A Saucerful of Secrets (brano musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
A Saucerful of Secrets
ArtistaPink Floyd
Autore/iRichard Wright, Nick Mason, David Gilmour, Roger Waters
GenereSpace rock
Rock psichedelico
Rock progressivo
Rock strumentale
Pubblicazione originale
IncisioneA Saucerful of Secrets
Data29 giugno 1968
Durata11:52

A Saucerful of Secrets è un brano strumentale del gruppo musicale progressive rock Pink Floyd, tratto dall'album omonimo del 1968 e composto da Roger Waters, Richard Wright, Nick Mason e David Gilmour. È presente nel disco live del quarto album del gruppo, Ummagumma, e nel film Pink Floyd: Live at Pompeii.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Nell'album Ummagumma la canzone è suddivisa in quattro parti (mentre sull'album omonimo tale suddivisione non era presente).

  • Something Else (0:00-03:57) (Wright, Waters, Gilmour, Mason).
  • Syncopated Pandemonium (3:57-07:04) (Wright, Mason, Gilmour, Waters).
  • Storm Signal (7:04-08:38) (Mason, Gilmour, Wright, Waters).
  • Celestial Voices (8:38-11:52) (Wright).

Dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

A Saucerful of Secrets era originariamente conosciuta con il titolo The Massed Gadgets of Hercules e veniva regolarmente eseguita dai Pink Floyd durante i concerti, in versioni dal vivo dalla durata molto variabile (dai nove ai quasi trenta minuti) che spesso si discostavano parecchio dalla versione in studio.

La versione giapponese di questo brano è stata intitolata 神秘 (shinpi), che si traduce come "Mistero".

A Saucerful of Secrets fu eseguito per l'ultima volta dai Pink Floyd il 23 settembre 1972 presso l'Auditorium Winterland di San Francisco, in California.

Dal 2018 il brano viene eseguito dal vivo dalla band Nick Mason's Saucerful of Secrets.[1]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il critico Piero Scaruffi ha definito il brano "uno dei più grandi capolavori del rock psichedelico", aggiungendo che è "tra le più audaci sperimentazioni psichedeliche mai tentate".

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nick Mason’s Saucerful of Secrets Setlist at The Half Moon, London, su Setlist.fm. URL consultato il 30 novembre 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Barry Miles, Pink Floyd - The Early Years, Omnibus Press, 2006, ISBN 978-1-84609-444-6.
  • Nicholas Schaffner, Saucerful of Secrets: The Pink Floyd Odyssey, Dell Publishing, 1991, ISBN 0-517-57608-2.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]