1984 in poi. Appare anche nell'album Ummagumma (1969), nel film concerto Pink Floyd: Live at Pompeii (1972) e infine nella raccolta Echoes: The Best of Pink Floyd del 2001.[1] Nella versione di Ummagumma (medesima del Live At Pompeii) vi è stato aggiunto un intermezzo strumentale scritto da Richard Wright (che non ha mai però avuto il credito di scrittura), costituito da un lungo assolo di organo con scale cromatiche che poggia su una sequenza di accordi, sempre dell'organo.

Musica e testo[modifica | modifica wikitesto]

Set the Controls for the Heart of the Sun contiene alcune parti per chitarra suonate sia da Gilmour sia da Barrett, e questo la rende l'unica canzone, nella carriera dei Pink Floyd, in cui hanno suonato tutti i cinque componenti. La registrazione della canzone ha avuto inizio nell'agosto del 1967, con sovraincisioni registrate nel mese di ottobre dello stesso anno e nel gennaio 1968. Per il testo della canzone, Roger Waters prese in prestito alcune frasi da un libro di poesie cinesi del periodo della dinastia Tang (IX-VIII secolo a.C.).[1]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Lunatics, pp. 85-86.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • The Lunatics, Il Fiume Infinito - Tutte le Canzoni dei Pink Floyd, 2014, Giunti, ISBN 978-88-09-79667-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo