Anastasija Sevastova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anastasija Sevastova
Sevastova RG19 (49) (48199070846).jpg
Anastasija Sevastova nel 2019
Nazionalità Lettonia Lettonia
Altezza 169 cm
Peso 65 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Ritirata 2013 - 2014 (primo ritiro)
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 379 – 207 (64,68%)
Titoli vinti 3 WTA, 13 ITF
Miglior ranking 11ª (15 ottobre 2018)
Ranking attuale 11ª (15 ottobre 2018)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 4T (2011, 2019)
Francia Roland Garros 4T (2019)
Regno Unito Wimbledon 2T (2017, 2019)
Stati Uniti US Open SF (2018)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 61 – 60 (50,41%)
Titoli vinti 0 WTA, 4 ITF
Miglior ranking 57ª (8 ottobre 2018)
Ranking attuale 57ª (8 ottobre 2018)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2017, 2018)
Francia Roland Garros 2T (2010)
Regno Unito Wimbledon 1T (2010, 2011, 2017, 2018)
Stati Uniti US Open QF (2018)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 1º ottobre 2018

Anastasija Sevastova (Liepāja, 13 aprile 1990) è una tennista lettone.

In carriera si è aggiudicata tre titoli WTA e tredici titoli ITF in singolare, mentre in doppio quattro titoli ITF. È la prima lettone di sempre ad entrare tra le prime venti del ranking, precisamente piazzandosi alla 18ª posizione il 15 maggio 2017. Successivamente, raggiunge il suo best ranking il 15 ottobre 2018, spingendosi fino alla posizione numero 11; mentre nel doppio ha raggiunto il 62º posto il 1º ottobre 2018. Vanta una semifinale Slam, in singolare, e un quarto di finale Slam in doppio agli US Open 2018.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

2007-2013: Primo titolo WTA e primo ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Sevastova nel 2011

Anastasija Sevastova ha fatto l'esordio in un torneo WTA nel 2007 ad Istanbul. Nel 2009 si è qualificata per gli Open di Francia ma ha perso da Melinda Czink, 6-3, 4-6, 1-6 nel primo turno dopo aver affrontato le qualificazioni. Nel mese di agosto si è qualificata nel tabellone principale degli US Open 2009 e ha vinto il suo primo match della carriera del Grande Slam battendo Tamarine Tanasugarn, 6-3, 7-5.

Nel marzo del 2010, Sevastova ha ottenuto la vittoria più grande della sua carriera sconfiggendo Jelena Janković nel primo turno del Monterrey Open. Ha raggiunto le semifinali, cadendo contro Anastasija Pavljučenkova in tre set.

La Sevastova ha disputato e vinto la sua prima finale WTA all'Estoril Open 2010 sconfiggendo atlete come Ágnes Szávay, Kimiko Date Krumm, Anastasija Rodionova e Peng Shuai. In finale ha battuto Arantxa Parra Santonja in due set 6-2, 7-5.

Agli Australian Open 2011 la Sevastova è stata eliminata al quarto turno dalla numero 1 del mondo Caroline Wozniacki in due set per 3-6, 4-6.

Il 12 maggio 2013, attraverso il sito della WTA, ha annunciato il suo ritiro dal tennis a causa dei suoi infortuni continui[1].

2015: Il rientro e la scalata nel ranking[modifica | modifica wikitesto]

A fine gennaio 2015, la tennista lettone è tornata a sorpresa alle competizioni, accettando una wild card per l'ITF egiziano di Sharm-El-Sheikh da 10 000 dollari. Nonostante i quasi due anni di assenza dal circuito, la Sevastova si è aggiudicata subito il torneo di singolare, senza perdere un set, ed anche il doppio in coppia con l'austriaca Melanie Klaffner. Dopo poco tempo ha preso parte al torneo ITF di Trnava e ha vinto il titolo battendo in finale Réka Luca Jani per 6-1 7-6. Poco dopo si impone anche nell'ITF di Ahmedabad (sconfiggendo in finale Ankita Raina) e in quello di Weisbaden (eliminando nell'ultimo atto Martincova in due set). Dopodiché giunge in finale anche a La Marsa, dove perde dalla Oprandi. Con la finale raggiunta a Bursa, in Turchia, la lettone arriva alla posizione numero 201 del ranking, risultato che le permette di poter disputare le qualificazioni del WTA International di Bad Gastein. Anastasjia batte Xenia Knoll 6-2 6-2 e Risa Ozaki in 2 set, qualificandosi per il main-draw del torneo austriaco, dove tuttavia perde 6-1 al terzo da Sam Stosur. Era dal febbraio del 2013 che Sevastova non raggiungeva il tabellone principale di un evento WTA. Poco dopo si presenta a Florianopolis, dove elimina Louisa Chirico (6-1 6-4), Veronica Cepede Royg (7-6(4) 4-6 6-4) e María Teresa Torró Flor (7-6(4) 6-4), prima di arrendersi in semifinale a Teliana Pereira in 2 set. A Praga è costretta al ritiro al primo turno contro Petra Cetkovská. Agli US Open esce al primo turno di qualificazioni contro la greca Maria Sakkari. Raggiunge i quarti negli ITF francesi di Biarritz e Saint-Malo mentre a Linz non si qualifica per il main draw. A Mosca, invece, passa le quali e nel tabellone principale coglie i quarti di finale, perdendo da Svetlana Kuznetsova. Chiude l'annata all'ITF di Nantes, uscendo di scena al secondo turno. A livello di ranking, termina l'anno a numero 110 del mondo, a ridosso delle top-100.

2016: Primo quarto di finale slam e Top 30[modifica | modifica wikitesto]

Sevastova agli US Open 2016

La lettone inizia la stagione non passando le qualificazioni a Sydney. Agli Australian Open, invece, si qualifica al torneo principale eliminando Destanee Aiava, Vera Duševina e Julia Boserup, tornando a disputare il 1º turno di un Major dallo US Open 2011. Al primo turno approfitta del ritiro di Jarmila Wolfe, mentre al secondo perde contro Ana Ivanović per 6-3 6-3. A Kaohsiung la Sevastova sconfigge all'esordio Kristína Kučová in 3 lottati set mentre al secondo piega per 7-5 2-6 7-5 Donna Vekić. Ai quarti viene tuttavia estromessa da Venus Williams, prima testa di serie, con lo score di 7-5 6-2. A Dubai perde subito mentre a Doha passa le quali ma viene immediatamente battuta da Eugenie Bouchard per 5-7 6-3 7-6(4). Non accede al tabellone principale né di Indian Wells né di Miami mentre all'ITF di Osprey raggiunge i quarti. A Charleston esce subito di scena per mano di Jana Čepelová per 4-6 6-4 6-1. A Istanbul batte Krunic (doppio 6-0) e Johanna Larsson (6-4 6-3) prima di essere eliminata da Kateryna Kozlova in 2 set. A Rabat la Krunic vendica la sconfitta patita in Turchia, vincendo al primo turno per 6-3 6-2. Nell'ITF di Trnava riesce ad arrivare fino alla finale, quando viene estromessa da Kateřina Siniaková. Al Roland Garros la sua avventura termina al secondo turno, quando Karin Knapp la batte 6-3 6-4. Nella stagione sull'erba ottiene una sconfitta all'esordio a Nottingham da Karolína Plíšková in tre set. La settimana successiva disputa tuttavia il torneo di Mallorca dove raggiunge sorprendentemente la finale battendo in sequenza Stefanie Vögele (6-0 6-2), Eugenie Bouchard (tds numero 8), Mariana Duque-Mariño (6-4 3-6 6-3) e Jelena Janković (4-6 6-1 6-2) prima di venir eliminata in finale da Caroline Garcia per 6-3 6-4. Sevastova si presenta poi all'appuntamento più importante sull'erba, il torneo di Wimbledon. La sua avventura si interrompe immediatamente, sconfitta in 2 set da Francesca Schiavone. A Bucharest batte Gabriela Ruse (6-3 6-4), Patricia Maria Tig (duplice 6-2), Sara Errani (2° testa di serie) e Laura Siegemund (6-3 6-2), approdando alla seconda finale dell'anno e la terza in carriera. Nell'ultimo atto viene annichilita da Simona Halep, che si impone con un doppio 6-0. Partecipa agli US Open dove al primo turno elimina Anna Karolína Schmiedlová con un periodico 6-3. Al secondo turno vince, a sorpresa, contro Garbine Muguruza, numero 3 del mondo, per 7-5 6-4 mentre al terzo turno si impone in 2 set su Kateryna Bondarenko. Al quarto turno estromette Johanna Konta (13° testa di serie) per 6-4 7-5, raggiungendo per la prima volta in carriera i quarti di finale in uno slam. Ai quarti di finale viene tennisticamente demolita da Caroline Wozniacki, che concede alla lettone la miseria di 2 game, anche se Anastasija ha subito un infortunio alla caviglia all'inizio del match contro la danese.[2] Grazie a questo risultato, Sevastova si riporta in top-40 e si spinge fino alla 35ª posizione, ritoccando il suo best-ranking. A Tokyo supera al primo turno Kateryna Bondarenko in tre set prima di cedere al secondo alla Muguruza, che si prende la rivincita sulla lettone con un doppio 6-3. A Wuhan è costretta al ritiro contro Julija Putinceva. Nonostante questo, entra per la prima volta in carriera nella top-30, occupando la trentesima posizione. Gioca anche a Beijing, dove viene spazzata via da Johanna Konta (6-1 6-1). Dopo un primo turno a Linz, chiude la stagione a Mosca, dove perde subito per mano della qualificata Anna Blinkova, con lo score di 4-6 6-1 7-6(10).

La lettone termina dunque l'anno alla posizione numero 31, facendo rilevare un notevole miglioramento rispetto all'anno passato (dalla 110ª posizione alla 31ª).

2017: Secondo titolo WTA e Top 15[modifica | modifica wikitesto]

Sevastova a Wimbledon 2017

Anastasija apre il proprio anno nel WTA di Shenzhen dove, da testa di serie numero 6, viene subito eliminata in 3 set da Kristýna Plíšková. Anche a Hobart da tds numero due esce al primo turno per mano di Shelby Rogers. Agli Australian Open, approfitta al primo turno del ritiro di Nao Hibino, al seocndo batte Kristína Kučová ma si arrende poi in due set a Garbiñe Muguruza. Torna in campo a Taipei dove viene eliminata da Lucie Šafářová, in due set, al secondo turno. Esce all'esordio a Doha, sconfitta da Samantha Stosur. La settimana seguente a Dubai batte, Begu, Riske, Peng e Wang raggiungendo così la prima semifinale stagionale, dove viene però sconfitta da Caroline Wozniacki. Sul cemento americano viene sconfitta all'esordio sia a Indian Wells che a Miami.

Inizia la stagione su terra a Charleston, raggiungendo i quarti di finale, nei quali viene sconfitta da Laura Siegemund. Raggiunge poi i quarti anche a Stoccarda, battendo al primo turno Stosur e al secondo Konta prima di arrendersi a Simona Halep. Torna in campo a Madrid dove raggiunge per la prima volta le semifinali, battendo tra le altre al secondo turno Karolína Plíšková. Questo risultato le permette di migliorare il suo best ranking, issandosi fino alla diciottesima posizione mondiale. A Roma batte BEgu al primo turno ma viene poi estromessa da Anastasija Pavljučenkova. Al Roland Garros batte agilmente al primo turno Annika Beck e al secondo Eugenie Bouchard. prima di cedere con un doppio 6-1 a Petra Martić.

Torna in campo a Nottingham perdendo al primo turno in tre set da Christina McHale. La settimana seguente all'international di Maiorca conquista il secondo titolo in carriera. Batte in tre set, al primo turno Elise Mertens, al secondo Varvara Lepchenko e nei quarti Ana Konjuh. In semifinale affronta la detentrice del torneo Caroline Garcia battendola in due set e raggiungendo la finale per il secondo anno consecutivo; questa volta riesce a conquistare il titolo battendo Julia Görges col punteggio di 6-4, 3-6, 6-3. Grazie ai punti ottenuti, entra per la prima volta tra le Top 20, prima lettone di sempre a riuscirsi. Prende parte a Wimbledon dove, dopo aver superato Julija Putinceva per 6-1 7-6, viene sconfitta a sorpresa da Heather Watson, che si impone per 0-6 4-6. In seguito, raggiunge i quarti di finale a Bucarest e in Svezia perdendo rispettivamente contro Ana Bogdan per 1-6 3-6 e Kateřina Siniaková per 3-6 7-5 5-7. A Montreal si impone su Lauren Davis in tre sets, prima di cedere contro la giovane promessa del tennis Naomi Ōsaka (3-6 4-6). Nel torneo di Cincinnati supera Peng Shuai e Roberta Vinci, per poi venire sconfitta dalla numero due del mondo, Simona Halep, per 4-6 3-6. Agli US Open raggiunge per la prima volta un quarto di finale Slam battendo in ordine: Carina Witthöft per 7-5 6-1, Kateryna Kozlova per 6-4 6-4, Donna Vekić per 6-2 6-3 e Marija Šarapova per 5-7 6-4 6-2. Nei quarti viene sconfitta dalla futura campionessa, Sloane Stephens, per 3-6 6-3 6-7. Inizia la stagione asiatica vengono sconfitta al primo turno a Wuhan, Pechino e Mosca da Ekaterina Makarova, Marija Šarapova e Irina-Camelia Begu. Nonostante questi risultati, raggiunge la 15a posizione, suo best ranking. A Zhuhai, nel torneo per le tenniste con il ranking tra il 9° e il 20°, raggiunge la semifinale imponendosi su Sloane Stephens per 7-5 6-3 e su Barbora Strýcová per 6-3 6-4; viene sconfitta da Julia Görges con un doppio 3-6.

Termina l'anno come 16a tennista del ranking.

2018, l'anno migliore: Semifinale Slam, terzo titolo WTA e best ranking[modifica | modifica wikitesto]

Sevastova all'Open di Francia 2018

Apre la nuova stagione disputando la semifinale a Brisbane sbarazzandosi di Samantha Stosur, Sorana Cîrstea e Aleksandra Krunić; viene poi sconfitta da Aljaksandra Sasnovič per 6-7 4-6. A Sydney esce di scena al primo turno per mano di Dominika Cibulková, che si impone in due sets. Nel primo Slam stagionale, l'Australian Open, viene sconfitta da Marija Šarapova per 1-6 6-7, dopo aver rimontato nel primo turno Varvara Lepchenko. In Qatar si impone su Donna Vekić per 6-3 6-4 e su Naomi Ōsaka per 6-4 6-1, prima di venire sconfitta dalla n° 2 del mondo, Simona Halep, per 4-6 3-6. A Dubai esce di scena precocemente venendo rimontata da Ekaterina Makarova per 6-3 6-7 3-6. Agli Indian Wells raggiunge gli ottavi, dove viene eliminata da Venus Williams in due sets. Mentre, a Miami viene rimontata nel secondo turno da Viktoryja Azaranka. Raggiunge la seconda semifinale stagionale a Charleston. Nel corso del torneo si sbarazza di Caroline Dolehide per 7-5 6-7 6-1, Ashleigh Barty per 6-3 6-4 e Kristýna Plíšková per 6-4 6-0; viene successivamente eliminata da Julia Görges per 6-7 3-6. A Madrid viene eliminata nel secondo turno da Kiki Bertens, che si impone per 1-6 4-6. Agli Internazionali d'Italia si spinge fino agli ottavi di finale usufruendo del ritiro di Kristina Mladenovic sul punteggio di 6-3 3-0 e sconfiggendo Aleksandra Krunić con un doppio 6-4, prima di venire sconfitta da Caroline Wozniacki per 2-6 7-5 3-6. Nel Roland Garros viene rimontata all'esordio da Mariana Duque Mariño.

Nel torneo di Maiorca raggiunge nuovamente la finale, ma senza riuscire a difendere il titolo venendo ostacolata da Tatjana Maria, che prevale per 4-6 5-7. Durante il torneo estromette: Svetlana Kuznecova, Antonia Lottner, Ajla Tomljanović e Samantha Stosur. Nel torneo di Eastbourne si impone per 6-3 6-4 sulla Dart, prima di venire eliminata da Dar'ja Kasatkina con un doppio 4-6. A Wimbledon viene sorpresa da Camila Giorgi con il punteggio di 1-6 6-2 4-6. Nel torneo di Bucarest vince il suo terzo titolo in carriera. Nella corsa al titolo sconfigge: Dalila Jakupovič per 4-6 6-2 7-6, Arantxa Rus per 6-1 7-5, Sorana Cîrstea per 3-6 6-3 6-2, Polona Hercog (che si ritirerà sul 6-1 per la lettone) e, in finale, Petra Martić per 7-6 6-2. Nel neonato torneo di Mosca elimina in tre sets Pauline Parmentier e Irina Maria Bara, mentre è costretta la ritiro nei quarti di finale contro Aljaksandra Sasnovič senza scendere in campo. Nel torneo di Toronto raggiunge i quarti di finale dove viene sconfitta con un doppio 2-6 da Sloane Stephens, numero tre del mondo. Precedentemente, sconfigge: Aleksandra Krunić, lasciandole un solo game; Mónica Puig per 4-6 7-6 6-1, dopo aver salvato due match points nel tie-break; e Julia Görges, numero dieci del mondo, per 6-3 7-6. Nel torneo di Cincinnati viene sconfitta all'esordio da Camila Giorgi per 2-6 3-6.

Raggiunge la sua prima semifinale Slam agli US Open. Qui elimina in ordine: Donna Vekić per 6-2 2-6 6-3; Claire Liu per 6-3 6-1; Ekaterina Makarova per 4-6 6-1 6-2; Elina Svitolina, numero sette del mondo, per 6-3 1-6 6-0; e Sloane Stephens, numero tre del mondo e campionessa in carica, per 6-2 6-3[3]. Tuttavia, in semifinale viene sconfitta nettamente da Serena Williams, la quale le lascia solo tre games. Nel torneo di Wuhan viene eliminata all'esordio da Anastasija Pavljučenkova per 2-6 3-6. A Pechino raggiunge la seconda finale stagionale che la vede opposta alla ritrovata Caroline Wozniacki, n° 2 del mondo. Durante il torneo ha sconfitto: Alizé Cornet per 6-4 6-2; Madison Keys, la quale si ritira senza senza disputare il match; Donna Vekić per 6-3 6-2; Dominika Cibulková per 6-3 7-6; e Naomi Ōsaka, n° 8 del mondo, per 6-4 6-4[4]. In finale viene sconfitta dalla numero 2 del mondo Caroline Wozniacki con un doppio 6-3. Per quanto riguarda la classifica, sale fino alla posizione numero 12, migliorando il best ranking di tre posizioni.

Statistiche WTA[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (3)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (3)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 8 maggio 2010 Portogallo Estoril Open, Estoril Terra rossa Spagna Arantxa Parra Santonja 6-2, 7-5
2. 25 giugno 2017 Spagna Mallorca Open, Maiorca Erba Germania Julia Görges 6-4, 3-6, 6-3
3. 22 luglio 2018 Romania BRD Bucarest Open, Bucarest Terra rossa Croazia Petra Martić 7-6(4), 6-2

Sconfitte (4)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
Argenti Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Premier Mandatory (1)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (3)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 19 giugno 2016 Spagna Mallorca Open, Maiorca Erba Francia Caroline Garcia 3-6, 4-6
2. 17 luglio 2016 Romania BRD Bucarest Open, Bucarest Terra rossa Romania Simona Halep 0-6, 0-6
3. 24 giugno 2018 Spagna Mallorca Open, Maiorca (2) Erba Germania Tatjana Maria 4-6, 5-7
4. 7 ottobre 2018 Cina China Open, Pechino Cemento Danimarca Caroline Wozniacki 3-6, 3-6

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Sconfitte (1)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (1)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 25 giugno 2017 Spagna Mallorca Open, Maiorca Erba Serbia Jelena Janković Taipei Cinese Chan Yung-jan
Svizzera Martina Hingis
w/o

Statistiche ITF[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (13)[modifica | modifica wikitesto]

Torneo $100.000 (1)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (1)
Torneo $25.000 (7)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (4)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Score
1. 6 agosto 2006 Germania Knoll Open, Bad Saulgau Terra rossa Croazia Josipa Bek 6-1, 6-0
2. 20 agosto 2006 Slovacchia Zentiva Open, Bratislava Terra rossa Slovacchia Klaudia Malenovská 4-6, 6-0, 6-3
3. 22 marzo 2008 India ITF Women's Circuit Noida, Noida Cemento India Sunitha Rao 6-2, 6-1
4. 1º giugno 2008 Italia Torneo Internazionale Femminile Città Di Galatina, Galatina Terra rossa Spagna Estrella Cabeza Candela 6-4, 6-4
5. 27 luglio 2008 Francia Open GDF SUEZ des Contamines-Montjoie, Les Contamines Cemento Argentina Agustina Lepore 6-4, 3-6, 6-3
6. 29 marzo 2009 Spagna Open Isla Bonita, La Palma Cemento Slovacchia Kristína Kučová 4-6, 6-1, 6-1
7. 3 maggio 2009 Sudafrica Soweto Open, Johannesburg Cemento Rep. Ceca Eva Hrdinová 6-2, 6-2
8. 15 luglio 2012 Belgio Zwevegem Ladies Open, Zwevegem Cemento (i) Turchia Çağla Büyükakçay 6-0, 6-3
9. 5 agosto 2012 Slovacchia Empire Trnava Cup, Trnava Terra rossa Croazia Ana Savić w/o
10. 1º febbraio 2015 Egitto Jolie Ville Golf Women's, Sharm El Sheikh Cemento Giappone Yuuki Tanaka 7-5, 6-3
11. 15 febbraio 2015 Slovacchia ITF Women's Circuit Trnava, Trnava Cemento (i) Ungheria Réka Luca Jani 6-1, 7-6(3)
12. 11 aprile 2015 India Ahmedabad Classic, Ahmedabad Cemento India Ankita Raina 6-4, 7-6(5)
13. 3 maggio 2015 Germania Wiesbaden Tennis Open, Wiesbaden Terra rossa Rep. Ceca Tereza Martincová 6-1, 6-3

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (4)[modifica | modifica wikitesto]

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (1)
Torneo $25.000 (1)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (2)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Score
1. 31 agosto 2008 Polonia Katowice Open, Katowice Terra rossa Slovacchia Lenka Wienerová Polonia Karolina Kosińska
Polonia Aleksandra Rosolska
5–7, 6–3, [10–3]
2. 31 gennaio 2015 Egitto Jolie Ville Golf Women's, Sharm El Sheikh Cemento Austria Melanie Klaffner Norvegia Caroline Rohde-Moe
Giappone Midori Yamamoto
6-4, 6-4
3. 13 febbraio 2015 Slovacchia ITF Women's Circuit Trnava, Trnava Cemento (i) Austria Anna Maria Heil Slovacchia Michaela Hončová
Slovacchia Lenka Juríková
6-4, 6-3
4. 20 settembre 2015 Francia Open GDF SUEZ de Bretagne, Saint-Malo Terra rossa Slovacchia Kristína Kučová Russia Maria Marfutina
Russia Natal'ja Vichljanceva
6(1)–7, 6–3, [10–5]

Vittorie contro giocatrici Top 10[modifica | modifica wikitesto]

Stagione 2010 2016 2017 2018 Totale
Vittorie 2 1 2 4 9
# Giocatrice Ranking Evento Superficie Turno Punteggio
2010
1. Serbia Jelena Janković 9 Messico Monterrey Open, Monterrey Cemento 1T 5-7, 6-4, 6-4
2. Australia Samantha Stosur 8 Cina China Open, Pechino Cemento 1T 2-6, 7-6(5), 7-5
2016
3. Spagna Garbiñe Muguruza 3 Stati Uniti US Open, New York Cemento 2T 7-5, 6-4
2017
4. Regno Unito Johanna Konta 7 Germania Porsche Tennis Grand Prix, Stoccarda Terra battuta 2T 6-3, 7-5
5. Rep. Ceca Karolína Plíšková 3 Spagna Madrid Open, Madrid Terra battuta 2T 6-3, 6-3
2017
6. Germania Julia Görges 10 Canada Rogers Cup, Montréal Cemento 3T 6-3, 7-6(2)
7. Ucraina Elina Svitolina 7 Stati Uniti US Open, New York Cemento 4T 6-3, 1-6, 6-0
8. Stati Uniti Sloane Stephens 3 Stati Uniti US Open, New York Cemento QF 6-2, 6-3
9. Giappone Naomi Ōsaka 8 Cina China Open, Pechino Cemento SF 6-4, 6-4

Risultati in progressione[modifica | modifica wikitesto]

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

Singolare nei tornei del Grande Slam[modifica | modifica wikitesto]

Torneo 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 V--S
Australia Australian Open A 1T 4T A A A A 2T 3T 6-4
Francia Open di Francia 1T 1T 1T A A A A 2T 3T 3-5
Regno Unito Wimbledon 1T 1T 1T A A A A 1T 2T 1-5
Stati Uniti US Open 2T 2T 1T A A A Q1 QF 6-4
Totale 1-3 1-4 3-4 0-0 0-0 0-0 0-0 6-4 5-3 16-18

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]